You are on page 1of 34

Questo libro e’tratto dalla trascrizione di unantico testo

uno dei quaderni che mia nonna Sara mi ha lasciato in eredita’


testi di antica Magia tradizionale tramandati oralmente di madre
in figlia che ho deciso di trascrivere mettere alla portata di
quanti ambiscono a questo antico sapere inaccessibile per
altre vie prossimamente trascrivero’ad unoa uno tutti i testi
da me ereditati
PREFAZIONE

Questo testo fa parte dell’eredità che mia nonna Sara mi ha lasciato dopo la sua scomparsa; un’intera
collezione di vecchi quaderni scritti a mano riguardanti la magia operativa nozioni introvabili in qualsiasi
grimorio poiché sono state tramandate di madre in figlia per intere generazioni, e annotate in questi qua-
derni che mia nonna custodiva gelosamente, magia tradizionale di campagna come è chiamata nel gergo
esoterico, da me trascritti in digitale su formato pdf.
In questo libro che leggerete ho trascritto uno dei quaderni della mia cara nonna, ma pian piano trascriverò
l’intera collezione di quaderni che mi ha lasciato in eredità.
Nonna Sara donna del sud siciliana, la classica nonnina tranquilla di poche parole, in paese era conosciu-
ta da tutti, ricordo fin da piccolo le tante persone dietro la sua porta, e mi chiedevo sempre il perché tutta
quella gente andasse da lei, crescendo poi cominciai a capire, le persone si rivolgevano a lei per essere aiu-
tate, spesso venivano anche persone da fuori del nord, come li chiamava mia nonna “ dal continente” mia
nonna era stata iniziata alla magia da sua madre, e la mia bis nonna a sua volta anche essa da sua madre, e
così per generazioni.
Crescendo mi avvicinai molto al mondo di mia nonna, e ebbi modo di poter avvicinarmi anche al mondo
del esoterismo, tanto che mia nonna ormai anziana e stanca volle lasciare a me tutti i suoi quaderni e tutto
ciò concerneva il mondo dell’occulto.
Quando decisi di trascrivere tutto e metterlo in rete? Questa decisione è stata inizialmente molto com-
battuta perché un sapere così antico e tramandato oralmente ti fa sentire una fortissima responsabilità su
quello che pensi di voler fare, ma dopo attenti e lunghi ragionamenti arrivai a una conclusione; questo
sapere antico non deve andare perduto ne deve rimanere limitato a poche persone, per il semplice motivo
che ho sempre visto la magia come un arte di tutti, ma non per tutti, il mio pensiero in merito è che cer-
te conoscenze possono essere applicate soltanto da chi ha una sensibilità, volontà, e mentalità elevata o
portata all’evoluzione dell’essere, se una persona sì approccia a questi testi con leggerezza con mancanza
di rispetto non può far altro che fallire miseramente, e trovo ingiusto che per colpa di questa categoria di
persone ignoranti e involute, invece persone con una spiccata predisposizione che ricercano la conoscenza
e l’evoluzione di se stessi, che conoscono e rispettano quello che è il significato e l’essenza della magia
debbano essere penalizzate, quindi decisi di mettere questa conoscenza al servizio di chi comprende il
valore…….

Avvertenze!!!!!

Le avvertenze per quanto riguarda questo testo sono doverose, il testo è stato trascritto in modo integrale
senza togliere ne aggiungere niente, in questo testo sono riportati incantesimi di magia nera, sconsiglio
vivamente di avvicinarsi a questo genere di ritualistica molto potente e pericolosa, questo testo a come
unico e solo scopo quello della conoscenza a chi appassionato di esoterismo e occultismo vuole apprende-
re a livello conoscitivo qualcosa che diversamente non potrà mai conoscere, è vostra ogni responsabilità di
ciò che andrete a fare e come adopererete questo testo, io mi sollevo da ogni responsabilità ripeto il testo è
solo a titolo conoscitivo….
Indice

1. Magia bianca

• Bagno purificatore
• Contro i riti malefici
• Rito per accrescere la propria energia
• Guarigione della corda
• Rituale di protezione

2. Magia rossa

• Legamento del comando


• Legamento di San Antonio
• Filtro dell’unione
• Legamento del cuore
• Legamento superiore

3. Magia nera

• Distruzione rituale funebre


• Distruzione rituale della bottiglia
• Rituale della sofferenza
• Rituale della rottura
• Rito della putrefazione

4. strumenti

• Olio dell’amore sacralizzato


• Olio nero sacralizzato
• Polvere di separazione
MAGIA BIANCA

Bagno purificatore

Fase lunare: luna crescente

Giorno: mercoledì

Ore: notte

Materiali: 4 candele bianche sacralizzate, lenzuolo di lino, o seta, o cotone bianco sacralizzato, sale gros-
so sacralizzato, ametista sacralizzata, salvia, lavanda, e bardana sacralizzate.

Esecuzione:

Preparate una vasca di acqua tiepida nella stanza togliete tutto ciò e di colore nero, mentre riempite la
vasca preparate un lenzuolo di lino, cotone o seta bianco che avete purificato e sacralizzato, attorno ai 4
vertici della vasca mettete 4 candele nuove bianche benedette attorno ogni candela sotto una manciata di
sale grosso messo a cerchio, e fate bruciare della salvia ( o incenso di salvia), dentro l’acqua mettete le
seguenti erbe( salvia, lavanda, bardana) aggiungete sale grosso anche le erbe e il sale vanno sacralizzati,
serve anche un’ametista tutti nudi quando la vasca si è riempita inginocchiatevi e ripetete questa formula:
( in originale e tradotta in italiano ).

iu ca sugnu l’anima lu corpu e lu cori cu lu rispettu di la figghia divota


lassu lu mali fora, spiriti di lu merccoleddì di mercuriu rispettu e devozioni
iu vi portu e vi chiamu cu lu cori e lu pinseru beniriti chissa creatura di acqua
pi l’opira ca aiu compiri sia fattu lu vostru cumpimentu ( si tracciano 3 segni della croce uno sulla fronte
uno sul cuore uno sullo stomaco usando la mano destra, e altri 3 segni della croce a pelo d’acqua)

Io che sono l’anima il corpo e il cuore con il rispetto della figlia devota.
Lascio il male fuori, spiriti di mercoledì di mercurio rispetto e devozione.
Io vi porto e vi chiamo( o invoco) con il cuore e il pensiero benedite questa creatura di acqua
Per l’opera che devo( ho sto compiendo) compiere sia fatto il vostro compimento. ( si tracciano 3 segni
della croce uno sulla fronte uno sul cuore uno sullo stomaco usando la mano destra, e altri 3 segni della
croce a pelo d’acqua)

Dopo essere entrati dentro la vasca prima con il piede sinistro poi con quello destro sdraiatevi immersi e
chiudete gli occhi e immaginatevi che il vostro corpo diventi tutto bianco una luce molto bianca e pensate
a questa luce vi pervada completamente e intensamente, poi mentalmente, e verbalmente ripetete per 3
volte:

lu scuru di la notti nun turbi l anima mia la luci di lu ionnu


purifichi l anima mia
mali di mali lingui , mali di mali pinseri, mali di li mali cristiani
iu ti lassu e chissa creatura di acqua e luci mi lavi lu spiritu e lu corpu
accussi cummannu accussi ie.
Il buio della notte non turbi l’anima mia, la luce del giorno purifichi l’anima mia.
Male delle male lingue, male dei brutti pensieri, male delle persone malvagie.
Io ti lascio questa creatura di acqua e di luce mi lavi lo spirito e il corpo
Così comando cosi è.

Fatevi 3 segni della croce, poi prendete l’ametista e fatela scorrere lungo la fronte il petto lo stomaco e
tracciate 3 segni della croce uno alla fronte, uno al cuore, uno allo stomaco.
Dopo di che immaginate che tutta l’energia negativa ( nel quaderno chiamata “la mala issenza”) si
lavi via da voi, dopo ciò alzatevi dalla vasca lentamente e prima di uscire ringraziate ripetendo queste
parole:

va arringraziu spiriti di meccoleddì di mercuriu


iu vi cunceru pi lu cumannu di la parola e pi la parola di lu cumannu
accussi ie.

Vi ringrazio spiriti di mercoledì di mercurio


Io vi ringrazio e vi congedo, per il comando della parola, e per la parola del comando
Così è.

Uscite dalla vasca prima piede destro e poi piede sinistro


E avvolgete il vostro corpo con il lenzuolo bianco per asciugarlo
Dopo di che fatevi gli ultimi 3 segni della croce testa, cuore, stomaco
E uscite dalla stanza.
Contro i riti malefici

Fase lunare: crescente

Giorno: martedì

Ore: notte

Materiali: 3 candele bianche sacralizzate, una tinozza di terracotta ceramica, aglio, salvia , sale
grosso, sassolini, quadretto di stoffa viola( cotone, lino, seta comunque naturale) una fettuccia di
spago ( canapa, cotone, lana )

Esecuzione:

Prendete una tinozza di terracotta abbastanza ampia da contenere 3 candele che dovranno essere
poste a forma di triangolo non troppo distanti l’una dall’altra
Riempire la tinozza con d’acqua sacralizzata le candele devono essere immerse nell’acqua alla
base per circa 3 dita, nel acqua versate foglie di salvia, aglio macinato, e sale grosso e i sassolini
non tantissimi una manciata, bruciate della salvia ( ho incenso di salvia)
Mettetevi in un luogo tranquillo, togliete tutte le cose nere nella stanza dove opererete, sacra-
lizzate la stanza, sedetevi di fronte alle candele, fatevi e segni della croce, testa cuore, stomaco,
accendete le 3 candele da destra verso sinistra, concentratevi sulla fiamma e pensate all’energia
negativa del sortilegio che da voi va a trasferirsi alla fiamma delle 3 candele concentratevi mol-
tissimo e fissate intensamente le 3 fiamme quasi a vederle fondere in un'unica fiamma e l’ener-
gia negativa che da voi va alla luce delle fiamme
Quando le candele si spegneranno a contatto con l’acqua, fatevi i 3 segni della croce e ripetete
questa formula:

la opira di lu spiritu si compiu e la luci di stu focu mi


puliu, lu mali a chi lu fici a tunnari, pi la parola di lu cumannu accussi ie.

L’opera dello spirito si è compiuta e la luce di questo fuoco


Mi ha purificato, il male a chi lo ha fatto deve tornare
Per la parola del comando cosi è.

Senza toccare l'acqua con le mani togliete le candele i sassolini e le erbe sempre senza toccar-
li con le mani e metteteli nel pezzettino di stoffa viola e annodatelo a formare un sacchettino
quando state per annodare e stringere la fettuccia di spago prima di serrare ripetete:

lu mali incatinatu si nuva in chi lu a generatu


pi la parola di lu cumannu accussi ie

il male incatenato se ne va da chi lo ha generato


Per la parola del comando cosi è.

Serrate il nodo e portate il sacchettino e l’acqua rimasta con voi l’acqua andrà gettata in un
fiume o a mare, il sacchettino va seppellito sotto terra in un luogo lontano da casa sempre in luna
crescente.
Rito per accrescere la propria energia

Fase lunare: crescente

Giorno: lunedì

Ore: notte

Materiali: rosmarino, salvia, sale grosso, pane e vino, acqua sacralizzata

Esecuzione:

in un lunedì di luna crescente recatevi sotto un melo, mettetevi sotto il melo toglietevi le scarpe e rimanete a piedi
nudi non indossate bracciali né anelli, fatevi tre segni della croce testa, cuore, stomaco, attorno all’albero fate un
cerchio con il sale grosso partendo da destra verso sinistra largo abbastanza da starci dentro anche voi, e fate bru-
ciare sempre dentro il cerchio vicino all’albero della salvia( incenso di salvia) poggiare le mani nel tronco dell’al-
bero e ripetete se potete oralmente se non vi è possibile mentalmente questa formula per 3 volte :

tu criatura di la terra ca di lu spiritu di lu divinu criaturi si figghia


ca li to radici sunu li radici sui, attravessu chissu cicculu di divuzioni
pi lu cumannu di to patri ca ti resi la vita, servi su servitori, pi binirizioni do creaturi
rammi la fozza di li radici tui, lu spiritu di la to linfa
ca lu ventu di lu scuru non aiu di timiri
donimi lu fruttu di lu patri tuu l’altissimu criaturi
u patri u figghiu e u spiritu santu
pi la parola di lu cumannu accussi ie

tu creatura di terra che dello spirito del divino creatore sei figlia
che le tue radici sono le radici sue, attraverso questo cerchio di devozione
per comando di tuo padre che ti ha dato la vita, servi questo servitore
per le benedizioni del creatore, dammi la forza delle tue radici e lo spirito della tua linfa, affinché il vento
dell’oscurità non dovrò più temere
donami i frutti di tuo padre l’altissimo creatore
il padre il figlio e lo spirito santo
per la parola del comando cosi è.

Dopo di ciò immaginatevi una luce bianca che dal albero passando per il nudo suolo risale a voi fondendo que-
sta luce in un tutt’uno con l’albero stesso, alla fine di questa operazione tracciate 3 segni della croce sul tronco
dell’albero e staccate le mani passate i fumi dell’incenso di salvia sul tronco dell’albero e ripetete questa formula:

ringraziu a tia creatura di la terra con chisti doni


di cori pi virtù di lu padri figliu e spiritu santu amen

ringrazio te creatura della terra con questi doni


di cuore per virtù del padre del figlio e dello spirito santo amen

spargete l’albero e i sui frutti con l’acqua sacralizzata staccate una mela dall’albero dopo averla staccata lasciate ai
piedi dell’albero il pane e il vino e una manciata di rosmarino tutta attorno all’albero, fatto questo fatevi i 3 segni
della croce e mangiate la mela spezzate il cerchio e l’incanto è concluso.

Guarigione della corda

Fase lunare: crescente

Giorno: lunedì

Ore: indifferente

Materiali: corda di canapa sacralizzata, olio d’oliva sacralizzato, 2candele bianche sacralizzate

Esecuzione:

si fa stendere la persona in un lettino o comunque in una superficie piana , togliere tutte le cose nere dalla
stanza, si andrà ad accendere una candela bianca e si pone su un tavolino, dopo di che si fanno 3 segni della
croce testa, cuore, stomaco, si prende l’olio sacralizzato e si tracciano 3 segni della croce sulla fronte, 3 sul
cuore , e 3 sullo stomaco della persona da curare, e si ripetono queste parole:

cun la binirizioni di chissa creatura di ogghiu santificatu pi l opira dillu spiritu santu e li virtu di l angili do
cielu cu l approvazioni di l altissimu ca e nei cieli e do figghiiu su ca
vinni pi espiaari li nostri peccati, iu poggiù la mia manu biniritta supra lo tu male ca lu spiritu di l’altissimu
sia la to medicina e la tua vuluntà sia la chiavi ca rapi li porti.

Con la benedizione di questa creatura di olio santificato per l’opera dello spirito santo
E le virtù degli angeli del cielo con l’approvazione dell’altissimo che è nei cieli e di suo figlio che è venuto a
espiare i nostri peccati, io poggio la mia mano benedetta
Sopra la tua parte malata, che lo spirito dell’altissimo sia la tua medicina e
La tua volontà sia la chiave che apre le porte.

Dopo aver ripetuto questa formula per tre volte tenendo le mani sopra la parte da curare preparate la corda,
prendetela e innalzatela e ripetete:

Chissà è u mezzu lu presentu a tia e alli sacri spiriti, altissimu


Ca la to manu di focu binirica chissà creatura di corda
Chissà e u menzu chissa e a vuluntà chissa e a salvezza,
chissà e la parola di lu cumandu accussi ie.

Questo è il mezzo lo presento a te e ai sacri spiriti altissimo


Che la tua mano di fuoco benedica questa creatura di corda
Questo è il mezzo, questa e la volontà, questa è la salvezza
Questa è la parola del comando cosi è.

dopo aver ripetuto questa formula portare la corda sopra la parte inferma avvolgendola
chiudere gli occhi e pensare che un energia nera esca dalla parte infetta e che si trasferisca alla corda,
operazione che dovrà fare anche l’infermo nella sua mente concentrarsi intensamente, quando nella visualiz-
zazione vedrete tutta l’energia incanalata nella corda
sciogliete la corda e mettendo la corda lontano dal corpo mettete la corda in condizione di essere annodata
senza toccarla al centro, ma solo alle due estremità, prima di serrare il nodo ripetete:
ora ca lu mali ie fora di sta creatura lu legu in catini e focu chi non possa chiu fari mali a chista creatu-
ra, spiriti di l’altissimu lu cunsignu allu sacru focu ca brucia ogni mali
pi la devozioni di lu vostru sirvituri, e pi lu beni ti criaturi accussi ie

Ora che il male e fuori da questa creatura lo


Lego in catene e fuoco che non possa più fare male a
Questa creatura spiriti dell’altissimo lo consegno
al sacro fuoco che brucia ogni male
per la devozione del vostro servitore e per il bene
delle creature cosi è

dopo di che serrate la corda e bruciatela sulla fiamma della candela,


fatto ciò prendete un'altra candela sacralizzata accendetela e passatela per 3 volte( facendo attenzione a
non versare la cerca calda o bruciare la persona inferma) vicino la parte inferma sopra verso sotto e poi
fatevi3 segni della croce spegnete la candela e
raccogliete le ceneri della corda che andranno buttate in mare o in un fiume.
Rituale di protezione

Fase lunare: piena

Giorno: lunedì

Ore: notte

Materiali: 2candela bianca sacralizzate, olio d’oliva puro sacralizzato, pergamena vergine, inchiostro sacra-
lizzato, salvia( incenso di salvia) sale grosso, acqua sacralizzata, corteccia di betulla o quercia, ramoscello
l’olivo, rosmarino, tavolo rotondo di legno,specchio,incensiere, calice di vino, pane

Esecuzione:

dopo aver fato un bagno purificatore e aver digiunato un giorno


In una notte di luna piena vestiti totalmente di bianco recatevi in un posto all’aperto dove i raggi della luna
possono arrivarvi, preparate un tavolo rotondo fatto in legno, collocateci al centro uno specchio rotondo
attorno collocate partendo da est la salvia che brucia( incenso di salvia) a sud una candela a ovest l’acqua, e
a nord il sale grosso, preparatevi mentalmente, fatevi tre segni della croce ( testa, cuore, stomaco) e ripetete
questa orazione per 3 volte:

in chista sira di luna china mi presento ( nome cognome e data di nascita se la sapete anche l ora di nascita)
che li forzi dellu cielu mi sianu testimoni ca li 12 chiavi aprinu li 12 porti,
davanti lu tronu di l’altissimu, pi la vostra protezioni iu vi chiamu , che l opira sia u mezzu
e chi lu mezzu sia l opera, accussi ie

In questa sera di luna piena mi presento ( nome cognome e data di nascita se la sapete anche l ora di nascita)
che le forze del cielo mi siano testimoni che le 12 chiavi aprano le 12 porte davanti al trono dell’altissimo,
per la vostra protezione io vi chiamo, che l'opera sia il mezzo e che il mezzo sia l’opera, così è

Dopo aver finito l’orazione incamminatevi verso il tavolo e sedetevi


Prendere il foglio di pergamena opportunamente tagliato a forma rotonda
Di dimensione inferiore al palmo della vostra mano
Ungetevi le mani e scrivete con l’inchiostro
Il vostro nome cognome data di nascita e l’ora della vostra nascita
Se lo sapete, e dopo che si è asciugato ungetelo facendo 3 segni della croce
dal lato opposto tracciate la seguente figura:
Dopo aver tracciato il talismano mettete nell’incensiere( o un vaso di terracotta) la salvia, il
rosmarino, la corteccia di betulla( quercia) e quando questi inizieranno a bruciare passare per 3
volte il talismano tracciando in aria il segno della croce, e procedete con l’avvicinare
Il talismano nel punto cardinale est ripetendo questa orazione:

pruttitturi di lu ventu vi presentu


chistu pattu ciusciati l’alitu di la vita
spazzati via lu mali da l’anima mia
beniritti vuoi siti

protettori del vento vi presento


questo patto soffiate l’alito della vita
spazzate via il male dell’anima mia
siate benedetti.

Poi proseguite nel passare il talismano nel punto cardinale sud sul fuoco( attenzione a non bru-
ciarlo) e ripetere la seguente orazione:

prutitturi di lu focu vi presentu


chistu pattu illuminatimi la via
e bruciati lu mali di l’anima mia
biniritti vui siti
protettori del fuoco vi presento
questo patto illuminatemi la via
e bruciate il male dall’anima mia
siate benedetti.

Poi proseguite nel passare il talismano nel punto cardinale ovest sull’acqua
e ripetere la seguente orazione:

pruttituri di l’acqua vi presentu


chistu pattu ca li ondi di lu
mari siaunu la culla di lu me spiritu
e ca lu mali veni travoltu da timpesta
biniritti vui siti

protettori dell’acqua vi presento


questo patto che le onde del
mare siano la culla del mio spirito
e che il male sia travolto dalla tempesta
siate benedetti.

Poi proseguite nel passare il talismano nel punto cardinale nord sul sale
e ripetere la seguente orazione:

pruttituri dilla terra vi presentu


chistu pattu, ca li radici di la
vostra maisranza mi guidinu
e ca fozza di li vostri trimuri
a fari trimari li me nemici
biniritti vui siti.

Protettori della terra vi presento


Questo patto che le radici
Della vostra maestria mi guidino
E che la forza dei vostri tremori( terremoti)
Faccia tremare i miei nemici
Siate benedetti.

Dopo aver eseguito queste operazione poggiate il talismano sulla fronte per un paio di secondi visualizzando
una luce bianca che da voi passa al talismano inondandolo di luce e dal talismano ritorna a voi ancora più
luminosa fate lo stesso sul petto e sullo stomaco, finito ciò ringraziate i 4 elementi con questa orazione:

Ringraziu a vui 4 prutitturi di li 4 casi di lu munnu


Cu la binirizioni di la divina manu vi cunceru
Biniritti vui siti nei seculi de seculi amen.
Ringrazio voi 4 protettori della 4 case del mondo
Con la benedizione della divina mano
Vi concedo, siate benedetti nei secoli dei secoli amen

Dopo aver fatto questo sedetevi di fronte allo specchio e accendete una candela bianca proprio tra voi
e lo specchio concentratevi e poggiate il talismano alla base dello specchio
Ora concentratevi sulla vostra immagine fissatela in modo che la fiamma della candela sia proiettata
ella vostra immagine allo specchio e concentrandovi visualizzate una potente luce bianca che perva-
de lo specchio e assimili il talismano come a fondersi con esso e ripetete questa orazione per 3 volte:

chissa è la potta di li porti, lu sigillu di la luci


logu senza tempu la dimora di lu santu spiritu
mi presentu cu chistu pattu di alleanza

questa e la porta delle porte il sigillo


della luce luogo senza tempo la dimora del santo spirito
mi presento con questo patto si alleanza

detto questo recitate delle parole a vostro piacimento parole


di devozione e rispetto al mondo degli spiriti e chiedete protezione
fatto ciò fatevi 3 segni della croce( testa ,cuore ,stomaco) e ripetete questa
orazione:

chi la porta di li porti si chiura


lu sigillu di la luci toni alla luci
pi la gloria di l’altissimu
pi la parola di lu cumannu accussi ie

che la porta delle porta si chiuda


che il sigillo della luce torni alla luce
per la gloria dell’altissimo
per la parola del comando cosi è.

Dopo aver fatto questa operazione fate gocciolare


Qualche gocciolina di cera nel retro del talismano dove è impresso il vostro nome
E ripassatelo 3 volte sui fumi del incensiere( o vaso di terracotta) fatto questo prendete il ramoscello
di ulivo e i 3 noccioli di ulivo, prendete il ramoscello e passatelo nel olio santificato e tracciatevi un
segno della croce nel centro del petto dicendo:

da stu mumnetu in poi iu biniricu chista creatura ( nome cognome data di nascita e ora se la sapete)
nu pi manu mia ma pi manu di l’altissimu e di lu santu spiritu
( toccandovi la mano destra con il ramoscello) lu ventu , (toccatevi il ventre con il ramoscello) lu
focu (toccatevi la mano sinistra con il ramoscello) l’acqua (toccatevi la fronte con al bacchetta) la
terra pi lu pattu prisintatu chistu è lu vuliri chista e a vuluntà chistu
E u cumannu tu ca si l’altissimu proteggi sa creatura ca ogni mali non possa nociri intra a casa di lu
suli, di li 4 prutitturi, pa parola do cumannu accussi ie amen.
Da questo momento in poi io benedico questa creatura
(nome cognome data di nascita e ora se la sapete)
No per mano mia ma per mano dell’altissimo e del santo spirito
( toccandovi la mano destra con il ramoscello) il vento, (toccatevi il ventre con il ramoscello) il fuoco
(toccatevi la mano sinistra con il ramoscello) l’acqua (toccatevi la fronte con al bacchetta) la terra per il
patto presentato questo è il volere questa è la volontà
Questo è il comando, tu che sei l’altissimo proteggi questa creatura che nessun male
Non possa nuocermi ( nuocergli se eseguite il rito su qualcun altro) dentro la casa del
Sole dei 4 protettori , per la parola del comando così è.

Fatto questo preparate il vino e il pane poggiatelo al nudo suolo come ringraziamento
Fatevi 3 segni della croce( testa, cuore,stomaco) e il rituale e concluso portate sempre con voi il talisma-
no.
MAGIA ROSSA

Legamento del comando

Fase lunare: piena

Giorno: venerdì

Ore: notte

Materiali: rosa rossa (Il fiore) edera(foglie) Una candela nera, Un nastro nero, l’immagine di una santa o
un santo a voi caro, foglio di pergamena, inchiostro, 3 monete, latte, pane, interiora di gallina.

Si procede scrivendo sulla pergamena questa formula:

I to pinseri a mia su legati, mi pensirai di ionnu, e di notti,


Tutti li mumenti, non potrai chiu fari nenti picchi di mia e la tu menti
Pi la parola di lu cumannu accussi ie

I tuoi pensieri a me sono legati, mi penserai di giorno e di notte.


Tutti i momenti, non potrai più fare niente perché mia e la tua mente.
Per la parola del comando cosi è.

Dopo di che scrivere nome cognome e data di nascita ( se si sa l’ora di nascita)della persona da legare e
ungere con l’olio sacralizzato tracciando 3 segni della croce, dopo aver scritto
Il suo nome sputare sopra lo scritto, se si possiede qualche testimone ( capelli, sangue, foto) usateli, dopo
aver fatto questo procedimento prendere la rosa e l’edera e metteteli in mezzo alla pergamena se avete il
testimone incorporatelo alla pergamena sigillate il tutto con la cera della candela nera dopo aver sigillato
mettete la foto del vostro santo e annodate la pergamena assieme alla figura del santo con 9 nodi, inginoc-
chiatevi e ripetete una preghiera al santo.

San…. ti chiedo sta grazia cu la fozza di la devozioni


Ca la pissona di mia amata a mia sia legata, cu la forza dilla vulutà.
Si compia sta sacralità si binirittu san…… e chissu e lu donu di
La mi divozioni pi la parola di lu cumannu accussi ie.

San …. ti chiedo questa grazia con la forza della devozione


Che la persona da me amata a me sia legata, con la forza della volontà.
Si compia questa sacralità, si benedetto san….Questo è il dono.
Della mia devozione per la parola del comando così è.

Fatto ciò seppellite la pergamena assieme a 3 monete, lasciate nel luogo dove l’avete seppellita il latte il
pane e le interiora di gallina il rito è concluso se vorrete slegare la persona dovrete disseppellire tutto e
snodare la pergamena e bruciare tutto.
Legamento di San Antonio

Fase lunare: piena

Giorno: venerdì

Ore: notte

Materiali: cuore di gallina( reperibile nelle macellerie) candela rossa, candela nera, buccia d’arancio, rosa
con le spine, testimone della persona da legare, ( capelli, foto, sangue, unghie, vestiti).
Statuetta di paglia, corda rossa, corda nera, petali di rosa secchi( o incenso di rosa)
Verbena, olio sacralizzato. Pergamena, inchiostro, tessuto rosso(cotone, lino, seta).

Vestitevi di rosso per eseguire questo legamento, accendete le candele rossa e nera, la candela nera deve
essere più piccola della candela rossa concentratevi sul vostro intento visualizzate la persona che volete le-
gare nella vostra mente, immaginatevi che soffra senza di voi e che torni da voi e che una corda lo leghi
al vostro braccio destro la corda dovrà partire dal vostro braccio, fino a lui avvolgendolo tutto in modo
serrato, questa e la visualizzazione)
Fatto questa visualizzazione ci si traccia un segno della croce sulla fronte uno sul cuore e un segno della
croce su ogni mano, si procede con lo scrivere sul foglio di pergamena nome cognome data di nascita e
ora di nascita se la sapete, fatto questo si unge il foglio con l’olio
Sacralizzato dicendo queste parole:

iu ti nominu tu si ( i dati della persona) questo per 3 volte deve essere ripetuto

Io ti nomino tu sei (i dati della persona) questo per 3 volte deve essere ripetuto.

Fatto ciò accendete l’incensiere e mettete i petali della rosa secca e la verbena.
E passateci sopra il foglietto di pergamena, procedete con il fare gocciolare il sangue del cuore di gallina
sopra la pergamena.
Fatto questo prendete la statuetta di paglia e passate anche essa sulle fumigazioni per qualche minuto
rimanendo concentrati.
Dopo aver seguito alla perfezione questi passi inserite i testimoni dentro la statua di paglia (più testimoni
avete meglio è) fate gocciolare del sangue del cuore della gallina ora prendete un altro foglio di pergame-
na e scrivete una preghiera di ringraziamento a san Antonio con la vostra richiesta di legamento, e appena
avete fatto questo inseritela nella testa della dagida di paglia, dopo ciò sigillate con la cera nera dove avete
inserito il testimone e poi fategli colare la cera rossa, invece dove avete inserito la richiesta fate colare
della cera rossa. Spargete ancora una volta nelle fumigazioni di rosa e verbena per 10 -15 minuti sempre
visualizzando il risultato del vostro sortilegio. Fatto tutto questi procedimenti si prendono le 2 corde nera
e rossa e si intrecciano insieme e si lega con nove nodi la bambola di paglia tutta avvolta recitando questa
formula:

O san antoniu gigliu binirittu figliu dillu splenduri


iu ti chiamu cu l’inteccisioni di lu patri altissimu che tu cu
La tu putenti manu possa ligari a mia ( nome cognome data di nascita ora di nascita se la conoscete) pi li
doni di vui immaculatu binirittu santu
Conciritimi sta grazia o beatu che (nome cognome data di nascita ora di nascita se la conoscete) sia ligati
a mia pi sempri chi non possa chiu fari a menu di mia non a di durmiri, ne di mangiari, a mia devi sempri
sugnari, che non si possa chiù ribellari
Alla vostra mano, o santu delli miraculi sta grazia chiedu a tia picchi tuttu ti è possibili.
Beato, miraculusu, gligliu immacolato (nome cognome data di nascita ora di nascita se la conoscete) lega-
to pi sempri a (nome, cognome, data di nascita, ora di nascita se la conoscete).
A di essiri, e alla mia vuluntà sa piegari, tu sia binirittu pi chista grazia nei secoli dei secoli amen.

O san Antonio giglio immacolato figlio dello splendore.


Io di invoco con l’intercessione del padre altissimo
Possa tu con la tua potente mano legare a me (nome, cognome, data di nascita, ora di nascita se la conoscete)
per i vostri doni immacolato benedetto santo.
Concedimi questa grazia o beato che (nome cognome data di nascita ora di nascita se la conoscete) sia legata
a me per sempre che non possa più fare a meno di me, che non dorma , non mangi, a me deve sempre sogna-
re che non si possa più ribellare alla vostra mano
O santo dei miracoli questa grazia ti chiedo, a te perché tutto ti è possibile beato, miracoloso
Giglio immacolato (nome cognome data di nascita ora di nascita se la conoscete) legato per sempre a (nome
cognome data di nascita ora di nascita se la conoscete) deve essere alla mia volontà si deve piegare, sia tu
benedetto per questa grazia nei secoli dei secoli amen.

E la si ripone sopra un tessuto rosso e la si cosparge di petali di rose e bucce d’arancio, si chiude il tessuto
e si lega con la corda rossa e sopra gli si fa colare la cera rossa dove c’è il nodo che la chiude si seppellisce(
preferibilmente sotto una pianta di rosa, o se non si può procedere mettendo nel punto dove è sepolta delle
rose e delle bucce d’arancio
Quando seppellite il tutto recitate una preghiera a san Antonio.
E il giorno dopo andate in chiesa e accendete 3 candele bianche al santo e fate un ulteriore preghiera.
Filtro dell’unione

Fase lunare: crescente

Giorno: venerdì

Ore: notte

Materiali: pentolone di terracotta, vino rosso, croce fatta in legno( di rosa, di fico) corallo, o in pietra lavica,
miele, ribes rosso( in alternativa mela) testimone della persona da colpire, e un vostro( o della persona che
commissiona il rito) testimone( sangue, capello) 4 candele rosse sacralizzate.

In una notte di venerdì vestiti di rosso, preparate il pentolone con il vino e attorno al pentolone mettete le 4
candele a forma di croce una per ogni punto cardinale del pentolone
Dopo di che rilassatevi il più che potete e accendete il fuoco( assicurarsi che il pentolone sia adatto a poter
stare sul fuoco per evitare incidenti, il vino surriscaldandosi se il pentolone non e adatto per la cottura potreb-
be spaccarsi riversandovi il vino bollente addosso ATTENZIONE) mettere nel pentolone il testimone della
vittima( suoi capelli) assieme inserite anche il vostro testimone(un vostro o della persona che commissiona il
rito a voi capello, una goccia di sangue) mentre il vino cuoce a fiamma bassa concentratevi e visualizzate la
persona da legare sentite il desiderio che lei sia legata a voi immaginatevi scende d’amore baci appassionati
con lei visualizzate di farci l’amore in modo intenso, man mano introducete il resto degli ingredienti dentro
il pentolone, quando il vino comincia a bollire fatevi 3 segni della croce( testa, cuore, stomaco) e indirizzate
con volontà, e fede in quello che fate delle preghiere fino a che il vino non sarà evaporato per metà a poco
più del suo volume, prendete il vino togliete i composti solidi, la croce e il frutto, imbottigliatelo in una bot-
tiglietta con il vetro scuro e mettetela nel cibo della persona da legare, mettetela fino a che non cominciate a
vedere gli effetti ( mettetene poco per volta) per massimo 1 mese.
Riporterò qui delle preghiere che mia nonna Sara aveva appuntate e usava per questo rito, ma potete usare
preghiere vostre e richieste che vengono da voi, la cosa fondamentale e la volontà e la fede in quello che
volete ottenere.

Comu lu cielu e lu suli, comu lu cori e lu sangu


Comu giuseppi e maria uniti uniti ama essiri
Iu ti unicsu a mia pi sempri cu la forza dilla vuluntà,
Per la fedi di chista opira tu ( nome cognome data di nascita e ora di nascita se la sapete) a ( il vostro e quello
di chi ha commissionato il filtro nome cognome data di nascita e ora di nascita se la sapete) pi sempri sia
ligata comu lì radici e la terra, comu giuseppi e maria
Lu to cori unitu a lu me cori, pi la parola di lu cumannu accussi ie….

Come il cielo e il sole, come il cuore e il sangue.


Come Giuseppe e Maria uniti dobbiamo essere.
Io ti unico a me per sempre con la forza della volontà.
Per la fede nell’opera tu ( nome cognome data di nascita e ora di nascita se la sapete) a ( il vostro e quello
di chi ha commissionato il filtro nome cognome data di nascita e ora di nascita se la sapete) per sempre sia
legata come le radici e la terra, come Giuseppe e Maria
Il tuo cuore unito al mio cuore, per la parola del comando così è.

La formula e scritta in prima persona come se il rito doveste eseguirlo per voi, ovviamente se l’eseguite per
qualcun altro userete la formula in 3 persona, la formula e facoltativa usate parole vostre la cosa importante e
rispettarne la forma il valore, usare parole che esprimano unione.
Legamento del cuore

Fase lunare: crescente

Giorno: venerdì

Ore: notte

Materiali: 9 candele rosse sacralizzate, 4 candele piccole rosse, piattino d’argento, rose, verbena( incenso di
verbena) incenso di rosa, 9 spilli con la capocchia rossa, cuore di gallina.
Foto della persona da legare, foto della persona che commissiona il rito, pergamena, olio dell’amore sacra-
lizzato ( in questo libro nella sezione strumenti riporterò scritto la formula per la sua preparazione).

Mettete il piatto d’argento al centro di un tavolo possibilmente rotondo, per celebrare il rito il vestiario deve
essere rigorosamente rosso, e dalla stanza deve essere tolto tutto ciò che è nero, sotto il piattino mettere i
petali di molte rose, fatto ciò accendete l’incenso sia di rosa che di verbena, al suolo a una certa distanza
da voi mettete le 9 candele tutte a cerchio( mi raccomando la sicurezza prima di tutto, togliete tutto ciò e
infiammabile e fatelo in sicurezza) dentro il piattino posizionate a giro le 4 piccole candele rosse, procedete
facendovi 3 segni della croce ( testa, cuore, stomaco) si procede il prendere la pergamena e passarla per 9
volte al fumo dei 2 incensi, fatto questo scrivete il nome il cognome la data di nascita e l’ora di nascita se la
sapete della persona che volete legare fatelo con un inchiostro rosso, procedete a ungere la pergamena con
l’olio dell’amore facendo 3 croci sul suo nome dicendo queste parole:

criatura criatura iu ti batezzu tu si (nome, cognome, data di nascita, ora di nascita se la sapete) accussi ie.

Creatura creatura io ti battezzo tu sei (nome, cognome, data di nascita, ora di nascita se la sapete) cosi è.

Fatto ciò si sputa sulla pergamena si prende la foto della persona da legare e si tiene stretta nella mano sini-
stra per un paio di minuti pensando alla persona, fatto ciò si unge anche la foto con l’olio sacralizzato con
tre segni della croce e si sputa sulla foto, si procederà con mettere la foto sopra la pergamena, poi prendete
la foto della persona che ha commissionato il legamento o in caso siete voi stesso la vostra, e mettetela sulla
foto della persona da fatturare e prendere gli spilli dalla capocchia rossa e conficcateli a unire le 2 foto e la
pergamena, a ogni spillo ripetete questa formula:

cu lu primu l’opira inizia


cu lu secunnu la vuntuntà e sovrana
cu lu terzu l’opira è muvuta
cu lu quartu lu puteri e suvranu
cu lu quintu l’opira e viva
cu lu sestu e compimentu
cu lu settimu guardu lu mutamentu
cu l’ottavu lu ristinu e compiutu
cu lu nonu accussi iè

Con il primo l’opera inizia


Con il secondo la volontà è sovrana
Con il terzo l’opera si muove
Con il quarto il potere è sovrano
Con il quinto l’opera e viva
Con il sesto è compimento
Con il settimo guardo il mutamento
Con l’ottavo il destino è compiuto
Con il nono così è

Fatto questo passaggio prendete il cuore di gallina e incidetelo a forma di croce sopra le foto affinché il
sangue goccioli sulle foto e quando il sangue cade ripetete:

Chistu e lu pattu pi l’opira mia che lu sangu sia lu sigillu di lu ligamentu


Che l’opira mia sia rializzata ca la forza di la mia vuluntà e di la fidi
Sia fotti chiamu a tia all’obbirienza (nome, cognome, data di nascita, ora di nascita se la sapete) ca tu
sia legata a (nome, cognome, data di nascita, ora di nascita se la sapete) pi la forza di lu cumannu accus-
si ie.

Questo e il patto per l’opera mia che il sangue sia il sigillo di questo legame
Che l’opera mia sia realizzata che la forza della mia volontà e della fede
Sia forte chiamo te all’obbedienza (nome, cognome, data di nascita, ora di nascita se la sapete) che tu
sia legata a (nome, cognome, data di nascita, ora di nascita se la sapete) per la forza del comando cosi è.

Proseguite con il passare per 9 volte nei fumi dei 2 incensi, dopo di che riponete nel piattino e mettete
altri petali di rosa sopra la pergamena con le foto, e chiamate per 99 volte il nome della persona che
volete legare con questa formula:

(nome, cognome, data di nascita, ora di nascita se la sapete) sia ligata a (nome, cognome, data di nasci-
ta, ora di nascita se la sapete) accussi ie.

(nome, cognome, data di nascita, ora di nascita se la sapete) sia legata a (nome, cognome, data di nasci-
ta, ora di nascita se la sapete) così è.

Spegnete le candele e fatevi 3 segni della croce, non toccate nulla spegnete solo tutte le candele senza
muoverle dal loro posto, ogni giorno alla stessa ora per 9 giorni riaccendete le candele e gli incensi e
richiamate con la formula soprascritta la persona per 99 volte, allo scoccare del 9 giorno bruciate la per-
gamena e le foto nella fiamma delle candele e mettete la cenere vicino casa della persona da legare sotto
il tappeto, nel suo pianerottolo, comunque molto vicino a lei o lui.
Legamento superiore

Fase lunare: crescente

Giorno: venerdì

Ore: notte

Materiali: olio dell’amore, 9 candele rosse sacralizzate,dischi di cera vergine pura, tinozza o tazza d’ar-
gento, coltello d’argento( in alternativa potete sostituirli con il rame no ferro o piombo) acqua sacralizza-
ta, incensi di timo, verbena, e rosa, ramoscello di rosa, ramoscello di timo, verbena in foglie, timo, testi-
mone della persona da legare, testimone di chi commissiona il legamento, foto della persona da legare e
foto della persona che commissiona il legamento, sacchettino di seta,cotone, corda di fibra naturale rossa,
candela di cera vergine sacralizzata.

Prima di questo rituale dovrete fare un bagno purificatore e dovete avere un giorno di digiuno alle spalle (
o aver mangiato solo miele )
Preparate tutto l’occorrente e togliete dalla stanza qualsiasi cosa nera il tavolino dove eseguirete il rito
deve essere di legno no metallo, preparate le 9 candele messa al suolo a cerchio( mi raccomando sempre
la sicurezza) accendetele fatevi 3 segni della croce e procedete a iniziare il rito, nel tinozza mettete l’ac-
qua sacralizzata, accendete gli incensi,
Dentro l’acqua sacralizzata mettete petali di rosa verbena e timo,accendete la candela di cera vergine sa-
cralizzata, si procede prendendo i 2 dischi di cera vergine prendete la foto della persona da legare battez-
zatela tracciando 3 segni della croce con l’olio dell’amore sacralizzato usando le seguenti parole:

criatura criatura iu ti batezzu tu sì (nome, cognome, data di nascita, ora di nascita se la sapete) accussi ie.

Creatura creatura io ti battezzo tu sei (nome, cognome, data di nascita, ora di nascita se la sapete) cosi è.

Fatto ciò mettete la foto sopra il disco di cera assieme al testimone se lo avete, e procedete con il mettere
sopra facendo combaciare le foto la foto di chi ha commissionato il rito, fatto questo se il rito e per voi
fate gocciolare una goccia del vostro sangue sulle foto, altrimenti basterà un capello della persona che ha
commissionato se avete i capelli sì entrambe le persone intrecciateli assieme, il passo successivo e quello
di chiudere i due dischi di cera vergine spargerli con l’acqua sacralizzata, passarli 9 volte sui fumi degli
incensi, e tracciargli sopra 3 croci con l’olio dell’amore, tatto ciò chiudete gli occhi e immaginatevi di
fare intensamente l’amore con la persona che volte legare se il rito e per voi, diversamente procedete
direttamente al passo successivo, prendete la candela di cera vergine e con la fiamma chiudete facendo
sciogliere la cera dei due dischi lungo tutto il bordo in modo da saldare un disco all’altro, fatto ciò con il
coltello d’argento incidete sul retro del disco sigillato queste parole:

viniti dalla vostri santa dimora altissimu adonay cu la nostra vuluntà

Venite dalla vostra santa dimora altissimo adonay con la nostra volontà

Procedete a ripassare il disco di cera sul fumo degli incensi e a spargerlo con l’acqua sacralizzata, fatto
questo prendere il ramoscello di rosa e di timo,e la verbena e metterli sopra il disco di cera e fare una pre-
ghiera impostata a parole vostre con volontà e fede nell’opera che state compiendo fatto questo prendere
il disco e le erbe e mettetele dentro il sacchettino e legate con 9 nodi a ogni nodo ripetere questa formula:
cu lu primu l’opira inizia
cun lu secunnu la vuntuntà e sovrana
cu lu terzu l’opira è muvuta
cu lu quartu lu puteri e suvranu
cu lu quintu l’opira e viva
cu lu sestu e compimentu
cu lu settimu guardu lu mutamentu
cu l’ottavu lu ristinu e compiutu
cu lu nonu accussi iè

Con il primo l’opera inizia


Con il secondo la volontà è sovrana
Con il terzo l’opera si muove
Con il quarto il potere è sovrano
Con il quinto l’opera e viva
Con il sesto è compimento
Con il settimo guardo il mutamento
Con l’ottavo il destino è compiuto
Con il nono così è

Fatto ciò passare ancora una volta il tutto sui fumi degli incensi , si procederà a spegnere tutte le
candele e a seppellire il tutto sotto un cespuglio di rose o se non si può procedere si seppellirà in
un vaso e sopra nel luogo dove è sepolto mettere rose e foglie di verbena e lasciare acceso in-
censo di rosa e di verbena, ogni giorno per 9 giorni ci si reca sul posto e si mettono nuovi incensi
di rosa e verbena, e si prega con parole proprie per la realizzazione dell’opera. Questo può essere
fatto anche in un vasetto riposto a casa vostra in terrazzo, la cosa importante e che stia lontano
da cattive vibrazioni, posti dove ci sono litigi, malumori, ecc…. io personalmente anche se non
è contemplato nei testi di mia nonna sarà consiglio di mettere anche della buona musica classica
quando si mettono gli incensi nuovi e si prega, ovviamente se avete seppellito in un vaso di casa
vostra, la musica porta buone vibrazioni.
ATTENZIONE!!!!

Questa sezione contiene rituali di alta magia nera, vi sconsiglio vivamente di avvicinarvi a questo genere
di ritualistica e di studiarla solo a titolo conoscitivo, il livello di pericolosità delle forze in gioco è mol-
to alto, vi consiglio di fare il cerchio magico, in questo libro non è contemplato nessun uso di cerchio
magico soltanto perché come protezione in questo genere di magia operativa si usa il patto con un’entità
protettrice, in questo libro non troverete dettagli perché e scritto in un altro quaderno che devo ancora
trascrivere, sono tanti i quaderni di nonna Sara e pian piano li sto trascrivendo.
Ribadisco la massima attenzione a questa sezione io non mi assumo nessuna responsabilità delle vostre
azioni.

MAGIA NERA

Distruzione rituale funebre

Fase lunare: calante

Giorno: sabato

Ore: notte

Materiali: zolfo, assafetida, fango, 6 candele nere, cuore di gallina, polvere di cranio polverizzato di galli-
na, foto della persona da colpire, crisantemi, piccola cassetta di legno, Testimone della vittima. Olio nero(
sarà illustrata la sua composizione nella sezione strumenti), tessuto nero, spillo con la capocchia nera.

Per questo rituale è importante vestirsi tutti di nero ed avere molta collera e risentimento.
Per prima cosa si procede con il prendere la foto della persona da colpire scrivete dietro la foto i dati della
persona nome,cognome data di nascita ora di nascita se la conoscete, con l’olio nero tracciate 3 segni
della croce nella foto e ripetete:

Criatura criatura iu ti batezzu tu sì (nome, cognome, data di nascita, ora di nascita se la sapete) accussi ie.

Creatura creatura io ti battezzo tu sei (nome, cognome, data di nascita, ora di nascita se la sapete) cosi è.

Fatto questo prendete accendete l’incensiere e mettete a bruciare lo zolfo e l’assafetida ( attenzione ai va-
pori che emanano sono molto pestilenziali non fatelo in un luogo chiuso potreste intossicarvi) e accendete
le 6 candele nere a cerchio in modo che tra una candela e l’altra ci sia lo spazio per muovervi, al centro di
queste candele mettere la cassa di legno
Procedete prendendo la foto con la mano sinistra e passatela nel incenso per qualche minuto, e dopo di
che immergetela nel fango e spruzzate un poco zolfo in polvere, fatto questo tenete la foto nella mano
sinistra e pensate visualizzando che alla persona capitano eventi negativi che provi dolore sofferenza, di
ogni sorta vedetela soffrire sanguinare strisciare a terra moribonda, fatto ciò rivolgendovi a nord ripetete:
Calunniatori, distrutturi, patri di lu mali in terra di lu luogu unni dimori iu ti chiamu e ti costringiu e ti
mannu versu lu me nemicu, che la to oscura manu ricada supra di (nome, cognome, data di nascita, ora
di nascita se la sapete) che li soffirenzi tu a da infliggiri a issu
Tu ca nun canusci la pietà ne la misericoddia, tu ca si lu divuraturi iu ti cumannu pi la forza di la parola
ti cumannu ora di infliggiri lu duluri, lu verbu di lu puteri è suvranu accussi iè.

Calunniatore, distruttore, padre del male in terra, dal luogo ove tu dimori io di evoco chiamo( invoco)
e ti costringo e ti mando verso il mio nemico, che la tua oscura mano ricada sopra di (nome, cognome,
data di nascita, ora di nascita se la sapete) che la sofferenza tu devi infliggere a esso, tu che non conosci
pietà ne misericordia, tu che sei il divoratore, io ti comando per la forza della parola del comando, ti
comando ora di infliggere il dolore, il verbo del potere è sovrano così è.

Fatto questo ripassate per altri 5 minuti l’immagine nei fumi pestilenziali, fatto questo ponete la foto e
il testimone nella cassettina di legno e prendete il cuore di gallina e incidetelo sopra facendo gocciola-
re del sangue, mentre incidete pensate di procurare molto dolore alla vittima, fatto ciò mettete il cuore
sopra la foto e appuntatelo con lo spillo nero, spillo che passerete sia nei fumi, che nel fango, che nelle
fiamme delle candele nere, fate in modo lo spillo attraversi il cuore e si conficchi con la foto, procedete
con il buttare un misto di zolfo e fango e polvere di cranio di gallina sulla foto e sul cuore, prendete la
stoffa nera e coprite il tutto all’interno della cassettina di legno( meglio ancora se la cassettina di legno
la costruite voi a forma di bara) proseguite con il mettere dei crisantemi sopra la stoffa nera e celebrate
una messa funebre, atta alla vittima, fatta la messa funebre con tanto di preghiere di salmi e di nomina
al defunto con un coperchio di legno si chiude la cassa e si sigilla con la cera di ognuna delle 6 candele
nere si passa l’incenso pestilenziale nella cassetta e si seppellisce la cassetta in un luogo lontano da casa.
Ogni notte alla stessa ora di luna calante si portano nel luogo dove è sepolta la cassettina di legno 6 cri-
santemi, e una candela nera che si fa consumare tutta questo deve essere fatto per tutta la lunazione.
Distruzione rituale della bottiglia

Fase lunare: calante

Giorno: sabato

Ore: notte

Materiali: cipolla, 3 candele nere, zolfo, assafetida, cuore di gallina, foto della vittima, testimone della
vittima, olio nero, 9 chiodi arrugginiti, aceto, sale, sangue di gallina, bottiglia di vetro scura. Stoffa nera,
cordoncino nero, catena( meglio se arrugginita).

Per questo rituale è importante vestirsi tutti di nero ed avere molta collera e risentimento.
Per prima cosa si procede con il prendere la foto della persona da colpire scrivete dietro la foto i dati della
persona nome, cognome data di nascita ora di nascita se la conoscete, con l’olio nero tracciate 3 segni
della croce nella foto e ripetete:

Criatura criatura iu ti batezzu tu sì (nome, cognome, data di nascita, ora di nascita se la sapete) accussi ie.

Creatura creatura io ti battezzo tu sei (nome, cognome, data di nascita, ora di nascita se la sapete) cosi è.

Fatto questo accendete 3 candele nere e mettetele a triangolo attorno la bottiglia scura a una certa di
stanza, accendete l’incensiere e fate bruciare assafetida e zolfo, passate la foto sopra i fumi pestilenziali e
mentalmente pensate con rabbia che capitino cose orribili al vostro nemico, fatto questo mettete la foto e il
testimone all’interno della bottiglia di vetro, proseguite con il far gocciolare il sangue sulla foto che e den-
tro la bottiglia r aggiungere il cuore di gallina, proseguire con il mettere i chiodi arrugginiti, aceto, sale,
zolfo e assafetida, per ultima mettete pezzi di cipolla all’interno della bottiglia, come ultimo ingrediente
fare in modo che il fumo pestilenziale entri dentro la bottiglia e appena questo avviene serrate la bottiglia
con un tappo sì sughero imbevuto nel sangue della gallina, prendete della stoffa nera e una corda nera e
avvolgetela attorno al tappo facendo 6 nodi, e infine fare gocciolare la cera nera delle 3 candele per sigilla-
re il tutto, fatto questo avvolgere una catena attorno la bottiglia e ripetere queste parole:

Calunniatori, distrutturi, patri di lu mali in terra di lu luogu unni dimori iu ti chiamu e ti costringiu e ti
mannu versu lu me nemicu, che la to oscura manu ricada supra di (nome, cognome, data di nascita, ora di
nascita se la sapete) che li soffirenzi tu a da infliggiri a issu
Tu ca nun canusci la pietà ne la misericoddia, tu ca si lu divuraturi, prigiunieru di la suffirenza sarà gridari
dovrà, ma nessunu lu sentirà, iu ti cumannu pi la forza di la parola ti cumannu ora di infliggiri lu duluri, lu
verbu di lu puteri è suvranu accussi iè

Calunniatore, distruttore, padre del male in terra, dal luogo ove tu dimori io di evoco chiamo( invoco) e ti
costringo e ti mando verso il mio nemico, che la tua oscura mano ricada sopra di (nome, cognome, data
di nascita, ora di nascita se la sapete) che le sofferenza tu devi infliggere a esso, tu che non conosci pie-
tà ne misericordia, tu che sei il divoratore, prigioniero della sofferenza sarà, e gridare dovrà, ma nessu-
no lo udrà, io ti comando per la forza della parola del comando, ti comando ora di infliggere il dolore,
il verbo del potere è sovrano così è.

Fatto questo passate la bottiglia ancora sui fumi pestilenziali per altri 5 minuti, e tracciate 3 segni della
croce sulla bottiglia con l’olio nero, e portatela lontano da casa seppellitela, se potete in un luogo vicino
a dove passa la vittima altrimenti, in campo aperto lontano da casa vostra, potete anche legare alla bot-
tiglia un sasso e una corda e gettarla a mare a largo, ma così non potrà mai più essere sciolto il sortile-
gio.
Rituale della sofferenza

Fase lunare: calante

Giorno: sabato

Ore: notte

Materiali: una pianta in vaso papavero, rosa( o se la conoscete la pianta preferita dalla vittima) 2 foto della
vittima, un testimone della vittima, sangue di gallina, aceto, peperoncino rosso macinato, vino, olio nero,
petali di rosa, chiodi arrugginiti, teschio di gallina polverizzato. 3 Candele nere:

Per questo rituale è importante vestirsi tutti di nero ed avere molta collera e risentimento
Per prima cosa si procede con il prendere la foto della persona da colpire scrivete dietro la foto i dati della
persona nome,cognome data di nascita ora di nascita se la conoscete, con l’olio nero tracciate 3 segni
della croce nella foto e ripetete:

Criatura criatura iu ti batezzu tu sì (nome, cognome, data di nascita, ora di nascita se la sapete) accussi ie.

Creatura creatura io ti battezzo tu sei (nome, cognome, data di nascita, ora di nascita se la sapete) cosi è.

Fatto questo mettete sul pentolino del vino a fuoco lento e portatelo in ebollizione fino a fare evaporare
metà del vino ripetete questa formula fino a che il vino non sarà evaporato:

Soffri tu (nome, cognome, data di nascita, ora di nascita se la sapete) che lu duluri e lu scunfortu sianu
lu pani quotidiano dilla tua vita, lu suli a da essiri scuru pi tia, lu ionnu a divintari notti pi tia, chissa e la
punizioni accusi iè.

Soffri tu (nome, cognome, data di nascita, ora di nascita se la sapete) che il dolore e lo sconforto siano il
pane quotidiano della tua vita, il sole diventi scuso per te, e il giorno diventi notte per te, questa è la puni-
zione cosi è.

Fatto questo procedimento accendete le candele nere attorno al vaso scavate ai piedi della pianta e ada-
giate la foto battezzata e il testimone, versategli sopra parte del sangue di gallina, seppellitela e piantate
3 chiodi arrugginiti dalla terra a perforare l’immagine, fatto questo versate sulla terra sopra dove avete
seppellito il vino , l’aceto, i petali di rosa, il peperoncino, a parte bruciate l’altra foto e mentre la bruciate
pensate intensamente alla persona che soffre, mentre si contorce nelle fiamme, fatto questo unite la polve-
re della foto bruciata alla polvere di cranio di gallina bruciato e versatela sopra la terra e fate gocciolare su
questo composto il restante sangue di gallina, fatto questo ripetete:
Calunniatori, distrutturi, patri di lu mali in terra di lu luogu unni dimori iu ti chiamu e ti costringiu e ti
mannu versu lu me nemicu, che la to oscura manu ricada supra di (nome, cognome, data di nascita, ora
di nascita se la sapete) che li soffirenzi tu a da infliggiri a issu
Tu ca nun canusci la pietà ne la misericoddia, tu ca si lu divuraturi iu ti cumannu pi la forza di la parola
ti cumannu ora di infliggiri lu duluri, lu verbu di lu puteri è suvranu accussi iè.

Calunniatore, distruttore, padre del male in terra, dal luogo ove tu dimori io di evoco chiamo( invoco)
e ti costringo e ti mando verso il mio nemico, che la tua oscura mano ricada sopra di (nome, cognome,
data di nascita, ora di nascita se la sapete) che le sofferenza tu devi infliggere a esso, tu che non conosci
pietà ne misericordia, tu che sei il divoratore, io ti comando per la forza della parola del comando, ti
comando ora di infliggere il dolore, il verbo del potere è sovrano così è.

Ogni notte alla stessa ora per tutta la lunazione versate del sangue animale ( lo trovate in macelleria)
e aceto, e ripetete sempre la formula sopra scritta l’ultimo giorno di luna calante finite di versare sia i
composti sia di recitare l’orazione, all’inizio della nuova lunazione bruciate la pianta, o fate in modo
appassisca lentamente.
Rituale della rottura

Fase lunare: calante

Giorno: martedì

Ore: notte

Materiali: olio nero, statuette ( cera, argilla,paglia, canapa) corda di fibra naturale, alcool, sassi, foto e te-
stimoni delle vittime, sangue di gallina, polvere della separazione (sarà illustrata la sua composizione nella
sezione strumenti) candela nera e candela rossa.

Questo rituale si esegue vicino un corso d’acqua ( mare,fiume,lago) si procede con lo battezzare le foto delle
vittime scrivete dietro la foto i dati della persona nome,cognome data di nascita ora di nascita se la conosce-
te, con l’olio nero tracciate 3 segni della croce nella foto e ripetete:

Criatura criatura iu ti batezzu tu sì (nome, cognome, data di nascita, ora di nascita se la sapete) accussi ie.

Creatura creatura io ti battezzo tu sei (nome, cognome, data di nascita, ora di nascita se la sapete) cosi è.

Fatto questo si prendono le statuette del materiale che avete scelto e si incorporano per ogni statuetta( che
deve riprodurre anche il sesso della persona) le foto e il testimone accompagnandolo con 3 gocce di san-
gue, si procede a chiudere la statuetta con la cera prima quella rossa poi sopra quella nera, si legano le due
statuette l’una all’altra con la corda a una distanza di circa 25 cm, le due statuette si mettono di spalle con
la corda tesa per la sua lunghezza, poi si procede con il legare ai piedi di ogni statuetta una corda lunga 15
cm con una pietra o comunque un peso si chiudono gli occhi e si immagina che la coppia litighi che ci siano
avvenimenti che separano i due litigi, rabbia, discordia, più potenza e risentimento sarete in grado di visua-
lizzare più potente sarà, fatto questo appena vi sentite pronti ripetete questa formula:

Calunniatori, distrutturi, patri di lu mali in terra di lu luogu unni dimori iu ti chiamu , principi di lu mali
signori dilli tenibri ca cu li to angili ribelli govenni li dimori oscuri, ti chiamu pi l'orpira dividi(nome, co-
gnome, data di nascita, ora di nascita se la sapete) da (nome, cognome, data di nascita, ora di nascita se la
sapete) mettili l’unu contro l’altru discordia e ruvina a putirai , lì loru cori freddi e scuri ana essiri, comu lu
mari porta luntanu chissi figuri, fai ca non si ponu chiu ricunciliari, pi la parola di lu cumannu accussi iè.

Calunniatore, distruttore, padre del male in terra, dal luogo ove tu dimori io di evoco chiamo( invoco) princi-
pe del male, signore delle tenebre che con i tuoi angeli ribelli governi le dimore oscure, ti chiamo per l’ope-
ra, dividi (nome, cognome, data di nascita, ora di nascita se la sapete) da (nome, cognome, data di nascita,
ora di nascita se la sapete)mettili l’uno contro l’altro, discordia e rovina porta,i loro cuori freddi e bui do-
vranno essere, come il mare porta lontano queste figura fai che non si possano più riconciliare, per la parola
del comando così è.
Fatto questo prendete una manciata di polvere di separazione e soffiatela prima su una statuetta poi sull’altra
e poi sulla corda, prendete l’alcool e bruciate la corda che unisce le due statuette appena la corda sarà brucia-
ta lanciate le due statuette in mare una a destra più lontano possibile , l’altra a sinistra più lontano possibile,
le due statuette affonderanno grazie al peso legato senza mai più riunirsi il rituale è concluso.
Rito della putrefazione

Fase lunare: calante

Giorno: sabato

Ore: notte

Materiali: olio nero, pergamena, 9 candele nere, foto e testimone della vittima, assafetida, zolfo,vino,pane,
sangue animale, 9 chiodi arrugginiti, cuore di mucca.

Per questo rituale è importante vestirsi tutti di nero ed avere molta collera e risentimento
Per prima cosa si procede con il prendere la foto della persona da colpire scrivete dietro la foto i dati della
persona nome,cognome data di nascita ora di nascita se la conoscete, con l’olio nero tracciate 3 segni della
croce nella foto e ripetete:

Criatura criatura iu ti batezzu tu sì (nome, cognome, data di nascita, ora di nascita se la sapete) accussi ie.

Creatura creatura io ti battezzo tu sei (nome, cognome, data di nascita, ora di nascita se la sapete) cosi è.

Accendete 9 candele nere messe tutte a cerchio, prendere una pergamena e con il sangue animale scriveteci
sopra con rabbia parole di maledizione verso la persona da colpire, le parole devono essere spontanee e non
costruite, bastano poche, ma potenti parole, dopo aver fatto questo passate il tutto sui fumi pestilenziali,
prendete il sangue di mucca fate un incisione e mettete dentro la foto e il testimone, cucite la feritoia e
piantate 9 chiodi nel cuore e ripetete:

Calunniatori, distrutturi, patri di lu mali in terra di lu luogu unni dimori iu ti chiamu e ti costringiu e ti
mannu versu lu me nemicu, che la to oscura manu ricada supra di (nome, cognome, data di nascita, ora di
nascita se la sapete) che li soffirenzi tu a da infliggiri a issu
Tu ca nun canusci la pietà ne la misericoddia, tu ca si lu divuraturi, prigiunieru di la suffirenza sarà gridari
dovrà ma nessunu lu sentirà, iu ti cumannu pi la forza di la parola ti cumannu ora di infliggiri lu duluri, lu
verbu di lu puteri è suvranu accussi iè

Calunniatore, distruttore, padre del male in terra, dal luogo ove tu dimori io di evoco chiamo( invoco) e
ti costringo e ti mando verso il mio nemico, che la tua oscura mano ricada sopra di (nome, cognome, data
di nascita, ora di nascita se la sapete) che le sofferenza tu devi infliggere a esso, tu che non conosci pietà
ne misericordia, tu che sei il divoratore, prigioniero della sofferenza sarà, e gridare dovrà, ma nessuno lo
udrà, io ti comando per la forza della parola del comando, ti comando ora di infliggere il dolore, il verbo
del potere è sovrano così è.

Ripetete questa formula 9 volte; Dopo aver fatto questo passate il cuore sopra i fumi pestilenziali per 5
minuti, e poi passatelo sopra la fiamma di ogni candela per 1 secondo
Fatto tutto questo dovrete riporre il cuore in una stola nera avvolto e seppellirlo( il rito originale dice in un
cimitero) dopo averlo seppellito lasciate sul luogo un bicchiere di vino misto a 9 gocce di sangue animale e
un pezzo di pane come dono.
STRUMENTI

•Olio dell’amore sacralizzato

Fase lunare: crescente

Giorno: venere

Ore: notte ( all’aperto)

Materiali: olio d’oliva puro, petali di rosa, verbena, ramoscello di rosa, incenso di rosa, incenso di
verbena, contenitore d’argento, 3candele bianche sacralizzate, 3candele rosse sacralizzate.

Dopo aver fatto un bagno purificatore, e non aver mangiato carne per una settimana e digiunato per
1 giorno, vestitevi in bianco con fibre naturali( cotone, lino, seta) all’inizio di luna crescente nelle
ore notturne preparate dell’olio d’oliva purissimo e versatelo nel contenitore d’argento, all’interno
dell’olio mettete petali di rosa e verbena e un pezzo di ramoscello di rosa, accendete 6 candele 3
bianche e 3 rosse mettetele a cerchio attorno al contenitore d’argento in modo vi possiate muovere in
modo sicuro e agile, fatto questo
Fatevi 3 segni della croce ( testa, cuore, stomaco) e imponete le mani a pochi centimetri dall’olio e
ripetete questa formula:

Cu lu cuori immaculatu pi lu richiama di la stidda du matinu beniricu e esorcizzu sa criatura di oliu


chi li so virtù sianu biniritti da tutti lì astri nascenti di lu cielu, e ca la santa patrona dimori in chista
criatura pi lu beni di li criaturi, ca l’amuri sia risvegliatu ca lu cori sia stregatu, cu l’unflussu di la
luna e lu vuliri di la patrona biniricu chissa criatura, biniritta sì tu criatura pi la parula di lu cumannu
accussi iè.

Con il cuore immacolato per il richiamo della stella mattutina benedico ed esorcizzo questa creatura
di olio, che le sue virtù siano benedette da tutti gli astri nascenti del cielo, e che la santa padrona( ve-
nere) dimori in questa creatura, per il bene delle creature, che l’amore sia risvegliato che il cuore sia
stregato, con l’influsso della luna e il volere della padrona benedico questa creatura, benedetta sii tu
creatura, con la parola del comando cosi è.

Se l’olio e vostro personale, pungetevi un dito e fate gocciolare 3 gocce di sangue ( solo se lo usate
per voi stessi, mai se lo usate per altri), passate l’olio nei fumi dell’incenso per 10 minuti lasciate il
contenitore alla luce della luna crescente per tutta la durata della lunazione l’ultima notte filtrate l’olio
e mettetelo in una bottiglietta scura, e dentro mettete un ramoscello sì rosa e portatelo con voi quando
vi servirà per i ri
Olio nero sacralizzato

Fase lunare: calante

Giorno: sabato

Ore: notte ( all’aperto)

Materiali: olio d’oliva puro, 6 candele nere, zolfo, assafetida, sangue animale, contenitore di ferro o
piombo, 6 petali di crisantemi, 6 monete.

Vestitevi completamente di nero preparate un contenitore di ferro o piombo e versateci dentro l’olio,
assieme all’olio incorporate 6 gocce di sangue animale, 6 petali di crisantemi, e le 6 monete, accendete 6
candele nere mettetele attorno al recipiente( in sicurezza) in modo da poter lavorare senza bruciarvi, dopo
aver fatto questo, passate il recipiente con l’olio sui fumi pestilenziali per 10 minuti, imponete le mani
sopra l’olio e ripetete questa orazione:

Calunniatori, distrutturi, patri di lu mali in terra di lu luogu unni dimori iu ti chiamu, principi di lu mali
signori dilli tenibri ca cu li to angili ribelli govenni li dimori oscuri,
Chissa criatura di oliu sia lu mezzu di lu mali pi la vendetta, cu la malirizioni vagna sa criatura, cu li gri-
da di turmentu vagna sa criatura, principi di lu mali a tia e consacrata stu mezzu, pi la parola dillu cuman-
nu accussi iè.

Calunniatore, distruttore, padre del male in terra, dal luogo ove tu dimori io di evoco chiamo( invoco)
principe del male, signore delle tenebre che con i tuoi angeli ribelli governi le dimore oscure, ti chiamo,
questa creatura di olio sia il mezzo del male per la vendetta, con la maledizione bagna questa creatura,
con le grida di tormento bagna questa creatura principe del male a te e consacrato questo mezzo, per la
parola del comando cosi è.

Lasciate l’olio ai raggi della luna calante per tutta la lunazione, l’ultima notte filtratelo e mettetelo in una
boccetta di vetro scuro, e usatelo solo quando vi serve per i rituali.
Polvere della separazione

Fase lunare: calante

Giorno: sabato (all’aperto)

Ore: notte

Materiali: teschio di gallina, ossa di animale, sangue di animale, cuore di gallina, zolfo, pergamena, petali
di rosa secchi, limatura di ferro, alcool, terra di cimitero. 3 candele nere, un contenitore di terracotta, assa-
fetida, zolfo.

Vestitevi completamente di nero preparate un contenitore di ferro accendete le 3 candele nere poste a trian-
golo attorno al recipiente ( in sicurezza) accendete l’incensiere con l’assafetida e lo zolfo, triturate in un
mortaio il teschio di gallina, le ossa di animale, dopo averli ridotti in polvere aggiungetevi limatura di ferro
e terra di cimitero, e zolfo poi procedete con il prendere la pergamena e scrivere con il sangue animale le
seguenti parole:

Ca lì cori sianu spezzati cu lu siglillu di su pattu


Che i cuori siano spezzati con il sigillo di questo patto

A parte, in sicurezza bruciate il cuore di gallina la pergamena appena scritta, e i petali di rosa secchi, fato
questo uniteli al composto nel recipiente di ferro, e pestate ancora una volta tutto per bene fino a polveriz-
zarlo in grana più fine possibile, fate gocciolare 6 gocce di sangue animale nella polvere e passate la polve-
re per 10 minuti nei fumi pestilenziali.
Ripetete questa formula:

Calunniatori, distrutturi, patri di lu mali in terra di lu luogu unni dimori iu ti chiamu, principi di lu mali
signori dilli tenibri ca cu li to angili ribelli govenni li dimori oscuri,
Chissa criatura sia lu mezzu di lu mali pi la vendetta, cu la malirizioni vagna sa criatura, cu li grida di tur-
mentu vagna sa criatura, principi di lu mali a tia e consacrata stu mezzu, pi la parola dillu cumannu accussi
iè.

Calunniatore, distruttore, padre del male in terra, dal luogo ove tu dimori io di evoco chiamo( invoco) prin-
cipe del male, signore delle tenebre che con i tuoi angeli ribelli governi le dimore oscure, ti chiamo, questa
creatura sia il mezzo del male per la vendetta, con la maledizione bagna questa creatura, con le grida di
tormento bagna questa creatura principe del male a te e consacrato questo mezzo, per la parola del coman-
do cosi è.

Fatto ciò lasciate la polvere a contatto con i raggi lunari per tutta la lunazione.
L’ultimo giorno prendetela e mettetela in un contenitore dove i raggi della luce non possano arrivare e usa-
tela solo quando dovete eseguire un rito.