You are on page 1of 3

22/11/12

Milano capitale del controllo automatico

login:

email

entra

registrati

newsletter

C ERC A

in Automazione Industriale

Mercati verticali

Efficienza Energetica

Sicurezza

Software

Hardware

Reti

News

Eventi

Automazione Industriale Award 2012

Automazione Industriale Award 2011 macchina Bordo Energia

Ev e nti

Milano capitale del controllo automatico


Il capoluogo lom bardo ospita, il prossim o agosto, il diciottesim o Congresso m ondiale dellInternational Federation of Autom atic Control, un ev ento di portata internazionale riv olto a esponenti del m ondo industriale e accadem ico
Giorgia Andrei 24 G iug no 2011

e ambiente Industria di processo Manutenzione Normative

Produzione
Progettazione Ricerca & Sviluppo Utility & Trasporti Wireless

Una tecnologia 'nascosta', la cui applicazione, per, offre vantaggi evidenti alla societ moderna. la tecnolo gia del controllo, quella scienza alla quale Sergio Bittanti, professore ordinario di Identificazione dei Modelli e Analisi dei Dati al Politecnico di Milano, ha dedicato, e dedica, la sua vita professionale. A coronamento di un'aspirazione coltivata da oltre cinquant'anni, Bittanti artefice di un importante successo per la comunit italiana di scienza e tecnologia del controllo: l'assegnazione, alla citt di Milano, del diciottesimo congresso mondiale dell'Ifac, l'International Federation of Automatic Control. Qual , per il nostro Paese, la portata di un evento simile? Se si tiene conto che i partecipanti sono circa tremila, si pu avere un'idea di quanto sia rilevante l'evento. Inoltre, la prima volta che il congresso mondiale Ifac si tiene in Italia. Per il congresso del 2011 si erano candidati diversi Paesi e l'assegnazione del Congresso a Milano ha seguito una complessa procedura, culminata in due riunioni, una a Rotterdam nel 2003, quando furono selezionate le due candidature finaliste, e una a San Pietroburgo nel 2004, nel corso della quale fu fatta la scelta definitiva a nostro favore. , questo, il risultato dell'impegno e dei successi scientifici registrati dagli scienziati italiani nel settore. Che cosa significa, oggi, parlare di controllo automatico? Le origini dell'automazione negli impianti risalgono alla rivoluzione industriale del Settecento inglese. Nel Novecento vi sono stati enormi sviluppi dovuti, da un lato, all'affermazione e ai progressi della teoria del controllo, dall'altro, all'evoluzione della tecnologia elettronica. stato cos possibile applicare metodi di progetto sempre pi sofisticati per risolvere problemi di elevata complessit. Per fare un esempio, pensiamo ai progressi fatti nel campo dell'inquinamento prodotto dai motori delle automobili, con il passaggio da Euro 0 a Euro 5: il fenomeno della combustione interna, che ha luogo in questi motori, sempre il medesimo, grazie per a sistemi di controllo elettronico del motore, l'efficienza stata notevolmente migliorata. Sempre in campo automobilistico, i moderni sistemi di controllo elettronico della stabilit, dell'assetto e della frenata garantiscono un grado di sicurezza nettamente pi elevato. Tra qualche anno saranno messi a punto anche nuovi sistemi anticollisione per il mantenimento della distanza di sicurezza in maniera automatica, in ogni condizione di traffico. Nuove impensabili applicazioni sono in corso di avanzato sviluppo, come quella dei mini-velivoli ad ala flessibile, a imitazione del volo degli uccelli e a coronamento del sogno di Leonardo, cinque secoli dopo. Quali sono stati i principali momenti di svolta, dal punto di vista tecnologico, nel settore 1/3

LEGGI GLI EDITORIA LI Consulta i piani editoriali 2012 Scarica i White Paper Leggi e norme: consulta i testi Contatta la Redazione

E v e n ti NOVE MBRE 2012 L M M G V S D 01 02 03 04 05 06 07 08 09 10 11

www.automazioneindustriale.com/articoli/0,1254,60_ART_4642,00.html

22/11/12
12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 C alendario eventi Segnala il tuo evento

Milano capitale del controllo automatico dell'automazione e controllo, dal secondo dopoguerra a oggi? La disciplina si organizzata in modo autonomo verso la met del secolo scorso. Negli anni Sessanta e Settanta sono state introdotte nuove fondamentali idee, che hanno aperto vasti orizzonti e prodotto un grande fervore scientifico in tutto il mondo, suscitando ancora oggi l'interesse appassionato di molti giovani. Un successivo momento di svolta si avuto alla fine degli anni Novanta, con la diffusione di microcontrollori e microprocessori programmabili, che costituiscono la base tecnologica per l'operativit concreta dell'automatica. Grazie a queste tecnologie stata possibile la diffusione capillare dei sistemi di controllo in tantissime applicazioni. Negli anni Duemila si registrata l'istituzione di un nuovo corso di laurea dedicato espressamente all'ingegneria dell'automazione in diverse Universit italiane. Che rapporto c' tra Ifac e le aziende del settore automazione in Italia: ci sono spazi di collaborazione tra il mondo accademico-scientifico e quello delle imprese? Nel campo della scienza e tecnologia del controllo il rapporto tra imprese e universit molto intenso e proficuo. Il Politecnico di Milano, ad esempio, collabora con molte aziende, italiane e non, con risultati molto apprezzati; non a caso abbiamo prodotto una ventina di brevetti negli ultimi tre anni. In ambito Ifac vi sono molte conferenze espressamente dedicate a questo o quel tema applicativo, con la partecipazione di diverse aziende. Tuttavia, Ifac svolge un ruolo di diffusione scientifica, mentre i contatti con le aziende sono tenuti dai team di ricerca operanti nelle universit. Come l'automazione soddisfa le esigenze di sostenibilit, efficienza energetica e sicurezza del mondo industriale e delle infrastrutture? Nel secolo che stiamo vivendo, l'automazione e sar una tecnologia chiave per l'industria e la societ. Grazie a essa sar possibile equipaggiare dispositivi e macchine con sistemi per la loro gestione intelligente, incrementando tanto l'efficienza quanto la sicurezza. Come dicono alcuni, quella del controllo la 'fondamentale tecnologia invisibile' del XXI secolo. Infatti, se vero che i dispositivi di controllo automatico sono essenziali per il funzionamento di un dato sistema, anche vero che tali dispositivi sono generalmente immersi all'interno di una centralina elettronica dislocata in qualche punto nascosto della macchina, invisibile e ignoto ai pi. Su quali argomenti si focalizzer il Congresso? Uno dei temi maggiormente considerati il controllo in campo energetico, con riferimento sia ai settori tradizionali sia a quelli delle energie rinnovabili. Ad esempio, il campo dell'energia eolica pone notevoli problemi di automazione, non solo per il controllo dell'assetto delle pale in funzione della forza e direzione del vento, ma anche, nel caso degli impianti off-shore, per la gestione e la trasmissione alla terraferma dell'energia generata sull'isola eolica. Al Politecnico di Milano, grazie a un team di ricerca di valore internazionale, si svolgono diversi studi che saranno presentati approfonditamente durante il Congresso. Tre macro-aree di grande attualit sono l'energia, la mobilit e le biotecnologie, campi in cui la scienza e la tecnologia del controllo hanno un ruolo fondamentale. Il Congresso, teoria e applicazione L'Ifac World Congress ha cadenza triennale. Il primo congresso mondiale si tenne nel 1960 a Mosca, e l'ultimo, il diciassettesimo, a Seul nel 2008, con pi di 2mila e 500 partecipanti. Il 18th Ifac World Congress si terr all'Universit Cattolica di Milano, nella sede di Largo Gemelli, dal 29 agosto al 2 settembre. Il programma del Congresso prevede lezioni plenarie, sia di natura teorica sia di carattere applicativo, e tre tavole rotonde, dedicate a temi di ampio interesse: l'impatto della tecnologia del controllo sull'industria e la societ, le sfide energetiche e ambientali nelle regioni emergenti, la preparazione degli scienziati e ingegneri di domani per le sfide del XXI secolo. Vi sono, infine, 26 sessioni in parallelo per la presentazione delle memorie scientifiche, per un totale di circa 2mila e 500 presentazioni. Il congresso successivo a quello di Milano sar in Sud Africa, nel 2014. Il contributo italiano al controllo Fondata nel 1957, l'International Federation of Automatic Control (Ifac) un'associazione multinazionale, che promuove lo studio e la ricerca nel campo della scienza e tecnologia del controllo. Ifac promuove la pubblicazione di alcune riviste scientifiche molto qualificate e l'organizzazione di un gran numero di conferenze. In seno all'Ifac, ogni nazione rappresentata da un ente, denominato National Member Organization, che, per il nostro Paese, il Consiglio Nazionale delle Ricerche. L'Italia coinvolta in Ifac fin dal suo concepimento, nel 1956, per iniziativa di un gruppetto di scienziati che ad Heidelberg, in Germania, firmarono una risoluzione a favore della nascita di questa Federazione. Il nostro Paese stato ed molto attivo nella scienza e tecnologia del controllo. Gi nel 1956 il Consiglio Nazionale delle Ricerche organizz, nel Museo della Scienza e Tecnologia di Milano, un grande congresso internazionale denominato Convegno Internazionale sui problemi dell'Automatismo. Il Convegno ebbe pi di mille partecipanti, e fu onorato della presenza del Presidente della Repubblica Giovanni Gronchi. Negli stessi giorni del Convegno venne anche organizzata una mostra sui sistemi di controllo automatico rivolta al grande pubblico, con la partecipazione delle migliori case costruttrici del tempo, tra cui tutte le grandi aziende nazionali e internazionali. Questa mostra, di cui si parl ampiamente nei quotidiani dell'epoca, fu visitata da pi di quindicimila persone. Il Convegno e l'associata mostra rappresentano il big-bang dell'automatica in Italia. In ambito Ifac si registra una partecipazione attiva e numerosa di scienziati italiani nei vari comitati. Inoltre molte sono state le conferenze Ifac in Italia, ad oggi una cinquantina. Questa intensa attivit stata coronata dall'assegnazione del diciottesimo Ifac World Congress a Milano.
Tag: Ricerca & Sviluppo

www.automazioneindustriale.com/articoli/0,1254,60_ART_4642,00.html

2/3

22/11/12
Stampa

Milano capitale del controllo automatico


Invia un commento Invia questo articolo

Autom azione industriale .com C opyright Il Sole 24 O R E

I nostri rife rim e nti

Dove siam o

IL Sole 24 O R E Busine ss Me dia

Pubblicit su Autom azione industriale .com

Il Sole 24 ORE S.p.A . Se de Le gale in Milano, Via Monte R osa, 91 - Se de O pe rativa: Via C arlo Pisacane , 1 - Pe ro (MI) Partita Iva - C odice Fiscale 00777910159 - Dati socie tari

www.automazioneindustriale.com/articoli/0,1254,60_ART_4642,00.html

3/3