You are on page 1of 13

Mai Più Emorroidi

Scopri come sbarazzarti delle emorroidi una volta


per tutte ed in modo completamente naturale

CLICCA QUI E SCARICA MAI PIÙ EMORROIDI – PDF

Mai Più Emorroidi TM è la versione italiana di Hemorrhoid No More TM, il libro digitale
contenente il programma olistico di Jessica Wright per affrontare efficacemente e
sconfiggere in modo completamente naturale l’imbarazzante, fastidioso e potenzialmente
grave problema delle emorroidi.

Mai Più Emorroidi TM è stato sviluppato da Jessica Wright e dai suoi collaboratori
nel corso di 12 anni di ricerche nel campo della medicina olistica ed è già stato usato
con successo da approssimativamente 147’000 persone in 131 paesi del mondo.

Il libro racchiude, quindi, un metodo clinicamente testato la cui efficacia è stata ampiamente
dimostrata a livello statistico e riconosciuta dalle innumerevoli recensioni pubblicate nei
forum specializzati sull’argomento.

Cosa può fare per te Mai Più Emorroidi


Il ruolo della medicina olistica (includendo discipline come, a titolo di esempio, l’omeopatia,
la naturopatia, l’osteopatia, etc.) dovrebbe essere quello di affiancarsi alla medicina
tradizionale per poter colmare le sue lacune. Tuttavia, molto spesso, una collaborazione di
questo tipo non è possibile poiché si scontra con gli interessi economici delle industrie
farmaceutiche.

1/12
L’immagine stereotipata della medicina naturale nell’immaginario collettivo

Un piccolo esempio: il mal di schiena.

Come si cura il mal di schiena? Occorrono esercizi per tonificare la muscolatura


addominale in modo da evitare che troppo peso gravi sulla muscolatura lombare. Occorre
praticare lo stretching per eliminare le tensioni accumulate nel corso degli anni. E può
essere necessario perdere qualche chilo.

Il fatto di arrivare a sentirsi perfettamente sani e in forma ripaga pienamente il minimo di


autodisciplina richiesto per portare avanti questo percorso naturale di autoguarigione.

Ma tutto questo non rientra negli obiettivi delle industrie farmaceutiche. Quello che
vogliono loro non è questo.

Fondamentalmente, loro vogliono 3 cose:

1. Che compri i loro antidolorifici.


2. Che il mal di schiena ti passi finché dura l’effetto degli antidolorifici.
3. Che torni a comprare i loro antidolorifici quando l’effetto svanisce.

2/12
La maggior parte dei farmaci svolgono un’azione puramente sintomatica

Un altro piccolo esempio: il mal di testa.

Il mal di testa (inteso come comune emicrania) è provocato dallo stress e dal consumo di
particolari alimenti. In altre parole, è un segnale che indica che c’è qualcosa nel tuo stile di
vita che dovrebbe cambiare.

Ma le industrie farmaceutiche non vogliono che tu cambi nulla nel tuo stile di vita.
Anche in questo caso, vogliono solo 3 cose:

1. Che compri i loro antidolorifici.


2. Che il mal di testa ti passi finché dura l’effetto degli antidolorifici.
3. Che torni a comprare i loro antidolorifici quando l’effetto svanisce.

E, naturalmente, tutto questo vale anche per il problema di cui stiamo parlando. L’obiettivo
delle industrie farmaceutiche non è che le tue emorroidi guariscano completamente. Il loro
obiettivo è quello di offrirti prodotti in grado di calmare i loro sintomi, sperando che tu abbia
ancora bisogno di tornare ad acquistare gli stessi prodotti in futuro.

Bisogna sottolineare che la più grande e la più importante fonte di guadagno per le
industrie farmaceutiche non sono le malattie che guariscono. Sono quelle che non
guariscono. Sono le malattie croniche.

E questo è il motivo principale per cui tendono a spacciare per croniche molte malattie che
potrebbero guarire in modo naturale applicando particolari cambiamenti al proprio stile di
vita.

A differenza dei trattamenti convenzionali a base di creme, gel e farmaci che


agiscono solo sui sintomi e producono effetti solo a livello locale, l’ebook (PDF) di
Jessica Wright contiene un programma studiato per eliminare quelle che sono le
3/12
vere e proprie cause delle emorroidi.

Scarica la tua copia dell’ebook da questa pagina. Il libro Mai Più Emorroidi PDF di
Jessica Wright è disponibile solo ed esclusivamente in formato digitale, non è venduto su
Amazon, ed è compatibile con qualsiasi computer o dispositivo portatile ed è
immediatamente accessibile tramite download.

Alcune precisazioni sui trattamenti farmacologici


Non vogliamo essere fraintesi. I paragrafi precedenti non hanno la funzione di demonizzare
i farmaci. Anzi, ti invitiamo a non sospendere mai l’utilizzo di un farmaco senza prima aver
consultato il tuo medico ed, eventualmente, uno specialista.

Quello che vogliamo sottolineare è che non puoi ottenere la guarigione definitiva di
una malattia agendo solo sui sintomi senza eliminarne le cause.

E, dal momento che (come dice il medico) sottoporsi ad un intervento chirurgico è l’ultima
spiaggia, sarà bene cominciare ad individuare i fattori che hanno provocato l’insorgere
delle tue emorroidi.

Le cause delle emorroidi risiedono fondamentalmente in abitudini sbagliate che formano


parte del tuo modo di vivere. Questo non significa che sia colpa tua: tali abitudini erronee
sono per lo più conseguenze dello stile di vita tipico della società attuale. In ogni caso, è
assolutamente indispensabile che vengano corrette.

4/12
L’intervento chirurgico elimina le emorroidi ma non impedisce un loro possibile ritorno

Infatti, anche se decidi di sottoporti all’intervento chirurgico, devi tener presente che
l’operazione rimuove le emorroidi ma non impedisce che esse si riformino in futuro se nel
tuo stile di vita sono ancora presenti i fattori che ne determinano l’insorgenza.

Mai Più Emorroidi TM è un programma di tipo olistico. In altre parole, vuole includere
tutto ciò che devi sapere per poterti liberare definitivamente di questo problema
fastidioso ed imbarazzante.

Poiché le cause della malattia sono molteplici (potendo variare abbastanza da persona a
persona), e poiché anche le metodologie che possono essere utilizzate per eliminarle sono
molteplici, si tratta di un corso particolarmente esteso.

Tuttavia non è necessario che lo studi dal principio alla fine come se dovessi preparare un
esame universitario.

La sua estensione dipende dal fatto che deve coprire tutte le possibili casistiche. Ma
fin dall’inizio verrai orientato (od orientata) sulla creazione di un piano d’azione
individuale e personalizzato.

5/12
Mai Più Emorroidi PDF non è acquistabile come libro cartaceo: è disponibile
esclusivamente in formato digitale ed è immediatamente accessibile tramite download (si
scarica nel giro di pochi minuti). La distribuzione digitale offre due importantissimi vantaggi.
Ti da la possibilità di…

1. Seguire il programma nella più completa privacy del tuo computer


2. Iniziare il trattamento immediatamente senza dover attendere i tempi postali

Il pacchetto include anche 3 mesi di consulenza online gratis, aggiornamenti illimitati gratis
e 3 guide complementari sulla medicina olistica (trovi tutti i dettagli sulla pagina di
download).

Tipologie di emorroidi
Pur essendo un disturbo piuttosto comune e diffuso, sull’argomento grava ancora una certa
disinformazione. L’obiettivo di questa sezione è quello di fare chiarezza presentando una
classificazione completa delle diverse tipologie di malattia emorroidaria.

Emorroidi interne ed esterne


Si tratta di una prima distinzione che è necessario fare. Qualora la patologia fosse di tipo
interno, avremmo la formazione della stessa sopra lo sfintere, rendendola, appunto,
“interna” e non visibile. Al contrario, qualora fosse di tipo esterno, la formazione si

6/12
concentrerebbe alla stessa altezza rispetto allo sfintere, rendendo il tutto immediatamente
visibile anche senza palpazione o esami con strumenti appositi.

Emorroidi trombizzate
Il disturbo si definisce trombizzato quando vi è la formazione di masse coagulate di sangue
all’interno dello stesso: i cosiddetti trombi, appunto.

Si tratta di uno stadio ormai degenerativo della malattia, il quale provoca un dolore molto
intenso, importanti difficoltà nel sedersi e perfino nel camminare correttamente. È inoltre
riconoscibile in quanto solitamente vengono a formarsi delle macchie di colore blu-violacee,
simili a lividi. In caso di trombosi è necessario rivolgersi immediatamente al proprio medico.

Infine, a seconda dell’assenza, della presenza e dell’intensità di un eventuale


prolasso, la malattia può presentarsi in 4 diversi gradi di gravità:

1° Grado
Non vi è prolasso, l’infiammazione delle strutture vascolari non è osservabile dall’esterno e
generalmente non produce dolore. L’unico sintomo utile per individuare la patologia è,
solitamente, la presenza di una moderata quantità di sangue all’interno delle feci, e la
sensazione di non corretto svuotamento dell’intestino subito dopo la defecazione.

2° Grado
Il prolasso è temporaneo e avviene solamente quando l’area dello sfintere viene sottoposta
ad uno sforzo, ad esempio durante la fase della defecazione, rientrando immediatamente
dopo. In tale circostanza si prova un moderato dolore durante l’atto, che tende a calmarsi
una volta terminato.

3° Grado
Il prolasso è evidente e persiste a lungo anche in seguito alla defecazione; il dolore è acuto
e talora si manifesta anche in condizione di rilassamento.

4° Grado
Il prolasso è ormai evidente e permanente, il dolore e il prurito sono costanti. Si presentano
forti difficoltà nel camminare e nel sedersi. Solitamente, raggiunto questo grado la patologia
si accompagna a trombosi.

I sintomi delle emorroidi


La diagnosi delle emorroidi (o, più precisamente “malattia emorroidaria”) richiede
solitamente un esame approfondito (che il proctologo esegue con strumenti specifici come
l’anoscopio) dal momento che i sintomi di questo disturbo possono essere presenti anche
in patologie di tipo diverso.

7/12
Strumenti proctologici comunemente utilizzati

In alcuni casi, le emorroidi possono presentarsi senza sintomi di nessun tipo. Pertanto,
risulta molto difficile accorgersi del problema fino a quando non si produce uno stato
infiammatorio.

La reticenza e il senso di vergogna, che spesso inibiscono il soggetto nel decidere di


sottoporsi ad una visita medica di questo tipo, devono essere superate poiché è necessario
avere un quadro preciso della situazione. L’autodiagnosi è fortemente sconsigliata per
disturbi di questo tipo.

Detto questo, i sintomi più comuni sono…

Il sanguinamento
Il sintomo più frequente è, senza alcun dubbio, il sanguinamento. Le perdite di sangue
sono riscontrabili sugli indumenti intimi e durante la defecazione.

8/12
Le tracce di sangue sono spesso riscontrabili sugli indumenti intimi

Quando le emorroidi sono fortemente infiammate e quando sono presenti fenomeni di


trombosi (coaguli di sangue) il sanguinamento ha un’effetto positivo: si produce, infatti, una
decongestione della zona con una conseguente riduzione del dolore.

Il dolore
L’ano e il retto sono ricchissimi di terminazioni nervose. Pertanto, sono molto più sensibili
al dolore di quanto non lo siano altre parti del nostro corpo.

Le emorroidi sono fondamentalmente varici (o “vene varicose”), ovvero, dilatazioni abnormi


delle vene. Ma, mentre le “vene varicose”, così come le intendiamo nel linguaggio comune,
colpiscono gli arti inferiori, la malattia emorroidaria è costituita da varici che sorgono nella
zona anorettale.

9/12
Durante la defecazione il dolore può risultare insopportabile

È importante sottolineare che queste varici non sono dolorose di per sé. Il dolore subentra
quando si produce un’infiammazione causata da infezioni microbiche o trombosi (che,
come abbiamo visto, consistono in coaguli di sangue).

Il dolore è quindi una conseguenza solo indiretta delle emorroidi. Tuttavia, tra i sintomi
associati al disturbo, è uno dei più frequenti e in taluni casi può presentarsi con una tale
intensità che il soggetto sperimenta forti difficoltà nel compiere le normali attività della vita
quotidiana.

10/12
Il dolore tende ad acutizzarsi mentre si cammina

Come è facile immaginare, il dolore più intenso si produce durante la defecazione. Ma


anche una cosa semplice come camminare, a causa del movimento di frizione che si
produce tra i glutei può diventare un’impresa ardua. Non parliamo poi della sofferenza che
si manifesta nell’andare in bicicletta.

Irritazione e prurito
Il prurito anale e la sensazione di irritazione che spesso accompagnano le emorroidi sono
una diretta conseguenza delle secrezioni mucose da esse causate.

Prolasso
Il prolasso è un sintomo particolarmente sgradevole che consiste nella fuoriuscita delle
emorroidi dal canale anale.

Anemia e debolezza
Anemia e debolezza non sono tecnicamente sintomi delle emorroidi, bensì loro possibili
conseguenze.

L’anemia è la frequente conseguenza di sanguinamenti abbondanti

Tali condizioni si verificano quando i sanguinamenti sono particolarmente abbondanti e


quando il soggetto, temendo i dolori che sperimenta durante la defecazione, inizia a saltare
i pasti e non si nutre adeguatamente.

CLICCA QUI E SCARICA MAI PIÙ EMORROIDI – PDF

11/12
Desideri maggiori informazioni? Scrivi all’email di supporto che trovi in fondo al sito
ufficiale. I consulenti di Jessica Wright saranno lieti di rispondere alle tue domande e di
risolvere tutti i tuoi dubbi.

CLICCA QUI E SCARICA MAI PIÙ EMORROIDI – PDF

12/12