You are on page 1of 7

ROME - MILAN - NAPLES

MEMO
A Da

omissis Av v . Gi ulia Aran g e na

Copia a Data

Fondazione Bitcoin omissis 15 Gennaio 2014

Cliente

NewCo

Oggetto AVVIO SERVIZIO A.T.M. IN ITALIA PER BITCOIN

* [@]coin *

Non riproducibile n modificabile senza autorizzazione del legale

1. Scenario
Attraverso la Fondazione [omissis], siamo entrati in contatto con un operatore
italiano, proveniente da Firenze (di seguito, lOperatore), titolare di un contratto di
acquisto per due apparecchiature automatiche prodotte da [omissis]LLC di Las
Vegas (di seguito, la [@]coin), denominate [@]coin Kiosks (di seguito, i Kiosk).
In data 10 Gennaio 2014, ci stata consegnata copia: (i) della documentazione
contrattuale, parzialmente illeggibile, incompleta, e priva di numeri di pagina; e (ii) di
una disposizione bancaria per parte del prezzo di vendita (calcolato sia per le
apparecchiature che per servizi di assistenza e manutenzione).
2. Criticit
La parziale leggibilit della documentazione ha reso difficoltoso lesame completo del
vincolo negoziale, composto, cos come ogni contratto internazionale, da pi
elementi, e cio, nella fattispecie, da: (a) i termini di vendita; (b) i termini del servizio;
(c) lallegato sullassistenza e la manutenzione e (d) la policy duso del venditore,
Robocoin.

giulia.aranguena@adlpstudio.it

info@adlpstudio.it - www.adlpstudio.it - Part. IVA 10758660582


Via G. DArezzo, 18 - 00198 Roma - Tel. +39 06 85356974 - Fax +39 06 85305395 / Via Camperio, 9 - 20123 Milano - Tel. +39 02 30322590 - Fax
+39 02 30322588 / Via G. Carducci, 19 - 80121 Napoli - Tel. +39 081 416955 - Fax +39 081 418801
Lesame della documentazione va completato con una attenta ricostruzione (anche
2
materiale) del contratto e della relativa corrispondenza scambiata durante la
negoziazione.
Tuttavia, nonostante la lacunosit del supporto documentale e lestrema complessit
sottesa alla natura del Bitcoin - tuttora privo di riconoscimento legale e di disciplina
uniforme - ci viene richiesto, con urgenza, di individuare:

se vi e quale sia il quadro normativo e regolatorio dellattivit economica a


fini di lucro che lOperatore intende realizzare in Italia, attraverso lesercizio
al pubblico dei Kiosk e dei servizi conseguibili con il loro utilizzo, una volta
entrati nel sistema doganale italiano/europeo.

3. Rapporto tra lOperatore e il venditore


Relativamente alle apparecchiature, il contratto si configura come una vendita
internazionale perfezionata con modalit telematiche e a distanza (seppur con
firma elettronica c.d. debole).
Omissis.
Quanto alloperazione di import-export, le difficolt potranno essere superate
attraverso la gestione coordinata delle attivit di un broker doganale specializzato per
le attivit commerciali USA.
Fatti salvi tutti gli ulteriori aspetti contrattuali da doversi approfondire anche in
prospettiva della possibilit di apertura del mercato italiano da parte dellOperatore.
4. Servizi [@]kiosk
Omissis.
Tuttavia, da quanto emerge - in maniera estremamente generale - dallesame del sito
omissis e dai contenuti ivi pubblicati, pu dirsi che loperativit principale dellATM
Robocoin pare essere:

la fornitura allutente di uninterfaccia in grado di consentirgli di acquistare


Bitcoin in cambio di moneta c.d. fiat, e, viceversa, di vendere la
criptovaluta in cambio di denaro contante espresso in una divisa avente
corso legale.

Tale interfaccia consente di canalizzare e di far eseguire allutente, in tempo reale,


lattivit di compra-vendita monetaria verso e da le maggiori piattaforme di exchange
sulle quali si svolge correntemente il trading online con criptovalute (es: MTGOX,
BitStamp, BTCe, Ripple, Kraken, The Rock Trading, per citarne alcune)
Attualmente non sono state analizzate altre funzionalit, n conosciamo:
(i) quali siano le piattaforme di exchange prescelte tra quelle presenti sul
mercato;

giulia.aranguena@adlpstudio.it

info@adlpstudio.it - www.adlpstudio.it - Part. IVA 10758660582


Via G. DArezzo, 18 - 00198 Roma - Tel. +39 06 85356974 - Fax +39 06 85305395 / Via Camperio, 9 - 20123 Milano - Tel. +39 02 30322590 - Fax
+39 02 30322588 / Via G. Carducci, 19 - 80121 Napoli - Tel. +39 081 416955 - Fax +39 081 418801
(ii) se esistono procedure di scelta automatizzata o di sindacazione
3
dellexchange individuabile dallutente per ogni singola operazione;
(iii) se il servizio di compra-vendita avverr con sistemi card-based (carte di
debito/credito), o in contanti, o con altri sistemi;
(iv) quali saranno, nello specifico, i dati che gli utenti dovranno immettere
nel Kiosk per ottenere lesecuzione delloperazione di compravendita,
etc., etc.
Da ognuno di detti aspetti, cos come da ulteriori funzionalit eventualmente presenti
nelloperativit delle apparecchiature, pu derivare un impatto economico e giuridico
sullattivit imprenditoriale che si vuole intraprendere con la proposta al pubblico dei
servizi del [@]kiosk.
5. Attivit realizzabile con lutilizzo degli ATM [@]coin
Volendo limitare lanalisi alla funzionalit di base dei Kiosk anche per ragioni di
urgenza, pu dirsi, alla luce di quanto sopra, che attraverso di essi lutente, senza
lintervento di alcun altro operatore umano, pu svolgere da solo ed in maniera
immediata la compra-vendita istantanea di valuta con corso legale contro Bitcoin e
viceversa.
Ne deriva a nostro parere, salvo diversi e maggiori approfondimenti, che lesercizio
del RoboKiosk consente allutente di ottenere in maniera del tutto automatizzata:

lacquisto o la vendita di valuta a pronti con lapplicazione di un cambio.

In breve, le apparecchiature che lOperatore ha acquistato consentono di erogare al


pubblico dei servizi, secondo noi, del tutto assimilabili, almeno nelle funzionalit di
base, a quelli svolti dai c.d. cambiavalute, dietro il compenso delle previste end-
user fee prelevabili in maniera automatica con unimpostazione sul pannello di
controllo del [@]kiosk.1
6. Cornice dellattivit di esercizio del [@]kiosk
Sulla base della ricostruzione effettuata, e limitatamente alloperativit base dei
[@]kiosk, lattivit economica del soggetto che percepisce le end- user fees, ovvero
che sfrutta in maniera diretta le prestazioni erogabili al pubblico in maniera
automatizzata con tali apparecchiature (a prescindere dal futuro assetto giuridico
della propriet/utilizzo), pare inserirsi nella cornice dellattivit economica svolta
dai cambiavalute.
Formalmente, si definisce come cambiavalute un operatore abilitato alla
compravendita (o negoziazione) a pronti di monete, biglietti di banca e biglietti di
Stato esteri, ovvero abilitato a compiere le operazioni in cambi, ai sensi del vecchio

1 Sulle end user fee sono dovute delle royalties alla [@]coin.

giulia.aranguena@adlpstudio.it

info@adlpstudio.it - www.adlpstudio.it - Part. IVA 10758660582


Via G. DArezzo, 18 - 00198 Roma - Tel. +39 06 85356974 - Fax +39 06 85305395 / Via Camperio, 9 - 20123 Milano - Tel. +39 02 30322590 - Fax
+39 02 30322588 / Via G. Carducci, 19 - 80121 Napoli - Tel. +39 081 416955 - Fax +39 081 418801
Testo Unico Valutario (ancora in vigore seppure interpolato e modificato dopo
4
lingresso nelleuro), con lesclusione di quelle a termine o con opzione.
Tale definizione (derivante dallart. 3.5. del Testo Unico Valutario) datata e risale al
vecchio sistema precedente allintroduzione dellEuro. Ma, con i debiti aggiornamenti
concettuali (necessari in quanto sistema normativo tuttora in vigore), ci sembra
pertinente allattivit che si intende intraprendere con lutilizzo dei macchinari in
questione. E ci sia perch si fa riferimento allo svolgimento di una attivit materiale
di acquisto o vendita di monete a pronti, cio in contanti o comunque
istantaneamente, sia perch vi coinvolta unoperazione di cambio cio di
trasformazione di una valuta in unaltra secondo un rapporto di cambio.
Alle predette considerazione ci inducono:
1) sia lautomazione e limmediatezza con la quale paiono dover avvenire le
transazioni di acquisto-vendita di Bitcoin versus moneta legale o viceversa;
2) sia il coinvolgimento delle piattaforme di exchange - raggiungibili con il
[@]Kiosk - che provvedono al cambio, e quindi alla trasformazione della
criptovaluta in moneta fiat e viceversa secondo il rapporto che, in un dato
momento, esiste tra i volumi di acquisti e vendite sui mercati da queste
intermediati.2
Pertanto, dando per assunto che il Bitcoin sia assimilabile ad una valuta - ancorch
di natura complementare, privata e collegiale, espressa su basi crittografiche -,3 il
servizio erogabile sembra inquadrabile nellattivit dei cambiavalute.
7. Sintesi del regime legale dei cambiavalute

2 Lattivit di intermediazione nei cambi quella che sembrano fare gli exchanger operanti in Bitcoin e
che, probabilmente, sembra potersi attribuire, secondo i parametri del nostro ordinamento, anche alla
[@], quale fornitrice del software che indirizza lutente nella scelta di una piattaforma di cambio
piuttosto che unaltra. Lintermediazione nei cambi, in Italia, legalmente riservata agli intermediari
finanziari, e tale cornice del tutto sfavorevole alla possibilit di sviluppare, senza costi eccessivi di
avvio, lesercizio dei servizi automatizzati conseguibili con le apparecchiature in questione.
3Acquisite le nozioni tecniche sul Bitcoin, la sua natura giuridica comunque attualmente controversa
e non definibile alla luce di parametri legali certi, in difetto di una regolamentazione uniforme o anche
solo di un qualche riconoscimento normativo nazionale.
Affermatosi originariamente come strumento intermediario si scambi virtuali e divenuto,
progressivamente, un titolo rappresentativo di un c.d. right of barter, o diritto al baratto, il Bitcoin nel
2011 viene per la prima volta sottoposto ad un cambio valutario con una moneta avente corso legale.
Da allora gli scambi e le negoziazioni del Bitcoin con valuta fiat sono incrementate fino a costituire dei
mercati discretamente capitalizzati e fino a penetrare la c.d. economia reale o esterna, dalla quale
ormai la criptovaluta entra ed esce in maniera bidirezionale. Pertanto, al di l delle disquisizioni sulla
natura ibrida e non perfettamente monetaria del Bitcoin, a nostro parere, sotto molti aspetti, pu
essere assimilato ad una moneta privata di tipo complementare (alla cui definizione occorre in questa
sede rinviare per ragioni di sintesi).

giulia.aranguena@adlpstudio.it

info@adlpstudio.it - www.adlpstudio.it - Part. IVA 10758660582


Via G. DArezzo, 18 - 00198 Roma - Tel. +39 06 85356974 - Fax +39 06 85305395 / Via Camperio, 9 - 20123 Milano - Tel. +39 02 30322590 - Fax
+39 02 30322588 / Via G. Carducci, 19 - 80121 Napoli - Tel. +39 081 416955 - Fax +39 081 418801
Il regime dellattivit dei cambiavalute stato modificato diverse volte passando dal
5
contesto della normativa valutaria a quello degli intermediari finanziari, e da questo
ad un nuovo e diverso perimetro di regolamentazione.4
A seguito di una riforma strutturale del settore del credito avvenuta a partire dal
2010, il mestiere del cambiavalute stato in un certo senso liberalizzato, seppur non
del tutto svincolato dagli obblighi di legge tanto sullesercizio dellattivit, quanto
sullosservanza degli accorgimenti, ad esempio, in tema di antiriciclaggio e rapporti
con il pubblico, di cui si dir separatamente in altra sede per motivi di sintesi.
Dal 2010 in poi,5 infatti, i cambiavalute (per effetto dellabrogazione dellart. 155,
comma 5 del TUB) non sono pi considerati intermediari finanziari soggetti:
(a) alliscrizione nellapposita apposita sezione dellelenco previsto dallart. 106,
comma 1, del TUB, tenuto (dallUfficio Italiano Cambi fino al 2008) dalla Banca
dItalia;
(b) agli obblighi (informazioni e verifiche prima delliscrizione nellelenco) ai sensi
degli artt. 108 109 (con esclusivo riferimento ai requisiti di onorabilit) e 111
(cancellazione dallelenco) del medesimo TUB;
(c) ai requisiti di vigilanza (es: obblighi di incorporazione in determinate forme
societarie, elevate soglie di capitale iniziale, ecc.).
8. Quadro sintetico dei requisiti
Con lulteriore provvedimento normativo del settembre del 2012,6 l'esercizio
professionale nei confronti del pubblico dell'attivit di cambiavalute, anche su base

4 Fino al 1999 le operazioni in cambi ricadevano totalmente nella normativa valutaria di cui al Testo
Unico gi citato (D.p.r. n. 1988/148, art. 4, commi 4, 5 e 6) ed erano svolte, oltre che dalle banche
(come servizio accessorio inquadrabile nella generica previsione dellart. 2195 n. 2 c.c. dell attivit
intermediaria nella circolazione dei beni), anche da centri di raccolta, ovvero da speciali esercizi
commerciali, i cambiavalute, soggetti a iscrizione nel registro delle imprese (ex art. 2195 c.c.) e a
unautorizzazione a operare a pronti in cambi rilasciata dalla Banca dItalia.
Dopo il 1999 (con lart. 35 del D.lgs. 4.8.1999 n. 342), il mestiere di cambiavalute passa dal regime
delle norme valutarie a quello degli intermediari finanziari e lesercizio della vigilanza, prima in capo
alla Banca dItalia, passa allUfficio Italiano Cambi (soppresso dal 1 gennaio 2008). Con
lemanazione, nel 1999, del nuovo art. 155 (comma 5) del Testo Unico Bancario (TUB), i cambiavalute
sono rientrati nella disciplina degli intermediari finanziari e sono stati definiti come i soggetti che
esercitano professionalmente l'attivit di cambiavalute, consistente nella negoziazione a pronti di
mezzi di pagamento in valuta, sono iscritti in un'apposita sezione dell'elenco previsto dall'articolo 106,
comma 1. A tali soggetti si applicano, in quanto compatibili, le disposizioni degli articoli 106, comma 6,
108, 109, con esclusivo riferimento ai requisiti di onorabilit, e 111. L'iscrizione nella sezione non
abilita a effettuare le altre operazioni riservate agli intermediari finanziari.
5 Ci si riferisce al D.Lgs. 13.8.2010, n. 141 (come integrato dal correttivo ex D.Lgs. 19.9.2012 n. 169)
che ha attuato la direttiva 2008/48/CE relativa ai contratti di credito ai consumatori, ed ha modificato il
titolo VI del testo unico bancario (decreto legislativo n. 385 del 1993) in merito alla disciplina dei
soggetti operanti nel settore finanziario, degli agenti in attivit finanziaria e dei mediatori creditizi.

giulia.aranguena@adlpstudio.it

info@adlpstudio.it - www.adlpstudio.it - Part. IVA 10758660582


Via G. DArezzo, 18 - 00198 Roma - Tel. +39 06 85356974 - Fax +39 06 85305395 / Via Camperio, 9 - 20123 Milano - Tel. +39 02 30322590 - Fax
+39 02 30322588 / Via G. Carducci, 19 - 80121 Napoli - Tel. +39 081 416955 - Fax +39 081 418801
stagionale, ora riservato ai soggetti iscritti in una apposita sezione del registro
6
tenuto dall'OAM (organismo agenti e mediatori previsto dall'articolo 128-undecies del
TUB).
L'iscrizione nel registro subordinata al ricorrere dei seguenti requisiti:
a) per le persone fisiche: cittadinanza italiana o di uno Stato dell'UE, ovvero di
Stato diverso e domicilio nel territorio della Repubblica;
b) per i soggetti diversi dalle persone fisiche: sede legale e amministrativa o,
per i soggetti comunitari, stabile organizzazione nel territorio della Repubblica.
I soggetti iscritti nel registro sono tenuti a trasmettere all'OAM per via telematica le
negoziazioni effettuate.
Il soggetto che esercita lattivit professionale di cambiavalute deve osservare le
specifiche tecniche emanate dal Ministro dell'economia e delle finanze, sentito
l'OAM, per lorganizzazione del sistema di conservazione informatica delle
negoziazioni di valuta da inviare periodicamente allOAM.
L'OAM dispone la sospensione dal registro, non inferiore a tre mesi e non superiore
a un anno, in caso di violazione dell'obbligo di osservanza delle predette specifiche
tecniche.
LOAM dispone la cancellazione dalla sezione del registro, nei seguenti casi:
a) perdita di uno dei requisiti richiesti per l'esercizio dell'attivit;
b) ripetuta violazione dell'obbligo di osservanza delle specifiche tecniche di cui sopra;
c) inattivit' protrattasi per oltre un anno salvo comprovati motivi;
d) cessazione dell'attivit'.
Il Ministero dell'economia e delle finanze vigila sull'attivit dellOAM.
Liscrizione nella sezione presuppone lesercizio professionale dellattivit (che
deve essere espressamente dichiarato e comprovato nella domanda di iscrizione
nellelenco) e non abilita a effettuare le altre operazioni riservate agli intermediari
finanziari.
Al cambiavalute espressamente vietato effettuare operazioni riconducibili ad attivit
riservate ad altri intermediari (a pena di incorrere nel reato di abusivismo
finanziario).
L'esercizio abusivo dell'attivit di cambiavalute punita con una sanzione
amministrativa da 2.065 euro a 10.329 euro emanata dal Ministero dell'economia e
delle finanze.
L'articolo 5, comma 1, lett. b) del D.Lgs. 19.9.2012, n. 169, ha aggiunto al comma 7
dell'art. 10 del D.Lgs. n. 141/2010 (disposizioni transitorie e finali) il seguente

6 Cfr nota precedente. Ci si riferisce al D.Lgs. 19.9.2012 n. 169 che ha inserito lart. 17 bis alla
normativa di riferimento rappresentata dal menzionato dal D.Lgs. 13.8.2010, n. 141.

giulia.aranguena@adlpstudio.it

info@adlpstudio.it - www.adlpstudio.it - Part. IVA 10758660582


Via G. DArezzo, 18 - 00198 Roma - Tel. +39 06 85356974 - Fax +39 06 85305395 / Via Camperio, 9 - 20123 Milano - Tel. +39 02 30322590 - Fax
+39 02 30322588 / Via G. Carducci, 19 - 80121 Napoli - Tel. +39 081 416955 - Fax +39 081 418801
periodo: Si applicano ai cambiavalute gli articoli 11 e 115 T.u.l.p.s. e relative
7
disposizioni di attuazione.
Dal che, salvo approfondimenti, sembrerebbe derivare lobbligo di esercitare lattivit
di cambiavalute sotto una licenza del Questore ai sensi del Testo Unico delle leggi di
pubblica sicurezza, cos come risultante dalle numerosissime riforme intervenute, da
ultimo, anche con il c.d. decreto liberalizzazione e decreto semplificazioni emanati
nellintento di accelerare e semplificare lesercizio delle attivit economiche, in merito
soprattutto alle autorizzazioni rilasciate dalle autorit di pubblica sicurezza.
* * * *
Il suesteso memorandum con tutte le considerazioni ivi espresse non costituisce un
parere pro veritate, bens una mera proposta circa il regime legale ed economico in
cui sembra utilmente collocabile lattivit svolta con le apparecchiature prodotte dalla
[@]coin ed acquistate dallOperatore.
E ci al solo fine di avviare concretamente lattivit economica che deriva
dallesercizio al pubblico dei servizi conseguibili in modo automatizzato delle attivit
valutarie erogate con i [@]kiosk.
Il brevissimo tempo a disposizione, la mancanza di un quadro di riferimento nel quale
ricomprendere la natura giuridica dei Bitcoin, la assoluta novit della tematica
concernente la valuta virtuale hanno reso lesame e la stesura delle osservazioni
innanzi svolte particolarmente difficoltosi; trattandosi, in definitiva, di trovare
ugualmente - in mancanza di chiarezza sulla natura giuridica della criptovaluta - una
collocazione allo svolgimento su basi professionali ed imprenditoriali di unattivit
economica connessa e strumentale alluso dei Bitcoin.
Salvi approfondimenti maggiori, e con riserva di ulteriori considerazioni circa la
possibilit di conseguire i requisiti di esercizio attraverso appositi accordi commerciali
con soggetti eventualmente gi autorizzati, circa gli aspetti derivanti dagli obblighi
antiriciclaggio, nonch su altre questioni rilevanti
Tanto dovevamo.
Cordiali saluti.
Avv. Giulia Arangena

giulia.aranguena@adlpstudio.it

info@adlpstudio.it - www.adlpstudio.it - Part. IVA 10758660582


Via G. DArezzo, 18 - 00198 Roma - Tel. +39 06 85356974 - Fax +39 06 85305395 / Via Camperio, 9 - 20123 Milano - Tel. +39 02 30322590 - Fax
+39 02 30322588 / Via G. Carducci, 19 - 80121 Napoli - Tel. +39 081 416955 - Fax +39 081 418801