Вы находитесь на странице: 1из 152

Meteorology

Meteorology Introduction: Particulate matter in the troposphere Climate Influence on mankind Health secondary cloud

Introduction:

Particulate matter in the troposphere

Climate

Introduction: Particulate matter in the troposphere Climate Influence on mankind Health secondary cloud formation

Influence on mankind

matter in the troposphere Climate Influence on mankind Health secondary cloud formation (Albedo) precipitation

Health

secondary

cloud formation (Albedo) precipitation (hydrometeors) micro climate, visibility chemistry of the atmosphere

cloud formation (Albedo) precipitation (hydrometeors) micro climate, visibility chemistry of the atmosphere

Atmosphere

Biosphere

Morbidity (lung, heart- diseases, allergies, cancer) Mortality (reduction of life expectancy)

formation
formation

atmospheric

aerosol

of life expectancy) formation atmospheric aerosol natural sources Direct emissions ageing anthropogenic

natural

sources

Direct

emissions

atmospheric aerosol natural sources Direct emissions ageing anthropogenic sources Carbonaceous material relevant

ageing

anthropogenic

sources

Carbonaceous material relevant for impact on climate and human health

Health effects of aerosols Epidemiological studies: Ambient fine particulate matter is relevant for human health

Health effects of aerosols

Epidemiological studies: Ambient fine particulate matter is relevant for human health Hypothetical reasons for observed
Epidemiological studies: Ambient fine particulate matter is relevant for human health
Hypothetical reasons for observed health effects:
• physical parameters (number, mass, surface) ?
• inorganic compounds (transition metals) ?
• radical species ?
• organic species (e.g. via oxidative stress) ?
Health effects of aerosols

Health effects of aerosols

Deposition of particles in the airways of men

deposition

PM 2.5 PM 10 precipitation total Diffusion Impaction extrathoral bronchial alveolar 0.01 0.1 1.0 10
PM 2.5
PM 10
precipitation
total
Diffusion
Impaction
extrathoral
bronchial
alveolar
0.01
0.1
1.0
10

particel diameter (µm)

Epidemiological studies suggest that fine (PM2.5) and ultra-fine (< 100 nm) particles have are more relevant for heath effects (z. B. Wichmann und Peters)

REMPI-TOFMS : Resonance-enhanced multiphoton -ionisation time-of-flight mass spectrometry Resonance-enhanced multi-

REMPI-TOFMS: Resonance-enhanced multiphoton -ionisation time-of-flight mass spectrometry

Resonance-enhanced multi- photon ionization (REMPI)

Resonance-enhanced multi- photon ionization (REMPI) REMPI-TOFMS allows highly selective and sensitive on-line
Resonance-enhanced multi- photon ionization (REMPI) REMPI-TOFMS allows highly selective and sensitive on-line

REMPI-TOFMS allows highly selective and sensitive on-line monitoring of (aromatic) trace compunds in flue gases

Prof. Dr. R. Zimmermann

DIOXIN 2003

o gas s reams rom

erma processes

PhD student sampling probe field portable REMPI/SPI-TOFMS spectrometer (with OPO laser 200 345nm ) sampling
PhD student
sampling
probe
field portable
REMPI/SPI-TOFMS
spectrometer
(with OPO laser 200
345nm )
sampling position (36° C) at municpal waste
incineration plant (combustion chamber)
Mobile TOFMS with parallel REMPI-, SPI- and EI-ionization for field applications BIfA GmbH REMPI-/SPI-/EI-TOFMS device:
Mobile TOFMS with parallel REMPI-, SPI-
and EI-ionization for field applications
BIfA GmbH
REMPI-/SPI-/EI-TOFMS device:
parallel operation of REMPI, SPI
and EI
dust shielded and thermalized
OPO-II laser (200 –340 nm) for
REMPI-TOFMS/10 Hz
rare gas cell for 118 nm VUV
generation (SPI-TOFMS/10 Hz)
EI-TOFMS (typ. 23 eV)/20 kHz
instrument steering/DAQ via
LabView based software
air cooling
high temperature effusive gas inlet
standard gas generator for external
quantification and calibration

Prof. Dr. R. Zimmermann

DIOXIN 2003

Application example: On-line measurement of PCDD/F-surrogate in Waste Incinerator flue gas On-line measurement of

Application example: On-line measurement of PCDD/F-surrogate in Waste Incinerator flue gas

On-line measurement of Monochlorobenzene (MCBz) by REMPI-TOFMS:

1000 Cl 500 time [s] Correlation coeff. (r) MCBz – ITEQ (PCDD/F): 0.85 Time mass
1000
Cl
500
time [s]
Correlation coeff. (r) MCBz – ITEQ (PCDD/F): 0.85
Time
mass [m/z]
monochlorobenzene
MCB-concentration [ppt]

Hafner, Zimmermann, Kettrup, Rohwer, Dorfner, Anal. Chem. 73 (2001) 4171; Heger, Zimmermann, Blumenstock, Kettrup, Chemosphere 42 (2001) 691

Prof. Dr. R. Zimmermann

DIOXIN 2003

Combustion processes are an important source for the emission of air toxics into the environment

Combustion processes are an important source for the emission of air toxics into the environment

Gaseous pollutants (e.g. SO x , NO x , PAH, Dioxins)

particulate matter

Epidemiological studies: positive correlation between concentration of particulate matter and health effects

Research tasks:

Particle formation/growth in combustion processes

Effect of flue-gas cleaning devices

The chemical composition of wintertime ultrafine particles

26% 37% 22% 7% 3% 5%
26%
37%
22%
7%
3%
5%

Pasadena, CA, Feb. 10, 1996 Size range: 0.056-0.097 µm

Conz. 0.67 µg m -3

10, 1996 Size range: 0.056-0.097 µm Conz. 0.67 µg m - 3 OC Sulfate Trace elements

10, 1996 Size range: 0.056-0.097 µm Conz. 0.67 µg m - 3 OC Sulfate Trace elements

OC

Sulfate

Trace elementsrange: 0.056-0.097 µm Conz. 0.67 µg m - 3 OC Sulfate 40% 44% 4% 3% 3%

40% 44% 4% 3% 3% 6% Pasadena, CA, Jan. 23, 1996 Size range: 0.056-0.097 µm
40%
44%
4% 3%
3% 6%
Pasadena, CA, Jan. 23, 1996
Size range: 0.056-0.097 µm

Conz. 0.67 µg m -3

23, 1996 Size range: 0.056-0.097 µm Conz. 0.67 µg m - 3 Nitrate Others EC L.S.

23, 1996 Size range: 0.056-0.097 µm Conz. 0.67 µg m - 3 Nitrate Others EC L.S.

Nitrate

OthersSize range: 0.056-0.097 µm Conz. 0.67 µg m - 3 Nitrate EC L.S. Hughes, G.R. Cass,

EC

L.S. Hughes, G.R. Cass, Environ. Sci. Technol. 1998, 32,

1153-1161

What is responsible ?

O

O

What is responsible ? O O Benzo(a)pyrene-11,12-dione

Benzo(a)pyrene-11,12-dione

Aerosols

• Dispersion of solid or liquid particles in gas (air)

• Coarse particles: AD > 2,5 µm Fine particles: AD < 2,5 µm Accumulation mode: 0,1 < AD < 2,5 µm Ultrafine particles: AD < 0,1 µm

• Urban areas: ca. 100.000 part/cm 3 air

• Rural areas: ca. 10.000 part/cm 3 air

Health risks due to exposition to particles?

• Higher particle concentrations in the environment probably cause

– Increasing mortality of persons with cardiovascular and respiratory tract diseases.

– Deterioration of symptoms for patients with chronic diseases of the respiratory tract.

Organic Analysis

Pattern analysis

1,8 1,6 1,4 1,2 GSF-Aerosol Urban Dust GSF-Aerosol 2 1 0,8 0,6 0,4 0,2 0
1,8
1,6
1,4
1,2
GSF-Aerosol
Urban Dust
GSF-Aerosol 2
1
0,8
0,6
0,4
0,2
0
relativ amount
Nap
Phe
Ant
Fla
Pyr
Baa
Cry
Bep
Bbf
Bkf
Bap
Dba
Bgh
Ind
Daily analysis of organic PM2.5 constituents: DTD-GC-TOFMS Gas chromatography-mass spectrometry approach for daily
Daily analysis of organic PM2.5 constituents:
DTD-GC-TOFMS
Gas chromatography-mass spectrometry approach for daily analysis
of organics in PM2.5 world wide first long-term study!
two-dimensional
comprehensive
gas chromatograph
GSF- Aerosol
measurement station,
Augsburg
DTD-liner with 3 stripes
(1m 3 air aliquot resp.) +
internal standard
24 h PM 2.5
filter sample
(24 m 3 )
1 m 3 aliquot
filter stripe
DTD-GC-TOFMS: Daily analysed compounds - Augsburg PM2.5: About 1500 compounds are separated (partly by TOFMS

DTD-GC-TOFMS:

Daily analysed compounds

- Augsburg PM2.5: About 1500 compounds are separated (partly by TOFMS peak deconvolution)

- 250 Compounds were identified and (semi-)quantified (reference compounds, mass spectra, retention time) PAH, alkylated PAH oxidised PAH (O-PAH) (n-)alkanes Alkane-2-ones long chain carboxylic acids long chain amides and nitriles esters terpenes, steranes, hopanes long chain n-alkyl benzenes and toluenes > 80 compounds used for source apportionment (e.g. PMF)

Annual profile of compound classes Normalised concentrations of particle associated organic compounds (SVOC), particle
Annual profile of compound classes
Normalised concentrations of particle associated organic compounds
(SVOC), particle mass (PM 2.5) and particle number concentrations
winter
summer
Number concentration
PM2.5
UCM
Phthalates
Hopanes
Linear alkylbenzenes
Nitriles
Amides
Methylesters
n-Alkan-2-ones
n-Alkanes
O-PAH
PAH
08 08
09 09
10
10
11
11
12
12 01
01 02
03 02
03
03
04
04
05
05
06
06 07
08 07
Month
30 month data on selected compounds

30 month data on selected compounds

mmer Winter summer winter summer wint
mmer
Winter
summer
winter
summer
wint
Statistical analysis (PMF) for an improved source apportionment

Statistical analysis (PMF) for an improved source apportionment

May-04

May-03

Jul-04

Jul-03

Se p-03

Nov-02

Jan-04

Oct-03

Jan-03

Nov-03

Dec-03

Dec-02

Se p-02

Feb-04

Feb-03

Jun-04

Mar-04

Jun-03

Mar-03

Oct-02

Au g-03

Aug-04

Ap r-04

Ap r-03

Aug-04

Aug -03

May-04

May-03

Se p-03

Se p-02

Au g-04

Au g-03

20

15

10

5

0

10

8

6

4

2

0

30

25

20

15

10

5

0

10

8

6

15 10 5 0 10 8 6

4

2

0

15

12

9

6

3

0

5 0 10 8 6 4 2 0 15 12 9 6 3 0 Factor 1
5 0 10 8 6 4 2 0 15 12 9 6 3 0 Factor 1
Factor 1

Factor 1

Domestic heating, wood dominated
Domestic heating, wood dominated
12 9 6 3 0 Factor 1 Domestic heating, wood dominated Vehicular emissions, lubricating oil dominated
12 9 6 3 0 Factor 1 Domestic heating, wood dominated Vehicular emissions, lubricating oil dominated

Vehicular emissions, lubricating oil dominated

dominated Vehicular emissions, lubricating oil dominated Jul-03 Aug -03 Jul-03 Factor 2 Factor 3 Sep -03
dominated Vehicular emissions, lubricating oil dominated Jul-03 Aug -03 Jul-03 Factor 2 Factor 3 Sep -03

Jul-03

Aug -03

emissions, lubricating oil dominated Jul-03 Aug -03 Jul-03 Factor 2 Factor 3 Sep -03 Oct-03 Nov-03

Jul-03

Factor 2

lubricating oil dominated Jul-03 Aug -03 Jul-03 Factor 2 Factor 3 Sep -03 Oct-03 Nov-03 Dec-03
Factor 3 Sep -03 Oct-03 Nov-03 Dec-03 Jan-04 Feb-04 Mar-04 Apr-04 May-0 4 Jun-04 Jul-04
Factor 3
Sep -03
Oct-03
Nov-03
Dec-03
Jan-04
Feb-04
Mar-04
Apr-04
May-0 4
Jun-04
Jul-04
Aug -04
Feb-04 Mar-04 Apr-04 May-0 4 Jun-04 Jul-04 Aug -04 Factor 4 Sep -03 Oct-03 Nov-03 Dec-03
Factor 4 Sep -03 Oct-03 Nov-03 Dec-03 Jan-04 Feb-04 Mar-04 Apr-04 May-0 4 Jun-04 Jul-04
Factor 4
Sep -03
Oct-03
Nov-03
Dec-03
Jan-04
Feb-04
Mar-04
Apr-04
May-0 4
Jun-04
Jul-04
Coal combustion Sep-02 Oct-02 Nov-02 Dec-02 Jan-03 Feb-03 Mar-03 Apr-03 May-0 3 Jun-03
Coal combustion
Sep-02
Oct-02
Nov-02
Dec-02
Jan-03
Feb-03
Mar-03
Apr-03
May-0 3
Jun-03
Dec-02 Jan-03 Feb-03 Mar-03 Apr-03 May-0 3 Jun-03 May-0 3 Feb-03 Mar-03 Jun-03 Nov-02 Jan-03

May-0 3

Feb-03

Mar-03

Jun-03

Nov-02

Jan-03

Dec-02

Oct-02

Sep -02

Apr-03

Biogenic emissions (abrasion) and photochemical products

Biogenic emissions (abrasion) and photochemical products Feb-03 Mar-03 Jun-03 Nov-02 Jan-03 Dec-02 Oct-02
Biogenic emissions (abrasion) and photochemical products Feb-03 Mar-03 Jun-03 Nov-02 Jan-03 Dec-02 Oct-02

Feb-03

Mar-03

Jun-03

Nov-02

Jan-03

Dec-02

Oct-02

Ap r-03

Jun-03 Nov-02 Jan-03 Dec-02 Oct-02 Ap r-03 Jul-03 Factor 5 Oct-03 Nov-03 Dec-03 Jan-04 Feb-04
Jun-03 Nov-02 Jan-03 Dec-02 Oct-02 Ap r-03 Jul-03 Factor 5 Oct-03 Nov-03 Dec-03 Jan-04 Feb-04

Jul-03

Jun-03 Nov-02 Jan-03 Dec-02 Oct-02 Ap r-03 Jul-03 Factor 5 Oct-03 Nov-03 Dec-03 Jan-04 Feb-04 Mar-04
Jun-03 Nov-02 Jan-03 Dec-02 Oct-02 Ap r-03 Jul-03 Factor 5 Oct-03 Nov-03 Dec-03 Jan-04 Feb-04 Mar-04
Factor 5 Oct-03 Nov-03 Dec-03 Jan-04 Feb-04 Mar-04 Apr-04 Jun-04 Jul-04
Factor 5
Oct-03
Nov-03
Dec-03
Jan-04
Feb-04
Mar-04
Apr-04
Jun-04
Jul-04
Dec-03 Jan-04 Feb-04 Mar-04 Apr-04 Jun-04 Jul-04 Sep -03 Oct-03 Nov-03 Dec-03 Jan-04 Feb-04 Mar-04
Sep -03 Oct-03 Nov-03 Dec-03 Jan-04 Feb-04 Mar-04 Apr-04 May-0 4 Jun-04 Jul-04 Aug-04
Sep -03
Oct-03
Nov-03
Dec-03
Jan-04
Feb-04
Mar-04
Apr-04
May-0 4
Jun-04
Jul-04
Aug-04

Vehicular emissions, fuel dominated and heating oil emissions

emissions, fuel dominated and heating oil emissions May-0 3 Nov-02 Jun-03 Mar-03 Feb-03 Sep -02

May-0 3

Nov-02

Jun-03

Mar-03

Feb-03

Sep -02

Dec-02

Jan-03

Oct-02

Apr-03

oil emissions May-0 3 Nov-02 Jun-03 Mar-03 Feb-03 Sep -02 Dec-02 Jan-03 Oct-02 Apr-03 Jul-03 Aug

Jul-03

Aug -03

Health effects of ambient particulate matter Hypothesis: Content of carbonaceoues fraction is (at least partially)

Health effects of ambient particulate matter

Hypothesis: Content of carbonaceoues fraction is (at least partially) responsible for observed PM health effects

long term effects of organic aerosol constituents on human health are confirmed e.g. polycyclic aromatics (PAH) and oxidised/ nitrated derivatives are genotoxic and carcinogenic

short term effects of organic aerosol constituents on human health are very likely

oxidative stress, induction of allergies etc. actual research topic

Investigation of the deatailed chemical composition, the variability and sources of carbonaceous PM fractions

Further development of the hypothesis (Epidemiology, Toxikology)

POLVERIPOLVERI ULTRAFINIULTRAFINI EE NANOPARTICELLENANOPARTICELLE ““IlIl “Il monitoraggiomonitoraggio monitoraggio
POLVERIPOLVERI ULTRAFINIULTRAFINI EE
NANOPARTICELLENANOPARTICELLE
““IlIl “Il monitoraggiomonitoraggio monitoraggio ambientaleambientale ambientale didi di
polveripolveri polveri ultrafiniultrafini ultrafini ee e nanoparticelle”nanoparticelle” nanoparticelle”
Vanes Poluzzi, Isabella Ricciardelli, Claudio Maccone
ArpaArpa EmiliaEmilia RomagnaRomagna ‐ Eccellenza Ecosistemi Urbani e Industriali
AulaAula MagnaMagna UniversitàUniversità didi Ferrara,Ferrara, 1414 novembrenovembre 20062006
DiDi Di cosacosa cosa parliamoparliamo parliamo oggi…oggi… oggi… AlcuniAlcuni risultatirisultati
DiDi Di cosacosa cosa parliamoparliamo parliamo oggi…oggi… oggi…
AlcuniAlcuni risultatirisultati dell’attivitàdell’attività didi ArpaArpa nellanella valutazionevalutazione deldel
particolatoparticolato atmosferico:atmosferico:
-- ReteRete didi monitoraggiomonitoraggio qualitàqualità dell’ariadell’aria
-- ReteRete delladella mutagenesimutagenesi ambientaleambientale sulsul particolatoparticolato atmosfericoatmosferico urbanourbano
-- ModellisticaModellistica perper lala qualitàqualità dell’ariadell’aria
AlcuniAlcuni progettiprogetti recentirecenti specifici:specifici:
--
SecondaSeconda campagnacampagna didi monitoraggiomonitoraggio deldel termovalorizzatoretermovalorizzatore deldel
””Frullo”Frullo” didi GranaroloGranarolo EmiliaEmilia ((BoBo))
-- ““PolveRe”PolveRe”:: CaratterizzazioneCaratterizzazione fisicafisica ee chimicachimica deldel particolatoparticolato
atmosfericoatmosferico nell’nell’ areaarea urbanaurbana didi BolognaBologna
PolveriPolveri ultrafiniultrafini ee nanoparticelle:nanoparticelle:
--
DefinizioniDefinizioni
--
AspettiAspetti chimicochimico--fisicifisici
--
PrincipaliPrincipali sorgentisorgenti
--
TecnicheTecniche didi misuramisura
--
AlcuniAlcuni risultatirisultati (dalla(dalla bibliografia)bibliografia)
--
PossibiliPossibili attivitàattività perper ilil futurofuturo
CheChe Che cosacosa cosa sonosono sono lele le polveripolveri polveri atmosferiche?atmosferiche? atmosferiche?
CheChe Che cosacosa cosa sonosono sono lele le polveripolveri polveri atmosferiche?atmosferiche? atmosferiche?
L’AEROSOLL’AEROSOL ATMOSFERICOATMOSFERICO è un insieme di PARTICELLE +
GOCCIOLINE AERODISPERSE (= in sospensione) nell’aria
L’aerosol atmosferico (materiale particolato) può essere naturale
e antropico. In entrambi i casi può essere
PrimarioPrimario: si forma e viene emesso direttamente in atmosfera
SecondarioSecondario: si forma a partire da gas precursori che reagiscono
chimicamente formando inizialmente particelle nanometriche
(NANOPARTICELLE)
PMPM PM naturalenaturale naturale eded ed antropicoantropico antropico flussiflussi flussi annualiannuali annuali susu su
PMPM PM naturalenaturale naturale eded ed antropicoantropico antropico
flussiflussi flussi annualiannuali annuali susu su scalascala scala planetariaplanetaria planetaria
•TRAFFICO AUTOVEICOLARE
•PRODUZIONE DI ENERGIA
•INDUSTRIA (AD ALTA T)
•COMBUSTIONE DI BIOMASSA
•COMBUSTIONE RIFIUTI
•RISCALDAMENTO
•COTTURA CIBO
•CAMINETTI
•SIGARETTE, INCENSI, CANDELE
PMPM primarioprimario
PM secondario
(inclusa le trasformazioni
gas-particle)
DistribuzioneDistribuzione Distribuzione dimensionaledimensionale dimensionale aerosolaerosol aerosol AttivitàAttività
DistribuzioneDistribuzione Distribuzione dimensionaledimensionale dimensionale aerosolaerosol aerosol
AttivitàAttività ArpaArpa
Aiken
Coarse
Nucleation
Accumulation
Mode
Mode
Mode
Mode
0, 001
0 ,1
0
01 0, 05
1
2 10
F ine Particles
Coarse Particles
Ultrafine Particles
Nanoparticles
Nuclei of Aitken
AttivitàAttività Attività didi di ArpaArpa Arpa EmiliaEmilia Emilia RomagnaRomagna Romagna nelnel nel
AttivitàAttività Attività didi di ArpaArpa Arpa EmiliaEmilia Emilia RomagnaRomagna Romagna nelnel nel
monitoraggiomonitoraggio monitoraggio deldel del particolatoparticolato particolato atmosfericoatmosferico atmosferico
Medie annuali delle concentrazioni di PM10 in
9 città dell’Emilia Romagna, in cinque anni
LimiteLimite AnnoAnno 20052005 :: 4040 µg/mµg/m 33
120
100
Numero di superamenti di PM10 nelle 9
città dell’Emilia Romagna, anno 2005
80
60
40
20
LimiteLimite AnnoAnno 20052005 deldel numeronumero didi
superamentisuperamenti :: 3535 giornigiorni
0
Piacenza Parma
Reggio Emilia Modena Bologna Ferrara Ravenna
N. superamenti
Forlì-Cesena Rimini
AttivitàAttività Attività didi di ArpaArpa Arpa EmiliaEmilia Emilia RomagnaRomagna Romagna nelnel nel
AttivitàAttività Attività didi di ArpaArpa Arpa EmiliaEmilia Emilia RomagnaRomagna Romagna nelnel nel
monitoraggiomonitoraggio monitoraggio deldel del particolatoparticolato particolato atmosfericoatmosferico atmosferico
Possibile limite previsto nella
prossima direttiva europea
25 µg/m 3
3 postazioni urbane:
Sul PM 2.5 vengono eseguiti, dal 2001,
i test di mutagenesi a scala regionale:
San Felice (Bo), V.Le Randi (Ra), Zalamella (Ra)
Postazione rurale: San Pietro Capofiume (Bo)
PM PM 2,5 2,5 - - medie medie annuali annuali [µg/m3] [µg/m3]
35 35
31
osservando il Fattore di Genotossicità
Totale, si riscontra una presenza
costante di sostanze mutagene con
valori più elevati nei periodi autunno-
invernali e minimi nei periodi più caldi
30
28 28 27
30
25
26
senza un trend evidente
25 25
20
v.le Randi (Ra)
v.le Randi (Ra)
20
Zalamella (Ra)
Zalamella (Ra)
15 15
San Felice (Bo)
San Felice (Bo)
Capofiume (Bo)
Capofiume (Bo)
10
10
5
5
0
0
2002 2002
2003 2003
2004 2004
2005 2005
AttivitàAttività Attività didi di ArpaArpa Arpa EmiliaEmilia Emilia RomagnaRomagna Romagna nelnel nel
AttivitàAttività Attività didi di ArpaArpa Arpa EmiliaEmilia Emilia RomagnaRomagna Romagna nelnel nel
monitoraggiomonitoraggio monitoraggio deldel del particolatoparticolato particolato atmosfericoatmosferico atmosferico
Lavoro pubblicato sul sito
www.arpa.emr.it
ObiettiviObiettivi:
D
1 - Monitoraggio qualità dell’aria,
suolo, acque, piante della zona
circostante termovalorizzatore
ed emissioni in atmosfera
B
2- Indagine epidemiologica e
valutazione del rischio
cancerogeno
E
AnnoAnno: 2005-2006
C
Posizionamento di 5
centraline attorno
all’impianto per il
monitoraggio dei parametri
di qualità dell’aria
= Inceneritore
A
AttivitàAttività Attività didi di ArpaArpa Arpa EmiliaEmilia Emilia RomagnaRomagna Romagna nelnel nel
AttivitàAttività Attività didi di ArpaArpa Arpa EmiliaEmilia Emilia RomagnaRomagna Romagna nelnel nel
monitoraggiomonitoraggio monitoraggio deldel del particolatoparticolato particolato atmosfericoatmosferico atmosferico
SecondaSeconda campagnacampagna didi monitoraggiomonitoraggio deldel termovalorizzatoretermovalorizzatore didi GranaroloGranarolo EmiliaEmilia (BO)(BO)
Media postazioni termovalorizzatore
PTS (ug/m3)
San Felice
PTS,PTS, PM10,PM10, PM2,5PM2,5 nellenelle tretre
campagnecampagne didi monitoraggiomonitoraggio
Monte Cuccolino
120
100
80
Termovalorizzatore
media 5 postazioni
60
40
20
Bologna San Felice
0
Media postazioni termovalorizzatore
PM10 (ug/m3)
estate
autunno
inverno
Fondo Monte Cuccolino
San Felice
120
S.Pietro Capofiume
100
80
• PTS è sistematicamente più elevato
nell’area urbana di Bologna mentre le
postazioni del Frullo risultano simili a
Monte Cuccolino.
60
40
20
0
estate
autunno
inverno
Media postazioni termovalorizzatore
PM2,5 (ug/m3)
• PM10 e PM 2.5 mostrano valori
sostanzialmente simili per l’area urbana
di Bologna e le postazioni del Frullo.
San Felice
S.Pietro Capofiume
120
100
• Le postazioni del Frullo sono sottoposte
ad una pressione minore della frazione
grossolana rispetto all’area urbana.
80
60
40
20
0
estate
autunno
inverno
AttivitàAttività Attività didi di ArpaArpa Arpa EmiliaEmilia Emilia RomagnaRomagna Romagna nelnel nel
AttivitàAttività Attività didi di ArpaArpa Arpa EmiliaEmilia Emilia RomagnaRomagna Romagna nelnel nel
monitoraggiomonitoraggio monitoraggio deldel del particolatoparticolato particolato atmosfericoatmosferico atmosferico
IPA:IPA: confronticonfronti frafra ii componenti,componenti, susu PMPM
Postazione B
San Felice
Postazione A
Postazione C
Postazione E
San Pietro Capofiume
Postazione D
Benzo(a)pirene
Benz(a )antracene
Indeno(1,2,3, ‐ c,d)pirene
Benzo(b)fluorantene
Benzo(k)fluorantene
Dibenzo(a,h)antracene
Fluorantene
Benzo(g,h,i)pe rilene
Speciazione Speciazione degli degli IPA IPA
sul PM, in zona rurale
in zona rurale
sul PM, in zona rurale
AttivitàAttività Attività didi di ArpaArpa Arpa EmiliaEmilia Emilia RomagnaRomagna Romagna nelnel nel
AttivitàAttività Attività didi di ArpaArpa Arpa EmiliaEmilia Emilia RomagnaRomagna Romagna nelnel nel
monitoraggiomonitoraggio monitoraggio deldel del particolatoparticolato particolato atmosfericoatmosferico atmosferico
IPA:IPA: confronticonfronti frafra ii componenti,componenti, susu PMPM
Benzo(a)pirene
Sui Fumi
Benzo(b)fluorantene
Giardini Margherita
Via Rizzoli
Benzo(k)fluorantene
Benz(a )antracene
Dibenzo(a,h)antracene
Fluorantene
Indeno(1,2,3,‐ c,d)pirene
Benzo(g,h,i)pe rilene
Su PM2,5
San Felice
Su PM10
( Esempio P ostazione A )
Speciazione degli IPA sul PM,
inin unauna delledelle 55 postazionipostazioni
attornoattorno alal TermovalorizzatoreTermovalorizzatore
AttivitàAttività Attività didi di ArpaArpa Arpa EmiliaEmilia Emilia RomagnaRomagna Romagna nelnel nel
AttivitàAttività Attività didi di ArpaArpa Arpa EmiliaEmilia Emilia RomagnaRomagna Romagna nelnel nel
monitoraggiomonitoraggio monitoraggio deldel del particolatoparticolato particolato atmosfericoatmosferico atmosferico
CaratterizzazioneCaratterizzazione chimicochimico--fisicafisica deldel
particolatoparticolato atmosfericoatmosferico nellenelle classiclassi
dimensionalidimensionali tratra 1010 ee 0.490.49 µmµm
Per ciascuna frazione
granulometrica
determinazione di:
Diametro
Stadio
particelle
••MassaMassa
(μm)
••IPAIPA
1 10 ‐ 7,2
••ComponentiComponenti
2 7,2 ‐ 3,0
InorganicheInorganiche
SolubiliSolubili
3 3,0 ‐ 1,5
••MetalliMetalli
4 1,5 ‐ 0,95
5 0,95 ‐ 0,49
Impattore a cascata
per il frazionamento
del PM in 6 stadi
6 < 0,49
AttivitàAttività Attività didi di ArpaArpa Arpa EmiliaEmilia Emilia RomagnaRomagna Romagna nelnel nel
AttivitàAttività Attività didi di ArpaArpa Arpa EmiliaEmilia Emilia RomagnaRomagna Romagna nelnel nel
monitoraggiomonitoraggio monitoraggio deldel del particolatoparticolato particolato atmosfericoatmosferico atmosferico
Frazione
SUBMICRONICA
Frazione FINE
Importante contributo delle frazioni < 0.95
µm nella determinazione della
concentrazione in massa del PM10
0.95 – 3.0 µm
Frazione COARSE
3.0 - 10 µm
Influenza meteorologica
< 1.5 µm
Leggermente
superiore in
autunno-inverno
1.5 – 7.2 µm
Leggermente superiore in
primavera-estate
(turbolenza, strato di
rimescolamento,
bioaerosol)
AttivitàAttività Attività didi di ArpaArpa Arpa EmiliaEmilia Emilia RomagnaRomagna Romagna nelnel nel
AttivitàAttività Attività didi di ArpaArpa Arpa EmiliaEmilia Emilia RomagnaRomagna Romagna nelnel nel
monitoraggiomonitoraggio monitoraggio deldel del particolatoparticolato particolato atmosfericoatmosferico atmosferico
Distribuzione percentuale degli IPA totali
nelle frazioni considerate
Il materiale particellare con
diametro < 0.95 µm
contribuisce per circa il 90 %
alla concentrazione degli IPA
rilevati nel PM10.
Distribuzione percentuale del
benzo(a)pirene nelle frazioni considerate
A conferma che gli IPA si
distribuiscono
principalmente nelle
frazioni fini del
particolato atmosferico.
AttivitàAttività Attività didi di ArpaArpa Arpa EmiliaEmilia Emilia RomagnaRomagna Romagna nelnel nel
AttivitàAttività Attività didi di ArpaArpa Arpa EmiliaEmilia Emilia RomagnaRomagna Romagna nelnel nel
monitoraggiomonitoraggio monitoraggio deldel del particolatoparticolato particolato atmosfericoatmosferico atmosferico
Concentrazione maggiore (in
valore assoluto) di IPA nelle
stagioni autunnale ed invernale
Simile distribuzione
degli IPA nelle
diverse frazioni
granulometriche in
tutte le stagioni
AttivitàAttività Attività didi di ArpaArpa Arpa EmiliaEmilia Emilia RomagnaRomagna Romagna nelnel nel
AttivitàAttività Attività didi di ArpaArpa Arpa EmiliaEmilia Emilia RomagnaRomagna Romagna nelnel nel
monitoraggiomonitoraggio monitoraggio deldel del particolatoparticolato particolato atmosfericoatmosferico atmosferico
Maggiore contributo alla massa totale del PM di
solfati, nitrati e ammonio rispetto agli altri ioni
Nitrati Contributo rilevante al PM nella stagione invernale
AUTUNNO
Solfati
Contributo rilevante al PM
nella stagione estiva
AttivitàAttività Attività didi di ArpaArpa Arpa EmiliaEmilia Emilia RomagnaRomagna Romagna nelnel nel
AttivitàAttività Attività didi di ArpaArpa Arpa EmiliaEmilia Emilia RomagnaRomagna Romagna nelnel nel
monitoraggiomonitoraggio monitoraggio deldel del particolatoparticolato particolato atmosfericoatmosferico atmosferico
SITECOS
Confronto con Progetto
“SITECOS”
Caratterizzazione dell’aerosol atmosferico in diversi
siti urbani del territorio nazionale
LUGLIO
(dati gentilmente forniti da
prof. L. Tositti)
Mg++
K+
Na+
0,3%
Ca++
1,7%
1,5%
NO3-
2,3%
5%
NH4+
22%
SETTEMBRE OTTOBRE
Na+
K+
SO4--
Mg++
0,5%
Conferma dell’andamento
stagionale delle concentrazioni
relative di nitrati e solfati
Ca++
1,3%
67%
0,1%
0,6%
NH4+
23%
NO3-
45%
GENNAIO-MARZO
K+
Na+
1,5%
0,3%
Mg++
Ca++
0,1%
0,9%
SO4--
NH4+
30%
18%
NO3-
SO4--
60%
19%
AttivitàAttività Attività didi di ArpaArpa Arpa EmiliaEmilia Emilia RomagnaRomagna Romagna nelnel nel
AttivitàAttività Attività didi di ArpaArpa Arpa EmiliaEmilia Emilia RomagnaRomagna Romagna nelnel nel
monitoraggiomonitoraggio monitoraggio deldel del particolatoparticolato particolato atmosfericoatmosferico atmosferico
Cr
Ni
Sn
Co
2.0
0.06
1.6
0.05
Le specie in traccia mostrano accumuli
preferenziali in tagli dimensionali caratteristici
che possono rivelare informazioni sulla sorgente
1.2
0.04
0.8
0.02
0.4
0.01
0.0
0.00
FrazioniFrazioni coarsecoarse (>(> 11 micron)micron)
10-7.2
7.2-3.0
3.0-1.5
1.5-0.95
0.95-0.49
<0.49
origine meccanica: materiali crostali (suolo -
saharan dust - fondo stradale - freni - pneumatici
- cantieri - ceramico – cemento + pollini, spore e
residui biologici )
Mn
Cu
Fe
12
240
10
200
8
160
6
120
4
80
FrazioniFrazioni finifini (<(< 11 micron)micron)
2
40
0
0
10-7.2
7.2-3.0
3.0-1.5
1.5-0.95
0.95-0.49
<0.49
Sorgenti ad alta temperatura (tutte le forme di
combustione dai motori agli insediamenti
industriali ecc. Attraverso processi complessi:
As
Cd
V
Pb
1.6
9.0
per gli elementi inorg. Generalmente
condensazione)
1.2
6.8
0.8
4.5
ATTENZIONE rivolta a Pb, As, Cd, Ni (elementi già
regolamentati o di prossima regolamentazione)
0.4
2.3
0.0
0.0
10-7.2
7.2-3.0
3.0-1.5
1.5-0.95
0.95-0.49
<0.49
Mn, Cu (ng/m 3 )
Cr, Ni, Sn (ng/m 3 )
As, Cd, V (ng/m 3 )
Pb (ng/m 3 )
Fe (ng/m 3 )
Co (ng/m 3 )
AttivitàAttività Attività didi di ArpaArpa Arpa EmiliaEmilia Emilia RomagnaRomagna Romagna nelnel nel
AttivitàAttività Attività didi di ArpaArpa Arpa EmiliaEmilia Emilia RomagnaRomagna Romagna nelnel nel
monitoraggiomonitoraggio monitoraggio deldel del particolatoparticolato particolato atmosfericoatmosferico atmosferico
Previsioni giornaliere polveri ultrafini
(PM2,5) nelle regioni del Nord Italia
Previsioni giornaliere polveri sottili
(PM10) per l’Emilia Romagna
Emissione di mercoledì 08.11.2006
Bollettino di previsione di qualità dell'aria sull'Emilia-Romagna
formulato dagli operatori ARPA-SIM. Emissione il lunedì, mercoledì e venerdì.
Previsioni di polveri sottili (PM10)
[Contenuto delle previsioni di polveri sottili (PM10)]
per mercoledì 08.11.2006
per giovedì 09.11.2006
per venerdì 10.11.2006
NINFA
PM10 (µg/m 3 ), media giornaliera. Limite di legge: 50µg/m 3
n. disp.
0 - 25
25 - 50
50 - 100
> 100
(sistema di modellistica integrata per la diffusione di
inquinanti in atmosfera)
PM10 - Legenda: precauzioni e consigli per la popolazione
Ulteriori informazioni sulle limitazioni al traffico e sulle polveri sottili
Servizio Idro-Meteorologico ARPA ER
AttivitàAttività Attività didi di ArpaArpa Arpa EmiliaEmilia Emilia RomagnaRomagna Romagna nelnel nel
AttivitàAttività Attività didi di ArpaArpa Arpa EmiliaEmilia Emilia RomagnaRomagna Romagna nelnel nel
monitoraggiomonitoraggio monitoraggio deldel del particolatoparticolato particolato atmosfericoatmosferico atmosferico
normalized annual mean
0,50
Buona correlazione fra
i dati di distribuzione
dimensionale delle
polveri sottili ottenuti
nel progetto PolveRe e
i dati calcolati dal
sistema NINFA
0,45
0,40
0,35
0,30
0,25
0,20
0,15
0,10
0,05
0,00
0.01-0.6
0.6-2.5
2.5-10
D (micron)
NINFA
POLVERE
microg/m
CaratterizzazioneCaratterizzazione Caratterizzazione dimensionaledimensionale dimensionale particelleparticelle particelle
CaratterizzazioneCaratterizzazione Caratterizzazione dimensionaledimensionale dimensionale particelleparticelle particelle
UFPUFP
PerchéPerché Perché sonosono sono interessantiinteressanti interessanti lele le ParticelleParticelle Particelle
PerchéPerché Perché sonosono sono interessantiinteressanti interessanti lele le
ParticelleParticelle Particelle UltrafiniUltrafini Ultrafini (UFP)(UFP) (UFP)
• 1. Il contributo di queste particelle alla massa totale è molto
basso, mentre il loro impatto è legato alla concentrazione
numerica: stime portano a valutare in oltre l’ 80 % il contributo
di UFP al numero totale di particelle presenti in atmosfera.
• 2. Pericolosità per la salute per via del possibile deposito sugli
alveoli polmonari e il successivo trasporto nel sangue in organi
esterni all’apparato respiratorio.
• 3. Influenza sul clima in dipendenza della concentrazione,
composizione, morfologia, proprietà ottiche ed altro.
ProcessiProcessi Processi didi di formazioneformazione formazione ee e accrescimentoaccrescimento accrescimento
ProcessiProcessi Processi didi di formazioneformazione formazione ee e accrescimentoaccrescimento accrescimento
numericamente circa
l’80% delle particelle
PrincipaliPrincipali Principali tecnichetecniche tecniche didi di misuramisura misura delledelle delle
PrincipaliPrincipali Principali tecnichetecniche tecniche didi di misuramisura misura delledelle delle
particelleparticelle particelle ultrafiniultrafini ultrafini
1.1. ContatoriContatori didi particelleparticelle aa condensazionecondensazione::
Il flusso contenente l’aerosol da analizzare viene fatto
passare attraverso un saturatore riscaldato contenente
un liquido con una tensione di vapore nota;
successivamente viene sottoposto a raffreddamento.
Qui avviene la condensazione del vapore sulle
particelle generando quindi un aumento della
dimensione delle particelle stesse.
Tali gocce vengono poi analizzate tramite light
scattering.
I risultati sono espressi in particelle/cm3.
PrincipaliPrincipali Principali tecnichetecniche tecniche didi di misuramisura misura delledelle delle
PrincipaliPrincipali Principali tecnichetecniche tecniche didi di misuramisura misura delledelle delle
particelleparticelle particelle ultrafiniultrafini ultrafini
2.2. ClassificatoriClassificatori elettrostaticielettrostatici::
Le particelle vengono separate in funzione della loro
mobilità elettrica.
Le particelle vengono caricate mediante un campo
elettrico, ciò causa una migrazione delle particelle
che è funzione della loro carica e del loro diametro.
Si discrimina quindi il numero di particelle in
funzione della dimensione
PrincipaliPrincipali Principali tecnichetecniche tecniche didi di misuramisura misura delledelle delle
PrincipaliPrincipali Principali tecnichetecniche tecniche didi di misuramisura misura delledelle delle
particelleparticelle particelle ultrafiniultrafini ultrafini
3.3. AnalizzatoriAnalizzatori aa mobilitàmobilità differenzialedifferenziale
Dopo essere state caricate
elettricamente, le particelle
vengono classificate secondo la
loro mobilità. Singolarmente
vengono fatte passare in un
CPC per ottenere le
concentrazioni numeriche.
Miglioramenti della
DMA
strumentazione sono in atto
mediante l’inserimento, accanto
ai
generatori di campo elettrico,
di
raggi X, al fine di caricare un
maggior numero di
nanoparticelle.
PossibilitàPossibilità Possibilità didi di caratterizzazionecaratterizzazione caratterizzazione chimicachimica chimica
PossibilitàPossibilità Possibilità didi di
caratterizzazionecaratterizzazione caratterizzazione chimicachimica chimica
• Oltre all’analisi della distribuzione dimensionale è importante la
caratterizzazione chimica. Lo sviluppo della spettrometria di
massa “single particle” permette la determinazione della
composizione in funzione della dimensione.
• In un SPMS, una particella classificata dimensionalmente è
irradiata e frammentata con un laser ad alta intensità e i
costituenti molecolari e/o atomici vengono introdotti in uno
spettrometro di massa convenzionale
• Risultati sia relativamente alla dimensione che alla composizione
SorgentiSorgenti Sorgenti didi di particelleparticelle particelle ultrafini:ultrafini: ultrafini: alcunealcune alcune
SorgentiSorgenti Sorgenti didi di particelleparticelle particelle ultrafini:ultrafini: ultrafini:
alcunealcune alcune evidenzeevidenze evidenze dalladalla dalla ricercaricerca ricerca bibliograficabibliografica bibliografica
- Le UFP formate nella combustione variano in funzione del tipo di
combustibile e crescono mediante coagulazione e condensazione
- Il picco predominante è, nella distribuzione in massa, a circa
200 nm; nella distribuzione in numero molte sorgenti mostrano il
picco sotto i 100 nm. Molte di queste sorgenti hanno una tipica
distribuzione bimodale con un picco nell’intervallo della
nucleazione tra 20 e 60 nm.
- Interessante notare che spesso si verifica (per tutte le tipologie
di emissioni, stazionarie, mobili, altro) una scomparsa di
nanoparticelle quando sono presenti alte concentrazioni di
particelle più grandi. Le emissioni di UFP possono infatti
incrementare dopo rimozione della frazione coarse e fine.
Risultati da: Biswas P., Wu C. Nanoparticles and the environment J. Air & Waste Manage. Assoc. 55:708-746
SorgentiSorgenti Sorgenti didi di particelleparticelle particelle ultrafini:ultrafini: ultrafini: alcunealcune alcune
SorgentiSorgenti Sorgenti didi di particelleparticelle particelle ultrafini:ultrafini: ultrafini:
alcunealcune alcune evidenzeevidenze evidenze dalladalla dalla ricercaricerca ricerca bibliograficabibliografica bibliografica
distribuzione delle fonti di emissione di particelle
ultrafini (PM 0,1 ) in UK nel 1999
distribuzione delle fonti di emissione di particelle ultrafini
(PM 0,1 ) nel bacino della costa sud della California.
emissioni totali stimate 13 ton/giorno
da R. M. Harrison et al., Phil. Trans. R. Soc. Lond. A
(2000)
da G. R. Cass et al., Phil. Trans. R. Soc. Lond. A (2000)
1. Le nanoparticelle da nucleazione, che avviene anche dopo l’emissione, dominano la concentrazione numerica;
1. Le nanoparticelle da nucleazione, che avviene anche dopo l’emissione,
dominano la concentrazione numerica; relativamente alla composizione, i
solfati e gli idrocarburi sono i composti maggiormente presenti. Possono
essere emesse anche UFP contenenti metalli nobili.
Tipica distribuzione dimensionale di
scarico di motore, da:
Kittleson, D.B. Engines and nanoparticles: A review;
J. Aero
Sci. 1998, 29,575-588
2. I motori diesel risultano i maggiori emettitori di UFP, le quali sono dominanti
nella concentrazione numerica mentre la distribuzione in massa è prevalente
nel range di accumulazione (50nm<D<1µm), L’acido solforico sembra giocare
un ruolo dominante per generare nuclei di condensazione di specie organiche.
3. Standard di emissioni più basse per i motori diesel riducono le emissioni di
massa di particelle, ma ciò implica che la loro concentrazione numerica possa
incrementare vista la minor disponibilità di superficie di condensazione.
Risultati da: Biswas P., Wu C. Nanoparticles and the environment J. Air & Waste Manage. Assoc. 55:708-746
MisureMisure Misure effettuateeffettuate effettuate nellenelle nelle prossimitàprossimità prossimità didi di unauna
MisureMisure Misure effettuateeffettuate effettuate nellenelle nelle prossimitàprossimità prossimità didi di
unauna una stradastrada strada
Constantinos Sioutas
AQMD Meeting Ultrafine Particles: The Science, Technology, and Policy Issues Los Angeles, April 30, 2006
4. Riduzione di particelle non-volatili, di grandezza maggiore delle UFP, dagli scarichi può incrementare la
4. Riduzione di particelle non-volatili, di grandezza maggiore delle UFP, dagli
scarichi può incrementare la formazione – emissione di particelle semi-volatili
più piccole.
5. Recenti studi al Caldecott tunnel hanno dimostrato che, mentre la massa si
PM emessa da HDV e LDV è decresciuta del 50-70% nei 7 anni precedenti in
California, il numero di particelle è incrementato di 2-3 volte.
Conversione Conversione atmosferica atmosferica (aree: (aree: rurali, rurali, remote, remote, urbane): urbane): 1. Nella
Conversione Conversione atmosferica atmosferica
(aree: (aree: rurali, rurali, remote, remote, urbane): urbane):
1. Nella seconda metà dell’800 Aiken osservò il processo di
nucleazione tipicamente nel range tra 20 e50 nm, intervallo ancora
oggi chiamato “Aiken nuclei”. Da poco si è osservato un ulteriore
intervallo di nucleazione tra i 3 e 10 nm, riscontrabile in tutte le
tipologie di aree
2. La formazione della nucleazione tuttavia varia geograficamente e
stagionalmente dipendendo dalla tipologia dei reagenti.
3. Le specie chiave per la nucleazione risultano principalmente:
acido solforico, acido nitrico, gas organici.
4. La concentrazione numerica di UFP e la massa di PM 2.5 non
sembrano essere necessariamente correlate, in altre parole la massa
di PM2.5 potrebbe non essere un surrogato consistente per gli effetti
sulla salute.
Risultati da: Biswas P., Wu C. Nanoparticles and the environment J. Air & Waste Manage. Assoc. 55:708-746
AttivitàAttività Attività perper per ilil il futurofuturo futuro 1. Importanza di proseguire i lavori verso
AttivitàAttività Attività perper per ilil il futurofuturo futuro
1. Importanza di proseguire i lavori verso la
caratterizzazione dimensionale e la speciazione
chimica di UFP sia in atmosfera sia alle sorgenti.
2. Attività di “source apportionment” nella direzione
quindi di attribuire alle sorgenti i vari pesi dovuti
alla loro reale pressione sull’ambiente atmosferico
(mediante l’utilizzo di receptor models)
Difficoltà:
costi estremamente elevati degli
strumenti da acquisire e risorse
umane da dedicare
AttivitàAttività Attività didi di ArpaArpa Arpa EmiliaEmilia Emilia RomagnaRomagna Romagna nelnel nel
AttivitàAttività Attività didi di ArpaArpa Arpa EmiliaEmilia Emilia RomagnaRomagna Romagna nelnel nel
monitoraggiomonitoraggio monitoraggio deldel del particolatoparticolato particolato atmosfericoatmosferico atmosferico
Particella di diametro
compreso tra 0.5 e 2 µm
Gli aerosol nanoparticellati giocano un ruolo chiave nell’ambiente, nel problemi climatici, nella salute umana, nella
Gli aerosol nanoparticellati giocano un ruolo chiave
nell’ambiente, nel problemi climatici, nella salute umana,
nella produzione di nuovi materiali e nelle nanotecnologie. La
conoscenza delle proprietà chimiche e fisiche delle
nanoparticelle è critica in ciascuno di questi campi
SISTEMI PER IL CONTEGGIO E LA CARATTERIZZAZIONE
DI POLVERI ULTRAFINI E NANOPARTICELLE EMESSE
DAI PROCESSI DI COMBUSTIONE
LAURA TOSITTI
Dip. di Chimica “G. Ciamician”
Università di Bologna
E
VALERIA BIANCOLINI
Sez. Provinciale Reggio Emilia
ARPA-EMR
LE PROBLEMATICHE
LA SPERIMENTAZIONE
Ferrara, 14 novembre 2006
IL LIVELLO DI CONOSCENZA RELATIVO AGLI AEROSOL E’ ELEVATO, MA PARADOSSALMENTE ANCORA INSUFFICIENTE VERO soprattutto
IL LIVELLO DI CONOSCENZA RELATIVO AGLI
AEROSOL E’ ELEVATO, MA PARADOSSALMENTE
ANCORA INSUFFICIENTE
VERO soprattutto in relazione ai processi ed i meccanismi
di formazione che passano necessariamente per la frazione
nanoparticellare
L’esistenza
delle
nanoparticelle
e
del
loro
ruolo
nei
processi
di
nucleazione fu messa in evidenza alla fine dell’800 (Aitken e Wilson)
La loro importanza venne confermata sperimentalmente negli anni 70
Oggi: “Le nanoparticelle sono definite come particelle aventi come minimo
una dimensione < 100 nm (fibre), mentre le particelle ultrafini sono definite
come particelle con tutte le dimensioni < 100 nm e sono comunemente
prodotte da processi di combustione (Donaldson et al, Particle and Fiber
Toxicol. (2005)
LE NANOPARTICELLE NON SONO UNA NOVITA’,
si tratta di evoluzione lessicale………
QUALI SONO I RIFERIMENTI SCIENTIFICI IN ITALIA? SOCIETA’ ITALIANA SOCIETA’ CHIMICA ITALIANA DI FISICA DIVISIONE
QUALI SONO I RIFERIMENTI
SCIENTIFICI IN ITALIA?
SOCIETA’ ITALIANA
SOCIETA’ CHIMICA
ITALIANA
DI FISICA
DIVISIONE DI CHIMICA
DELL’AMBIENTE E DEI
BENI CULTURALI
SOCIETA’
ITALIANA
DUE INIZIATIVE
SCIENTIFICHE NAZIONALI
DI GRANDE SUCCESSO
DI AEROSOL
PM2004
PM2006
CHIMICI, FISICI, BIOLOGI, MEDICI, EPIDEMIOLOGI, INGEGNERI…
RICERCA – SANITA’ – AGENZIE AMBIENTALI - INDUSTRIA
RAPPRESENTATIVITA’ DEI SISTEMI DI MISURA PER POTER CAPIRE NATURA E PERICOLOSITA’ DELLE NANOPARTICELLE, E’
RAPPRESENTATIVITA’ DEI SISTEMI DI MISURA
PER POTER CAPIRE NATURA E PERICOLOSITA’ DELLE
NANOPARTICELLE, E’ NECESSARIO DISPORRE DI
ADEGUATI SISTEMI DI CAMPIONAMENTO
Un aerosol (ambientale o di origine
industriale) è una sospensione poli-
dispersa e metastabile di particelle e/o
goccioline in un gas.
I sistemi di prelievo/misura difficilmente sono
in grado di misurare allo stesso tempo e con la
stessa affidabilità particelle molto grandi e
particelle nanometriche
Una volta formatesi, le particelle si alterano
rapidamente, sia fisicamente (le nanoparticelle
tendono a sparire nell’arco di tempo dei secondi
a seguito di processi di evaporazione e di
coagulazione), che chimicamente
Charles Stanier,
Department of
Chemical
andBiochemical
Engineering University
of Iowa
NON ESISTE ANCORA UNA RISPOSTA DEFINITIVA,
IL PROCESSO DI NUCLEAZIONE: DAL GAS/VAPORE ALLE PARTICELLE NANOMETRICHE (solo processo fisico per semplicità)
IL PROCESSO DI
NUCLEAZIONE:
DAL GAS/VAPORE ALLE
PARTICELLE
NANOMETRICHE
(solo processo fisico per
semplicità)
NATURA
COMBUSTIONE ED
ATTIVITA’
CONVENZIONALI
NUOVE TECNOLOGIE
NSF Workshop Report on “Emerging Issues in Nanoparticle Aerosol Science and Technology (NAST)”
University of California, Los Angeles June 27-28, 2003
COSA PRODUCE (inevitabilmente) LA COMBUSTIONE? CALORE = ENERGIA + CO 2 (EFFETTO SERRA), H 2
COSA PRODUCE (inevitabilmente) LA COMBUSTIONE?
CALORE = ENERGIA
+
CO 2 (EFFETTO SERRA), H 2 O, CO
+
IPA, RADICALI LIBERI, C organico, C elem. (PM primario)
+
GAS PRECURSORI:
NOx
+
OH•
OH•
SO 2
PARTICOLATO
Ozono
PAN*
SECONDARIO
+
INQUINANTE
VOC’s
GASSOSO
SECONDARIO
MOLTE DI QUESTE EMISSIONI PRIMARIE E SECONDARIE PROVENGONO
ANCHE DA ALTRI PROCESSI INDUSTRIALI AD ALTA TEMPERATURA
*PEROSSIACETILNITRATO
Origin and Health Impacts of Emissions of Toxic By-Products and Fine Particles from Combustion and
Origin and Health Impacts of Emissions of Toxic By-Products and Fine Particles from Combustion and Thermal Treatment of Hazardous
Wastes and Materials, Stephania A. Cormier,1 Slawo Lomnicki,2 Wayne Backes,3 and Barry Dellinger
VOLUME 114 | NUMBER 6 | June 2006 • Environmental Health Perspectives
SORGENTI DI PARTICELLE ULTRAFINI – RUOLO DELLA COMBUSTIONE E DEI PROCESSI AD ALTA TEMPERATURA CALIFORNIA
SORGENTI DI PARTICELLE ULTRAFINI – RUOLO DELLA
COMBUSTIONE E DEI PROCESSI AD ALTA TEMPERATURA
CALIFORNIA
RIVESTIMENTI
SORGENTI
STAZIONARIE
(combustibili)
TRAFFICO VEICOLARE
Le particelle primarie
ultrafini si originano quasi
esclusivamente da
sorgenti di combustione
TRAFFICO
INCENERITORI
NON
VEICOLARE
Sorgenti di nanoparticelle e di particelle ultrafini SALDATURA INDUSTRIALE ED ARTIGIANALE BACKGROUND TEFLON
Sorgenti di nanoparticelle e di
particelle ultrafini
SALDATURA
INDUSTRIALE ED
ARTIGIANALE
BACKGROUND
TEFLON
DALL’INDUSTRIALE AL
DOMESTICO, PASSANDO PER LE
ATTIVITA’ ARTIGIANALI ED I
MEZZI DI TRASPORTO
PENTOLE
NUOVE TECNOLOGIE
Non-intenzionali
Intenzionali
Oberdörster et al., (2005) Environ. Health Persp.
RISULTATO……
RISULTATO……
VOLENDO ESSERE PIU’ PRECISI CIRCA LE EMISSIONI INDUSTRIALI TRADIZIONALI……. (dati EPA) L’INDUSTRIA CERAMICA
VOLENDO ESSERE PIU’ PRECISI CIRCA LE EMISSIONI
INDUSTRIALI TRADIZIONALI……. (dati EPA)
L’INDUSTRIA
CERAMICA
può essere
assimilata
all’industria dei
laterizi
incidendo su
tutti i tagli
NANOPARTICLE ENGINEERING ED ALTRE NANOPARTICELLE “INTENZIONALI” ESPOSIZIONE PROFESSIONALE: VENGONO SFRUTTATE LE
NANOPARTICLE
ENGINEERING
ED
ALTRE
NANOPARTICELLE “INTENZIONALI”
ESPOSIZIONE
PROFESSIONALE:
VENGONO SFRUTTATE LE PARTICOLARI DOTI DI ELEVATA
REATTIVITA’ TIPICAMENTE ASSOCIATE ALLA NANOSTRUTTURA,
CARATTERISTICA CHE CONFERISCE AI MATERIALI ALTA
EFFICIENZA E SINGOLARI PRESTAZIONI – PARADOSSALMENTE
SONO QUESTE PROPRIETA’ CHE RENDONO ANALOGAMENTE LE
NANOPARTICELLE IN GENERE, PERICOLOSE
A prodotto
finito,
durante il packaging e
la manutenzione degli
ALCUNI ESEMPI:
impianti
INGREDIENTI IN PRODOTTI DI CONSUMO (FILLER
già da tempo oggetto di
studio, fonte di molte
informazioni nel campo
PNEUMATICI, COSMETICI E FILTRI SOLARI, LUBRIFICANTI,
PRODOTTI LUCIDANTI (abrasivi), DETERGENTI, ADDITIVI DI VETRI E
PIASTRELLE DI CERAMICA A SUPERFICIE AUTOPULENTE)
della
NANO-
NUOVI FARMACI A “BERSAGLIO MIRATO”
TOSSICOLOGIA in
parte esportate al
campo dell’ESPO-
SIZIONE AMBIENTALE
NUOVI
MATERIALI
AD
ALTO
CONTENUTO
TECNOLOGICO (SEMICONDUTTORI, ELETTRODI PER LA
PRODUZIONE DI IDROGENO, CELLE SOLARI……)
REMEDIATION
:
TECNOLOGIE
PER
LA
PREVENZIONE
DELL’INQUINAMENTO
ED
IL
RECUPERO
AMBIENTALE
(ABBATTIMENTO DEL MERCURIO IN INCENERITORI, TRATTAMENTO
ACQUE CONTAMINATE DA MICROINQUINANTI…)
ESPOSIZIONE AMBIENTALE DA NANOPARTICELLE INTENZIONALI NON E’ ANCORA STATA EVIDENZIATA, MA NON SI PUO’ ESCLUDERE
ESPOSIZIONE AMBIENTALE DA NANOPARTICELLE
INTENZIONALI
NON E’ ANCORA STATA EVIDENZIATA, MA NON SI PUO’ ESCLUDERE A
PRIORI
Oberdörster et al., (2005) Environ. Health Persp.
COME CARATTERIZZARE LE PARTICELLE ALLE EMISSIONI? A GRANDI LINEE I SISTEMI SONO QUELLI IMPIEGATI PER
COME CARATTERIZZARE LE PARTICELLE
ALLE EMISSIONI?
A GRANDI LINEE I SISTEMI SONO QUELLI IMPIEGATI PER LE MISURE
AMBIENTALI (contatori , spettrometri ed impattori), PRESENTANO PROBLEMI DI
CONNESSIONE FISICA ED INTERFACCIA ALLA SORGENTE, CHE SI TROVA A
TEMPERATURE DELL’ORDINE DELLE CENTINAIA DI GRADI °C
IN QUESTE CONDIZIONI POSSIAMO AVERE UN CERTO NUMERO DI
NANOPARTICELLE DI FORMAZIONE IMMEDIATA, MA SOPRATTUTTO GAS
PRECURSORI
IL CAMPIONAMENTO IN QUESTE CONDIZIONI CONDURREBBE AD UNA
ENORME SOTTOSTIMA DI PARTICELLATO SIA NANOMETRICO CHE
SUBMICROMETRICO
PER CAMPIONARE AL MEGLIO BISOGNA RICORRERE AD ARTIFICI CHE IN
QUALCHE MODO SIMULINO L’ABBASSAMENTO DI PRESSIONE E DI
TEMPERATURA IN MODO DA FAVORIRE CONDENSAZIONE DI GAS E
VAPORI. CIO’ CHE SI RACCOGLIE IN QUESTE CONDIZIONI E’ UN “AEROSOL
POTENZIALE” , CHE COMUNQUE NON CONTIENE QUELLA PARTE DI AEROSOL CHE
SI FORMEREBBE ANCHE PER VIA FOTOCHIMICA (LUCE SOLARE) NELL’AMBIENTE
(AD ES. SOLFATO E NITRATO D’AMMONIO)
LA NUCLEAZIONE ED I FENOMENI DI ADSORBIMENTO (superficie di particelle solide) ED ABSORBIMENTO (dissoluzione in
LA NUCLEAZIONE ED I FENOMENI DI ADSORBIMENTO
(superficie di particelle solide) ED ABSORBIMENTO (dissoluzione
in goccioline) SONO UNA CONSEGUENZA DELLA DILUIZIONE
IN ATMOSFERA
Si può raggiungere un fattore di diluizione
pari a 1000 in 1-2 secondi
Le emissioni contengono: solidi, sostanze organiche allo
stato gassoso, composti solforati, NOx ed altri vapori
Particelle solide
Nuclei volatili
Solidi con film superficiali
di specie volatili adsorbite
KITTELSON, 2006
STRUMENTI ON-LINE PER CONTARE LE FISICA NANOPARTICELLE (ASSIEME ALLE ALTRE DI DIMENSIONI MAGGIORI) E PER
STRUMENTI
ON-LINE
PER
CONTARE
LE
FISICA
NANOPARTICELLE (ASSIEME ALLE ALTRE DI
DIMENSIONI MAGGIORI) E PER DETERMINARNE
MASSA, SUPERFICIE E VOLUME (LA SUPERFICIE
SPECIFICA è IL PARAMETRO CHE MEGLIO CORRELA CON
GLI EFFETTI NEGATIVI SULLA SALUTE)
Limiti inferiori di dimensione: 3 nm (fisica delle particelle in
termini di moto , fattore critico nella messa a punto di un
analizzatore adeguato
IL LIMITE MAGGIORE è LA RISOLUZIONE TEMPORALE
DEGLI STRUMENTI, PERCHE’ LE NANOPARTICELLE HANNO
UNA VITA MEDIA RIDOTTISSIMA (secondi)
CHIMICA
STRUMENTI
PER
CARATTERIZZARE
LE
PARTICELLE OFF-LINE:
e morfologia
La raccolta per filtrazione selettiva (come per PM10,
PM2.5 e PM1) non è possibile per le nanoparticelle
(non possono essere trattenute)
LA CARATTERIZZAZIONE CHIMICA è
DI FONDAMENTALE IMPORTANZA
PER COMPRENDERE LA TOSSICITA’
DI PARTICELLE FINI ED ULTRAFINI.
PARTICOLARE RILEVANZA HANNO I
METALLI E NON SOLO QUELLI DI
RICONOSCIUTA TOSSICITA’.
NECESSARI QUANTITATIVI
SUFFICIENTI PER LANALISI
RACCOLTA PER IMPATTO CON FRAZIONAMENTO
DIMENSIONALE (FINO ALLA DECINA DI NANOMETRI
CON CAMPIONATORI A STADI)
IMPINGERS: concentratori - KETTRUP
VACES (Versatile Aerosol Concentrator Enrichment System
T ambiente Alta T Associazione tra componenti chimici dell’aerosol in funzione della dimensione e della
T ambiente
Alta T
Associazione
tra
componenti
chimici
dell’aerosol
in funzione
della
dimensione e
della
tipologia di
sorgente
PROGETTO polveRE Mn Cu Fe 12 240 10 200 LE SPECIE IN TRACCIA MOSTRANO ACCUMULI
PROGETTO polveRE
Mn
Cu
Fe
12
240
10
200
LE
SPECIE
IN TRACCIA MOSTRANO ACCUMULI
8
160
ELEMENTI MONOVARIATI:
7.2 – 3
µm
PREFERENZIALI
IN
TAGLI DIMENSIONALI
6
120
1 SORGENTE
ELEMENTI BIVARIATI: 2 SORGENTI
CARATTERISTICI CHE NE RIVELANO LA SORGENTE
4
80
FRAZIONI COARSE (> 1 MICRON) ORIGINE
2
40
0
0
MECCANICA: MATERIALI CROSTALI (SUOLO –
10-7.2
7.2-3.0
3.0-1.5
1.5-0.95
0.95-0.49
<0.49
SAHARAN DUST – FONDO STRADALE – FRENI –
PNEUMATICI - CANTIERI – CERAMICO –
Cr
Ni
Sn
Co
2.0
0.06
CEMENTO………+ POLLINI, SPORE E RESIDUI
BIOLOGICI )
1.6
0.05
1.2
0.04
FRAZIONI
FINI
(<
1
MICRON)
E
SOPRATTUTTO QUELLA <0.49 CHE
0.8
0.02
INCLUDE LE UFP
0.4
0.01
SORGENTI
AD
ALTA
TEMPERATURA
0.0
0.00
10-7.2
7.2-3.0
3.0-1.5
1.5-0.95
0.95-0.49
<0.49
(TUTTE LE FORME DI COMBUSTIONE DAI
MOTORI AGLI INSEDIAMENTI INDUSTRIALI ecc.
ATTRAVERSO PROCESSI COMPLESSI: PER GLI
ELEMENTI INORG. GENERALMENTE
CONDENSAZIONE)
As
Cd
V
Pb
1.6
9.0
1.2
6.8
0.8
4.5
ATTENZIONE rivolta a Pb, As, Cd, Ni
(elementi già regolamentati o di prossima
regolamentazione), MA ANCHE A FERRO E
RAME
0.4
2.3
0.0
0.0
10-7.2
7.2-3.0
3.0-1.5
1.5-0.95
0.95-0.49
<0.49
As, Cd, V (ng/m 3 )
Cr, Ni, Sn (ng/m 3 )
Mn, Cu (ng/m 3 )
Pb (ng/m 3 )
Co (ng/m 3 )
Fe (ng/m 3 )
Ma è vero che nessuno fa proprio niente? LE SERIE STORICHE DI ARPA LOMBARDIA DAL
Ma è vero che nessuno fa proprio niente? LE SERIE STORICHE DI ARPA LOMBARDIA DAL
Ma è vero che nessuno fa proprio niente?
LE SERIE STORICHE DI ARPA LOMBARDIA DAL 1957 AD OGGI
C oncentrazione di PT S a M ilano m edie m ensili dal1977 300 275
C oncentrazione di PT S a M ilano m edie m ensili dal1977
300
275
250
225
200
175
150
125
100
75
50
25
1977
0
gen-77
gen-79
gen-81
gen-83
gen-85
gen-87
gen-89
gen-91
gen-93
gen-95
gen-97
gen-99
gen-01
gen-03
gen-05
PTS
PM10
Espo. (PTS)
PTS (µg/m³)
C o n ce n tra zion e d i S O 2 1977 a
C o n ce n tra zion e
d i
S O 2
1977
a
M ila no
m e dia
m e nsile da l
19 5 7
2000
1800
1600
1400
1200
1000
800
600
400
200
0
1957 gen-57
gen-61
gen-65
gen-69
gen-73
gen-77
gen-81
gen-85
gen-89
gen-93
gen-97
gen-01
gen-05
T re n d
m e n sile
S O 2
a
Ju va ra
E sp o .
(T ren d
m en sile
S O 2
a
Ju va ra )
SO2 (µg/m³)

SO 2 (da 2000 µg/m 3 a qualche unità)

S O 2 (da 2000 µ g/m 3 a qualche unità) POLVERI (PTS in rosso, PM10

POLVERI (PTS in rosso, PM10 in porpora)

L’ANDAMENTO DI SO2 DALLA FINE DEGLI ANNI 50 AD OGGI E’ PARALLELO A QUELLO DELL’AEROSOL
L’ANDAMENTO DI SO2 DALLA FINE DEGLI ANNI 50 AD OGGI E’
PARALLELO A QUELLO DELL’AEROSOL ATMOSFERICO. ENTRAMBI SONO
AMPIAMENTE DIMINUITI. INFATTI QUESTO GAS E’ UN PRECURSORE DI
AEROSOL. IL MECCANISMO DI TRASFORMAZIONE DA GAS A PARTICELLA
PASSA PER IL NANOPARTICOLATO
SO2 è diminuita a causa del progressivo abbandono in Europa del carbone come combustibile
industriale. La diminuzione delle polveri è associata anche all’introduzione di sistemi di
abbattimento di polveri primarie e di precursori (NOx) sia nei grandi impianti, sia negli autoveicoli.
Questo trend è attualmente in stallo, e ciò viene attribuito al contestuale aumento del n° di
autoveicoli
IL MESSAGGIO VUOLE ESSERE IN PARTE OTTIMISTICO CI SONO ANCORA DEGLI OTTIMI MOTIVI PER STUDIARE
IL
MESSAGGIO
VUOLE
ESSERE
IN
PARTE
OTTIMISTICO
CI SONO ANCORA DEGLI OTTIMI MOTIVI PER
STUDIARE IL PROBLEMA
LE POLVERI FINI E NANOMETRICHE SONO UN
NO-THRESHOLD
POLLUTANT
COSA STA EMERGENDO? SAWYER, 2005
COSA STA EMERGENDO?
SAWYER, 2005
quantification of emissions from indoor and traffic sources is very important for assessment of total
quantification of emissions from indoor and traffic
sources is very important for assessment of total
human exposure to particles.
Fig. 5. Contribution of indoor sources to the indoor
concentration of UFPs in the residential building at Site
VL. The determined IO ratio was 2.52
Uve Matson “Indoor and outdoor concentrations of
ultrafine particles in some Scandinavian rural and
urban areas” • Science of The Total Environment,
Volume 343, Issues 1-3, 1 May 2005, Pages 169-176
Emissions from small-scale
combustion of biomass
fuels - extensive quantification
and characterization, Analytical
Chemistry, Arrhenius Laboratory
Stockholm University
GRAZIE PER L’ATTENZIONE LAURA TOSITTI PROF.ASSOCIATO IN CHIMICA DELL’AMBIENTE Dip. Chimica “G.Ciamician”, Univ.
GRAZIE PER L’ATTENZIONE
LAURA TOSITTI
PROF.ASSOCIATO IN CHIMICA DELL’AMBIENTE
Dip. Chimica “G.Ciamician”, Univ. di Bologna
laura.tositti@unibo.it
NSF Workshop Report on “Emerging Issues in Nanoparticle Aerosol Science and Technology (NAST)” University of
NSF Workshop Report on “Emerging Issues in Nanoparticle Aerosol Science and Technology (NAST)”
University of California, Los Angeles June 27-28, 2003
IL RUOLO DELLE NANOPARTICELLE, SIA ESSO NEL CAMPO DEI NUOVI MATERIALI, NELLA PRODUZIONE DI NUOVI
IL RUOLO DELLE NANOPARTICELLE, SIA ESSO NEL CAMPO DEI
NUOVI MATERIALI, NELLA PRODUZIONE DI NUOVI
SEMICONDUTTORI, DI FARMACI, NELLE INDAGINI AMBIENTALI E
LA VALUTAZIONE DEGLI EFFETTI CLIMATICI GLOBALI DIPENDE
TANTO DALLA LORO CHIMICA QUANTO DALLE LORO PROPRIETA’
FISICHE
…. Key areas of research to improve our physical
characterization capabilities include:
(1)
rapid aerosol nanoparticle measurements;
(2) detection,characterization, and behavior in
the low nanometer (<5nm) size regime;
(3) Particle standards for size, concentration,
(4)
morphology and structure;
charging behavior and technology throughout the
ultrafine and nanoparticle size regimes;
(5)
(6)
distributed nanoparticle aerosol measurements;
integral parameter measurement;
(7) off-line morphological,
structural,
and
chemical characterization of nanoparticles;
(8) on-line morphological and structural
characterization of nanoparticles;
(9)
nanoparticle size distribution measurements with
high detection efficiencies.
NSF Workshop Report on “Emerging Issues in Nanoparticle Aerosol Science and Technology (NAST)” University of
NSF Workshop Report on “Emerging Issues in Nanoparticle Aerosol Science and
Technology (NAST)”
University of California, Los Angeles June 27-28, 2003
Atmospheric ultrafine particles (UFP) - with diameters less than about 0.10
µm – are formed from gases by a variety of gas-to-particle conversion
processes. There are at least three sources of gases, which may be
converted to particles. UFP may be formed at high temperature sources and
emitted directly to the atmosphere. Some processes may emit hot
supersaturated vapors, which undergo nucleation and condensation while
cooling to ambient temperatures. Chemical reactions in the atmosphere may
lead to chemical species with very low saturation vapor pressures. These
chemical species may form particles by a variety of nucleation processes.
Although the UFP mass fraction is usually very small, this size range
contains the highest number of ambient particles and an appreciable portion
of total surface area. Because of their increased number and surface area,
UFP are particularly important in atmospheric chemistry and environmental
health. There is a fundamental lack of information on how nanoparticles form
and grow to sizes that can serve as cloud condensation nuclei (CCN) and
affect the earth’s climate and albedo. There is also lack of knowledge on the
fraction of these particles that are formed by direct emission, nucleation of
hot vapor upon cooling, or atmospheric formation of gases that undergo
nucleation. UFP physical, chemical and toxicological properties are poorly
understood. Many of the measurements that are needed require
instrumentation that currently does not exist.

FERRARA 14.November 2006

Best Available Technology to Eliminate Ultrafine Particle Emissions of Combustion Engines

Experience with 12’000 Retrofits Construction Machines,Locomotives and Buses in Switzerland

A.Mayer / TTM

TTM.A.Mayer for Emission Reduction of IC-Engines

TTM is responsible in Switzerland for

- VERT Verification or Particle Filter Systems - Quality Control of Filter Retrofits

- Research and Development in International Projects

- Implementation of Emission Reduction Measures (Germany, Austria, Poland, Italy, California, Canada,

Ecuador, Chile, Korea, Japan

),

- Organization of Seminars and Conferences

All

Combustion Engines are High Emitters of Solid Particles

Size range 20-300 nm“

(Quelle:

M.Kasper/ ME )

All Combustion Engines are High Emitters of Solid Particles Size range 20-300 nm“ (Quelle: M.Kasper/ ME

Soot Particles deposited on a 5 Micron Filter Fiber

Soot Particles deposited on a 5 Micron Filter Fiber

Measurement of total Particle Mass

PM only as required by EU-regulation

- size ?

- number ?

- substance ?

• Measurement of total Particle Mass P M only as required by EU-regulation - size ?

Measurement of Number, Size and Mass

simple, sensitive accurate and very repeatable

acc. to EU-PMP

Measurement of Number, Size and Mass simple, sensitive accurate and very repeatable acc. to EU-PMP

Diesel

Soot

invisible no taste no smell inert

dangerous

Source: METZ, BMW

Diesel Soot invisible no taste no smell inert dangerous Source: METZ, BMW

Aerosol Number-Size distributions

in Urban (Zürich) and Rural Areas

6 10 6 November 2001 5 10 4 10 3 10 2 10 1 10
6
10
6 November 2001
5
10
4
10
3
10
2
10
1
10
Urban Area:
Rural Region:
0
(Downtown Zürich)
(Zürcher Oberland)
10
Day
(SMPS)
Day
(SMPS)
Night
(SMPS)
Night
(SMPS)
-1
10
Day
(OPC)
Day
(OPC)
Night
(OPC)
Night
(OPC)
-2
10
10
100
1000
10000
10
100
1000
10000
dN/d(logD) (cm -3 )

Dp (nm)

Bukowiecki et al., Atmospheric Environment, 2002

Deposition

of particles in the airways depends mainly on particle size not on mass

(Source: Hinds, 1982 Aerosoltechnology )

of particles in the airways depends mainly on particle size not on mass (Source: Hinds, 1982

Mortality due to Ultrafines

6-Cities-Study

USA 1978-93 15‘000 cases

Correlation only with ultrafine Particles

(Quelle: Dockery NEJM 1993 )

6-Cities-Study USA 1978-93 15‘000 cases Correlation only with ultrafine Particles (Quelle: Dockery NEJM 1993 )

EURO 4 and 5 compared to EURO 3

[g/kWh]

CO

HC

NOx

PM

EC

PZ

NO 2

EURO 3 w/o DPF Limits

< 2.1

< 0.7

< 5.0

< 0.1

 

???

 

2.1

0.7

5.0

0.1

EURO 4 - PM-Kat Limits

0.1

0.01

3.02

0.014

 

???

 

1.5

0.5

3.5

0.02

EURO 5 – SCR Limits

0.27

0.01

1.56

0.013

 

???

 

1.5

0.5

2.0

0.02

Problem 1: Mixed Substances in PM (EC+OC+SOx+H 2 O+ ?) and NOx (NO+NO 2 ) Problem 2: Strong Artefacts with NO 2 and PM-Measurement

Let‘s have a close look to new Diesel Engines

Let‘s have a close look to new Diesel Engines

EURO 4: EGR with PM-Kat (MAN, SCANIA)

EURO 4: EGR with PM-Kat (MAN, SCANIA)
EURO 4: EGR with PM-Kat (MAN, SCANIA)

PM-Kat ® (MAN)

PM-Kat ® (MAN) - Aerodynamisches Abscheidesystem - Abscheidegrad 30 - 50% - Keine VERT-Zertifizierung

- Aerodynamisches Abscheidesystem

- Abscheidegrad 30 - 50%

- Keine VERT-Zertifizierung

Particle-Emission with PM-Kat at idle

Particle-Emission with PM-Kat at idle
Particle-Emission with PM-Kat at idle

EURO 5: Selective Catalytic Reduction SCR (IVECO, MB)

Reduktionsmittel

EURO 5: Selective Catalytic Reduction SCR (IVECO, MB) Reduktionsmittel Regelung SCR-Katalysator Oxi- /Sperrkat
Regelung SCR-Katalysator Oxi- /Sperrkat
Regelung
SCR-Katalysator
Oxi- /Sperrkat
EURO 5: Selective Catalytic Reduction SCR (IVECO, MB) Reduktionsmittel Regelung SCR-Katalysator Oxi- /Sperrkat
EURO 5: Selective Catalytic Reduction SCR (IVECO, MB) Reduktionsmittel Regelung SCR-Katalysator Oxi- /Sperrkat

EURO 5 with SCR compared to EURO 3 with/without Filter at 50 % Load

EURO 5 with SCR compared to EURO 3 with/without Filter at 50 % Load

Technology is available

Wall flow ceramic substrate - 10 micron pore size CORNING 1982

Technology is available Wall flow ceramic substrate - 10 micron pore size CORNING 1982

First DPF- Application by Daimler-Benz in a passenger car 1985 in California

First DPF- Application by Daimler-Benz in a passenger car 1985 in California

Cordierite and Silicon-Carbide

typical ceramic materials for extruded filters

Cordierite and Silicon-Carbide typical ceramic materials for extruded filters

but also sintered metal substrates, ceramic and metal fibers and paper materials from organic fibers

but also sintered metal substrates, ceramic and metal fibers and paper materials from organic fibers
but also sintered metal substrates, ceramic and metal fibers and paper materials from organic fibers
but also sintered metal substrates, ceramic and metal fibers and paper materials from organic fibers
but also sintered metal substrates, ceramic and metal fibers and paper materials from organic fibers

BAT is required by Law

Exhaust Gas downstream Filter is cleaner than Ambient Air !

1.00E+07 without trap 1.00E+06 1.00E+05 1 clean room ambient air downstream of the trap 1.00E+04
1.00E+07
without trap
1.00E+06
1.00E+05
1
clean room ambient air
downstream of the trap
1.00E+04
1.00E+03
10
100
1000
number concentration dN/dlogDp[cm-3]

mobility diameter [nm]

CO 2 - Intensität

CO 2 - Intensität

Soot-Reaction with O 2 und NO 2

2.5E-11

2.5E-11

2.5E-11

2E-11

2E-11

2E-11

1.5E-11

1.5E-11

1.5E-11

1E-11

1E-11

1E-11

5E-12

5E-12

5E-12

0

0

0

NO NO O O 2 2 O O 2 2 2 2 (kat. Reaktion) (kat.
NO
NO
O O
2 2
O O
2 2
2 2
(kat. Reaktion)
(kat. Reaktion)
0
0
0
100
100
200
200
300
300
400
400
500
500
600
600
700
700

Temperatur (°C)

Temperatur (°C)

CRT : Continuous Regeneration by NO 2

CRT : Continuous Regeneration by NO 2

CRT-Filter-System with DOC

CRT-Filter-System with DOC

Full Flow Diesel Burner

Full Flow Diesel Burner

PFS for large engines in locomotives and ships

PFS for large engines in locomotives and ships Restsauerstoff im Abgas: > 8% Heizleistungen: 30 –

Restsauerstoff im Abgas:

> 8%

Heizleistungen:

30 – 400 kW

Druckluft > 5 bar:

20 Nm 3 /h

Dieselkraftstoff:

3 – 40 l/h

Stromversorgung:

24 VDC

20 Nm 3 /h Dieselkraftstoff: 3 – 40 l/h Stromversorgung: 24 VDC Standard Filtermodul FS26 spezial

Standard Filtermodul

FS26 spezial

Disposable Filters

Disposable Filters
Disposable Filters

Swiss Particle Filter Regulations

1990 (EJPD): Retrofit permitted under conditions:

- no additional Noise Emission - no Formation of secondary toxic Air Contaminants

1993: VERT-project started

1994: Diesel-Emissions classified carcinogenic--

1998: Limit for stationary engines < 5 mg/m3 EC BACT

1998: VERT PFS specification and verification protocol

2000: VERT-PFS regulation in tunneling

2002: VERT-PFS regulation for construction

2003: only VERT approved PFS for onroad vehicles

Pioneers Retrofit Offroad - at the Working Place

not OE-Cars, Trucks and Buses

Pioneers Retrofit Offroad - at the Working Place not OE-Cars, Trucks and Buses

Improvement of Air Quality in Swiss Tunneling by Filter Introduction

Improvement of Air Quality in Swiss Tunneling by Filter Introduction
PFS on large and small very Construction Machines
PFS on large and small very Construction Machines

PFS on large and

small

very

Construction

Machines

PFS on large and small very Construction Machines
PFS on large and small very Construction Machines

Installation on an Excavator by OEM

Installation on an Excavator by OEM

Retrofit-Installation on an Excavator

12000 Construction Machines; > 10‘000 operation hours

Retrofit-Installation on an Excavator 12000 Construction Machines; > 10‘000 operation hours

Truck-

Installation in place of Muffler

ca 300 trucks

Truck- Installation in place of Muffler ca 300 trucks

Many Installations in City Buses

Many Installations in City Buses
Many Installations in City Buses
Many Installations in City Buses
Many Installations in City Buses
Many Installations in City Buses

DPF on Locomotives and Ships

> 300 locomotives 300-3000 kW , Locomotives > 15‘000 op.hrs. 1 ship > 30‘000 op. hrs.

and Ships > 300 locomotives 300-3000 kW , Locomotives > 15‘000 op.hrs. 1 ship > 30‘000
and Ships > 300 locomotives 300-3000 kW , Locomotives > 15‘000 op.hrs. 1 ship > 30‘000
and Ships > 300 locomotives 300-3000 kW , Locomotives > 15‘000 op.hrs. 1 ship > 30‘000
and Ships > 300 locomotives 300-3000 kW , Locomotives > 15‘000 op.hrs. 1 ship > 30‘000
Peugeot with FAP – 1.5 Mio ; total 3 Mio LDV successfully in operation !
Peugeot with FAP – 1.5 Mio ; total 3 Mio LDV successfully in operation !

Peugeot with FAP – 1.5 Mio ; total 3 Mio LDV successfully in operation !

Peugeot with FAP – 1.5 Mio ; total 3 Mio LDV successfully in operation ! 19

19

Filter-Failure:

due to high temperature because of uncontrolled regeneration

Quelle: Johnson Matthey

Filter-Failure: due to high temperature because of uncontrolled regeneration Quelle: Johnson Matthey

Typical Failure with segmented SiC without Filtration Degradation (Quelle IBIDEN)

Typical Failure with segmented SiC without Filtration Degradation (Quelle IBIDEN)

Quality Control Tools

VERT-Type Approval Test:

4-Stage Test incl. 2000 hrs endurance .

Engine Maintenance and Periodic Emission Control at least once per Year .

VERT-Specifications

 

New

2000 Bh

Filtration Efficiency Number based Size Range 20 – 300 nm

> 95%

> 95%

Filtration Efficiency „EC-Mass“ based

> 90%

> 90%

Opacity at free accelleration

No increase of limited Emissions CO, HC, NOx und PM

No relevant Increase of Secondary Emissions

Loss of approval

< 0.12 m -1

< 0.12 m -1

: K > 0.24 m-1

VERT- Test

for Type Approval

VERT- Test for Type Approval

What is measured during VERT-Tests

Particle Properties:

size, number, surface, EC/OC, PM-Mass

• limited gases: NOx, HC, CO and O2

• NO2 hot

• PAH, Nitro-PAH, VOC, Aldehydes

• Dioxines, Furanes

• Filter: backpressure, temperature up/down

• engine parameters: fuel consumption etc.

• noise

Measurements during steady state and transient conditions

Quality of „VERT“- approved Filter Systems

Stand 8/2003

 

Aktive Regeneration

Passive Regeneration

Filtrations-Effizienz

DEUTZ

Vollstrombrenner

 

> 98%, alte Daten

ECS-UNIKAT

Elektr. Beheizung

Kat. Beschichtung

99.99

HJS

 

CRT, Treibstoffadditive

99.40

JOHNSON MATTHEY

Elektr. Beheizung

CRT, Treibstoffadditive

99.50

HUSS

Elektr. Beheizung, Stillstandsbrenner

 

99.99

DCL

Elektr. Beheizung, Ansaugdrosselung

Treibstoffadditive, kat. Beschichtung

99.99

ARVINMERITOR

Vollstrombrenner

 

99.84

ENGELHARD

 

Kat. Beschichtung

99.60

HUG

Vollstrombrenner

Kat. Beschichtung

98.60

INTECO

 

Treibstoffadditive

99.24

EHC

Wechselfilter

 

96.70

TSH

Elektr. Beheizung

Kat. Beschichtung

98.90

AKPF-Q-Label

for PFS with outstanding Filtration Quality

AKPF-Q-Label for PFS with outstanding Filtration Quality 07 1 06 05 04 03 02 12 11
07 1 06 05 04 03 02 12 11
07
1
06
05
04
03
02
12
11

Controls

Yearly Failure Statistics by Retrofitters - Reporting to the EPA: installations, faillures techn.modification if failures exceed 3 %

Emission Test every 2 Years - documented - Opacity measurement - Check of all emission-relating elements

Controls by local Authorities

- Fines up to 10 % of vehicle value

Split Responsibility

Authority

- Filtration & Emissions-Approval:VFT1, VSET

- Reliablility-Approval: 2000 hrs. VFT2/3

Retrofitter

- Installation, Safety, Functionality, OBD

- 2 Years Warranty

User

- Maintenance

Reliability of PFS in Switzerland

• 1990:

• 2000:

2006:

230 Filters installed in Buses Failure rate probably 10 % pa

2400 PFS in Operation, > 6% Failures per year Failure rate > 6 % Measures: 2000 h endurance, electronic OBC

> 12’000 PFS in Operation

Failures 2-3 % per year

> 1’000‘000 km with Trucks and Buses

> 10‘000 op.hrs with Construction Machines

> 30‘000 op-hrs on a Ferry Boat

Failure Target: < 1% pa

Cost is still high but coming down

and Benefit / Cost - Ratio is > 5

Cost is still high but coming down and Benefit / Cost - Ratio is > 5

11 October 2004

Worldwide Retrofit Projects

• Schweden: Environmental Zones ab 1996: heute 8000 Filter

• Schweiz: Baurichtlinie 2000: heute > 12’000 Baumaschinen

• Kalifornien: 1’200’000 Diesel mit Filter “risk reduction 2000”

• Tokyo: > 500’000 und andere japanische Städte folgen

• Seoul: > 200’000 ab 2008

• New York: Baumaschinen und Kommunalfahrzeuge 2006

• Holland und Dänemark: LEZ in allen grösseren Städten 2007

• Berlin und München: LEZ ab 2007 mit Filterpflicht 2007

• London: 8’000 Busse, BM ab 2008, LEZ ab 2007

• EU - Direktive für Filternachrüstung in Vorbereitung - 2008

• Santiago/Chile rüstet 2000 Busse nach – andere Grossstädte in Lateinamerika folgen

• Schweiz plant Filter für LKW, PKW und Traktoren

Summary and Conclusions

PFS reduce particle emission by > 99%

Careful homologation and selection is needed

Filter onboard control is needed

PFS have long life – no filtration-deterioration

PFS are available for all applications

PFS-cost is acceptable

Ratio of Health Benefit to Cost is > 5

Further Information

• ETH-Konferenz “combustion generated nanoparticles” CD mit Proceedings www.nanoparticles.ethz.ch

• Minimierung der Partikelemissionen Expert-Verlag 2004; ISBN 3-8169-2430-1

• BUWAL-Homepage: www.umwelt-schweiz.ch/buwal

• AKPF-Homepage: www.akpf.org

• DieselNet: www.dieselnet.com

• Nanopartikelmesstechnik: www.matter-engineering.com

• Partikelfilteranwendung: ttm.a.mayer@bluewin.ch