Наслаждайтесь миллионами электронных книг, аудиокниг, журналов и других видов контента в бесплатной пробной версии

Только $11.99 в месяц после пробной версии. Можно отменить в любое время.

Amore E Giustizia
Amore E Giustizia
Amore E Giustizia
Электронная книга227 страниц3 часа

Amore E Giustizia

Автор Francois Keyser

Рейтинг: 0 из 5 звезд

()

Об этой электронной книге

Zane ha lavorato duramente per diventare il capo della polizia di Hurstville alla sua età.È un lavoro che intende mantenere. Una soffiata anonima porta Zane e la sua squadra ad arrestare una regina del crimine e le sue reclute che sono state incaricate di insediarsi a Hurstville. Hope è spietata e non lascerà che nulla la ostacoli, nemmeno i suoi sentimenti per Zane. Ha un lavoro da fare e non ha altra scelta che farlo per una ragione che preferisce non rivelare a Zane. Tuttavia cerca di avvertire Zane che non può vincere la battaglia che lo attende per Hurstville, nella speranza che lui si arrenda e se ne vada. Ma Zane non è uno che molla. Non si è mai venduto e non ha intenzione di iniziare ora. Di conseguenza, si trova a lottare per destreggiarsi tra la sua coscienza e il bisogno di giustizia con i suoi sentimenti per Hope e il suo desiderio di salvarla dai guai in cui è coinvolta. Hope mette finalmente in chiaro quali sono le sue priorità e proprio quando Zane sembra andare avant

Zane ha lavorato duramente per diventare il capo della polizia di Hurstville alla sua età. È un lavoro che intende mantenere. Una soffiata anonima porta Zane e la sua squadra ad arrestare una regina del crimine e le sue reclute che sono state incaricate di insediarsi a Hurstville. Hope è spietata e non lascerà che nulla la ostacoli, nemmeno i suoi sentimenti per Zane. Ha un lavoro da fare e non ha altra scelta che farlo per una ragione che preferisce non rivelare a Zane. Tuttavia cerca di avvertire Zane che non può vincere la battaglia che lo attende per Hurstville, nella speranza che lui si arrenda e se ne vada. Ma Zane non è uno che molla. Non si è mai venduto e non ha intenzione di iniziare ora. Di conseguenza, si trova a lottare per destreggiarsi tra la sua coscienza e il bisogno di giustizia con i suoi sentimenti per Hope e il suo desiderio di salvarla dai guai in cui è coinvolta. Hope mette finalmente in chiaro quali sono le sue priorità e proprio quando Zane sembra andare avanti e comincia a riaccendere la sua relazione con una vecchia fiamma, Hope trascina Zane in prima linea nelle sue operazioni a Hurstville che minacciano di distruggere tutto ciò che Zane ha sempre voluto e per cui ha lavorato. Può Zane provare la sua innocenza e conquistare la donna che ama?
ЯзыкItaliano
ИздательTektime
Дата выпуска26 нояб. 2021 г.
ISBN9788835431862
Amore E Giustizia
Читать отрывок
Автор

Francois Keyser

Francois wanted to be an author since he first learned to read. He returned to his childhood dream after leaving a successful corporate career and has since authored over thirty titles across a variety of genres. He currently lives in Bali, Indonesia where he shares his time between his family and his writing.

Связано с Amore E Giustizia

Похожие Книги

Похожие статьи

Отзывы о Amore E Giustizia

Рейтинг: 0 из 5 звезд
0 оценок

0 оценок0 отзывов

Ваше мнение?

Нажмите, чтобы оценить

    Предварительный просмотр книги

    Amore E Giustizia - Francois Keyser

    Pubblicato per la prima volta da Francois Keyser 2021

    Copyright © 2021 di Francois Keyser

    Tutti i diritti riservati. Nessuna parte di questa pubblicazione può essere riprodotta, memorizzata o

    trasmessa in qualsiasi forma o con qualsiasi mezzo, elettronico, meccanico,

    fotocopiatura, registrazione, scansione o altro senza autorizzazione scritta

    dall'editore. È illegale copiare questo libro, pubblicarlo su un sito Web o

    distribuirlo con qualsiasi altro mezzo senza permesso.

    Questo romanzo è interamente un'opera di fantasia. I nomi, i personaggi e gli incidenti

    in esso ritratte sono opera della fantasia dell'autore. Qualsiasi somiglianza

    a persone reali, vive o morte, eventi o località è del tutto casuale.

    Francois Keyser afferma il diritto morale di essere identificato come l'autore di questo

    opera.

    Prima edizione

    Copertina di Jamie Street (unsplash.com)

    Tradotto da Caterina Pellegrino 

    Amore e giustizia

    Francois Keyser

    Capitolo 1

    I veicoli della polizia si fermarono bloccando l'unica via di fuga dal magazzino. Zane aprì la portiera e scese rimanendo basso e usando la portiera dell'auto come copertura. Estrasse la sua arma da fuoco e la puntò sull'auto in fuga a circa cinquanta metri di distanza. L'autista accelerò mentre considerava le sue possibilità di superare il blocco alle porte del magazzino. Sapeva cosa lo aspettava se si fosse arreso e non gli piaceva l'idea di andare in prigione. Se fosse riuscito a superare il blocco, avrebbe potuto scappare.

    Brian, il collega di Zane, si accovacciò dietro la portiera dell'auto sul lato opposto. Anche la sua arma era puntata sull'auto in fuga. Premette il pulsante del megafono nell'altra mano e parlò con calma e chiarezza.

    Non c'è via d'uscita. Spegnete il motore, buttate le vostre armi fuori dall'auto ed uscite lentamente con le mani in alto.

    Aspettarono pazientemente e lanciarono un'occhiata ai loro colleghi dall'altra parte che erano anch'essi in posizione e pronti ad aprire il fuoco se fosse stato necessario.

    Zane pregò silenziosamente che l'autista non facesse niente di stupido. Erano in trappola. Era la fine della strada per i criminali. Mentre aspettavano, sentirono il rombo del motore ridursi, e poi finalmente spegnersi. Le pistole furono lanciate dai finestrini e si schiantarono sul pavimento del magazzino fermandosi a una certa distanza dall'auto. Le porte anteriori si aprirono simultaneamente e l'autista e il suo passeggero scesero lentamente assicurandosi di tenere le mani alzate e in bella vista.

    Ora mettetevi a terra con le mani dietro la schiena, comandò Brian con il megafono. I criminali esitarono brevemente e poi si sdraiarono a terra. Zane e i suoi uomini aspettarono qualche istante prima di lasciare la loro copertura ed entrare nel magazzino. I due colleghi di Zane guardarono le passerelle sopra di loro in cerca di qualsiasi segno di pericolo. Non ne videro e procedettero verso l'ufficio sul retro del magazzino, mentre Zane e Brian ammanettavano l'autista della macchina e il passeggero.

    Zane fu sorpreso quando vide che il passeggero era una donna. Gli lessero i loro diritti e li sollevarono in piedi dopo averli perquisiti alla ricerca di qualsiasi cosa potesse essere usata come arma.

    Pensavo che non sareste mai arrivati, disse la donna con sarcasmo.

    Zane ignorò l'impertinenza della donna mentre Brian apriva il bagagliaio e si dirigeva verso il retro dell'auto. Aprì il bagagliaio e fece un lento fischio.

    Che cos'hai? Chiese Zane sbirciando il bagagliaio.

    Brian non rispose, ma lasciò che Zane facesse la sua ispezione. Zane tirò con sé i criminali mentre faceva un passo indietro per vedere meglio il contenuto del baule.

    Porca puttana! Zane quando vide la scorta di droga nel bagagliaio. Cosa pensi di fare con tutta questa roba? Potreste mandare in overdose l'intera popolazione di Hurstville dieci volte con questa scorta!

    I sospetti non dissero nulla.

    Un grido si levò da dietro Zane, dove gli altri poliziotti stavano controllando l'ufficio sul retro del magazzino. Zane si guardò alle spalle e vide i suoi due colleghi condurre cinque adolescenti fuori dall'ufficio. Erano tutti ammanettati e camminavano in fila indiana come da istruzioni. Le loro facce erano imbronciate ma non dissero nulla mentre venivano condotti fuori dall'edificio e si riunirono proprio di fronte all'entrata del magazzino dove aspettarono che il furgone della polizia venisse a prenderli.

    All'interno dell'ufficio era stata trovata una scorta di droga ancora più grande. Il furgone della polizia arrivò con i cani antidroga. I cani cominciarono a setacciare il magazzino metodicamente per trovare altra droga che avrebbe potuto essere nascosta nei locali.

    Zane e Brian guidarono i loro prigionieri verso la macchina della polizia. Brian aprì la portiera posteriore della volante dal suo lato e aiutò l'autista dell'auto in fuga a salire.

    Zane fece una pausa prima di far salire la ragazza in macchina. La studiò. Era bellissima. Mentre la studiava, lei girò i suoi occhi blu ghiaccio su di lui, chiedendosi perché non fosse stata ancora messa nel retro della macchina.

    Aveva i capelli neri che le scendevano oltre le spalle, quasi a metà della schiena. Doveva avere circa trent'anni o poco più. 

    I suoi occhi erano gli occhi blu più belli che avesse mai visto. Indossava un maglione con una maglietta sotto e un paio di leggings neri aderenti che mettevano perfettamente in risalto le sue gambe e il suo sedere.

    Lei sorrise al suo silenzioso apprezzamento e poi fece l'occhiolino. Ti piace quello che vedi? chiese con sicurezza.

    Zane scosse la testa disgustato, in parte per essere stato sorpreso a guardare questa attraente criminale e in parte per il suo atteggiamento. Aveva reso fin troppo ovvio che la stava guardando, ma non aveva potuto farne a meno. Avere un debole per le belle donne rendeva il suo lavoro già abbastanza difficile, ma quando sapevano che lui le trovava attraenti, il suo lavoro diventava ancora più difficile. Ci giocavano quando si trattava di interrogare o anche di negoziare.

    Questa donna non mostrava il minimo timore per le conseguenze dell'arresto. Non sembrava preoccuparsi del fatto che sarebbe stata processata, condannata e imprigionata. Invece, sembrava felice come se questa fosse solo una serata fuori. Un'esperienza completamente nuova per lei.

    Zane pensava che fosse estremamente attraente, ma era deluso dal fatto che una donna bella come lei fosse coinvolta nella loro più grande retata di droga a Hurstville. Sarebbe andata via per molto tempo. Che spreco pensò.

    Zane ordinò agli agenti Jameson e Terry di aspettare l'arrivo di un'altra auto di pattuglia per prelevare il gruppo di adolescenti che avevano arrestato e per la squadra che avrebbe attraversato il magazzino fotografando e documentando ogni brandello di prova. Poi salì in macchina con Brian e si diressero alla stazione.

    Alla stazione, Zane e Brian portarono l'autista e la ragazza in stanze d'interrogatorio separate.

    Zane prese la ragazza e Brian l'autista dell'auto in fuga. Si sarebbero scambiati più tardi e poi avrebbero confrontato gli appunti.

    Brian iniziò prendendo i dati di base del suo prigioniero per poter aprire un fascicolo penale.

    Nome?

    Gesù, fu la risposta.

    JC? Brian scherzò cercando di indicare che si aspettava anche il cognome di Gesù.

    Eh? Chiese Gesù non capendo. Era spagnolo e il suo inglese non era buono. Gesù. Ho detto Gesù".

    Hay soos chi? Chiese Brian divertendosi. Avevano poco da ridere come poliziotti, quindi non faceva male divertirsi un po'.

    Oh. Jesus Lareda.

    Gracias, disse Brian sarcasticamente mentre lo scriveva.

    Parla spagnolo? Jesus chiese improvvisamente eccitato al pensiero che potesse essere in grado di parlare spagnolo con qualcuno, dato che non parlava correntemente inglese.

    No. Non lo parlo, Brian guardò Gesù severamente. Sono io che faccio le domande, ok?

    La faccia di Gesù si abbassò con disappunto mentre annuiva. Ok.

    Brian continuò a chiedere le informazioni richieste per il profilo di Gesù e poi finalmente iniziò il suo interrogatorio.

    Da quanto tempo lavori con questa gente? Chiese Brian.

    Non lavoro per loro. Questo è stato un lavoro una tantum, disse Gesù. Guarda amico, sto cercando lavoro da molto tempo. Il mio amico mi ha detto che questa donna aveva bisogno di un autista oggi e mi ha detto che i soldi sarebbero stati buoni. L'ho chiamata e abbiamo parlato. Mi ha detto di venire al magazzino oggi e l'ho fatto.

    E cosa hai fatto quando hai scoperto che avresti guidato una macchina piena di droga?

    Non ero felice, amico. Volevo andarmene ma avevo paura. Ero sicuro che mi avrebbero ucciso se avessi provato ad andarmene.

    Dove stavi andando?

    Gesù scrollò le spalle. Non lo so. La donna me lo avrebbe detto per strada.

    Chi è il tuo amico? Chiese Brian.

    Non sono miei amici, amico. Te l'ho detto, mi hanno detto di presentarmi oggi. Non li ho mai visti prima.

    Volevo dire, chi era l'amico che ti ha fatto la soffiata sul lavoro?

    Oh. Lui Jose, rispose Jesus e imprecò sottovoce.

    Pensi che Jose sapesse di che lavoro si trattava?.

    Jesus scrollò di nuovo le spalle indicando che non era sicuro, ma la sua faccia diceva il contrario. 

    Brian continuò il suo interrogatorio e rapidamente accertò che Gesù era un immigrato illegale che aveva accettato questo lavoro solo per guadagnare un po' di soldi. Brian non dubitò che stesse dicendo la verità e completò il suo interrogatorio abbastanza rapidamente. 

    Jesus era solo un altro povero clandestino che era venuto in America sperando di avere una vita migliore. Era stato risucchiato nel mondo criminale che predava le persone come lui e ora ne avrebbe pagato il prezzo. Probabilmente sarebbe stato semplicemente deportato, dato che sarebbe stato un minore onere finanziario per il sistema legale rimandarlo da dove era venuto.

    Gesù collaborò pienamente e disse a Brian tutto quello che voleva sapere.

    Capitolo 2

    Zane si sedette di fronte alla donna.

    Ho bisogno dei tuoi dati anagrafici per il file. Scrivimeli qui sopra, per favore, disse spingendo il file verso di lei.

    Costringimi, rispose la donna.

    Zane la guardò negli occhi e lei lo fissò di rimando. Secondo per secondo, incrollabile, sfidante, persino stuzzicante. Zane non disse nulla e aspettò che lei si stancasse della sua sfida.

    Lei sorrise. Stai dimenticando qualcosa. Sono io che vado in prigione qui. Ho un sacco di tempo da ammazzare. Quindi, possiamo stare seduti qui tutto il tempo che vuoi e immagino che ti piacerebbe, considerando come mi stavi fissando al magazzino.

    Zane sentì le sue guance diventare rosse e ribatté: Non montarti la testa.

    La donna fece finta di non sentirlo. Probabilmente stai pensando a quanto vorresti le mie splendide labbra intorno al tuo cazzo in questo momento.

    L'hai detto, quindi immagino che sia quello che hai in mente, rispose Zane.

    La donna si sedette in avanti appoggiando il viso tra le mani. In realtà, mi stavo chiedendo quando ti darai una regolata e comincerai a fare il tuo lavoro. Una ragazza ha bisogno del suo sonno di bellezza.

    Zane sentì la rabbia salire in lui e quasi fece un commento di cui poi si sarebbe pentito. Riuscì a fermarsi. Ritirò la cartella e la girò nel modo giusto per lui.

    Nome? chiese.

    Hope.

    Hope come?

    Hope ti faccio un pompino?"

    Zane aspettò, la sua penna in bilico sul file. Quando lei non disse altro, alzò lo sguardo. Dritto negli occhi di lei. Le sue labbra erano aperte in un sorriso. Un sorriso che lui poteva descrivere solo come giocoso. Poi lei si morse il lato sinistro del labbro inferiore mentre manteneva il sorriso e teneva lo sguardo di lui. La sua determinazione cominciò a venir meno. Sentì che il desiderio cominciava ad agitarsi in lui.

    Zane era perso. Perso per le parole. Aveva perso il filo dei suoi pensieri. Semplicemente perso. In lei. Voleva prenderla subito e farla sua. In tanti modi. Pensieri che nessun uomo, tanto meno un ufficiale di polizia, o peggio, il capo della polizia dovrebbe avere, attraversarono la sua mente. Come un toro in un negozio di porcellane. Un donnaiolo in un bordello.

    Zane si rese conto che si stava leccando le labbra, perso nei suoi pensieri, e si tirò indietro alla realtà.

    Hope come? chiese con fermezza.

    Hope Ryder, rispose finalmente lei. Lui la guardò di nuovo per vedere se stava scherzando. Non lo stava facendo.

    Lui passò il resto dei dettagli e lei rispose. Aveva ventisei anni. Triste pensò. Un tale spreco di...

    Scacciò di nuovo i suoi pensieri e iniziò il suo interrogatorio.

    Sei tu il responsabile dell'organizzazione di questa operazione?.

    E se lo fossi? scrollò le spalle.

    Beh, non c'era nessun altro lì che sembrava capace di dare ordini.

    Questo non significa che io sia a capo dell'operazione, rispose Hope.

    Immagino che oggi fossi tu al comando, ribatté Zane. Come fa una come te a organizzare un'operazione come questa? Non è stata messa in piedi da un giorno all'altro.

    Non potrei dirtelo gratis. L'addestramento costa. Se vuoi imparare gli strumenti del mio mestiere devi pagarmi.

    Hai una risposta per tutto?

    Rende la vita divertente, sorrise lei. Lui la fissò gelidamente indicando che non trovava nulla di divertente nel suo atteggiamento.

    Dio, sei fottutamente noioso. Pensavo che saresti stato più divertente. Mi sono divertita di più con altri poliziotti che con te. Forse preferisci il cazzo nel culo. Questo spiegherebbe tutto.

    Gli occhi di Zane si strinsero. Non mi interessa come sono gli altri poliziotti. Ho un lavoro da fare e lo sto facendo.

    Beh, non puoi farlo senza di me. Buffo come i poliziotti abbiano bisogno dei criminali per avere un lavoro. Ancora più divertente è come tu non possa fare nulla se i criminali non collaborano. Vedi, tu non puoi farmi niente. Niente di niente. O griderò alla brutalità della polizia. E allora sei fottuto. E non nel modo che vorresti.

    Fottiti, signora, disse Zane perdendo la pazienza. Rispondi solo alle dannate domande.

    Altrimenti?

    Zane sospirò: Cosa vuoi?.

    La domanda è: cosa vuoi tu? Risponderò a ogni domanda che mi farai. Basta che tu sia onesto su quello che vuoi. E quando ti darò quello che vuoi, mi lascerai andare.

    Devi smetterla di darti delle arie. Non ti lascerò andare e tu lo sai, rispose Zane.

    Tu mi vuoi. Lo vedo nei tuoi occhi. Ho capito dal primo momento in cui mi hai guardato che mi volevi. Quindi prendimi. In qualsiasi modo tu voglia. Poi ti dirò tutto e poi mi lascerai andare.

    Zane rimase senza parole. Hope gli teneva lo sguardo spudoratamente.

    Mi stai corrompendo con il sesso?

    Non ho detto questo, sorrise Hope.

    Zane fece una pausa per un momento. Ok. Vediamo quanto sei onesta. Quello che voglio è che tu mi dica tutto sulle operazioni di droga che stai organizzando qui a Hurstville. Voglio sapere tutto. Fornitori, spacciatori, connessioni, tutto. Ecco. Ti ho detto quello che voglio. Sono stato onesto.

    Gli occhi di Hope si strinsero. Pensi di essere così intelligente. Mi hanno messo in guardia su di te.

    L'affermazione prese Zane alla sprovvista. Riuscendo a mantenere la faccia seria, chiese: "Chi ti ha messo in guardia su di me?

    Hope non disse nulla mentre studiava Zane dall'altra parte del tavolo. Ti dirò una cosa. Ora hai abbastanza informazioni per andare a cercare nel tuo grande database della polizia. Quando avrai fatto le tue ricerche torna da me e poi potremo parlare.

    Zane prese il suo file e lasciò la stanza chiudendosi la porta alle spalle. Trovò Brian che aspettava fuori e guardava attraverso lo specchio unidirezionale. Si chiese quanto Brian avesse sentito.

    È una dura, commentò Brian.

    Non dirlo a me, ringhiò Zane. Nel frattempo controllerò il database. Vedi se riesci a tirarle fuori qualcosa. Com'è andata con l'altro?.

    L'ho già rinchiuso. Non perdere tempo. È solo un altro immigrato clandestino che si è fatto trascinare a fare qualcosa di criminale perché non riusciva a trovare un lavoro. L'abbiamo arrestato il primo giorno di lavoro. Dice che voleva andarsene quando ha capito cosa avrebbe fatto, ma aveva paura per la sua vita. La solita vecchia storia.

    Capitolo 3

    Zane si sedette al suo computer e digitò Hope Ryder sulla schermata di ricerca. Alla voce reati, inserì abuso di droga, traffico di droga, spaccio di droga e prostituzione. Premette invio e aspettò.

    Lo schermo si illuminò pochi secondi dopo e Zane rimase a guardare mentre la lista dei reati appariva una dopo l'altra sullo schermo.

    Zane premette il pulsante di stampa e attese mentre foglio dopo foglio le informazioni venivano stampate. Quando la stampa fu terminata, scannerizzò i fogli imparando quello che poteva il più velocemente possibile.

    Hope Ryder aveva operato in piccole città vicino a Hurstville negli ultimi anni. Era stata catturata in numerose occasioni, ma era sempre riuscita in qualche modo a sfuggire alle grinfie della polizia. Era conosciuta come 'Flamingo'. Nessuna informazione gli diceva perché si chiamava 'Flamingo'.

    Non riusciva a credere a quante volte fosse già scappata. Come era possibile? Non aveva mai ucciso nessuno, non aveva mai usato violenza. Ma in qualche modo era già scappata dalla prigione più di sei volte. Le probabilità che ciò accadesse erano quasi impossibili. Un pensiero inquieto gli attraversò la mente mentre rileggeva le informazioni. E si ricordò di quello che lei gli aveva detto quando l'aveva interrogata: mi hanno messo in guardia su di te. Chi l'aveva avvertita? 

    C'era qualcosa di strano. Il fatto che sembrava che lei ci provasse con lui e che gli offrisse sesso per il suo rilascio era una bustarella. Era più di una tangente. Se l'avesse accettata, sarebbe stato ricattato di sicuro. Qualcosa puzzava.

    Zane prese il tabulato e tornò nella stanza leggendo mentre andava. Aprì la porta della stanza degli

    Нравится краткая версия?
    Страница 1 из 1