Вы находитесь на странице: 1из 64

MANUALE UTENTE

Nord Stage 3
Italiano
versione OS: 1.0

Edizione: C
Part number: 50474 Copyright Clavia DMI AB
Edition: C
The lightning flash with the arrowhead symbol within
CAUTION - ATTENTION an equilateral triangle is intended to alert the user to the
RISK OF ELECTRIC SHOCK presence of uninsulated voltage within the products en-
DO NOT OPEN closure that may be of sufficient magnitude to constitute
RISQUE DE SHOCK ELECTRIQUE a risk of electric shock to persons.
NE PAS OUVRIR Le symbole éclair avec le point de flèche à l´intérieur d´un triangle
équilatéral est utilisé pour alerter l´utilisateur de la presence à
l´intérieur du coffret de ”voltage dangereux” non isolé d´ampleur
CAUTION: TO REDUCE THE RISK OF ELECTRIC SHOCK suffisante pour constituer un risque d`éléctrocution.
DO NOT REMOVE COVER (OR BACK).
NO USER SERVICEABLE PARTS INSIDE.
REFER SERVICING TO QUALIFIED PERSONNEL. The exclamation mark within an equilateral triangle is
intended to alert the user to the presence of important
operating and maintenance (servicing) instructions in the
ATTENTION:POUR EVITER LES RISQUES DE CHOC ELECTRIQUE, NE
literature accompanying the product.
PAS ENLEVER LE COUVERCLE.
AUCUN ENTRETIEN DE PIECES INTERIEURES PAR L´USAGER. Le point d´exclamation à l´intérieur d´un triangle équilatéral est
CONFIER L´ENTRETIEN AU PERSONNEL QUALIFE. employé pour alerter l´utilisateur de la présence d´instructions
AVIS: POUR EVITER LES RISQUES D´INCIDENTE OU D´ELECTROCUTION, importantes pour le fonctionnement et l´entretien (service) dans le
N´EXPOSEZ PAS CET ARTICLE A LA PLUIE OU L´HUMIDITET. livret d´instructions accompagnant l´appareil.

Instructions pertaining to a risk of fire, electric shock or injury to persons.

IMPORTANT SAFETY INSTRUCTIONS


SAVE THESE INSTRUCTIONS
Warning - When using electric products, basic precautions should always be followed, including the following:
1) Read these instructions. 10) Protect the power cord from being walked on or pinched
particularly at plugs, convenience receptacles, and the point
2) Keep these instructions.
where they exit from the apparatus.
3) Heed all warnings.
11) Only use attachments/accessories specified by the manu-
4) Follow all instructions. facturer.
5) Do not use this apparatus near water. 12) Use only with the cart, stand,
tripod, bracket, or table specified by the
6) Clean only with dry cloth.
manufacturer, or sold with the apparatus.
7) Do not block any ventilation openings. Install in accordance When a cart is used, use caution when
with the manufacturer’s instructions. moving the cart/apparatus combination to
avoid injury from tip-over.
8) Do not install near any heat sources such as radiators, heat
registers, stoves, or other apparatus (including amplifiers) that 13) Unplug this apparatus during lightning
produce heat. storms or when unused for long periods of time.
9) Do not defeat the safety purpose of the polarized or 14) Refer all servicing to qualified service personnel. Servicing
grounding-type plug. A polarized plug has two blades with one is required when the apparatus has been damaged in any way,
wider than the other. A grounding type plug has two blades such as power-supply cord or plug is damaged, liquid has been
and a third grounding prong. The wide blade or the third prong spilled or objects have fallen into the apparatus, the apparatus
are provided for your safety. If the provided plug does not fit has been exposed to rain or moisture, does not operate nor-
into your outlet, consult an electrician for replacement of the mally, or has been dropped.
obsolete outlet.
Additional Safety Information
No naked flame sources, such as lighted candles, should be placed on Il convient de ne pas placer sur l´appareil de sources de flammes nues,
the apparatus; telles que des bougies allumées;
Do not use the apparatus in tropical climates. L´appareil n’est pas destiné á étre utilisé sous un climat tropical.
WARNING: To reduce the risk of fire or electric shock, do not expose
this apparatus to rain or moisture.
The apparatus shall not be exposed to dripping or splashing and that L´appareil ne doit pas étre exposé á des égouttements d´eau ou des
no objects filled with liquids, such as vases, shall be placed on the éclaboussures et de plus qu´aucun objet rempli de liquide tel que des
apparatus. vases ne doit étre placé sur l´appareil.
The maims plug is used as the disconnect device and shall remain Lorsque la prise du résau d’alimentation est utilisée comme dispositif
readily operable. de déconnexion, ce dispositif doit demeuré aisément accessible.

Trademarks: The Nord logo is a trademark of Clavia DMI AB. All other trademarks
mentioned in this publication are the properties of their respective holders.
Specifications and appearances are subject to change without notice.
Copyright © Clavia DMI AB
1. INTRODUZIONE | 3

SOMMARIO
1 INTRODUZIONE............................................................................ 6 B3 drawbars ...................................................................................................18
Percussion.......................................................................................................18
Ringraziamenti.................................................................................................6
Controllo del Key Click.....................................................................................18
Caratteristiche..................................................................................................6
Il modello Vox.................................................................................................19
Nord Online.......................................................................................................6 I Drawbars Vox.................................................................................................19
Informazioni sul questo manuale............................................................6 Vibrato.............................................................................................................19
Leggere il manuale in formato PDF.....................................................................6
Il modello Farf.................................................................................................19
Ripristinare i Factory Presets..............................................................................6
I registri Farf......................................................................................................19
Aggiornamenti del sistema operativo..................................................................6
Vibrato.............................................................................................................20
Suoni gratuiti......................................................................................................6
Liberatoria..........................................................................................................7
Organo a canne - Pipe Organ...............................................................20
Pipe 1...............................................................................................................20
Pipe 2...............................................................................................................20
Registri Pipe 1&2..............................................................................................20
2 PANORAMICA................................................................................. 8 Organ Preset I & II........................................................................................20
La Sezione Organ..........................................................................................8 Drawbar Live (Modello Compact)......................................................................20
La Sezione Piano............................................................................................8 Pedale Swell...................................................................................................20
Nord Piano Library..............................................................................................8
Rotary Speaker.............................................................................................20
String Resonance...............................................................................................8
Nord Triple Pedal................................................................................................8
Pedal Noise...................................................................................................9
Piano e Clav EQ.................................................................................................9 5 PIANO ....................................................................................................21

La Sezione Program.....................................................................................9 On/Off, Level e Zone Select..............................................................................21


Octave Shift......................................................................................................21
La Sezione Synth...........................................................................................9
Pstick e Sustped..............................................................................................21
La Sezione Extern..........................................................................................9
I suoni di Piano..............................................................................................21
La Sezione Effects.........................................................................................9 Le dimensioni dei suoni di Piano.......................................................................22
Selezionare un Piano..................................................................................22
Tipo e Modello.................................................................................................22
3 PER INIZIARE..................................................................................10 Il Clavinet.....................................................................................................22
Collegamento.................................................................................................10 List view...........................................................................................................22
KBD Touch ......................................................................................................22
Programs..........................................................................................................10
Piano Info....................................................................................................22
Selezionare un Program...................................................................................10
String Res / Soft Release / Pedal Noise .........................................22
Controlli sul Pannello..................................................................................11
Soft Release.....................................................................................................22
Dials e Manopole .............................................................................................11
String Resonance.............................................................................................23
Tasti.................................................................................................................11
Pedal Noise......................................................................................................23
Il tasto “Shift” ...................................................................................................11
Nord Triple Pedal..........................................................................................23
List view............................................................................................................11
Sustain ed Half Pedaling...................................................................................23
Modificare un Program..............................................................................11 Sostenuto.........................................................................................................23
Selezionare un nuovo suono di Piano...............................................................11 Soft pedal.........................................................................................................23
Disattivare la protezione della memoria............................................12 Piano/Clav EQ................................................................................................24
Memorizzare un Program.........................................................................12 Impostazioni Piano EQ.....................................................................................24
Il modo Live - Live Mode..........................................................................12 Layer Detune..................................................................................................24
Attivare un effetto ........................................................................................12
I due Pannelli..................................................................................................12
Creare uno Split ...............................................................................................12 6 PROGRAM.........................................................................................25
Assegnare il Piano alla Upper Zone .................................................................13 Morph Assign.................................................................................................25
Assegnare il Synth alla Lower Zone..................................................................13 Destinazioni Morph...........................................................................................25
Selezionare un Synth Preset...................................................................13 Indicatori Morph...............................................................................................26
Creare un Layer................................................................................................13 LED degli Encoders.....................................................................................26
Attivare entrambe i pannelli..........................................................................13 LED del Morph............................................................................................26
Impostare uno Split Cross-Fade (Split Width)...............................................14 LED dei Drawbar.........................................................................................26
Morphs..............................................................................................................14 Cancellare un Morph...................................................................................26

Il Synthesizer...................................................................................................15 Mst Clk .............................................................................................................26


External sync....................................................................................................26
Selezionare e modificare un Sample Preset......................................................15
(KBS) Keyboard sync........................................................................................26
L’Arpeggiatore................................................................................................16
Transpose On/Set........................................................................................26
Panic................................................................................................................26
Split.....................................................................................................................26
4 ORGAN..................................................................................................17 Impostazioni Keyboard Split ............................................................................27
On/Off, Level e Zone Select..............................................................................17
Scegliere una posizione di Split....................................................................27
Octave Shift......................................................................................................17 Impostazione Split Width.............................................................................27
Pstick e Sustped..............................................................................................17 Editore delle Keyboard Zones...........................................................................27
Drawbars e Tasti...........................................................................................17 Memorizzazione - Store............................................................................27
Selezionare un modello d’Organo ....................................................................18 Memorizzare e nominare un Program o una Song............................................28
Il modello B3 .................................................................................................18 Store As......................................................................................................28
4  |  Nord Stage 3 MANUALE UTENTE - ITA VERS. 1.0.0

Il modo Song -Song Mode......................................................................28 LFO Amt...........................................................................................................37


Song Edit.........................................................................................................28 Vel / Mod Env...................................................................................................37
Memorizzare una Song.....................................................................................28 Gli inviluppi: Envelopes..............................................................................37
Memorizzare un Program modificato................................................................28 Mod Envelope ................................................................................................37
Tasti Panel A & B..........................................................................................28 Attack..........................................................................................................37
Monitor/Copy Panel/Paste................................................................................29 Decay..........................................................................................................37
Release.......................................................................................................37
Mono Out.........................................................................................................29
Velocity........................................................................................................37
Dual KB............................................................................................................29 Amp Envelope .................................................................................................38
Tasto Shift / Exit............................................................................................29 Attack..........................................................................................................38
Live Mode........................................................................................................29 Decay..........................................................................................................38
Release.......................................................................................................38
Prog Init............................................................................................................29
Velocity........................................................................................................38
Tasti Program.................................................................................................30 LFO ....................................................................................................................38
Che cos’è un Program?...................................................................................30
Mst Clk.............................................................................................................38
System, Sound, MIDI, Extern, KB Zones..........................................................30
LFO Waveforms................................................................................................38
Program Dial ..................................................................................................30 Sezione Voice ...............................................................................................39
Indicatori LED MIDI......................................................................................30 Mono Voice mode............................................................................................39
Tasti Page.........................................................................................................30 Legato Voice mode..........................................................................................39
Program Level..................................................................................................30 Glide................................................................................................................39
Unison .............................................................................................................39
Sound Init....................................................................................................39

7 SYNTH....................................................................................................31 Arpeggiatore ..................................................................................................40


Arp Run e Keyboard Sync (KBS)......................................................................40
La Sezione Synth.........................................................................................31 Arpeggiator Direction........................................................................................40
On/Off, Level e Zone Select..............................................................................31
Arpeggiator Range...........................................................................................40
Octave Shift......................................................................................................31
Arpeggiator Rate..............................................................................................40
Pstick e Sustped..............................................................................................31
Arpeggiator Master Clock.................................................................................40
Oscillatori .......................................................................................................32
KB Hold.............................................................................................................40
Osc Ctrl............................................................................................................32
Modulation.......................................................................................................32
Vibrato ..............................................................................................................40
Tasto Selector..................................................................................................32
Classic Waveforms...........................................................................................32
Sine.............................................................................................................32 8 SEZIONE EXTERN....................................................................41
Triangle........................................................................................................32
Extern Section ..............................................................................................41
Sawtooth.....................................................................................................32
Impostazione....................................................................................................41
Square, Pulse 33, Pulse 10..........................................................................32
ESaw...........................................................................................................32 Uso dell’Extern Section.............................................................................41
ESquare......................................................................................................33 Attivazione........................................................................................................41
Wave................................................................................................................33 Keyboard Zones...............................................................................................41
F-Wave.............................................................................................................33 Non-keyboard Extern Setup........................................................................41
S-Wave............................................................................................................33 Octave Shift......................................................................................................41
Samples...........................................................................................................33 Messaggi: Pitch Stick / Sustain Pedal...............................................................41
Categorie e Sample Presets........................................................................33 Parametri: Extern..........................................................................................42
Fast Attack.......................................................................................................33
Program ..........................................................................................................42
Configurazioni Oscillatore.........................................................................33 Send On Load..................................................................................................42
Configurazioni ad oscillatore singolo: Single Oscillator......................................33 Extern Section e MIDI Soft Thru........................................................................42
Basic...........................................................................................................33 Altre impostazioni del menu: Extern.............................................................42
Pitch............................................................................................................33
Shape..........................................................................................................33
Configurazioni ad oscillatore doppio: Dual Oscillator.........................................33
Sync............................................................................................................34 9 EFFETTI................................................................................................ 43
Detune.........................................................................................................34 Panoramica.....................................................................................................43
Mix Sine, Triangle, Saw and Square.............................................................34
Attivare un effetto ............................................................................................43
Mix Bell........................................................................................................34
Selezionare un effetto quando è su “OFF”....................................................43
Mix Noise....................................................................................................34
A-Pan (Auto Pan)..............................................................................................43
Mix Noise 2.................................................................................................34
Dual FM.......................................................................................................34 Static Pan Controllo sul suono.....................................................................43
Triple FM......................................................................................................34 Trem (Tremolo)..................................................................................................44
Ring Mod.....................................................................................................34 RM (Ring Modulation).......................................................................................44
Synth Presets.................................................................................................34 A-Wa 1 & 2 (Auto-Wah) ...................................................................................44
Selezionare Synth Presets................................................................................34 Effect 2 .............................................................................................................44
List view......................................................................................................34 Phaser 1 & 2....................................................................................................44
Memorizzare i Synth Presets............................................................................35 Flanger.............................................................................................................44
Sezione Filtro - Filter Section ................................................................35 Vibe..................................................................................................................44
Selettore: Filter.................................................................................................35 Chorus 1 & 2....................................................................................................44
LP 24 & LP 12 .................................................................................................35 Delay .................................................................................................................44
LP M................................................................................................................35 Tap Tempo.......................................................................................................44
LP/HP..............................................................................................................36 Filters...............................................................................................................45
High Pass - HP ................................................................................................36 Analog Mode....................................................................................................45
Band Pass - BP ...............................................................................................36 Master Clock....................................................................................................45
Filter Frequency ...............................................................................................36
Amp Sim / EQ ..............................................................................................45
Filter Resonance ..............................................................................................36
Drive.................................................................................................................45
KB Track..........................................................................................................36
LP 24 Filter.......................................................................................................45
KB Track settings.........................................................................................36
HP 24 Filter......................................................................................................45
Drive.................................................................................................................37
1. INTRODUZIONE | 5

Amp model......................................................................................................46 Menu: MIDI......................................................................................................54


Compressore..................................................................................................46 1 - Local Control .............................................................................................54
Fast mode........................................................................................................46 2 - Channel......................................................................................................54
Reverb...............................................................................................................46 Panel A/B....................................................................................................54
Dual KB.......................................................................................................54
Rotary Speaker ............................................................................................46 3 - Control/Program Change Mode..................................................................54
Rotary Speaker e Reverb..................................................................................47
PC (Program Change)..................................................................................54
Menu di impostazione del Rotary......................................................................47 4 - Transpose MIDI At.......................................................................................54
Menu: Extern..................................................................................................55
1 - MIDI Channel Mode....................................................................................55
10 MIDI....................................................................................................... 48 2 - MIDI Panel A/B Channel (Prog o Glob)........................................................55
Usare il MIDI....................................................................................................48 3 - Keyb Velocity Panel A/B..............................................................................55
Global .............................................................................................................48 4 - Device Filter Panel A/B................................................................................55
Panel A/B.........................................................................................................48 5 - Send on Load.............................................................................................55
Extern..............................................................................................................48 6 - Impostazione Program Change Panel A/B..................................................55
Bank MSB ..................................................................................................55
Controllare dispositivi esterni con la sezione Extern...................49
Bank LSB ...................................................................................................55
Controllare Nord Stage 3 da un dispositivo esterno..................49 Program Number ........................................................................................55
Dual KB............................................................................................................49 7 - Control Change Settings A/B......................................................................55
Panel MIDI control............................................................................................50 Ctrl (Controllo) .............................................................................................55
Global MIDI......................................................................................................50 Valore -Value ...............................................................................................55
External Sync...................................................................................................50 8 - Volume Value A/B........................................................................................55

Extern Section e MIDI Re-routing......................................................................50 9 - Global Soft Thru..........................................................................................55

Registrare Stage 3 in un Sequencer MIDI.......................................50


Program Change..............................................................................................51
Messaggi MIDI...............................................................................................51 12 NORD SOUND MANAGER.......................................... 56
Note On/Off.................................................................................................51 Il Nord Sound Manager.............................................................................56
Pitch Bend...................................................................................................51 Requisiti di sistema......................................................................................56
Controlli.......................................................................................................51
Keyboard Velocity........................................................................................51
Aftertouch....................................................................................................51
Program Change.........................................................................................51 I APPENDICE: COLLEGAMENTI.....................................57
Bank Select.................................................................................................51
Local On/Off................................................................................................51
Collegamenti Audio.....................................................................................57
Panic................................................................................................................51 Cuffie ...............................................................................................................57
Ch 1&2, Ch 3&4 Out........................................................................................57
Monitor In.........................................................................................................57

11 MENU...................................................................................................52 Collegamenti MIDI........................................................................................57


MIDI In .............................................................................................................57
Soft buttons.....................................................................................................52
MIDI Out ..........................................................................................................57
Menu System.................................................................................................52
1 - Protezione della memoria - Memory Protect................................................52
Collegamenti USB........................................................................................57
2 - Global Transpose........................................................................................52 Collegamento Pedali...................................................................................57
3 - Fine Tune....................................................................................................52 Sustain Pedal...................................................................................................57
4 - Seamless Prog Change...............................................................................52 Control Pedal...................................................................................................57
5 - Output Routing mode.................................................................................52 Organ Swell......................................................................................................57
6 - Output Panel A/B........................................................................................52 Program Up/Dn Pedal......................................................................................57
7 - Sustain Pedal .............................................................................................53
Type............................................................................................................53
Func (Function)............................................................................................53 II APPENDICE: ELENCO DEI CONTROLLI MIDI.. 58
8 - Rotor Pedal.................................................................................................53
Tipo.............................................................................................................53
Func (Funzione)...........................................................................................53
Tipo.............................................................................................................53 III INDICE...................................................................................................59
10 - Ctrl Pedal..................................................................................................53
Tipo.............................................................................................................53
Func (Funzione)...........................................................................................53
Gain.............................................................................................................53
11 - Swell Pedal...............................................................................................53
Tipo.............................................................................................................53
Func (Funzione)...........................................................................................53
Gain.............................................................................................................53
Menu: Sound..................................................................................................53
1 - Livello del Piano Pedal Noise.......................................................................53
2 - Livello della Piano String Res.......................................................................53
3 - B3 Organ Tonewheel Mode.........................................................................54
4 - B3 Organ Click Level...................................................................................54
5 - B3 Organ Keyboard Trigger Point................................................................54
6 - Synth Vibrato..............................................................................................54
Rate............................................................................................................54
Amnt (Amount)............................................................................................54
7 - Rotary Rotor...............................................................................................54
Accel (Acceleration).....................................................................................54
Range: Low, Normal (default), High..................................................................54
8 - Rotary Horn................................................................................................54
Accel (Acceleration).....................................................................................54
6  |  Nord Stage 3 MANUALE UTENTE - ITA VERS. 1.0.0

1 INTRODUZIONE

VI RINGRAZIAMO! NORD ONLINE


Grazie per aver scelto Nord Stage 3! Sul sito: nordkeyboards.com troverete:

Nella continuità della nostra missione per realizzare la tastiera definitiva »» Informazioni sul Nord Stage 3 ed altri strumenti Nord
per il musicista Live, il nostro nuovo strumento di punta mette a »» I sistemi operativi più recenti da scaricare
disposizione dell’utente le tecnologie proprietarie più avanzate, tra cui
»» Free software: Nord Sound Manager, Nord Sample Editor e drivers
il sistema di sintesi sonora del synth Nord Lead A1 Synth a cui è stata
»» Nord Piano Library suoni da scaricare gratuitamente
aggiunta la possibilità di utilizzare e processare i campioni, il rinomato
sistema di sintesi a modellazione fisica del Nord C2D Organ, una »» Nord Sample Library suoni da scaricare gratuitamente
sezione effetti notevolmente migliorata, di uso immediato - il tutto in una »» Nord World: informazioni e notizie sul mondo Nord
tastiera dalle prestazioni eccezionali.
»» Download di Manuali utente
»» Tutorials : nordkeyboards.com/tutorials

Seguite Nord Keyboards su Facebook, Instagram, Twitter e YouTube.


CARATTERISTICHE PRINCIPALI Taggate pure gratuitamente i vostri contenuti sull’hastag ufficiale:
#iseenord.
Nord Stage 3 possiede le seguenti caratteristiche principali:

‹‹ Sezione Organ che riproduce fedelmente 3 modelli classici di orga-


no: B3, Vox e Farf (Farfisa). Sono presenti anche 2 modelli di organo
a canne dalla timbrica caratteristica. QUESTO MANUALE
‹‹ Digital LED Drawbars sui modelli ad 88 e 76 tasti, Drawbars fisici sul
Questo manuale è concepito principalmente per essere di riferimento.
modello 73 tasti.
In molti casi sono disponibili anche suggerimenti su come utilizzare le
‹‹ Sezione Piano con: acoustic Grand e Upright pianos, Pianoforti
diverse funzionalità a livello pratico in un contesto musicale.
elettrici: Tine e Reed, suoni di piano digitale più diffusi, Clavinet e
clavicembalo, e la nuova categoria Layer, con ricche combinazioni di
suoni di piano. La capacità di memoria di questa sezione sullo Stage MANUALE IN FORMATO PDF
3 è 2 GB.
Questo manuale è anche disponibile per il download gratuito dalla
‹‹ Sezione Synth basata sullo stesso sistema di sintesi di Lead A1,
possiede un display OLED dedicato, può utilizzare i campioni, oppure sezione Nord Stage 3 nel nostro sito web.
le classiche forme d’onda analogiche, le waveform digitali, le formanti
o le innovative “Superwaves”.
RIPRISTINARE I FACTORY PRESETS
‹‹ Sezione Effetti di uso immediato.
I Presets di fabbrica per i : Programs, Synth, Samples e Pianos sono
‹‹ Seamless Transitions: permette di passare tra i vari Program senza
interrompere i suoni. disponibili individualmente per il download gratuito, come file di Backup
nel sito Nord (Sound Manager Backup Files). E’ anche disponibile un
‹‹ Sezione Extern per il controllo di strumenti MIDI esterni.
file di Backup dell’intero strumento completo di tutti i suoi contenuti di
‹‹ Morph: funzione per la modifica di parametri multipli tramite i controlli fabbrica.
fisici.
‹‹ 4 Keyboard Zones, con punto di Split programmabile, e funzione
Cross-Fade.
AGGIORNAMENTI SISTEMA OPERATIVO
‹‹ Nord Stage 3 è disponibile in 3 modelli: Nord Stage 88 con tastiera Sul sito Nord è sempre disponibile la versione più aggiornata del sistema
pesata “Weighted Hammer Action (estensione: A-C), Nord Stage operativo per Nord Stage 3. Nella stessa pagina è anche presente una
3 HP76 con tastiera pesata “Weighted Hammer Action” (E-G), cronologia degli aggiornamenti con le note per ciascuna release. Visitate
Nord  Stage 3  Compact con tastiera semipesata 73 note di tipo di tanto in tanto il nostro sito per essere sicuri di avere sempre installato il
“Waterfall” (E-E), con Drawbar Fisici. sistema operativo più aggiornato sul vostro strumento.
‹‹ 2 pannelli indipendenti, ciascuno dei quali fornisce 2 istanze complete
di suoni ed effetti di Stage 3.
LIBRERIA SONORA GRATUITA
‹‹
Nord Stage 3 è concepito come sistema aperto, ed ogni suono di
Piano o Sample presente nello strumento può essere liberamente
sostituito. Questo è possibile grazie all’applicazione software gratuita:
1. INTRODUZIONE | 7

Nord Sound Manager, scaricabile gratuitamente dal nostro sito. Nord


Stage 3 è compatibile con la Nord Piano e la Nord Sample Library, due
librerie sonore gratuite ma di altissimo livello qualitativo. Quando nuovi
suoni sono disponibili è possibile scaricarli gratuitamente dall’apposita
sezione del sito Nord.

LIMITAZIONE DI RESPONSABILITA’
Tutti i marchi e marchi citati nel presente manuale sono di proprietà
dei rispettivi proprietari e non sono affiliati o associati a Clavia. Questi
marchi sono citati solo per descrivere alcune qualità sonore riprodotte
da Nord Stage 3.
8
8  || 
NORD
Nord STAGE
Stage 33 MANUALE UTENTE
User Manual SISTEMA OPERATIVO V1.X
OS v1.X

2 NORD STAGE 3

ORGAN PIANO PROGRAM SYNTH EXTERN EFFECTS

Nord Stage 3 è progettato per essere uno strumento molto versatile,


facile da utilizzare e dalla grande espressività musicale. Di seguito sono
SEZIONE PIANO
descritte alcune delle sue caratteristiche principali:
La sezione Piano di Nord Stage 3, possiede 2 Gb di memoria interna,
ed offre una scelta straordinaria di suoni di pianoforte e tastiere. I suoni
di pianoforte sono suddivisi in 6 tipologie differenti che comprendono i
SEZIONE ORGAN classici Grand, Upright ed Electric, Digital e suoni Layer preconfigurati.

La sezione dedicata agli organi utilizza il nostro sistema di modellazione


fisica più recente “B3 Tonewheel”, per la simulazione degli organi NORD PIANO LIBRARY
elettromagnetici, identico a quello già presente nel rinomato Combo
Organ Nord C2D. Nord Stage 3 può naturalmente utilizzare i suoni presenti nella Nord Piano
Library, una libreria sonora gratuita in continua espansione. Investiamo
Il modello B3 è il risultato dell’analisi dei segnali generati da ognuna tempo e impegno per ampliare la gamma dei suoni disponibili, che
delle 91 ruote foniche presenti all’interno di diversi strumenti originali e spaziano dai migliori grancoda da concerto ai caratteristici pianoforti
della complessa interazione tra tutte le varie componenti. La circuiteria verticali, agli strumenti storici, i pianoforti elettrici e molto altro.
virtuale reagisce non solo alle impostazioni del Panel, ma anche alle
performance in tempo reale. Stage 3 è in grado di riprodurre fedelmente I nuovi suoni vengono messi a disposizione con regolarità e gratuitamente
la caratteristica dispersione dell’energia e la tenue compressione sul sito web www.nordkeyboards.com.
tipica degli strumenti originali. Le 3 modalità di Tonewheel disponibili
permettono di passare dal suono pulito di uno strumento appena uscito STRING RESONANCE
dalla fabbrica al suono degli organi con anni di concerti sulle spalle.
La risonanza delle corde è un fenomeno fisico, che si verifica all’interno
Abbiamo inoltre ricreato l’emulazione precisa di due tra i più famosi di ogni pianoforte acustico quando le vibrazioni delle corde relative
organi a transistor degli anni ‘60: il Vox Continental e il Farf (Farfisa) alle note suonate, si influenzano l’un l’altra producendo le risonanze
Compact. Insieme all’emulazione del suono degli organi, Nord Stage caratteristiche. Quando l’opzione String Resonance è attiva, queste
3 offre la stessa emulazione del Rotary Speaker presente nel Nord interazioni sono accuratamente riprodotte.
C2D. L’emulazione delle variazioni acustiche che si verificano quando
le ruote foniche diffondono il suono all’interno di una stanza rende i
suoni d’organo di Stage 3 incredibilmente realistici. A livello di controlli, NORD TRIPLE PEDAL
i modelli a 88 e 76 tasti utilizzano i collaudati Drawbars digitali a LED,
Nord Stage 3 è compatibile con il Nord Triple Pedal che consente
mentre il modello Compact a 73 tasti è dotato di Drawbars fisici.
funzionalità aggiuntive all’interno della sezione Piano.
Infine, due modelli distinti di Pipe Organ (organo a canne) tra cui un
Il pedale di destra è il pedale di risonanza (Sustain). Azionandolo, tutte
modello Pipe “Principal” con due variazioni, offrono una gamma vasta e
le note prodotte continuano a risuonare fino al suo rilascio. E’ inoltre
versatile di suoni di organo Pipe/Church.
in grado di aggiungere il controllo dinamico del “rumore del pedale”
Questa sezione è descritta in dettaglio nel capitolo: “Organ”, a partire meccanico (Pedal Noise), e consente l’utilizzo di tecniche tipicamente
da pagina 17. pianistiche come il “mezzo pedale” (Half Pedal).

Il pedale a sinistra è il pedale del “Piano” (Soft), detto anche “Una Corda”.
2.2.NORD STAGE 3 | 9
Overview | 9

Quando lo si attiva, tutte le note hanno un volume leggermente più basso Stage 3 possiede una potente sezione Filter (filtri). Oltre ai tradizionali
e un timbro più morbido. passa basso a 12 e 24 dB, passa alto e passa banda a 12 dB, dispone
della simulazione di un filtro a Transistor passa basso, e di un filtro
Al centro abbiamo il pedale “Tonale” (Sostenuto). Quando questo viene combinato passa basso/passa alto.
premuto mantiene sollevati gli smorzatori delle sole note suonate in
quel momento, facendole continuare a risuonare; mentre invece le note A questo si aggiungono gli inviluppi: Amp e Modulation, i controlli LFO e
suonate successivamente non vengono sostenute. Unison, offrendo così possibilità di sintesi molto ampie che assicurano
una versatilità d’uso praticamente illimitata.
RUMORE DEL PEDALE
Una descrizione approfondita di questa sezione è presente all’interno
Quando si utilizza il pedale di risonanza (Sustain) su un pianoforte del capitolo: “Synth”, a partire da pagina 31.
acustico a coda o verticale, i componenti del meccanismo del pedale
producono una serie di rumori meccanici. Nord Stage 3 è in grado di
riprodurre molti di questi rumori caratteristici. Premendo il pedale di
risonanza gli smorzatori si sollevano dalle corde producendo il suono SEZIONE EXTERN
tipico. Rilasciando il pedale gli smorzatori tornano in posizione sulle
corde, generando un tipo diverso di rumore. Nord Stage 3 offre potenti funzioni da MIDI Controller, grazie alla sezione
Extern, che può essere attivata, disattivata, e assegnata alle varie zone
della tastiera, proprio come i generatori sonori interni. In questo modo
PIANO E CLAV EQ è possibile controllare ed integrare nel proprio Set Up dispositivi come:
computer, moduli sonori, synth ecc.
Le impostazioni Piano e Clav EQ, permettono di modificare velocemente
il carattere timbrico del suono di piano selezionato. Le impostazioni Questa sezione è descritta in dettaglio nel capitolo: “Extern”, a partire
“Clav” (Clavinet), sono pensate per riprodurre le variazioni timbriche da pagina 41.
dello strumento originale, mentre le impostazioni “Piano” sono state
sviluppate appositamente per il pianista e consentono di ottenere in
tempo reale suoni più soffici, più brillanti o più centrati sulle frequenze
medie, in base a quello che richiede il brano musicale. SEZIONE EFFECTS
Questa sezione è descritta in dettaglio nel capitolo: “Piano”, a partire La sezione Effects mette a disposizione una vasta gamma di effetti
da pagina 21. classici:

Le unità Effects 1 e 2 offrono tutti gli effetti principali di modulazione


come: Tremolo, Chorus e Phaser, che simulano la sonorità tipica degli
SEZIONE PROGRAM effetti a pedale per chitarra (Stompbox) e unità effetti d’epoca. Il Delay
molto versatile, offre varianti di questo effetto dalle più Vintage a quelle
Un Program su Nord Stage 3 contiene le impostazioni di tutti i generatori più moderne - grazie alla modalità Analog ed ai filtri Feedback dedicati.
sonori e gli effetti. L’area centrale dello strumento - la sezione Program
consente di navigare tra i vari Program, memorizzarli, accedere ai menù Nella sezione Amp Sim/EQ sono disponibili simulazioni di amplificatori
e a tutte le varie funzionalità. In questa area si trovano anche i due classici, un EQ potente e versatile, filtri con risonanza, e un incisivo
Panel con tutti i relativi tasti, utilizzabili indipendentemente all’interno di compressore “Fast Mode” che aiuta a mantenere il controllo dinamico
ciascun Program. delle vostre performance. Infine, il riverbero: Reverb - indipendente per
ciascun Panel - offre una serie di simulazioni di ambienti di vario tipo e
Questa sezione è descritta in dettaglio nel capitolo “Program”, a partire dimensione, per creare l’atmosfera giusta in ogni situazione musicale.
da pagina 25.
Molti parametri degli effetti sono controllabili tramite il Morph (assegnabile
alla Modulation Wheel, al Control Pedal o all’Aftertouch) che permette
l’interazione con questi moduli in tempo reale.
SEZIONE SYNTH Questa sezione, e la sezione Rotary Speaker, sono descritte in dettaglio
Il potente motore di sintesi di Nord Stage 3 impiega la stessa avanzata nel capitolo: “Effects”, a partire da pagina 43.
tecnologia del famoso Nord Lead A1. Oltre ai sistemi di sintesi: analogica
classica, digitale e F-Waves (Formants), questa sezione di Stage 3
può essere utilizzata per tutti i suoni basati su campioni (Sample). È
presente inoltre una nuova categoria S-Wave (Superwave) in grado di
generare suoni di notevole spessore, usando oscillatori multipli, che non
possono essere creati con altri mezzi. L’ampio numero di configurazioni
di oscillatori disponibili permette di creare tantissimi Setup formati da:
oscillatori singoli o doppi, Waveshaping, modulazioni di frequenza e
molto altro. Un display OLED dedicato per la sezione Synth offre una
panoramica chiara delle impostazioni correnti.

La Nord Sample Library offre ai possessori di Stage 3 l’accesso a


una vasta libreria gratuita di suoni di qualità eccellente, tra cui i famosi
campioni di Mellotron e Chamberlin. All’interno dello strumento è
possibile inoltre caricare campioni creati dall’utente.
10
10 |  Nord
| NORD STAGE
Stage33MANUALE
User Manual
UTENTE
OSSISTEMA
v1.X OPERATIVO V1.X

3 GUIDA INTRODUTTIVA

Per conoscere le caratteristiche principali di Nord Stage 3 sono sufficienti pochi minuti. In questo
capitolo vengono descritti gli scenari e le attività più comuni con un approccio graduale, utile come
punto di partenza per ulteriori modifiche e impostazioni più avanzate.

COLLEGAMENTI
1 Collegare il cavo di alimentazione di Nord Stage 3 all’unità e ad una presa di corrente, collegare
il pedale Sustain e un paio di cuffie o un sistema di amplificazione.

2 Accendere Nord Stage 3 prima del sistema di amplificazione. Regolare con attenzione il
volume di uscita.

Per ulteriori informazioni su tutti i collegamenti di Stage 3, consultare la sezione: “Collegamenti” a


pagina 57.

PROGRAM
La sezione Program è collocata nella parte intermedia del pannello e ha un display OLED al centro.
Tutte le impostazioni di ciascun parametro del pannello sono immagazzinate nella memoria dei
Program di Nord Stage 3, che ha spazio sufficiente per 400 Program.

I Program sono organizzati in 8 banchi (Bank), contrassegnati dalla A alla H. Tutti i Program
possono essere modificati e riposizionati in base alle esigenze dell’utente.

MM Sul sito www.nordkeyboards.com è disponibile il Set completo dei Program di fabbrica: in


qualsiasi momento è possibile riportare la memoria dei Program al suo stato originale.

SELEZIONARE UN PROGRAM
1 Per selezionare un Program premere uno dei 5 tasti PROGRAM posizionati sotto al display. I
tasti PAGE 3/4 servono per navigare tra le pagine Program – una pagina è un gruppo di 5
Program. Un banco Program su Nord Stage 3 può contenere fino a 50 Program suddivisi in
10 pagine Program.

Alcuni Program di fabbrica sono contrassegnati con le sigle MW o AT, indicanti che la
Modulation Wheel o l’Aftertouch hanno un’importanza fondamentale per il suono; è pertanto
possibile usare questi controlli durante la performance.

2 È possibile spostarsi tra i Program ruotando semplicemente il PROGRAM Dial.


3. 3.
GUIDA
GETTING
INTRODUTTIVA
STARTED | | 11
11

CONTROLLI DEL PANEL LIST VIEW


Qualsiasi Dial che riporti sotto la scritta LIST - come il Program Dial - può
DIAL E MANOPOLE essere utilizzato per accedere ad una utile lista di visualizzazione.

I Dial su Nord Stage 3 sono manopole senza posizioni 1 Premere SHIFT e ruotare il PROGRAM Dial per accedere alla lista di
fisse di inizio e fine, utilizzati per navigare tra parametri visualizzazione di tutti i Program.
e impostazioni con un approccio graduale. Il
PROGRAM Dial è un esempio. .

I LEVEL Dial sono circondati da indicatori LED che


forniscono un’indicazione visiva del valore corrente
del parametro associato.

Le manopole a potenziometro sono usate per molti


2 Scorrere i Program usando il PROGRAM Dial. In modalità List è
possibile accedere a tutti gli 8 banchi dei Program.
parametri su Nord Stage 3. Dopo aver selezionato
un Program, le posizioni fisiche di queste manopole 3 Premere nuovamente SHIFT per USCIRE dalla lista visualizzata.
potrebbero non corrispondere ai valori correnti dei

I Dial per visualizzare gli elenchi: Piano, Synth Preset e Waveform


parametri. In ogni caso, ruotando la manopola, il
funzionano tutti allo stesso modo.
valore del parametro associato si allinea alla
posizione della manopola stessa.

Le manopole utilizzabili come destinazione per il


Morph sono dotate di LED Morph verdi, situati in MODIFICARE UN PROGRAM
basso a sinistra rispetto alla manopola: si accendono
se il Morph è agganciato a quel parametro. Maggiori Modificare un Program è semplice: basta ruotare una manopola o
informazioni sul Morph a pagina 25. premere un tasto per variare un’impostazione esistente.

Tenendo premuto il tasto MONITOR – si trova nella sezione Program 1 Per questo esercizio, selezionare Bank A, Program 1 (si tratta di un
– ruotare una manopola per visualizzare sul display le impostazioni di Program basato su pianoforte).
un parametro memorizzate, senza modificarle. I controlli per lo strumento Piano sono collocati alla sinistra dell’area
Program sul pannello. Notare che la sezione Piano nell’area Program
indica il nome del suono di piano selezionato, mentre l’indicatore PIANO
TASTI SELECT a sei vie è impostato su Grand.
I tasti Selector si utilizzano per selezionare
un’impostazione all’interno di una lista. Sono
SELEZIONARE UN NUOVO SUONO DI PIANO
corredati da un set di LED rotondi o triangolari che
indicano l’impostazione corrente. Premere il tasto 2 Ruotare il PIANO SELECT Dial per navigare tra i suoni di piano. I
più volte per far scorrere ciclicamente - e scegliere suoni sono organizzati in base alla tipologia (per esempio, Grand e
- le opzioni disponibili. Upright). L’indicatore a LED PIANO SELECT indica la tipologia del
suono selezionato.
I tasti ON/OFF si usano per attivare una funzione o
un gruppo di funzioni, per esempio degli effetti, e 3 Selezionare un suono di piano dalla videata LIST, alla quale si
hanno vicino un LED che indica lo stato On/Off e a accede premendo SHIFT e ruotando il PIANO SELECT Dial. Premere
volte anche la sorgente o zona. nuovamente SHIFT per USCIRE dalla videata.

Modificando un parametro qualsiasi di Nord Stage 3, sul display appare


un asterisco (*) accanto al numero di Program selezionato: ciò indica che
MM I tasti On/Off degli Effect qui raffigurati hanno anche funzionalità il Program è stato modificato ma non ancora memorizzato. Selezionando
di selettori. Premendoli una volta si attivano gli Effect, premendoli un altro Program prima di questa operazione, tutte le modifiche vengono
ancora immediatamente si seleziona la sorgente “successiva”. perdute; mentre ad un sue richiamo successivo, questo si ripresenta con
le impostazioni originali.

IL TASTO SHIFT
Molti dei controlli presenti sul pannello di Nord Stage 3 hanno
uno funzione secondaria, indicata sotto al tasto stesso. Tenere
premuto il tasto SHIFT e premere il tasto corrispondente per
accedere a queste funzioni.

È possibile inoltre utilizzare il tasto SHIFT per USCIRE da un


Menu o interrompere una procedura di memorizzazione.
12 | NORD STAGE
12 |  Nord Stage3 3MANUALE UTENTE
User Manual OSSISTEMA
v1.X OPERATIVO V1.X

2 Eseguire una modifica, ed esempio attivando una delle sezioni effetti,

DISATTIVARE LA PROTEZIONE su uno dei Program.

DELLA MEMORIA 3 Selezionare un altro Live Program e tornare su quello precedente.


Notare come le variazioni sono state memorizzate automaticamente.
Per evitare la sovrascrittura accidentale dei Program originali, su Nord In modo Live è possibile memorizzare le impostazioni come Program
Stage 3 la protezione di memoria impostata di Default. Per disattivare la all’interno di un banco Program in modo definitivo, con la procedura di
protezione occorre modificare un’impostazione nel Menu System. memorizzazione standard descritta in precedenza.

1 Tenendo premuto SHIFT, premere il tasto SYSTEM (Program 1) È inoltre possibile memorizzare i Program in una delle cinque locazioni
situato sotto al display. del modo Live: in questo caso le impostazioni del Program sostituiscono
2 “Memory Protect” è la prima impostazione del Menu: System.
quelle memorizzate in modo Live.
Utilizzare il tasto Page3per selezionare “Memory Protect” qualora
Premere nuovamente il tasto LIVE MODE per uscire dal modo Live e
sul display appaia un’impostazione differente.
tornare ai banchi Program.
3 Modificare questa impostazione su Off ruotando il PROGRAM Dial.

4 Premere EXIT (tasto SHIFT) per uscire dal Menu System.

MM Questa impostazione, come tutte le altre impostazioni System, ATTIVARE UN EFFETTO


rimane memorizzata automaticamente, finchè non si effettua un’altra
modifica. 1 Attivare il riverbero premendo il tasto ON del Reverb.

Maggiori informazioni nella sezione: “Menu System” a pagina 52. 2 Regolare il bilanciamento DRY / WET con la manopola situata sopra il
selettore dell’effetto Reverb.

3 Attivare il Delay premendo una volta il relativo tasto ON/OFF.

MEMORIZZARE UN PROGRAM 4 I LED sopra il tasto indicano quale generatore sonoro è indirizzato
all’effetto. Premere SHIFT e il tasto Delay SOURCE fino a quando il
1 Per iniziare la procedura di memorizzazione del Program selezionato LED PIANO si accende, (a meno che non sia già acceso).
premere una volta il tasto STORE posto a sinistra del display.

I l doppio click sul tasto ON OFF / SOURCE è una scorciatoia per


2 Il LED STORE lampeggia e il display chiede su quale locazione modificare velocemente la sorgente per qualsiasi sezione effetti.
memorizzare il Program.
5 I controlli RATE, FEEDBACK, FILTER e MIX permettono di modificare
il carattere e l’intensità dell’effetto Delay .

I DUE PANEL

3 Per memorizzare la versione modificata nella locazione attuale,


sostituendo l’originale, basta premere di nuovo il tasto STORE, I tasti Panel A e Panel B consentono l’accesso istantaneo a due istanze
altrimenti è possibile selezionare una locazione diversa usando il Dial completamente indipendenti del pannello fisico. È possibile avere un
e/o i tasti PAGE 3/. Setup completo Organ/Piano/Synth/Extern/Effects su Panel A e un altro
su Panel B e spostarsi facilmente tra due suoni, o muoversi fra Program

Il Program nella locazione selezionata si attiva ed è possibile suonarlo


complessi con due impostazioni di organo, due pianoforti diversi e due
sulla tastiera, ascoltandolo prima della sua eventuale sostituzione con
differenti sintetizzatori. I due Panel possono essere combinati come Layer
il Program da memorizzare.
o Split sulla tastiera. Di seguito viene spiegata la procedura per impostare
4 Dopo aver trovato una locazione adatta per il Program, premere uno Split ed espanderlo con una combinazione aggiuntiva di Layer.
nuovamente STORE per confermare la memorizzazione.

MM Premere una volta SHIFT/EXIT per annullare una procedura di CREARE UNO SPLIT
memorizzazione.
1 Assicurarsi che sia attivo solo Panel A e che sia attiva la sola sezione
Maggiori informazioni relative alla procedura di memorizzazione e a come Piano.
nominare un Program nel capitolo: “Program”, a pagina 28.
2 Per attivare la modalità Split, premere il tasto SPLIT ON/SET,
posizionato nella riga superiore sopra il display dell’area Program.

3 Per regolare la posizione del punto(i) di Split, premere e tenere


MODALITÀ LIVE premuto il tasto SPLIT ON/SET, situato nella riga superiore sopra il
display dell’area Program.
Le modifiche eseguite sui 5 Program assegnati in modo LIVE sono
memorizzate automaticamente senza dover ricorrere alla procedura MM Il simbolo “6“ associato a questo tasto indica che una delle sue
manuale vista nel capitolo precedente. funzioni - SET - è accessibile mantenendo premuto il tasto.

1 Premere LIVE MODE e usare i cinque tasti PROGRAM per navigare


4 Ci sono due impostazioni per ciascun punto di Split: Position e Width.
Quando il display indica “Split Width Middle” premere il tasto Program
tra i cinque Live Program.
4, corrispondente al simbolo 3 nel display, per mostrare invece le
3. 3.
GUIDA INTRODUTTIVA
GETTING STARTED | | 13
13

impostazioni Split Position. Impostare il punto di Split Middle su C4 usando il Dial.

5 Assicurarsi che gli altri due punti di Split (Low e High) siano impostati su “Off” (per accedere
alle impostazioni premere rispettivamente i tasti Program 1 e 3).

Ora la tastiera è suddivisa in due zone e il punto di Split è indicato da un LED verde sopra la
tastiera. Anche il LED M sopra il tasto SPLIT ON/SET è acceso, indicando che lo Split è attivo per
il solo: “Mid Split Point”.

ASSEGNARE IL PIANO ALLA ZONA SUPERIORE


6 Tenendo premuto SHIFT, premere ripetutamente il tasto Piano KB ZONE SELECT, fino a
quando rimangono accesi i soli LED 3 e 4.

Questa procedura assegna il Piano alla zona superiore della tastiera. Utilizzare liberamente i tasti
OCTAVE SHIFT della sezione, per selezionare estensioni differenti del piano.

ASSEGNARE IL SYNTH ALLA ZONA INFERIORE


7 Premere il tasto ON della sezione Synth. Tenendo premuto SHIFT, premere il tasto Synth KB
ZONE SELECT fino a quando rimangono accesi i soli LED 1 e 2. Questa procedura attiva il
Synth e lo assegna alla metà inferiore della tastiera.

MM Utilizzando tutti i 3 Split Point: Low, Mid e High, è possibile suddividere la tastiera in 4 zone
distinte, alle quali è possibile assegnare uno, o tutti i sei generatori sonori e le 2 sezioni Extern.

SELEZIONARE UN SYNTH PRESET


1 Ruotare il SYNTH PRESET Dial e selezionare un Synth Preset qualsiasi tra gli 8 banchi di Preset
- per esempio un suono Bass Synth. Nella parte inferiore del display della sezione Program
sono visualizzate la posizione e il nome del Preset. Il display del Synth indica le impostazioni
attive dell’oscillatore.

È possibile modificare tutti i parametri del sintetizzatore sul pannello, anche quando si utilizza un
Preset come punto di partenza. La descrizione dettagliata dei parametri è presente nel capitolo
“Synth”, a partire da pagina 331.

Per visualizzare l’impostazione di un parametro senza modificarla, tenere premuto il tasto


Monitor e ruotare la manopola del parametro.

CREARE UN LAYER

Aggiungiamo un terzo suono allo Split Synth/Piano che è stato appena creato.

1 Attivare Panel B premendo il tasto relativo, per accedere ad un secondo Set di generatori
sonori ed effetti.

2 Assicurarsi che sia attiva solo la sezione Synth: Premere SHIFT + PROG INIT e selezionare
Synth dal display premendo il tasto Program 4.

La funzione “Prog Init” inizializza velocemente il Panel corrente, per renderlo compatibile con il
tipo di Program da creare, disattivare tutte le sezioni, resettare tutti i parametri.

3 Utilizzare il SYNTH PRESET Dial per selezionare un suono da aggiungere in Layer, con lo Split
Synth/Piano già impostato.

ATTIVARE ENTRAMBI I PANEL


4 Premere contemporaneamente i tasti PANEL A e PANEL B per creare un Layer con i suoni di
entrambi i Panel. Ora Panel A contiene lo Split Synth/Piano mentre Panel B il suono di Synth
in Layer.
14 | NORD STAGE
14 |  Nord Stage33MANUALE UTENTE
User Manual OS SISTEMA
v1.X OPERATIVO V1.X

Il LED del Panel lampeggiante (A o B) indica su quale Panel si stanno effettuando modifiche. Per
passare da un Panel ad un altro (A/B), basta premere il tasto corrispondente sul pannello.

IMPOSTARE UNO SPLIT CROSS-FADE (SPLIT WIDTH)


A questo punto è possibile regolare il punto di Split in modo che la transizione tra i suoni di Synth
e Piano avvenga gradualmente:

5 Tenere premuto nuovamente il tasto SPLIT ON/SET situato nella riga superiore sul display
dell’area Program.

6 Premere il tasto Program 4, corrispondente al simbolo 4 sul display. Ora è possibile modificare
la Split Width per ciascuno Split Point.

7 Selezionare lo Split Point “Mid” e impostarlo su “Lrg” ruotando il Dial. Rilasciare il tasto SPLIT
ON/SET.

Suonando in corrispondenza dello Split Point (punto di divisione della tastiera) si crea la dissolvenza
tra il suono superiore e quello inferiore.

Anche la sezione Extern può essere inclusa in uno scenario con Split o Layer: è possibile
controllare un’unità esterna da una zona della tastiera. Non è possibile applicare l’impostazione
“Split Width” alla sezione Extern.

Per disattivare una Panel Combination, tenere premuto il tasto Panel desiderato e premere l’altro
tasto Panel.

MORPH
Il Morph permette di usare la Modulation Wheel, un pedale o
l’Aftertouch per modificare uno o più parametri, in tempo reale.
In breve, occorre selezionare una sorgente (il controller fisico), il
parametro di destinazione e l’intervallo del parametro compreso
nel Morph.

1 Per esempio, per modificare le impostazioni dei Drawbars con la Modulation Wheel, occorre
controllare che la sezione Organ sia attiva (On).

2 Assicurarsi che sia selezionato il modello d’organo B3 e “tirare” i primi tre Drawbars virtuali
sulla sinistra (Sub, Sub3 e Fund) premendo i tasti corrispondenti sulla riga inferiore, o tirando
realmente i Drawbars fisici se si utilizza il modello Nord Stage 3 Compact.

3 Premere e tenere premuto il tasto WHEEL nel gruppo Morph Assign, sopra il Dial dell’area
Program.

4 Tirare completamente i quattro Drawbars a destra. Gli indicatori mostrano LED singoli che
visualizzano quanto il Morph influenza il parametro.

5 Rilasciare il tasto WHEEL. Suonare alcune note o accordi muovendo la Modulation Wheel.

Muovendo la Wheel si modifica la posizione dei Drawbars e il suono cambia di conseguenza.

Una sorgente Morph (Wheel, Control Pedal o Aftertouch) può controllare diversi parametri
all’istante.

Una sorgente Morph può aumentare il valore di un parametro e contemporaneamente


diminuire quello di un altro. In questo modo è possibile ad esempio eseguire dei Crossfade
tra vari strumenti.

Maggiori informazioni sulla funzionalità Morph a pagina 25.


3.3.GUIDA INTRODUTTIVA
GETTING STARTED | | 15
15

SELEZIONARE E MODIFICARE UN SAMPLE


IL SYNTH PRESET
Di seguito vengono illustrate alcune funzioni della sezione Synth di Stage Ora impostiamo un Pad di archi basato su un Sample, selezionato dal
3. Iniziando dall’impostazione di un suono utilizzando le forme d’onda banco Preset della sezione Sample.
“analogiche ” classiche.

Oltre ad essere selezionabili con l’Osc1/Waveform Dial, i Sample


1 Premere il tasto Synth ON per attivare la sezione Synth, oppure sono disponibili come Preset all’interno dei banchi Synth Preset.
utilizzare PROG INIT (SHIFT + LIVE MODE) e selezionare Synth dal Richiamando un Preset, alcune impostazioni Synth come ad esempio
display. Amp Envelope e Velocity, vengono impostate automaticamente con i

2 Per partire da zero, inizializzare il sintetizzatore alle sue impostazioni


valori disponibili per quel particolare Sample. È possibile comunque
regolarne tutti i parametri in base alle necessità.
predefinite, premendo SOUND INIT (SHIFT + UNISON).

3 Assicurarsi che il selettore Waveform sotto il display sia impostato su 1 Attivare la videata Synth Preset List premendo SHIFT e ruotando il
CLASSIC. Ruotare OSC1/WAVEFORM Dial per selezionare la forma SYNTH PRESET Dial.
d’onda Sawtooth. 2 Premere il Soft Button Samp (tasto Program 1) per isolare i Preset
4 La metà destra del display è vuota. È in uso la configurazione Basic: Sample. Premendo uno dei Soft Button (Program 3 o 4) tutti i Synth
Single Oscillator, che sta a significare che la manopola OSC CTRL Preset vengono raggruppati per categoria. È possibile usare i tasti
non ha alcun effetto sul suono. Scegliere una configurazione PAGE 3/4 per spostarsi rapidamente da una categoria all’altra.
differente. 3 Selezionare un Sample Ensemble Strings appropriato ruotando il
SYNTH PRESET Dial (o il Program Dial).

4 Suonare alcune note, per capire le modifiche da eseguire su questo

5 Tenere premuto SHIFT e ruotare il CONFIG Dial per esplorare le


diverse configurazioni. Selezionare la configurazione Mix Square e
rilasciare il tasto SHIFT. suono. Tornare alla sezione AMP ENV (Amplifier Envelope):

5 Mentre si suona, regolare il RELEASE della sezione Amp Env, fino


ad ottenere una coda adeguatamente lunga al rilascio di una nota,
corrispondente circa ad un valore 5.0.

6 Allo stesso modo, con il parametro ATTACK è possibile creare un


6 Ora sono disponibili due oscilatori, uno impostato su Sawtooth suono con un inizio più morbido e graduale. Anche in questo caso,
(dente di sega) e l’altro su Square Wave (onda quadra). Ruotare la un valore corrispondente a 5.0 potrebbe essere corretto.
manopola OSC CTRL per miscelare il suono dei due oscillatori. 7 Per definire ulteriormente il Pad di archi, regolare il FILTER FREQ
7 Ruotare il OSC2/PITCH Dial (lo stesso per il CONFIG Dial - ma senza conferendo al suono un carattere più morbido. Un valore di circa 6.0
il tasto SHIFT) della sezione Oscillator e selezionare un’intonazione può essere un buon punto di partenza.
(Pitch) differente per la Square Wave, indicata per intervalli di
MM Dal momento che questo esempio si basa su un Preset, è possibile,
semitono sul display. In questo modo è possibile combinare il suono
eseguendo il precedente punto#8, impostare la manopola VEL/
del primo oscillatore (il suono Sawtooth, in questo caso) con uno di
MOD ENV a 0 (ore 12), eliminando così ogni reazione alla “Velocity”
altezza differente: dall’ottava inferiore (usando “Sub” come
preimpostata.
nell’esempio sotto), a diverse ottave sopra.
Ci sono diversi modi per migliorare ulteriormente questo suono di Pad di
archi, per esempio aggiungendo la modulazione o utillizzando gli effetti.
Maggiori informazioni sulle opzioni di modulazione sono a pagina 32, e a
partire da pagina 43 per gli effetti.

È possibile aggiungere ulteriori Samples a Nord Stage 3 utilizzando il


software Nord Sound Manager.

È possibile memorizzare un suono di synth modificato tra i Preset


premendo SHIFT e il tasto STORE SYNTH.

Infine, passare alla sezione Filter per alcune regolazioni:

8 Ruotare la manopola FREQ della sezione Filter in senso antiorario,


(il suono si attenua). Ripetere la procedura con tutte le impostazioni
FILTER TYPE, prestando attenzione a come ciascuna abbia un
effetto diverso sulla modellazione del suono.

MM Maggiori informazioni su Filter Types ed altre impostazioni della


sezione Filter a partire da pagina 335.
16 | NORD STAGE
16 |  Nord Stage33MANUALE UTENTE
User Manual OS SISTEMA
v1.X OPERATIVO V1.X

MASTER CLOCK
L’ARPEGGIATORE Dopo aver avviato l’arpeggiatore è possibile modificare l’opzione Master
L’esercizio finale consiste nel creare un suono utilizzando la sezione Clock per sincronizzare l’arpeggio ed inserire un effetto.
SYNTH e il relativo arpeggiatore.
1 Tenere premuto SHIFT e ruotare la manopola RATE dell’arpeggiatore
1 Assicurarsi che sia attiva solo la sezione SYNTH ed effettuare un per sincronizzare l’arpeggio al Master Clock: il LED MST CLK si
SOUND INIT (SHIFT + UNISON). Impostare il parametro ATTACK illumina.
della sezione Amp Env a 0, il DECAY a 3, selezionare un’onda 2 Tenere premuto il tasto Mst Clk TAP/SET nell’area Program per
Sawtooth e aprire un po’ il filtro: in questo modo si ottiene un suono inserire un tempo con il PROGRAM Dial. È possibile anche premere
percussivo. CLOCK (SHIFT + TAP/SET) per visualizzare e regolare le impostazioni
2 Premere ARP RUN, suonare un accordo sulla tastiera e ruotare la del Master Clock senza dover tenere premuto il tasto. Il display indica
manopola Rate dell’Arpeggiatore. Questo esegue ciclicamente le i BPM. Per questa simulazione, impostare i BPM a 130. Per uscire
note tenute. rilasciare il tasto o premere EXIT (Shift) se si è in modalità “Clock”.

Premere quattro volte il tasto Mst Clk per impostare il tempo


immediatamente.

3 Premere SHIFT e il tasto selettore dell’Arpeggiatore per scegliere una


modalità di arpeggio differente.
3 Ruotare la manopola RATE dell’arpeggiatore selezionando la
Quando nessun LED indicatore della modalità d’arpeggio è acceso, suddivisione metrica (o valore della nota) da far suonare all’arpeggio.
è selezionata la modalità: UP, partendo dal tasto più basso fino a (L’impostazione appare nel display dell’area Program). Notare che
quello più alto e di nuovo da capo. Le altre modalità sono DN (Down), 1/4 ha una velocità dimezzata rispetto a 1/8. La lettera “T” dopo
UP/DN (Up e Down) e RD (Random). un valore numerico indica la suddivisione in terzine. Impostare la
4 Premere ripetutamente il tasto di selezione per scegliere l’estensione. suddivisione a 1/8.
Quando nessun LED è acceso, l’estensione dell’arpeggio 4 Attivare l’effetto DELAY e assicurarsi che sia associato al Synth
corrisponde esattamente alle note premute. L’impostazione 2 OCT (premendo ripetutamente il tasto SOURCE fino a quando il LED
aumenta l’estensione trasportando l’arpeggio un’ottava sopra e SYNTH si illumina). Regolando con attenzione il tempo del Delay,
suonando questa ottava di seguito a quella iniziale, 3 OCT aggiunge è possibile sincronizzarlo con il ritmo dell’arpeggio. (Il medesimo
un’altra ottava e 4 OCT dà un’estensione di quattro ottave. risultato si ottiene sincronizzando il Delay allo stesso Clock
5 Premere il tasto KB HOLD per continuare a far suonare l’arpeggio
dell’arpeggio).
senza tenere premuti i tasti. 5 Premendo SHIFT e ruotando la manopola TEMPO della sezione
Delay per attivare il Master Clock, il LED MST CLK si accende.

6 Ruotare la manopola TEMPO della sezione Delay, controllando


sempre il display dell’area Program per monitorare le impostazioni.

7 Impostare 1/16, ovvero una velocità doppia rispetto a quella


impostata per l’arpeggio. Alzare la manopola Amount (non oltre ore
12) per ascoltare le ripetizioni del Delay con le note dell’arpeggio.

In questo modo arpeggio, LFO del synth, Delay e velocità dell’Effect 1


sono sincronizzati con il Master Clock.

Il Master Clock funziona su entrambi i Panel contemporaneamente,


permettendo di controllare arpeggi, LFO ed effetti su Panel A e B.

Alcune unità presentano suddivisioni maggiori di 1/1 che permettono di


effettuare oscillazioni superiori ad una battuta. È possibile ovviamente
sincronizzare alcune funzioni e lasciarne libere altre.
4.4.Organ
ORGAN | 17
| 17

4 SEZIONE ORGAN

Modello: Compact

Nord Stage 3 offre cinque diverse emulazioni digitali di modelli d’organo: essere variata di +/- 2 semitoni.
un Tonewheel/B3, due organi a Transistor (Vox e Farfisa) e due modelli di
Pipe Organ, inclusa una sezione “Principal Pipe”. È possibile selezionare SUSTPED (SHIFT + tasto OCTAVE SHIFT RIGHT/UP) attiva per la sezione
modelli di organi differenti per Panel A e Panel B, creando combinazioni Organ ogni pedale collegato. A pagina 52, nel capitolo “Menu”, è possibile
Split e Layer con suoni diversi. trovare informazioni dettagliate sulla configurazione del pedale.

MM L’effetto Rotary – sebbene sia posizionato ergonomicamente sulla


sezione Organ – è trattato nel capitolo: “Effects” a pagina 46.
DRAWBARS E TASTI
ON/OFF, LEVEL E ZONE SELECT I Drawbars sulle versioni di Nord Stage 3 a 88 e 76 tasti sono simulati
tramite una serie di tasti e LED grafici. La versione Compact 73 tasti
La sezione Organ si attiva/disattiva premendo il relativo tasto ON/OFF. Il
possiede Drawbars meccanici “fisici”.
LEVEL Dial (controllabile via Morph) regola il livello del suono in uscita per
la sezione Organ. I Drawbars digitali si comportano esattamente come le loro controparti
meccaniche. Sui modelli B3, Vox, Pipe e Sine i Drawbars si “tirano” e si
Premere ZONE SELECT (On/Off) con SHIFT, per assegnare l’Organo ad
“spingono” usano i tasti relativi. Per il modello Farf, i tasti dei Drawbars
una qualsiasi zona attiva della tastiera. I LED KB ZONE verdi indicano
funzionano come gli interruttori originali, attivando/disattivando ciascun
a quale zona è stata assegnata. A pagina 2 si trovano informazioni
registro.
dettagliate riguardo le impostazioni Split e Zone della tastiera.
Tenendo premuti i tasti il valore corrispondente dei Drawbars aumenta/
diminuisce (all’interno della sua estensione), fino a quando il tasto viene
OCTAVE SHIFT rilasciato.
I tasti OCTAVE SHIFT spostano l’ottava della sezione Organ verso l’alto

I Drawbars possono essere controllati tramite il Morph per modificare


o verso il basso (+/- 12 semitoni). Quando l’Organo è assegnato a tutta
drasticamente il suono utilizzando ad esempio la Modulation Wheel
la tastiera, può essere trasposto di un’ottava intera verso l’alto o verso il
o un pedale di controllo.
basso. Quando è assegnato a zone più ridotte, i valori di trasposizione
disponibili possono variare, ma forniscono sempre l’accesso all’estensione Per incrementare o diminuire momentaneamente in senso opposto, il
completa dell’Organo. valore di un Drawbar, premere un tasto dei Drawbars tenendo premuto
contemporaneamente quello associato.

PSTICK E SUSTPED MM Il display della sezione Program mostra l’impostazione corrente


dei Drawbars per la sezione Organ - utile soprattutto per il modello
PSTICK (SHIFT+ tasto OCTAVE SHIFT LEFT/DOWN) attiva il Pitch Stick
Compact che non ha i Drawbars a LED.
sull’Organo, tramite questo controllo l’intonazione di questa sezione può
18 | NORD STAGE
18 |  Nord Stage33MANUALE UTENTE
User Manual OS SISTEMA
v1.X OPERATIVO V1.X

SELEZIONARE UN MODELLO DI ORGANO

Utilizzare il tasto ORGAN MODEL per selezionare il modello di Organo


desiderato. Le impostazioni di Pipe1 e Pipe2 sono indicate rispettivamente
dalla coppia di LED superiori e inferiori illuminati.
Sono disponibili tre diversi tipi di Chorus (C1 - C3) e tre diversi tipi di
Vibrato (V1 - V3). Per selezionarli premere il tasto Vibrato/Chorus. È
possibile attivare/disattivare l’effetto per entrambi i Panel individualmente,
premendo il tasto Vibrato/Chorus per Panel A e Panel B.
IL MODELLO B3
Il modello B3 si basa su un’emulazione digitale del classico organo EFFETTO PERCUSSION
elettromeccanico a ruote foniche (Tonewheel). Questa emulazione si
avvale di tecnologie innovative ed avanzate per catturare ogni sfumatura Premere il tasto PERCUSSION ON per aggiungere un attacco extra al
del suono originale, tra cui: suono del B3 utilizzando un generatore di inviluppo singolo che controlla
la 2a o la 3a armonica.
• Una simulazione digitale estremamente accurata del Chorus e del
Vibrato Scanner originali. L’inviluppo si “apre” per breve tempo all’inizio del suono, nel momento in
• Modellazione dei contatti casuali per ciascun armonico. cui viene premuto il tasto. La percussione è un effetto a Trigger singolo
“non legato”. Per “Trigger singolo” si intende che l’effetto di percussione
• Emulazione delle frequenze caratteristiche uniche del preamplificatore
è presente solo nel momento in cui viene premuto il tasto, e non sta
interno, elemento fondamentale per la creazione del “corpo” del suono.
suonando nessun altra nota. In altre parole, suonando un accordo o una
• Simulazione della sottrazione di energia delle Tonewheel che produce il nota e aggiungendone in seguito altre senza rilasciare quelle già suonate,
classico suono “compresso”. le nuove note saranno prive della percussione. Per poter suonare nuove
• Accordatura autentica delle Tonewheel secondo il progetto originale. note con la percussione è necessario quindi rilasciare tutti i tasti.

• Risposta estremamente rapida della tastiera.


• Polifonia piena.


I DRAWBARS DEL B3

Gli intervalli armonici tipici dell’organo elettromagnetico sono indicati

sotto ciascun Drawbar. Per un primo utilizzo dei Drawbars si consiglia

la lettura del paragrafo: “Drawbar e Tasti” nella pagina precedente. Ogni
Il tasto VOLUME SOFT permette di impostare un livello dell’effetto
Drawbar rappresenta un parziale con un intervallo armonico prestabilito in
percussione normale (Normal) o tenue (Soft). Con il tasto DECAY FAST
rapporto alla nota suonata.
è possibile scegliere tra un tempo di decadimento lento (Slow) o rapido
L’illustrazione seguente mostra l’intervallo di intonazione tra i 9 Drawbars (Fast).
quando si suona il tasto C3. Il Drawbar SUB3, corrispondente alla quinta
Il tasto HARMONIC THIRD permette di selezionare la seconda o la terza
superiore dell’armonica fondamentale, è percepito nella maggior parte
armonica come sorgente della percussione.
dei casi come un suono di frequenza minore rispetto alla fondamentale.
MM L’effetto “Percussion” è disponibile solo per il modello di organo B3.

CONTROLLO KEY CLICK


Il Click dei tasti prodotto dal rimbalzo casuale dei contatti è un elemento
audio importante nello strumento B3 originale, ed è diventato un effetto
molto apprezzato dai musicisti. Tutti i dettagli per regolare il livello del Click
sono nel Menu “Sound” a pagina 53.

Si consiglia di provare le tre tipologie di ruote foniche disponibili nel


Menu Sound, con timbriche completamente diverse tra loro: dal B3
“pulito” appena uscito di fabbrica a quello più vecchio e usurato.

C3

VIBRATO & CHORUS


Il Vibrato e il Chorus Scanner in un organo elettromagnetico è costituito
da una linea di Delay modulata combinata con uno Scanner rotante.
Per l’effetto Vibrato, si applica al segnale uno spostamento di fase. Per
l’effetto Chorus, viene aggiunta al segnale originale una modulazione di
fase.
4. 4. ORGAN | 19
Organ | 19

IL MODELLO VOX IL MODELLO FARF


L’organo originale Vox™ è probabilmente il più famoso tra tutti gli organi Il tipico suono “Buzzy”, frizzante, di questo strumento Vintage è tra i suoni
combo a transistor apparsi agli inizi degli anni ‘60. Questa tecnologia più caratteristici e riconoscibili mai creati, anche se in realtà è possibile
ha reso possibile la costruzione di strumenti compatti e facilmente trarne un’ampia gamma di timbriche. Notare che le voci non intendono
trasportabili. Paragonati al suono possente degli organi elettomagnetici, replicare lo strumento dal quale traggono il nome, bensì descrivono le
quelli a transistor risultavano generalmente più deboli, ma questo modello caratteristiche timbriche di base della voce: Flute = Soft, Oboe = simile a
aveva un carattere sonoro particolare che, unito alla facilità di trasporto strumenti ad ancia, Trumpet = simile ad un ottone etc.
e al design innovativo (tastiera con colori invertiti e supporto cromato
“Z-frame”), lo ha reso uno strumento molto popolare all’epoca. Nord
Stage 3 riproduce fedelmente questo suono ormai classico. I SELETTORI DI REGISTRO DEL FARF
I nomi associati ai Drawbars/registri del FARF sono stampati sulla riga
I DRAWBARS DEL VOX superiore sopra i LED dei Drawbars.

I nomi associati ai Drawbars del Vox sono stampati sulla riga I Drawbars funzionano come interruttori On/Off, o “selettori di registro”
immediatamente sopra i LED dei Drawbars. quando si seleziona il modello Farf. Al posto dei Drawbars, lo strumento
orginale era dotato di interruttori “Rocker” (a bilanciere), per selezionare
Per un primo utilizzo dei Drawbars, si consiglia la lettura del paragrafo le voci degli strumenti (si trattava in realtà di differenti impostazioni dei
“Drawbar e Tasti” a pagina 17. filtri) in diverse estensioni d’ottava. I LED dei Drawbars 5-8 si illuminano
indicando che la voce è attiva e i LED dei Drawbar 1-4 si illuminano
I primi sette Drawbars a sinistra controllano il livello di ciascun parziale. indicando che la voce è disattiva. Sul modello Nord Stage 3 Compact, il
Ogni parziale è caratterizzato da un intervallo armonico prestabilito in registro si attiva tirando fuori i Drawbars oltre la metà.
relazione alla nota suonata. L’illustrazione seguente mostra l’intervallo di
intonazione dei Drawbars nel momento in cui si suona il tasto C3. Nello Il display della sezione Program mostra le impostazioni correnti dei
strumento originale gli intervalli variano tra la tastiera superiore ed inferiore, Drawbars per la sezione Organ. La tabella seguente indica i nomi dei
mentre su Nord Stage 3 sono identici. registri originali.

Vox Continental Upper Drawbar Voce Nome


1 Bass 16 BASS16
2 Strings 16 STR16
3 Flute 8 FLUTE8
4 Oboe 8 OBOE8
5 Trumpet 8 TRMP8
6 Strings 8 STR8
7 Flute 4 FLUTE4
8 Strings 4 STR4
9 Voce brillante intonata 2 2/3
un’ottava ed una quinta
sopra la fondamentale

L’illustrazione seguente mostra l’intervallo di intonazione tra le diverse voci


quando si suona il tasto C3. Alcune voci hanno la stessa intonazione, ma
C3 differiscono per carattere timbrico.

Vox Continental Lower

I due Drawbars più a destra controllano il mix tra un segnale filtrato dal
timbro morbido e scuro e un segnale non filtrato brillante ed intenso.

VIBRATO
C3
Per il modello VOX sono disponibili diversi tipi di Vibrato e Chorus, attivabili
con il tasto ON della sezione Vibrato. L’impostazione V3 è quella tipica
dello strumento originale.

Le impostazioni del Vibrato per il modello VOX sono in comune per Panel VIBRATO
A e Panel B della sezione Organ, ma possono essere attivate o disattivate
indipendentemente. Lo strumento originale ha due modalità base di Vibrato: “Light” e “Heavy”,
20 | NORD STAGE
20 |  Nord Stage33MANUALE UTENTE
User Manual OS SISTEMA
v1.X OPERATIVO V1.X

con frequenze differenti per ogni modalità. Il modello Farf su Nord Stage 3
offre diversi tipi di Vibrato e Chorus attivabili con il tasto ON della sezione
Vibrato.
SWELL PEDAL
Lo Swell è una caratteristica tipica dell’organo, controllata da un pedale
Le impostazioni V1, V2 e V3 emulano quelle dello strumento originale.
continuo. Lo Swell non funziona semplicemente come pedale del volume
Le impostazioni del Vibrato per Farf sono comuni per entrambi i Panel.
- nel caso del B3 modifica il carattere del suono in maniera particolare.
Per utilizzare il controllo Swell su Nord Stage 3, è sufficiente collegare
un pedale di espressione standard nell’ingresso Organ Swell situato sul
pannello posteriore (pagina 57) e configurare il pedale dal Menu System
PIPE ORGAN (pagina 52).

Un pedale di espressione collegato all’ingresso Organ Swell controlla la


PIPE 1 funzione Swell su tutti i modelli di organo.

Il modello di organo PIPE1 è stato progettato senza imitare alcun tipo Nel caso sia presente un unico pedale di espressione collegato all’ingresso
di strumento esistente, per offrire un suono d’organo versatile, utile e Control Pedal, è possibile utilizzarlo sia come pedale di controllo generico
interessante, in grado di funzionare bene con o senza Rotary Speaker. per il Morph, sia come pedale Swell. Questa opzione è regolabile dal
Per certi aspetti il timbro è simile a quello dell’organo B3 – ma senza Menu System.
artefatti o comportamenti elettromeccanici.

PIPE 2
ROTARY SPEAKER
L’organo PIPE2 ricrea fedelmente il registro del “Principale” dell’organo a
canne - le serie di canne metalliche cioè che costituiscono comunemente I controlli del Rotary Speaker sono posizionati accanto alla sezione Organ.
il registro fondamentale di un organo a canne (Pipe Organ), o organo Tutte le funzioni sono descritte in dettaglio nel capitolo: “Effects” a pagina
da chiesa. Mentre altre serie di canne possono imitare il suono di altri 46.
strumenti (flauti, trombe, archi ecc.) il suono del “Principale” è quello più
tipico dell’organo a canne.

Attivando il VIBRATO/CHORUS per il modello Pipe2 si ottiene una


variazione della sezione “Principale”, che risulta intonata con minore
precisione. Ne derivano effetti tipo Chorus, leggere variazioni di frequenza
con un timbro risultante più realistico combinando i registri tra loro.

REGISTRI PIPE 1&2


La lunghezza delle canne disponibile per entrambi i modelli Pipe
corrisponde a quella del modello B3, che va da 16 piedi a 1 piede.

PRESET ORGAN I & II


All’interno di ciasun Panel è possibile memorizzare due
Preset/impostazioni di organo per ciascun modello. In
questo modo è possibile variare rapidamente le sonorità
dell’organo senza dover cambiare Program o Panel.

È possibile muoversi tra i Preset I & II premendo il tasto PRESET II. Un


Preset memorizza le impostazioni dei Drawbars e del Vibrato/Percussion
(On/Off).

DRAWBAR LIVE (MODELLO COMPACT)


La versione Nord Stage 3 Compact ha un’impostazione
aggiuntiva “Drawbar Live”. Attivando questa
impostazione la sezione Organ utilizza le posizioni
correnti dei Drawbars fisici. È possibile memorizzare
le impostazioni all’interno di un Program, e le posizioni
effettive dei Drawbars vengono utilizzate non appena questo viene
richiamato.
5.5.Piano
PIANO | 21
| 21

5 SEZIONE PIANO

ON/OFF, LEVEL E ZONE SELECT


La sezione Piano si attiva/disattiva premendo il tasto ON/OFF relativo. Il
I SUONI DI PIANOFORTE
LEVEL Dial (controllabile via Morph) regola il livello del suono in uscita per All’interno di Nord Stage 3 i suoni di pianoforte sono organizzati in
questa sezione. sei categorie (Type). Ogni categoria può contenere diversi modelli di
strumenti. È possibile scaricare nuovi suoni di piano dal sito web:
Premere ZONE SELECT (On/Off) con SHIFT, per assegnare il Piano ad
www.nordkeyboards.com e aggiungerli a Nord Stage 3 utilizzando il
una qualsiasi zona attiva della tastiera. I LED KB ZONE verdi, indicano
software Nord Sound Manager.
a quali zone è assegnata la sezione Piano. A pagina 26 sono disponibili
informazioni più dettagliate riguardo le impostazioni “Split e Zone”. Di default, Nord Stage 3 offre una serie di pianoforti acustici ed elettrici
selezionati con cura, oltre a suoni di pianoforti digitali e Layer ottenuti
con suoni di piano. La progettazione accurata di questa sezione assicura
OCTAVE SHIFT
una risposta timbrica ricca di sfumature, il più vicino possibile ai modelli
I OCTAVE SHIFT spostano di un’ottava verso l’alto o verso il basso la originali. Ogni piano è stato campionato con un numero elevato di livelli
sezione Piano (+/- 12 semitoni). Quando il pianoforte è assegnato a tutta di Velocity, e questa è proprio una delle ragioni per cui suonano in modo
la tastiera, può essere trasposto all’ottava superiore o inferiore. Quando è così autentico.
assegnato a zone più ridotte, i valori di trasposizione disponibili possono
Per la sezione Piano sono disponibili circa 2Gb di memoria.
variare, ma consentono sempre l’accesso all’estensione completa del
pianoforte.
MM Quando si scaricano suoni di piano con il software Nord Sound
Manager, questi vengono sempre inseriti automaticamente all’interno
PSTICK E SUSTPED della categoria corrispondente.

PSTICK (SHIFT + tasto OCTAVE SHIFT LEFT/DOWN) attiva il controllo Ogni Program riconosce quale Piano deve utilizzare facendo riferimento al
del Pitch Stick sul piano, la cui intonazione può essere variata di +/- 2 tipo e al numero del modello. Potrebbe verificarsi il caso in cui un Program
semitoni. richiami un tipo di pianoforte al momento non disponibile nello strumento:
il LED che indica la tipologia lampeggia e sul display appare il messaggio:
SUSTPED (SHIFT + tasto OCTAVE SHIFT RIGHT/UP) attiva sulla sezione “Piano not found”. È possibile selezionare un altro modello di strumento
Piano il pedale collegato. A pagina 53, nel capitolo “Menu”, sono all’interno della stessa categoria (o di un’altra), oppure utilizzare il “Nord
disponibili informazioni più dettagliate a questo riguardo. Sound Manager”, per scaricare lo strumento mancante ed inserirlo nella
locazione vuota corrispondente.
22 | NORD STAGE
22 |  Nord Stage33MANUALE UTENTE
User Manual OS SISTEMA
v1.X OPERATIVO V1.X

DIMENSIONI DEI FILE DI PIANOFORTE IL CLAVINET


Su un Clavinet D6 originale è possibile selezionare diverse combinazioni di
I suoni della Nord Piano Library possono avere fino a 4 diverse grandezze.
Pick-Up premendo un certo numero di interruttori “Rocker” (a bilanciere).
Di seguito una panoramica di come si differenziano in termini di dimensioni
Questa caratteristica è simulata in modo molto realistico da Nord Stage
e caratteristiche:
3, che permette di utilizzare tutte le combinazioni di Pick-Up del Clavinet
D6 autentico.
Sml Med Lrg XL

Campionamento stereo 3 3 3 3 DESCRIZIONE DELLE TIPOLOGIE DI PICK-UP


Clav Model A: solo il pick-up “al manico”: suono caldo, meno brillante.
Mappatura dettagliata della velocity 3 3 3 3 Clav Model B: solo il pick-up “al ponte”: suono brillante.
String resonance sui medi 3 Clav Model C: entrambi i pick-up attivi e in fase: suono molto ricco.
Clav Model D: entrambi i pick-up attivi e fuori fase di 180°: la fondamentale
String resonance su tutta l’estensione 3 3 viene annullata e si ottiene un suono esile.
Mappatura completa della tastiera 3
I file di piano Small (Sml) occupano nella memoria una quantità di LIST VIEW
spazio minima, non contenendo alcun campione della risonanza (String
Premendo SHIFT e ruotando il PIANO SELECT Dial si attiva la LIST per i
Resonance) con il pedale abbassato.
suoni di piano.
La versione Medium (Med) possiede dei campioni di risonanza (String
La riga superiore della lista indica il nome della categoria selezionata
Resonance) con il pedale abbassato per la regione centrale della tastiera.
(“Grand” in questo caso), il numero del modello di quella categoria (9), e
La versione Large (Lrg) possiede il campionamento della risonanza (String l’indice del modello selezionato (3).
Resonance) con il pedale abbassato per tutta la tastiera.

Inoltre, molti pianoforti sono disponibili in versione Extra Large (XL). Questi
suoni sono caratterizzati da una “mappatura completa” su tutta la tastiera:
ogni tasto suonato sul Nord equivale a quello dello strumento originale,
ovviamente questo comporta un incremento notevole delle dimensioni
del file.

La lista mostra il modello selezionato, evidenziato da un rettangolo,


SELEZIONARE UN PIANO e i modelli: precedente e successivo.

CATEGORIE E MODELLI KBD TOUCH


I pianoforti della Nord Piano Library sono caratterizzati
Utilizzare il PIANO SELECT Dial per selezionare un suono di pianoforte.
da un’ampia gamma dinamica, con una risposta
Queste sono le sei categorie in cui sono suddivisi tutti i suoni di piano:
dinamica regolabile in base allo stile personale o al
contesto della performance.
CATEGORIA DESCRIZIONE
Grand Pianoforti a coda Acustici ed Elettrici Le impostazioni KBD TOUCH di Default (tutti i LED
Upright Pianoforti verticali spenti) aiutano a suonare in maniera morbida ed
espressiva. Ad ogni incremento delle impostazioni Kbd Touch (1, 2 e 3) è
Electric Piani Elettrici (Tine e Reed)
richiesta meno forza per suonare con un volume maggiore.
Clav/Hps Clavinet e Harpsichord
Digital Suoni di pianoforti digitali PIANO INFO
Layer Layer con suoni di piano
Premendo SHIFT + PIANO INFO appaiono alcune infomazioni aggiuntive
relative al modello selezionato, come il numero di versione e l’esatta
dimensione del file.

STRING RES / SOFT RELEASE /


PEDAL NOISE

SOFT RELEASE
MM Non è possibile spostare i suoni i piano da una categoria all’altra.
Attivando la funzione SOFT RELEASE si ottiene un
I LED Piano Select triangolari indicano la categoria a cui appartiene il rilascio leggermente più lungo e meno pronunciato del
modello di piano selezionato. Il nome del modello selezionato appare suono del pianoforte, come succede quando si regola
nella zona inferiore del display dell’area Program, accanto al simbolo di la tensione degli smorzatori in uno strumento acustico
una tastiera. o elettromeccanico. Questa caratteristica è individuale
per ciascuna nota e risponde in modo dinamico alla
forza con cui si sta suonando.
5.5.Piano
PIANO | 23
| 23

MM Alcune categorie di piano, come Clavinet e Harpsichord, non supportano l’opzione Soft
Release. In questi casi il tasto è disabilitato.

STRING RESONANCE
La risonanza delle corde è quel fenomeno acustico che si verifica quando le corde vibranti, o parte
di esse, fanno suonare “per simpatia” altre corde.

Quando l’opzione STRING RES è attiva, tutte le note suonate influenzano le altre riproducendo la
meravigliosa sonorità tipica dei pianoforti acustici a coda o verticali.

È possibile ascoltare la risonanza delle corde anche premendo il pedale Sustain e suonando alcune
note.

MM Questa funzione non è attiva se il Piano selezionato non è compatibile con l’opzione String
Resonance, come per esempio le versioni Small (Sml) dei pianoforti a coda e verticali, o i
pianoforti elettrici.

PEDAL NOISE
L’opzione PEDAL NOISE, (SHIFT + SOFT RELEASE/STRING RES) è disponibile quando il Nord
Triple Pedal è collegato a Nord Stage 3. Questa funzione riproduce il rumore meccanico tipico che
si genera azionando il pedale Sustain in un pianoforte acustico o elettrico. Usando il Nord Triple
Pedal è possibile controllare dinamicamente il livello di rumore tramite la forza con cui si agisce sul
pedale Sustain.

MM Questa funzione non è attiva se il Piano selezionato non è compatibile con l’opzione Pedal
Noise.

NORD TRIPLE PEDAL


Nord Stage 3 è compatibile con il Nord Triple Pedal, un accessorio venduto separatamente che
offre tre pedali in un’unica unità. Come appena visto, questo pedale consente un controllo più
sofisticato della sezione Piano di Nord Stage 3.

MM Prima di utilizzare il Nord Triple Pedal, assicurarsi che il Sustain Pedal nel Menu System sia
impostato o su Auto, o su Triple. Maggiori dettagli a pagina 53.

SUSTAIN E HALF PEDALING


Il pedale destro è il pedale Sustain. Sul Nord Triple Pedal può essere utilizzato anche con la tecnica
del “mezzo pedale” (Half Pedaling), che consiste nel premere il pedale solo a metà. In questo caso
gli smorzatori (virtuali) sono sollevati solo per metà, e il suono risulta solo parzialmente smorzato.

SOSTENUTO
Il pedale centrale del Nord Triple Pedal è il pedale tonale o Sostenuto. Le note suonate quando
questo pedale viene premuto mantengono gli smorzatori sollevati e continuano a risuonare, le note
suonate successivamente alla pressione del pedale non hanno invece risonanza.

SOFT PEDAL
Il pedale sinistro del Nord Triple Pedal è il pedale del piano (Soft), conosciuto anche come “Una
Corda”. Quando lo si tiene premuto, tutte le note suonate hanno un volume leggermente inferiore
e un timbro più morbido.
24 | NORD STAGE
24 |  Nord Stage33MANUALE UTENTE
User Manual OS SISTEMA
v1.X OPERATIVO V1.X

PIANO/CLAV EQ

IMPOSTAZIONI EQ PIANO
La sezione PIANO EQ permette di modificare il carattere timbrico del piano selezionato -
mantenendo libera l’unità effetti: Amp Sim/EQ per altre elaborazioni.

L’impostazione SOFT filtra la maggior parte delle frequenze acute mettendo in risalto i bassi: ne
risulta un suono più tenue e morbido.

L’impostazione MID attenua le alte e le basse frequenze, rendendo il suono più centrato, con la
gamma delle frequenze medie predominante.

L’impostazione BRIGHT mette in risalto la gamma delle frequenze acute, producendo un suono
luminoso e brillante, utile anche per far emergere il caratteristico “Ping” nei pianoforti elettrici.

IMPOSTAZIONI EQ CLAV
Un Clavinet originale è dotato di 4 interruttori “Rocker” aggiuntivi che controllano l’EQ integrato.
Molte di queste impostazioni sono disponibili su Nord Stage 3. Utilizzare il tasto PIANO/CLAV per
selezionare l’impostazione preferita.

LAYER DETUNE
L’opzione LAYER DETUNE può essere utilizzata quando le sezioni di Piano sono attive sia sul Panel
A sia sul Panel B in configurazione Layer, e si desidera ottenere un effetto “Detune” (battimenti), tra
i due suoni di piano. Ci sono tre differenti livelli di Detune: 1, 2 e 3, che possono variare da un sottile
effetto Chorus, alla scordatura più pronunciata.

MM L’opzione “Layer Detune” riguarda solo i suoni di piano dei Panel A e B – e non gli altri
generatori sonori attivi.
6.6.Program
PROGRAM | 25
| 25

6 SEZIONE PROGRAM

La sezione PROGRAM contiene le funzioni necessarie per le nostre È possibile regolare diversi parametri mentre si preme un tasto MORPH
Performance come: richiamare e memorizzare i Program, selezionare le ASSIGN e dopo la sua impostazione possono essere aggiunte ulteriori
modalità Song e Live, impostare il Keyboard Split e altro ancora. Inoltre da destinazioni.
questa sezione è possibile accedere alle impostazioni dei Menu System,
Sound, MIDI ed Extern. I Menu e le loro impostazioni sono trattati in un

Cliccando 2 volte un tasto MORPH ASSIGN si attiva il modo LATCH


capitolo separato, a partire da pagina 52. del MORPH ASSIGN. Questo consente di impostare il MORPH
senza dover tenere premuto il tasto MORPH ASSIGN. Premere EXIT
In questo capitolo sono descritte le caratteristiche dell’area Program. per uscire dalla modalità di assegnazione.

DESTINAZIONI DEL MORPH


MORPH ASSIGN Come destinazioni MORPH sono disponibili i seguenti parametri:

Il Morph è una funzione molto


Organ Piano Synth Effect
potente che consente di modificare
più parametri contemporaneamente Level Level Level Effect 1 Rate
con una sola sorgente di controllo. Drawbar LFO Rate Effect 1 Amt
È possibile per esempio, regolare Rotary speed Osc Ctrl Effect 2 Amt
il bilanciamento del livello tra un
LFO Amount Delay Tempo
pianoforte e un suono di Synth con un pedale, variare i Drawbars di
un organo B3 con la Wheel e aumentare la velocità di un effetto con Filter Freq Delay Feedback
l’Aftertouch della tastiera - il tutto nello stesso tempo. Resonance Delay Mix

I 3 tasti MORPH ASSIGN - WHEEL, A TOUCH, CTRLPED - rappresentano Arp Rate EQ Mid / Filter Freq
le 3 Sorgenti MORPH disponibili: la Modulation Wheel, l’Aftertouch della Drive
tastiera e il Control Pedal.
Reverb Dry/Wet
Per impostare un MORPH tenere premuto uno dei tasti “Morph Assign”,
spostando contemporaneamente il controllo di un parametro (ad esempio
una manopola o un Drawbar dal punto in cui il Morph deve iniziare fino al
punto in cui deve finire). È buona impostare il controllo del parametro sul
valore iniziale desiderato, prima di premere il tasto MORPH ASSIGN. Sul
display sono visibili i valori iniziali e finali del MORPH stesso.
26 | NORD STAGE
26 |  Nord Stage33MANUALE UTENTE
User Manual OS SISTEMA
v1.X OPERATIVO V1.X

EXTERNAL SYNC
Il Master Clock di Stage 3 può essere controllato da messaggi di MIDI
INDICATORI MORPH CLOCK esterni. Questo è automatico: Stage 3 sincronizza il MASTER
CLOCK con il CLOCK esterno non appena riceve questo tipo di
Tutti i parametri assegnati al MORPH sono opportunamente visualizzati, messaggio sull’ingresso MIDI, o sull’ingresso USB MIDI.
anche durante la loro esecuzione, tramite tre diversi tipi di indicatori:
Quando il MASTER CLOCK è controllato da un CLOCK esterno,
LED ENCODER premendo MST CLK il display visualizza “EXTERNAL” assieme al valore
del tempo in ingresso, espresso in BPM.
I controlli LEVEL delle sezioni Organ, Piano e Synth
possiedono un Encoder a LED che offre una chiara
indicazione dei punti di inizio e fine del MORPH, (KBS) KEYBOARD SYNC
consentendo di visualizzare in ogni istante il suo
valore corrente. Nella pagina tempo/impostazioni del MASTER CLOCK, è possibile
selezionare il comportamento del KEYBOARD SYNC premendo il tasto
KBS.
I LED MORPH
La maggior parte dei parametri relativi al MORPH sono OFF: quando è impostato su OFF, il MASTER CLOCK non viene mai
dotati di un “LED Morph” che si illumina in verde quando resettato suonando la tastiera
al parametro viene assegnato questo tipo di controllo.
ON: Quando è impostato su ON, il MASTER CLOCK viene sempre
resettato dopo aver sollevato tutti i tasti durante l’esecuzione.

SOFT: Quando è impostato su SOFT, il MASTER CLOCK viene resettato


solo aspettando più del valore di una semiminima (in relazione alla velocità
di tempo corrente), per suonare nuovamente la tastiera.
I LED DEI DRAWBARS
Selezionando un Drawbar come destinazione del MORPH, i suoi LED
visualizzano le modifiche introdotte dal controllo utilizzato per il MORPH
stesso. A questo fa eccezione del modello Nord Stage 3 Compact, che TRANSPOSE ON/SET
utilizza i Dawbars fisici anziché i Drawbars a LED.
Nord Stage 3 può essere trasposto ad intervalli
CANCELLARE UN MORPH di semitono, in un ambito di +/- 6 Semitoni.
Tenere premuto il tasto TRANSPOSE e impostare
Tenendo premuto SHIFT, premere un tasto MORPH ASSIGN per
la trasposizione ruotando il VALUE DIAL. Premere
cancellare tutti i MORPH per quella sorgente all’interno del Panel attivo.
di nuovo il tasto TRANSPOSE per disattivare la
Per cancellare una determinata assegnazione, tenere premuto il tasto
trasposizione.
MORPH ASSIGN e azionare il comando rimuovendo la differenza tra
l’impostazione programmata e l’impostazione MORPH. La trasposizione viene sempre salvata e richiamata come parte di un
Program e influenzano sempre entrambi i Panel di un Program.

Per impostare una trasposizione che riguarda tutti i Program,


MST CLK utilizzare il parametro Global Transpose nel menù System.

Il MASTER CLOCK sincronizza tra loro: l’Arpeggiatore, il Synth LFO,


il Rate del Delay e degli Effects 1 di Nord Stage 3. E’ inoltre possibile
PANIC
impostare diverse suddivisioni ritmiche per tutti i componenti sincronizzati, Tenendo premuto SHIFT e il tasto TRANSPOSE si esegue un “ALL
ottenendo risultati molto interessanti. NOTES OFF”, che interrompe tutte le note in esecuzione ed anche alcuni
parametri esecutivi. Questa funzione è utile, ad esempio, in caso di blocco
Per impostare un valore metronomico espresso in BPM (battiti al minuto),
delle note durante una esecuzione via MIDI o una performance live.
battere ripetutamente almeno 4 volte sul tasto MST CLK. Continuare a
battere se necessario, per definire meglio la velocità del tempo.

Premere CLOCK (SHIFT + MST CLK) per visualizzare la pagina del tempo
e impostazioni del MASTER CLOCK. Utilizzare la manopola PROGRAM SPLIT
per impostare il tempo. Premere EXIT (SHIFT) al termine. Il tempo
impostato viene memorizzato con il Program, a condizione che venga La tastiera di Nord Stage 3 può essere suddivisa in
eseguita l’operazione STORE. un massimo di quattro zone (KEYBOARD ZONES);
1, 2, 3 e 4, separate da 3 punti di divisione (SPLIT
MM Tenendo premuto il tasto MST CLK si apre la pagina del tempo POINT) disponibili, Low (L), Mid (M) e High (H). Ogni
relativa al MASTER CLOCK, come indicato dal simbolo “6“. sezione (Organ, Piano o Synth) può essere assegnata
a ognuna, o a tutte queste zone.
Dopo aver impostato il tempo del MASTER CLOCK, è possibile
impostare una sua suddivisione da destinare alle varie funzioni ad esso Lo SPLIT si attiva o disattiva premendo una volta il tasto ON/SET.
sincronizzabili. Le modifiche apportate al tempo del MASTER CLOCK Premendo il tasto, come indicato dal simbolo “6“, appare sul display la
influenzano tutte le funzioni di Stage 3 sincronizzate in precedenza. pagina: “KEYBOARD SPLIT POSITION”, che indica appunto la posizione
dei punti di SPLIT sulla tastiera.
Le suddivisioni sono descritte in dettaglio nelle sezioni che riguardano
ciascuna funzione sincronizzabile: Synth LFO e arpeggiatore, Effect 1 e Premendo SHIFT e SPLIT SELECT è possibile alternare le diverse
Delay. combinazioni di punti di divisione L, M e H.
6. 6. PROGRAM | 27
Program | 27

IMPOSTAZIONI KEYBOARD SPLIT KEYBOARD ZONES EDITOR


Dopo aver attivato uno SPLIT, utilizzare i tasti ZONE SELECT (accessibili Il KB ZONES Editor visualizza la panoramica completa e chiara delle
con SHIFT) sotto il VALUE DIAL di ogni strumento (o EXTERN) per zone di tastiera, per facilitare la loro assegnazione. Ecco come appare
assegnare uno strumento a una o più Zone. I 4 LED delle Zone sotto il un’impostazione che utilizza le sezioni: Organ (O), Piano (P), Synth (S)
Level Rotary dello strumento ne indicano l’assegnazione. e Extern (E) del Panel A, mentre la sezione Piano del Panel B è simile
all’esempio riportato qui di seguito. La posizione e la lunghezza di ciascuna
SCEGLIERE UNA POSIZIONE DI SPLIT barra indicano quale zona della tastiera è stata assegnata alla sezione.

La pagina relativa alla posizione del KEYBOARD SPLIT consente di


assegnare ciascuno dei tre punti di divisione a una posizione di SPLIT della
tastiera, o disattivare un punto di SPLIT impostandolo su OFF. È possibile
scegliere tra 10 posizioni di divisione della tastiera, con estensione da F2
a C7. Per regolare un punto di SPLIT, premere il SOFT BUTTON relativo:
Low, Mid, High, corrispondente ai tre primi tasti PROGRAM e ruotare la
manopola.

I LED sopra la tastiera indicano, in ogni momento, le posizioni di Split


attive.
Per regolare le ZONE a cui è assegnata una sezione (o la sezione Extern),
IMPOSTAZIONI SPLIT WIDTH vengono utilizzati in combinazione i tasti ON/OFF di ciascuna sezione e i
tasti SOFT BUTTON “ZONE”. Di seguito un esempio di come impostare il
In genere la transizione tra due zone della tastiera è immediata, senza
Piano del Panel B in modo che occupi le ZONE 2 e 3:
alcuna sovrapposizione tra i suoni selezionati per ciascuna zona.
Regolando l’impostazione SPLIT WIDTH per un punto di SPLIT, i suoni 1 Assicurarsi che la sezione Piano del Panel B sia attiva.
possono essere invece mixati o sfumati fra loro (“Cross-faded”) intorno al
punto di divisione, ottenendo una transizione più omogenea. 2 Premere SHIFT + KB ZONES (tasto PROGRAM 5) per aprire l’editor.

Per regolare lo SPLIT WIDTH, tenere premuto il tasto ON/SET e premere


3 Il display indica le ZONE attualmente assegnate al Piano. Nell’ipotesi
in cui non sia stato impostato in precedenza un KB Split, risultano
il tasto 4, corrispondente al tasto PROGRAM 4. Si apre la pagina
probabilmente assegnate al Piano tutte e quattro le zone, quindi
KEYBOARD SPLIT WIDTH da cui impostare l’ampiezza (WIDTH) o
l’intera tastiera.
l’estensione del “Crossfade” di ogni punto di SPLIT.
4 Tenere premuto il tasto Piano ON/OFF del Panel B e poi premere
i SOFT BUTTON “ZONE” 2 e 3 (tasti PROGRAM 2 e 3). Il suono
di Piano viene assegnato alle Zone 2 e 3. Utilizzando l’esempio
precedente, questo è il risultato:

Selezionare il punto di divisione da regolare premendo il tasto (Low, Mid o


High) e ruotare la manopola per modificarne l’impostazione.

Off: Con l’impostazione OFF non si ha alcuna dissolvenza incrociata tra i


suoni nel punto di Split.

Sml: L’impostazione Sml ha un’estensione di 12 semitoni: il suono al di


È possibile ruotare il PROGRAM DIAL, tenendo premuto il tasto


sotto del punto di SPLIT raggiunge 6 note sopra questo, per poi sfumare
Piano On/Off, e scorrere tutte le possibili combinazioni delle ZONE.
completamente. I suoni al di sopra del punto di Split raggiungono 6 note
sotto di esso. A seconda della combinazione “ZONE” selezionata, i punti di divisione
necessari vengono assegnati automaticamente. È possibile impostarne
Lrg: L’impostazione Lrg corrisponde ad un’estensione di 24 semitoni, 12 l’esatta posizione ed estensione dalla pagina SPLIT SET (descritta nella
sotto e 12 sopra il punto di Split. sezione precedente).

MM Entrambi i Panel utilizzano la stessa configurazione delle KB Zone. Le L’impostazione delle sezioni Organ, Synth ed Extern avviene con la stessa
assegnazioni dello strumento sono individuali per ogni Panel. procedura.

STORE
Il tasto STORE memorizza un PROGRAM o una SONG
modificata in una locazione dei banchi Program.
La memorizzazione di un Program o di una Song
sovrascrive i dati esistenti nella locazione di memoria
selezionata. Per i dettagli su come memorizzare un
Synth Preset, consultare pagina 34.
28 | NORD STAGE
28 |  Nord Stage33MANUALE UTENTE
User Manual OS SISTEMA
v1.X OPERATIVO V1.X

MM Per evitare la sovrascrittura accidentale dei Program, Nord Stage 3


è impostato di Default con la protezione della memoria attiva. Per
memorizzare i Program, occorre impostare il parametro Memory
SONG MODE
Protect su “Off” nel menu System. Ulteriori informazioni su questa Nord Stage 3 dispone di un modo SONG utilizzabile
operazione sono a pagina 52. La funzione MEMORY PROTECT non per raggruppare i PROGRAM, in base al loro uso
influenza le memorie del modo Live, o le operazioni eseguite con il all’interno di un brano musicale (SONG), o di una SET
Nord Sound Manager. LIST. I riferimenti del Program si chiamano Song Part
(parti del brano) e un gruppo di 5 Song Part si chiama
SALVARE E RINOMINARE PROGRAM/SONG Song. Ci sono complessivamente 8 banchi di 50 Song
ciascuno.
Per memorizzare un PROGRAM o una SONG senza modificarne il nome,
occorre procedere come segue: MM È importante notare che le SONG contengono solo i riferimenti alle
posizioni dei Program e non loro copie. Ciò significa che modificando
1 Premere una volta il tasto STORE, questo inizia a lampeggiare, un PROGRAM e memorizzandolo nella stessa posizione, la modifica
mentre sul display appare il nome del PROGRAM o della SONG e la riguarderà tutte le SONG in cui il PROGRAM stesso è stato utilizzato.
loro relativa locazione.
Premendo SONG MODE, viene selezionata l’ultima SONG attiva, mentre
il Led “SONG MODE” si illumina. Il display visualizza la posizione e il
nome della SONG, insieme al PROGRAM corrente all’interno della SONG
stessa.

Navigare fra le parti all’interno di una Song è semplice, basta premere uno
dei tasti SONG PARTS 1-5. Per modificare le Song premere i tasti PAGE
3/4 o ruotare il PROGRAM Dial.

È possibile modificare le parti della SONG usando un pedale


2 Per selezionare una locazione diversa, utilizzare il Dial e/o i tasti collegato alla presa: PROGRAM UP/DN, sul pannello posteriore.
PAGE 3/4. Per memorizzare un PROGRAM in una delle 5 locazioni
LIVE PROGRAM, premere il tasto LIVE MODE e selezionare il SONG EDIT
tasto LIVE PROGRAM desiderato. Il PROGRAM nella locazione
di memorizzazione selezionata può essere sempre verificato, Per selezionare quali PROGRAM inserire in una SONG, attivare SONG
suonando la tastiera. EDIT (SHIFT + SONG MODE). Questo viene segnalato dal display e dal
lampeggio del LED del SONG MODE e del PROGRAM corrente.
EE Per annullare un’operazione di memorizzazione in corso, premere
EXIT. Per modificare successivamente un PROGRAM inserito in una parte della

3 Dopo aver trovato una locazione appropriata, premere nuovamente


SONG, premere semplicemente il tasto SONG PARTS corrispondente e
ruotare il DIAL. Per uscire dalla modalità SONG EDIT, premere EXIT.
STORE per confermare.
EE Per mantenere le modifiche eseguite in modo SONG EDIT è
STORE AS (SALVA COME) necessario memorizzarle con: STORE.
1 Per memorizzare e rinominare un Program o una Song, premere
STORE AS (SHIFT + STORE).
MEMORIZZARE UNA SONG
2 Tenere premuto il SOFT BUTTON Abc per visualizzare una riga di
caratteri alfanumerici e utilizzare il DIAL per selezionare un carattere La memorizzazione e la denominazione di una SONG avvengono
sulla posizione corrente. Lasciando il tasto Abc spostare il cursore esattamente nello stesso modo in cui vengono salvati e assegnati i nomi
alla posizione successiva. Utiizzare il DIAL o i tasti PAGE 3/4per ai PROGRAM. Per maggiori dettagli, consultare la sezione “STORE”
spostare liberamente il cursore. Usare il tasto Ins per inserire uno precedente.
spazio vuoto nella posizione corrente, e il tasto Del per eliminare il
carattere selezionato.
MEMORIZZARE I PROGRAM MODIFICATI
3 Premendo STORE appare la schermata Store Program/Song To.
Usare il Dial e/o i tasti PAGE 3/4e Program per selezionare una Le modifiche di un PROGRAM eseguite in modo SONG non vengono
locazione. memorizzate salvando la SONG, perchè questa contiene solo i riferimenti
alla posizione del Program stesso. Per memorizzare un PROGRAM
4 Dopo aver trovato una locazione appropriata, premere nuovamente modificato, occorre invece uscire dal modo SONG, premendo SONG
STORE per confermare. MODE - questo richiama automaticamente la locazione del PROGRAM

È inoltre possibile rinominare i Program e le Song con il Nord Sound modificato, ed è quindi possibile eseguire la memorizzazione con STORE.
Manager.

TASTI PANEL A & B


Per ogni PROGRAM sono disponibili due
PANEL indipendenti: PANEL A e PANEL B.
Ogni PANEL dispone delle sezioni complete:
Organ, Piano, Synth, Extern ed Effects. È
possibile usare i due PANEL per passare
rapidamente tra due suoni diversi o per
creare LAYER utilizzando le sezioni di entrambi i PANEL.
6. 6. PROGRAM | 29
Program | 29

Per attivare entrambi i PANEL, basta premere contemporaneamente


i tasti PANEL A e PANEL B. Sono ora disponibili 6 sezioni sonore e 2
istanze di ogni unità di effetti, utilizzabili all’interno di un Program.
LIVE MODE
Nord Stage 3 offre 5 posizioni LIVE PROGRAM di facile accesso, che
Con entrambi i PANEL attivi, uno dei LED del tasto PANEL lampeggia,
differiscono dagli altri Program dato che ogni modifica eseguita viene
indicando quale dei due è selezionato per l’editing. Per commutare il
memorizzata automaticamente. Quando si esce da un LIVE PROGRAM
PANEL da editare, premere il tasto corrispondente. Per disattivare un
o  si spegne la macchina, tutte le modifiche vengono salvate senza
PANEL e tornare ad una configurazione singola, tenere premuto il tasto
effettuare alcuna operazione aggiuntiva. Per selezionare un LIVE
del PANEL che si desidera tenere, e premere l’altro.
PROGRAM, premere LIVE MODE e poi uno dei tasti 1-5 nell’area Program..

MONITOR/COPY PANEL/PASTE
Per visualizzare un parametro impostato sul PANEL,
senza modificarlo, tenere premuto il tasto MONITOR e
ruotare la manopola associata al parametro.

Per copiare tutte le impostazioni di un PANEL, premere


COPY PANEL e di seguito il tasto PANEL A o B. Queste impostazioni
possono essere ora incollate nell’altro PANEL del PROGRAM corrente o
nel PANEL di un altro PROGRAM. Per incollare le impostazioni, premere È possibile selezionare una locazione Live e memorizzare le sue
il tasto PASTE (SHIFT + MONITOR/COPY PANEL) e il tasto del PANEL su impostazioni nei banchi PROGRAM, utilizzando la procedura standard.
cui copiare le impostazioni. È anche possibile memorizzare un PROGRAM in una locazione Live: in
questo caso le sue impostazioni sostituiscono quelle precedenti nella
memoria Live.
MONO OUT
Attivare MONO OUT (SHIFT + TASTO PANEL A) per PROG INIT
impostare le uscite dei vari generatori sonori e degli effetti
di Stage 3 su mono. Si tratta di un’impostazione globale È possibile utilizzare le funzioni PROG INIT (SHIFT + LIVE
che influenza tutti i PROGRAM finché non viene disattivata MODE) per impostare rapidamente il PANEL attivo con
o Nord Stage 3 non viene spento. 4 impostazioni di partenza utili per la creazione veloce di
nuovi Program:

DUAL KB Org (Organ): Attiva la sezione Organ e imposta Source su Organ per tutti
gli effetti. Gli altri generatori sonori e l’altro Panel sono disattivati.
La funzionalità DUAL KB consente di suonare e controllare il PANEL B da
una tastiera MIDI esterna, collegata al MIDI IN di Nord Stage 3 OrgSp (Organ Split): Attiva la sezione Organ su entrambi i Panel e
imposta Source su Organ per tutti gli effetti. KB Split è attivo, con Organ A
Attivando la funzione, la tastiera di Stage 3 controlla il PANEL A mentre a sinistra e Organ B a destra del punto di divisione. Tutti gi altri generatori
la tastiera esterna controlla il PANEL B. Notare che in modo DUAL KB i sonori sono disattivati.
suoni del PANEL B non sono accessibili dalla tastiera di Stage 3. Questa
funzione è molto utile in situazioni live, dove è possibile usare una tastiera Piano: Attiva la sezione Piano e imposta Source su: “Piano” per tutti gli
ausiliaria per controllare i suoni del PANEL B di Nord Stage 3. Questa effetti. Gli altri generatori sonori e l’altro Panel sono disattivati.
funzione è liberamente programmabile su ogni Program.
Synth: Attiva la sezione Synth e imposta Source su: Synth per tutti gli
Un altro vantaggio offerto dalla modalità DUAL KB è che tutti i controlli effetti. Gli altri generatori sonori e l’altro Panel sono disattivati.
dei parametri per entrambi i PANEL sono accessibili da Nord Stage 3.
Ad esempio, le impostazioni dei Drawbars sul PANEL B - suonate dalla
tastiera esterna - possono essere regolate contemporaneamente come il
suono su PANEL A, controllato dalla tastiera di Stage 3.

L’impostazione Dual KB viene memorizzata con il PROGRAM, assieme


alle altre impostazioni del PANEL.

MM Il canale MIDI della funzione DUAL KB va impostato nel menu MIDI


di Stage 3. Maggiori dettagli a pagina 54.

TASTO SHIFT / EXIT


Molti tasti - e alcune manopole - hanno una funzione
secondaria accessibile tenendo premuto SHIFT, premendo il
tasto o ruotando la manopola. Le funzioni attivate con SHIFT
sono stampate sempre sotto il controllo corrispondente.
Ad esempio, tenendo premuto SHIFT e premendo il tasto
Program 3 si apre il Menu MIDI.

Il tasto SHIFT viene utilizzato anche per USCIRE (EXIT) dai menù, o per
annullare le operazioni di memorizzazione (STORE).
30 | NORD STAGE
30 |  Nord Stage33MANUALE UTENTE
User Manual OS SISTEMA
v1.X OPERATIVO V1.X

TASTI PROGRAM TASTI PAGE


I 5 tasti PROGRAM danno accesso immediato a una serie di 5 Program I tasti PAGE 3/4 consentono la navigazione tra
all’interno del banco Program corrente. Gli stessi tasti vengono usati per le pagine Program. Ogni banco dispone di 20
selezionare SONG PARTS e come Soft Button quando si gestiscono i pagine, con 5 Program ogni pagina. Questi tasti
Menu di impostazione. Per ulteriori informazioni su: Song Parts e Song possono essere utilizzati anche per: selezionare
List consultare pagina 28, mentre per le funzioni dei Soft Button consultare le Song in modalità Song Mode, spostarsi fra
pagina 52. le categorie quando si effettua una ricerca fra i Synth Preset in modalità
Category e navigare fra le impostazioni all’interno dei Menu “System”,
“Sound”, “MIDI” ed “Extern”

PROG LEVEL
La funzione PROGRAM LEVEL permette di regolare
velocemente il volume di tutto il PROGRAM. Questo
COS’È UN PROGRAM? può essere utile in fase di preparazione dei Program per
una performance live o per abbassare il volume generale
Un Program memorizza e contiene tutte le impostazioni eseguite sui senza intervenire sul controllo Master. Premendo PROG
Panel A e Panel B, ad eccezione di quelle Master e Mono Output che LEVEL (SHIFT + PAGE 3) e ruotando il controllo
vengono sempre ripristinate quando si riaccende lo strumento. Per PROGRAM Dial, i livelli di tutti i generatori sonori vengono regolati, su
comprendere l’architettura interna di Nord Stage 3, occorre prestare entrambi i Panel, allo stesso valore.
attenzione a quanto segue:
ORGANIZE
• Per ogni Panel, le impostazioni di tutti e 3 i generatori sonori, gli effetti e
la sezione Extern, sono indipendenti. La funzione ORGANIZE permette di riordinare in elenchi detti “LIST
• Un Program memorizza le impostazioni dei Panel A e B, con le WIEV”: Program, Song, Synth Preset, Sample e suoni di pianoforte, in
regolazioni indipendenti dei 6 generatori sonori, gli 8 effetti e le 2 modo indipendente dalla loro effettiva memorizzazione nelle locazioni di
configurazioni “Extern”. memoria. Questa funzione si comporta allo stesso modo a prescindere
dal contenuto da organizzare, tranne per i suoni di pianoforte che non
• Un Program memorizza anche tutte le impostazioni del Menu “Extern”, possono essere spostati fuori del loro rispettivo banco “Piano Type”.
eccetto i canali MIDI “Extern A & B” e l’impostazione “Send on Load”
(maggiori informazioni nel capitolo “Menu Extern” a pagina 55) e le A titolo di esempio, ecco come i Program possono essere organizzati
assegnazioni delle uscite (Output) di ciascun Panel (ulteriori dettagli a all’interno dei loro banchi:
pagina 52).
• Anche le assegnazioni di Split, Layer (Keyboard Zones) e Morph sono
1 Premere SHIFT e ruotare il PROGRAM Dial per accedere alla LIST
VIEW per i Program.
parte di un Program.
2 Utilizzare il Dial per selezionare il Program che deve essere spostato
in una posizione diversa.
SYSTEM, SOUND, MIDI, EXTERN, KB ZONES
3 Tenere premuto ORGANIZE (SHIFT + PAGE4). Due frecce indicano
I tasti PROGRAM 1-5 permettono di accedere ai 4 Menu e all’editor “KB che il Program attualmente selezionato può essere spostato in alto o
Zones” se utilizzati in combinazione con il tasto SHIFT. Le impostazioni in basso nell’elenco.
del Menu sono descritte nel capitolo: “Menu” a pagina 52 mentre l’editor
“KB ZONES” è descritto a pagina 27.

PROGRAM DIAL
Il PROGRAM Dial a destra del display seleziona i
Program e le Song, imposta i valori dei parametri ed
immette i caratteri nei nomi dei Program. Premendo
SHIFT e ruotando il Dial si attiva la funzione LIST, che
visualizza un elenco di tutti i Program o le Song. 4 Utilizzare il PROGRAM Dial per selezionare la nuova posizione
per il Program selezionato. Rilasciare ORGANIZE per completare
l’operazione. I Program situati tra la vecchia e la nuova locazione
vengono riposizionati automaticamente.
INDICATORE LED MIDI EE L’organizzazione dei contenuti non influisce sui Program o sui Synth
Preset a cui fanno riferimento i contenuti trasferiti. I brani della Song
Il LED MIDI, situato sull’angolo in alto a destra del display, List tuttavia - che contengono i riferimenti delle Program locations
lampeggia mentre vengono ricevuti messaggi MIDI, in - indicano ancora la locazione precedente di un Program anche se il
ingresso dalla porta MIDI IN o tramite il connettore USB. Program è stato spostato.

MM L’arrivo di quasiasi tipo di messaggio MIDI in ingresso è indicato da


dei lampeggi brevi, mentre i messaggi dall’utilizzo effettivo da parte
di Nord Stage 3, sono indicati con lampeggi più lunghi.
7.7.Synth
SYNTH | 31
| 31

7 SEZIONE SYNTH

ON/OFF, LEVEL E ZONE SELECT


INFORMAZIONI SULLA SEZIONE La sezione Synth può essere attivata o disattivata premendo il tasto ON/
SYNTH OFF. La manopola LEVEL, controllabile via MORPH, regola il livello della
sezione.
La sezione Synth di Nord Stage 3 è progettata per essere un sintetizzatore
da palco versatile e facile da usare - ma soprattutto è stata pensata per Premere ZONE SELECT (On/Off) con SHIFT, per
fornire suoni di sintesi, di grande ispirazione. assegnare il sintetizzatore a una delle zone attive
della tastiera. I LED verdi KB ZONE indicano a
La sintesi sottrattiva possiede modelli fedeli delle forme d’onda “Classic” quale “ZONE” è assegnata la sezione. Maggiori
in stile analogico, ma anche sintesi FM (modulazione di frequenza), sintesi dettagli su impostazioni SPLIT e ZONE a pagina
Wavetable, oltre alla possibilità di utilizzare i campioni come sorgente 26.
sonora. Nord Stage 3 viene fornito di fabbrica con un’ampia selezione
di campioni, oltre alla possibilità di caricarne di nuovi provenienti dalla
Nord Sample Library. Inoltre, tramite l’applicazione gratuita Nord Sample OCTAVE SHIFT
Editor è possibile creare, modificare e caricare Sample personalizzati,
OCTAVE SHIFT traspone la sezione Synth di
provenienti da qualsiasi sorgente.
+/- un’ottava. Quando il Synth è assegnato a
Con la sintesi sottrattiva, il punto di partenza è una forma d’onda brillante tutta la tastiera, può essere trasposto un’ottava sopra o sotto. Quando
e ricca di armonici; quindi il colore del suono viene modellato con un è assegnato ad una zona più ristretta, i valori di trasposizione disponibile
filtro che attenua parti del contenuto armonico. Modulando il filtro della possono variare, ma forniscono sempre l’accesso all’estensione completa
frequenza di taglio (Cut-Off) durante l’esecuzione, si creano timbri del sintetizzatore.
dinamici.

Il sintetizzatore di Nord Stage 3 offre molti altri mezzi per generare suoni PSTICK E SUSTPED
dinamici e ricchi, come ad esempio l’ampia selezione di configurazioni di
PSTICK (tasto SHIFT + OCTAVE SHIFT LEFT/DOWN) attiva il Pitch Stick
oscillatori. Questi permettono la modulazione della larghezza d’impulso,
per la sezione SYNTH. L’intonazione della sezione può essere alzata o
la sincronizzazione dell’oscillatore, la generazione di rumore e una serie
abbassata di due semitoni.
di Set-Up di Mix di forme d’onda. Ci sono due inviluppi e un LFO per
modellare il suono in tempo reale. SUSTPED (tasto SHIFT + OCTAVE SHIFT RIGHT/UP) attiva il pedale
SUSTAIN per la sezione SYNTH. Altre informazioni sulla configurazione
Usando entrambi i Panel è possibile riprodurre simultaneamente 2 diversi
del pedale si trovano nel capitolo “MENU” a pagina 53.
suoni in SPLIT o LAYER. Le sezioni Synth di entrambi i Panel possono
essere sovrapposte (Layer) per creare suoni timbricamente molto
complessi ed evolutivi.
32 | NORD STAGE
32 |  Nord Stage33MANUALE UTENTE
User Manual OS SISTEMA
v1.X OPERATIVO V1.X

Modalità Shape
OSCILLATORI
Sine
Il sistema di generazione sonora del sintetizzatore di Nord Stage 3 offre
configurazioni “intelligenti” composte da uno o due oscillatori. È possibile
Triangle
iniziare da una forma d’onda delle categorie: Classic, Wave, F-Wave,
S-Wave o Samp (Samples), selezionare una configurazione dell’oscillatore
e regolarla opportunamente con le manopole: Osc 2 / Pitch e Osc Ctrl. Saw

La potenza sonora è ulteriormente incrementata dalla funzione UNISON,


Square
che attiva ulteriori oscillatori ausiliari virtuali, senza perdere polifonia
ed ottenendo delle timbriche veramente corpose e di grande impattto
Pulse 33
(vedere pagina 39).

Pulse 10
OSC CTRL
ESaw
OSC CTRL, controlla gli oscillatori, e permette di modificare il suono in
modi diversi, in base alla configurazione dell’oscillatore selezionata.
ESquare
Il parametro OSC CTRL può essere modulato dal MOD ENVELOPE
o dall’LFO e controllato dal Morph, che consente l’uso in tempo reale
della Modulation Wheel, dell’Aftertouch o del pedale. Durante la loro SINE
regolazione, i valori del parametro OSC CTRL sono sempre visibili nel
display della sezione SYNTH. L’onda sinusoidale (Sine) ha un suono molto puro, senza armoniche. È
utile per programmare suoni morbidi e può essere considerata la forma
d’onda “predefinita” quando si creano classici suoni FM, utilizzando le
MODULATION configurazioni “Freq Mod” dell’oscillatore.
Il controllo MODULATION gestisce la quantità di modulazione applicata al
parametro Osc Ctrl, e possiede due modalità di funzionamento: ruotando TRIANGLE
la manopola in senso antiorario fino a ore 12 si regola la modulazione
La forma d’onda triangolare (Triangle) presenta solo armoniche dispari
dell’LFO. Ruotandola invece in senso orario si regola il MOD ENVELOPE.
non molto pronunciate, che le conferiscono un carattere più vivace
rispetto all’onda sinusoidale (Sine), pur essendo più morbide dell’onda a
TASTO SELECTOR
dente di sega (Sawtooth).

SAWTOOTH

L’onda a dente di sega (Sawtooth) contiene tutte le armoniche ed è la più


ricca tra le forme d’onda disponibili. È adatta a tutti i tipi di suoni.

SQUARE, PULSE 33, PULSE 10

L’onda quadra contiene solo armoniche di numero dispari (3, 5, 7 ecc.).


Il tasto OSCILLATOR Selector seleziona cinque tipi di oscillatori: Richiamando la configurazione “SHAPE”, l’impulso (Duty Cycle) da cui è
formata, (vedere schema sopra) può variare dal 50%, al 33% fino al 10%,
• CLASSIC (stile analogico) Waveforms tramite il controllo OSC CTRL. Al diminuire del “Duty Cycle” la timbrica
• WAVE (Wavetable) della forma d’onda diventa via via più sottile e nasale.
• F-WAVE (Formant wave)
MM Il fatto che ci siano tre ampiezze Square/Pulse tra cui scegliere,
• S-WAVE (Super-wave) consente l’utilizzo di altre configurazioni “SHAPE” di oscillatore -
• SAMP (Campioni). mantenendo l’ampiezza di impulso desiderata.
L’OSC1/WAVEFORM Dial richiama una forma d’onda specifica o il
campione da utilizzare. Il comando LIST (SHIFT + OSC1 / WAVEFORM ESAW
DIAL) visualizza un elenco delle forme d’onda, Wavetable o campioni nella
La forma d’onda ESaw, o “Extended Saw”, è simile, nel contenuto
selezione corrente.
armonico, ad un’onda a dente di sega, ma con un mid-range più
La modalità FAST ATK fornisce ai Sample (campioni) un attacco più pronunciato e ”brassy”. Usando il parametro “SHAPE” il contenuto
veloce. Maggiori dettagli su questa funzione a pagina 33. armonico dell’ESaw può essere modificato, passando così dai toni
morbidi di una sinusoide a quelli più aspri e striduli. Queste variazioni
sono controllabili anche tramite modulazione.
CLASSIC WAVEFORM
ESQUARE
Le forme d’onda Classic di “base” sono 4: Sine, Triangle, Sawtooth e
Square. Oltre a queste, ce ne sono 4 aggiuntive: Pulse 33, Pulse 10, ESaw La forma d’onda ESquare o “quadra estesa” differisce dall’onda quadra
e ESquare. La tabella seguente mostra tutte le forme d’onda e il relativo classica in termini di contenuto armonico, in questa più ricco e brillante,
comportamento quando si utilizza lo Shape Oscillator Configuration. modificabile sempre con il parametro “SHAPE”.

Modalità Shape

Osc Ctrl = 0 Osc Ctrl = 5 Osc Ctrl = 10


7. 7. SYNTH | 33
Synth | 33

WAVE FAST ATTACK


La categoria WAVE contiene forme d’onda digitali che coprono un’ampia Con FAST ATK attivo, la riproduzione del campione
gamma di caratteristiche timbriche. Le forme d’onda sono state ha inizio ad un punto di partenza alternativo fisso,
accuratamente programmate e selezionate per offrire un’ampia varietà di escludendo la maggior parte della porzione di attacco
timbriche ricche ed interessanti, e generare quei suoni che non possono originale del campione. Questa funzione è utile ad
essere realizzati con altri algoritmi. Sono state utilizzate tecniche avanzate esempio per rimuovere la fase di attacco lento da un
di sintesi Wavetable per riprodurre perfettamente le forme d’onda su tutta suono di archi.
la tastiera.

Alcune forme d’onda sono estrapolate da vari strumenti acustici mentre


altre sono combinazioni di diversi spettri armonici sovrapposti. Altre ancora
sono estremamente brillanti con la fondamentale di ampiezza inferiore
CONFIGURAZIONI OSCILLATORE
a quella delle armoniche. Usando queste forme d’onda con diverse La sezione Synth di Nord Stage 3 mette a disposizione un’ampia gamma
configurazioni dell’oscillatore e impostazioni del filtro, è possibile ottenere di configurazioni degli oscillatori. Per selezionare in modo più rapido le
una serie molto ampia di timbriche molto interessanti. impostazioni, fare riferimento alle configurazioni “SINGLE” e “DUAL” sotto
elencate.

F-WAVE Per selezionare una configurazione, ruotare il CONFIG Dial (SHIFT +


OSC2/PITCH). È possibile usare l’OSC2/PITCH Dial per selezionare il
Le sonorità all’interno della categoria F-WAVE (“Formant Waves”)
“Pitch” (frequenza) dell’oscillatore 2 per intervalli di semitono, in ogni
presentano, in generale, picchi di risonanza pronunciati su diverse bande
configurazione che possiede questa opzione, come ad esempio quelle di
di frequenza dello spettro. Questo conferisce loro un carattere “vocale” con
tipo “Waveform Mix”.
elevata risonanza. Alcune forme d’onda riproducono addirittura particolari
fonemi della voce umana, con risonanze in una certa ampiezza di spettro.

La selezione del Pitch viene mantenuta durante la navigazione


attraverso le configurazioni utilizzando il Config Dial.
S-WAVE OSC CTRL può regolare, a seconda della selezione, la quantità o il Mix del
parametro, tranne nella configurazione Basic.
Il sintetizzatore di Nord Stage 3 possiede una serie di “Super-Waves”
raggruppate all’interno della categoria S-WAVE. Queste forme d’onda
sono create con un gran numero di oscillatori e generano un suono molto CONFIGURAZIONI SINGLE OSCILLATOR (Oscillatore
ricco e pieno. Singolo)
MM Alcune configurazioni di oscillatore come: Pitch, Shape, Sync, Detune Dato che in queste configurazioni è disponibile un solo oscillatore, non
e Dual/Triple FM non sono disponibili quando si utilizza S-Wave come sono presenti le regolazioni OSC2/PITCH.
sorgente.
BASIC
CAMPIONI (SAMPLES)
La prima configurazione è composta semplicemente da un oscillatore,
L’opzione SAMPLE permette di utilizzare i campioni della Nord Sample corrispondente alla forma d’onda, Wavetable o campione selezionato. In
Library come forma d’onda dell’oscillatore e di processarli con grande questo caso, l’OSC CTRL Dial non ha alcun effetto.
versatilità con gli altri moduli del Synth. Inoltre è possibile creare e
caricare all’interno di Nord Stage 3 campioni personalizzati, utilizzando PITCH
l’applicazione Nord Sample Editor.
Con la configurazione Pitch l’OSC CTRL Dial permette il controllo del Pitch

Il software Nord Sample Editor è disponibile come download gratuito dell’oscillatore. L’estensione è compresa tra 0 e 24 semitoni.
sul sito web www.nordkeyboards.com.
MM S-Wave e Sample non hanno configurazione Pitch.
MM Alcune configurazioni di oscillatore come: Pitch, Shape, Sync, Detune
e Dual/Triple FM non sono disponibili quando si utilizzano i campioni. SHAPE
I campioni vengono selezionati con l’OSC1/WAVEFORM Dial. La configurazione “Shape” può avere effetti diversi in base alla forma
d’onda selezionata. La tabella “Waveform” nella sezione precedente illustra
La Sample Memory di Stage 3 può contenere fino a 480 Mb di campioni
come le forme d’onda Classic sono influenzate dal parametro “Shape”. Le
in formato Nord Sample Library, completamente sostituibili se necessario.
forme d’onda “Wave” e “F-Wave” vengono modificate usando un processo
La Sample Memory viene già dotata dalla fabbrica con un vasto database
di “Spectral Shaping”.
sonoro. Sul sito web www.nordkeyboards.com sono disponibili molti altri
campioni.
MM “S-Wave” e “Sample” non hanno configurazione “Shape”.

CATEGORIE E SAMPLE PRESET


CONFIGURAZIONI DUAL OSCILLATOR (Oscillatore
Ogni campione è assegnato ad una categoria e, di default, questi sono già Doppio)
raggruppati nelle rispettive categorie. Inoltre, all’interno dei banchi Synth
Preset, tutti i campioni sono visualizzati automaticamente come singoli Le configurazioni Dual dell’oscillatore comprendono quelle in cui un
Preset. Caricando infatti un Sample dal banco “Sample Preset” sono oscillatore viene utilizzato per modulare l’altro, cioè Sync e FM, e quelle in
automaticamente impostati i parametri principali della sezione “Synth” con cui i due suoni generati vengono mixati insieme.
i valori che meglio si adattano alla categoria timbrica di un dato campione.
Per maggiori informazioni sui Synth Preset consultare pagina 34. Il secondo oscillatore, indicato come Oscillator 2, è visualizzato nella metà
destra del display.
34 | NORD STAGE
34 |  Nord Stage33MANUALE UTENTE
User Manual OS SISTEMA
v1.X OPERATIVO V1.X

SYNC La configurazione DUAL FM coincide con quella che tradizionalmente viene


definita: FM a 2 operatori.
L’”Oscillator Syncronization” utilizza il segnale di un oscillatore per
controllare l’altro. Attivando il “Synch”, il Pitch (frequenza) di base impostato OSC CTRL controlla l’ampiezza di modulazione FM, che influenza
sull’oscillatore 1 viene agganciato a quello dell’oscillatore 2. In questo modo proporzionalmente il contenuto armonico dello spettro risultante. Questo
ogni variazione del Pitch dell’oscillatore posto in “Synch” viene percepita parametro può essere modulato dal MODULATION ENVELOPE o dall’LFO
come significativa modifica del timbro risultante. e controllato tramite Morph in qualsiasi combinazione di Modulation Wheel,
Aftertouch e pedale.
Con “Oscillator Sync” attivato, può essere utile avere la quantità di Osc Ctrl
modulata da una delle sorgenti MORPH o dal MODULATION ENVELOPE. OSC2/PITCH controlla l’intonazione dell’oscillatore 2 (modulatore) per
In questo modo è possibile generare un suono dal contenuto armonico intervalli di semitono, da 0 a 48.
continuamente variabile.
MM S-Wave, Waveform e Sample non hanno configurazione Dual FM.
La configurazione Sync non ha impostazioni OSC2/PITCH.
TRIPLE FM
MM S-Wave e Sample non hanno configurazione Sync.
La configurazione Triple FM è una configurazione FM a 3 operatori,
DETUNE dove l’oscillatore 2 funge come una coppia di modulatori. La quantità di
modulazione applicata ai modulatori è controllata da OSC CTRL.
Con l’impostazione Detune, l’oscillatore 2 fornisce una copia dell’oscillatore
1, la cui frequenza può essere regolata per semitoni (Coarse Tune) o per OSC2/PITCH controlla l’intonazione della coppia di modulatori per intervalli
intervalli minori (Fine Tune). di semitono, da 0 a 48.

OSC2/PITCH regola l’intonazione dell’oscillatore 2 per semitoni, mentre MM S-Wave e Sample non hanno configurazione Triple FM.
l’OSC CTRL viene utilizzato per la regolazione fine in un intervallo di 4
semitoni. RING MOD

MM S-Wave e Sample non hanno configurazione Detune. Con la configurazione Ring Mod (Ring Modulation), l’oscillatore 1 viene
moltiplicato con un’onda sinusoidale generata dall’oscillatore 2. Questa
MIX SINE, TRIANGLE, SAW E SQUARE moltiplicazione crea armoniche aggiuntive, la cui ampiezza dipende dalla
relazione del Pitch (frequenza) tra oscillatore 1 e oscillatore 2.
Con le configurazioni Mix Sine, Triangle, Saw e Square, l’oscillatore 2
genera una di queste 4 forme d’onda. L’oscillatore 2 può essere mixato con OSC2/PITCH controlla l’intonazione dell’oscillatore 2 e, di conseguenza, il
l’Oscillatore 1 utilizzando OSC CTRL. carattere timbrico del segnale risultante.

OSC2/PITCH controlla la frequenza (Pitch) dell’oscillatore 2 per intervalli di OSC CTRL regola il mix fra oscillatore 1 e segnale modulato.
semitoni, in un ambito da: 0 a 48.

MIX BELL
I SYNTH PRESET
Uno speciale “BELL OSCILLATOR” può essere mixato con l’oscillatore
1, usando la configurazione “MIX BELL OSCILLATOR”. In questo caso si Salvando un Program su Nord Stage 3, sono memorizzati tutti i parametri
utilizza la modulazione d’ampiezza per generare nell’oscillatore uno spettro della sezione SINTH, oltre a tutte le altre impostazioni del PANEL. Ma i suoni
armonico complesso, simile a quello di una campana. OSC CTR controlla di questa sezione sono selezionabili e memorizzabili in modo indipendente
l’intensità del modulatore dell’oscillatore 2 e quindi il contenuto armonico dal PROGRAM stesso. Ciò consente di creare una libreria con i soli suoni di
ed il carattere timbrico. Synth, facilmente richiamabile quando necessario. Nord Stage 3 è fornito di
fabbrica di un’ampia e valida selezione di SINTH PRESET.
MIX NOISE

La configurazione Mix Noise mette a disposizione un generatore di rumore SELEZIONARE UN SYNTH PRESET
bianco, che può essere mixato con l’oscillatore principale tramite OSC
Di fabbrica sono presenti 8 banchi con 50 Synth Preset, 2 dei quali
CTRL.
vuoti. Ruotare la manopola SINTH PRESET per selezionare ed ascoltare
La configurazione Mix Noise non ha impostazioni OSC2/PITCH. i Preset. Il display della sezione Program mostra la posizione e il nome del
Preset selezionato. Il display della sezione Synth mostra le impostazioni di
“Oscillator” e “Oscillator Configuration” per il Preset selezionato.
MIX NOISE 2

La configurazione Mix Noise 2 genera un tipo particolare di rumore LIST VIEW


“Pitched”, processato in un filtro passa banda con risonanza. Questo può
essere mixato con l’oscillatore principale utilizzando OSC CTRL. Per entrare nella Synth Preset LIST View, ruotare il SYNTH PRESET
Dial tenendo premuto SHIFT. È possibile usare i 3 tasti Samp, Synth e
OSC2/PITCH controlla il “PITCH” del rumore per intervalli di semitono, in un Category (Classic Synth nell’immagine sotto) per velocizzare la ricerca.
ambito da: 0 a 48.

DUAL FM

Il principio fondamentale della sintesi per modulazione di frequenza (FM), è


che un oscillatore (modulatore) modula la frequenza di un altro (portante).
La forma d’onda risultante è molto più ricca di armoniche rispetto alla forma
sinusoidale originale ed è possibile apportare significative modifiche nel
carattere timbrico, variando l’ampiezza di modulazione.
7. 7. SYNTH | 35
Synth | 35

Samp: In base al contenuto corrente dei Sample di Nord Stage 3 viene


generato automaticamente un banco di “Sample Preset”. Premendo il tasto
SAMP (tasto Program 1) vengono visualizzati tutti questi Preset. Caricando
SEZIONE FILTER
un Sample da un Preset, i parametri “Filter” e “Amp Envelope” sono
impostati automaticamente su valori appropriati per quel dato campione.
Questi parametri sono naturalmente modificabili anche manualmente, se
necessario.

MM Lo scopo del banco Samp Preset è quello di fornire timbri suonabili


immediatamente, a prescindere dal tipo di campione. Confrontando
questa procedura con il caricamento dei Sample tramite l’Osc1/
Waveform Dial, si nota che in questo caso, per ogni Sample richiamato
sono sempre utilizzate le impostazioni “Filter” e “Amp Env” correnti.
Questo implica una loro costante modifica manuale, perchè i Sample
stessi risultino suonabili e plausibili.

Synth:selezionando il Soft Button: “PROGRAM 2” (Default), la categoria di


Sample “SYNTH” viene momentaneamente esclusa dalla lista, restringendo
il campo di selezione. Tutti i Synth Preset memorizzati dall’utente, compresi
quelli che utilizzano Sample, sono nei banchi Synth Preset .

Category: i Soft Button: “CATEGORY”, visualizzano la categoria SAMP


o SYNTH  PRESET correntemente selezionata. Premendo uno dei tasti Il FILTRO è una componente importante nella programmazione del timbro
PROGRAM 3 o 4 si passa in modalità: “CATEGORY SORT”. Ora, i Preset complessivo di un suono e può anche essere modulato da diverse sorgenti.
sono raggruppati in base alla categoria. Ciò consente, ad esempio, di Nord Stage 3 possiede una selezione di filtri classici e innovativi.
esplorare tutti i Preset: “SYNTH BASS” riuniti in un elenco. I tasti PAGE
3/4consentono di passare fra le varie categorie della lista. La maggior parte dei filtri condivide gli stessi parametri: FREQ (Frequency)
controlla la frequenza di taglio (Cut-off) e RES (Resonance) controlla la

Premendo il tasto CATEGORY (SHIFT + MONO/LEGATO) si apre risonanza del filtro. Fa eccezione il filtro combinato LP / HP: in questo caso
istantaneamente la Synth Preset List View, in Modo “CATEGORY la manopola “RES” controlla la frequenza di taglio del filtro HP.
SORT”.

TASTO FILTER SELECTOR


MEMORIZZARE UN SYNTH PRESET
Il tasto “FILTER SELECTOR” premuto ripetutamente seleziona i vari tipi di
Le impostazioni correnti della sezione Synth possono essere memorizzate filtri disponibili, che sono:
come SYNTH PRESET, in uno degli 8 banchi disponibili:

1 Premere una volta STORE SYNTH (SHIFT + KB HOLD) Quando un Synth LP 24 & LP 12
Preset si basa sulla modifica di un Preset già esistente, la finestra di
dialogo suggerisce la locazione di quest’ultimo come destinazione. In Le frequenze al di sopra della “FILTER FREQUENCY” (frequenza di taglio)
caso contrario, sul display viene richiesto di selezionare manualmente selezionata sono attenuate, mentre quelle al di sotto non sono influenzate
una locazione. Usare il PROGRAM Dial per selezionare una locazione dal filtro.
appropriata.
L’impostazione LP12 fornisce un filtro LOW-PASS (Passa Bassi) 12 dB/
2 Per assegnare un nome e una categoria al Preset, premere STORE AS ottava, che fa passare più armoniche rispetto all’impostazione LP24. Il filtro
(SHIFT + STORE). Se il Preset non deve essere rinominato, passare 12 dB/ottava è conosciuto anche come filtro a 2 poli.
al punto 5.
L’impostazione LP24, con una curva di attenuazione di 24 dB/ottava, è il
3 Tenendo premuto il tasto Abc appare una fila di caratteri alfanumerici classico filtro da “Synth”. Taglia le frequenze drasticamente, con una curva
selezionabili con il Dial. Rilasciando il tasto Abc il cursore si sposta alla di 24 dB per ottava. Il filtro 24 dB/ottava è conosciuto anche come filtro a
posizione successiva. Il Dial o i tasti PAGE 3/4 spostano il cursore 4 poli.
avanti o indietro. Il tasto Ins inserisce uno spazio vuoto nella locazione
corrente, mentre Del elimina il carattere selezionato.

4
gain
Filter Frequency
Premere il tasto Cat e ruotare il PROGRAM Dial per selezionare una
categoria e assegnarla al Preset.

5 Per selezionare una posizione diversa, usare il PROGRAM Dial e/o i


12 dB/Oct
tasti PAGE 3/4. Il Preset nella posizione corrente, selezionata per la
memorizzazione, può essere verificato suonando la tastiera. freq
24 dB/Oct

6 Per annullare la memorizzazione, premere EXIT.

7 Dopo aver trovato una locazione adeguata, premere il tasto STORE Entrambi i filtri LP hanno il controllo di risonanza che enfatizza le frequenze
per completare l’operazione. intorno alla frequenza di taglio del filtro, rendendo il suono più sottile.

E’ possibile assegnare nome e categoria dei Synth Preset anche con


Nord Sound Manager. LP M
L’impostazione del filtro Low-Pass M offre l’emulazione del filtro a Transistor
originale del famoso “MINI”. Questo innovativo e amatissimo filtro è stato
progettato e brevettato nel 1960 dal Dr. Robert A. Moog.
36 | NORD STAGE
36 |  Nord Stage33MANUALE UTENTE
User Manual OS SISTEMA
v1.X OPERATIVO V1.X

Il filtro “M” è un filtro risonante passa-basso a 4 poli, 24 dB/ottava. La FILTER FREQUENCY


risonanza è la caratteristica distintiva di questo tipo di filtro, dato che
lascia passare più frequenze “Low-End” rispetto ad un passa basso La manopola FREQ del filtro (controllabile via MORPH)
tradizionale 24 dB/ottava. imposta la frequenza di taglio del filtro stesso (CUT-
OFF) - ovvero il punto nell’ambito frequenziale dove
il filtro inizia ad operare. Il risultato effettivo di questa
LP/HP elaborazione dipende dal tipo di filtro utilizzato.

Il filtro combinato passa-basso/passa-alto (LP/HP) è costituito da un filtro


passa-basso 12 dB e un filtro passa-alto 12 dB in parallelo. La manopola
gain
“FILTER FREQ” controlla la frequenza di taglio del filtro LP e la manopola
RESONANCE controlla la frequenza di taglio per il filtro HP. filter frequency

gain
LP Filter Frequency HP Filter Frequency
12 dB/Oct 12 dB/Oct

freq

freq
Questo schema illustra tre diverse impostazioni di “Filter Frequency”
utilizzando un filtro passa-basso. L’area a sinistra, dall’alto al basso indica
le frequenze che passano attraverso il filtro. L’area a destra della pendenza
Questa combinazione è utile per creare un’ampia gamma di timbriche,
rappresenta le frequenze che vengono attenuate. Spostando la pendenza
dato che è in grado di tagliare nell’intervallo tra le due frequenze, o
del filtro verso sinistra il suono diventa più scuro. Le protuberanze in alto
enfatizzare una gamma specifica di frequenze con i filtri sovrapposti.
sulla curva indicano l’impostazione della risonanza.

HIGH PASS - HP FILTER RESONANCE


Il parametro Resonance (RES) (controllabile via Morph)
gain
Filter Frequency è un altro importante parametro del filtro. Aumentando
la risonanza si enfatizzano le frequenze vicino alla
24 dB/Oct
frequenza di taglio e il timbro diventa più sottile.

Aumentando ulteriormente la Resonance, si arriva


freq ad un punto in cui il filtro entra in auto oscillazione, producendo così un
suono caratteristico. Il punto dove questo suono si origina, dipende dal
valore del parametro “Frequency”.
Usando il filtro HP (High-Pass, Passa Alti) le frequenze al di sotto della
frequenza di taglio vengono attenuate, quelle al di sopra non sono Usando il filtro LP/HP, la manopola RES controlla la frequenza di taglio del
influenzate. Ciò significa che aumentando la frequenza di taglio del filtro, il filtro passa-alto, come indicato dalla scritta FREQ HP.
suono diventa sempre più sottile.

KB TRACK
BAND PASS - BP
Il motivo per controllare la Keyboard Track è fornito dai
fondamenti dell’acustica. Infatti, aumentando la frequenza
gain
Filter Frequency
(Pitch) di una forma d’onda, aumentano di conseguenza
anche i suoi armonici. In questo modo, se fosse mantenuto
costante il valore della frequenza di taglio del filtro (Cut-
12 dB/Oct 12 dB/Oct Off), i suoni della regione acuta della tastiera risulterebbero
scuri. Il parametro KB TRACK permette di compensare appunto questo
fenomeno.
freq

IMPOSTAZIONI KB TRACK
Il filtro BP (Band-Pass) consente il passaggio delle sole frequenze
vicine alla frequenza di taglio (Filter Frequency), mentre quelle superiori Off (nessun LED è acceso): il punto di taglio (Cut-Off) della FILTER
o inferiori sono attenuate. Questo filtro può essere usato per esempio FREQUENCY non viene influenzato dalle note suonate.
per produre dei suoni nasali, dallo spettro armonico assai compresso e
controllato. Anche in questo caso il carattere finale del suono dipende 1/3: La frequenza di taglio viene tracciata sulla tastiera in rapporto di 1:3.
dall’impostazione della frequenza di taglio e della risonanza. Suonando all’ottava superiore la frequenza di taglio si sposta di 1/3 di
ottava.

2/3: La frequenza di taglio viene tracciata sulla tastiera in rapporto di 2:3.


Suonando all’ottava superiore la frequenza di taglio si sposta di 2/3 di
ottava.

1: La frequenza di taglio viene tracciata sulla tastiera in rapporto di 1:1.


7. SYNTH | 37
7. Synth | 37

Le figure seguenti illustrano la relazione tra la posizione della tastiera e la


frequenza di taglio per le impostazioni 1:1 e 2/3:
GLI INVILUPPI (ENVELOPE)
gain 1:1 Tracking Gli inviluppi vengono utilizzati per “sagomare il suono” nel tempo, dal
momento in cui si preme un tasto fino al suo rilascio. Il diagramma
seguente illustra il ruolo di ciascun parametro - attacco, decadimento e
rilascio - durante tutto il decorso di un inviluppo, per gli inviluppi di
Modulazione e Amplificazione.

amount
freq

gain 2/3 Tracking time

attack (time) decay (time) release (time)

key down key up

freq
MOD ENVELOPE
Il Modulation Envelope (MOD ENV) è un inviluppo a
tre stadi indirizzabile ai parametri: “Osc Ctrl” e/o “Filter
Cut-Off Frequency”.

Se usato per modulare l’OSC CTRL, può introdurre


un’ampia gamma di variazioni temporali, in base alla
DRIVE
configurazione dell’oscillatore stesso.
La funzione DRIVE (Shift + KB Track) aggiunge la
Viene utilizzato insieme al filtro per variare il contenuto
distorsione allo stadio del filtro. Le impostazioni 1, 2 e 3
armonico del suono durante la sua evoluzione nel
corrispondono, rispettivamente, a quantità: basse, medie
tempo, generando ad esempio un attacco brillante
ed elevate di DRIVE.
modulando il filtro all’inizio della nota.

L’utilizzo del Drive con valori elevati della


risonanza del filtro (FILTER RESONANCE), può
generare risultati divertenti o interessanti.

LFO AMT ATTACK

La frequenza del filtro può essere controllata L’attacco regola il tempo necessario all’inviluppo per raggiungere il livello
dall’oscillatore a bassa frequenza (LFO). La manopola massimo d’ampiezza dopo aver premuto un tasto. Ruotando la manopola
LFO AMT (controllabile via MORPH) determina la ATTACK in senso orario il tempo di attacco aumenta.
quantità di modulazione. L’effetto esatto sul parametro
LFO AMT dipende dal modo in cui viene impostata la DECAY
sezione LFO, come descritto a pagina 38.
Una volta terminata la fase di attacco, con il tasto ancora premuto,
l’ampiezza dell’inviluppo comincia a scendere nuovamene a zero.
VEL / MOD ENV La manopola DECAY regola questo tempo. Se il tempo di DECAY è
impostato al massimo, lo stadio dell’inviluppo si sposta sul SUSTAIN, e
La manopola VEL/MOD ENV possiede due modalità
rimane costante finchè il tasto non viene rilasciato.
di funzionamento: controlla la quantità di modulazione
applicata alla frequenza del filtro, sia dalla “Velocity” della
tastiera, sia dal “Modulation Envelope”. La posizione
RELEASE
centrale della manopola (a ore 12) corrisponde allo “0”
Rilasciando il tasto, l’inviluppo entra nella fase di rilascio (RELEASE). Il
e non applica al filtro alcun valore di “Velocity” o “ENV
tempo di rilascio si imposta con la manopola RELEASE.
Modulation”.

Ruotando la manopola in senso antiorario dalla sua impostazione sullo “0”, VELOCITY
si ottiene un maggior controllo della “Velocity” di tastiera sulla frequenza di
Quando il LED MOD ENV VELOCITY è acceso, l’ampiezza della
taglio del filtro. Ruotando invece in senso orario, questo parametro viene
modulazione dell’inviluppo viene controllata dalla velocità con cui
modulato in modo crescente dall’”ENV Modulation”.
vengono suonati i tasti. Suonando con maggiore forza l’inviluppo agisce
maggiormente sui parametri controllati.
38 | NORD STAGE
38 |  Nord Stage33MANUALE UTENTE
User Manual OS SISTEMA
v1.X OPERATIVO V1.X

AMP ENVELOPE
Lo stadio finale di una catena di segnali di sintesi possiede solitamente un amplificatore che ne controlla il volume. La
modulazione di questo amplificatore con un inviluppo, determina il profilo del suono stesso nel tempo: l’evoluzione
dell’ampiezza nel tempo è uno dei fattori più importanti per l’identificazione del suono. L’impostazione adeguata
dell’inviluppo d’ampiezza infatti consente la creazione di suoni “soft”, “hard”, pizzicati, statici ecc.

ATTACK

La manopola ATTACK regola il tempo necessario per passare da 0 alla massima ampiezza dopo aver premuto un
tasto. Con valori di tempo di attacco elevati il volume del suono aumenta gradualmente.

DECAY

Quando la fase di attacco è terminata, l’inviluppo torna a livello zero. La manopola DECAY imposta il tempo
necessario. Impostando il tempo di Decay su “FULL”, l’inviluppo rimane alla massima ampiezza fino a quando non
viene rilasciato il tasto.

RELEASE

Rilasciando il tasto, l’inviluppo entra nella fase di rilascio (Release). Il tempo di rilascio può essere regolato con la
manopola RELEASE.

VELOCITY

Attivando AMP ENV VELOCITY, il livello di uscita del Synth è controllato dalla dinamica (Velocity) della tastiera. Ci
sono 4 impostazioni (incluso VELOCITY OFF - nessun LED acceso) con una quantità crescente di sensibilità alla
Velocity.

LFO
L’LFO o LOW FREQUENCY OSCILLATOR (oscillatore a bassa frequenza) produce forme d’onda cicliche - a frequenze
anche molto basse. Un LFO non genera quindi frequenze udibili. La sua uscita invece viene utilizzata per modulare
vari parametri, ad esempio l’OSC CTRL dell’oscillatore di Nord Stage 3 o la “FILTER FREQUENCY”. Il valore dell’LFO
si regola con la manopola RATE (controllabile via Morph).

Ad esempio, per produrre un effetto di vibrato, è necessario modulare l’OSC CTRL nelle configurazioni “Oscillator
Pitch” o “Detune”, tramite LFO - la manopola LFO / MOD ENV deve essere ruotata verso sinistra. Per modulare la
frequenza del filtro, ruotare semplicemente la manopola LFO AMT.

MST CLK
Premere Shift e ruotare il RATE Dial per sincronizzare la frequenza dell’LFO al Master Clock di Nord Stage 3.

Quando l’LFO è sincronizzato con un Master Clock, la manopola Rate serve per impostare la suddivisione del
tempo del Master Clock. Le suddivisioni sono espresse in valori musicali: ½ equivale alle minime, ¼ corrisponde alle
semiminime, 1/8 alle crome ecc. Per maggiori informazioni su questa funzione consultare pagina 26.

LFO WAVEFORMS
Il tasto di selezione dell’onda LFO determina la forma d’onda generata dall’LFO:

Onda Descrizione
Triangle
Adatta per riprodurre vibrati naturali, o la classica “PWM” (Pulse Width Modulation).
Sawtooth 1
Adatta per modulazioni di tipo “Ramp”.
Sawtooth 2
Adatta per modulazioni di tipo “Ramp”.
Square
Adatta per cambiamenti improvvisi di modulazione, trilli, tremoli, ecc.

S/H Sample & Hold


Crea una modulazione casuale.

Modulation
Modulation
7. 7. SYNTH | 39
Synth | 39

SEZIONE VOICE
Il sintetizzatore di Nord Stage 3 possiede diverse modalità di
voce, selezionabili nella sezione “VOICE”, con varie opzioni di
articolazione: monofonica, polifonica e 3 diversi modi UNISON.

MODALITA’ MONO VOICE


Nella modalità MONO, viene eseguita una sola nota alla volta, proprio come avviene in un
sintetizzatore monofonico tradizionale. Inoltre, ogni volta che una nota viene suonata, sono riattivati
gli inviluppi, il che conferisce a tutte le note le stesse caratteristiche in termini di modulazione e
comportamento del filtro.

MODALITA’ LEGATO VOICE


In modo LEGATO è possibile suonare una sola nota alla volta, come nella modalità Mono. Tuttavia,
ogni nuova nota suonata sostituisce quella precedente nello stadio di Inviluppo raggiunto, fintanto
che il tasto precedente non sia stato rilasciato e prima che un nuovo tasto venga suonato.

Attivando l’opzione “LEGATO”, la funzione “GLIDE” ha effetto solo suonando “Legato”: per ottenere
il GLIDE, è necessario premere un nuovo tasto prima di rilasciare quello precedente.

MM Quando i LED Mono e Legato sono spenti, la sezione Synth è nella sua modalità polifonica
predefinita.

GLIDE
Il GLIDE è una particolare funzione che consente il passaggio tra due note, superiore o inferiore,
suonando tutte le frequenze intermedie comprese fra loro. La manopola RATE consente di
determinare il tempo di GLIDE.

UNISON
La sezione Synth dello Stage 3 possiede diversi oscillatori “nascosti”, caratterizzati da leggero
Detune (battimenti), che possono essere aggiunti al suono di base per ottenere i classici suoni “Fat”
da sintetizzatore analogico. Si noti che l’utilizzo della funzione UNISON non riduce la polifonia! Le
varie impostazioni UNISON 1, 2, o 3 sono equivalenti ai tipici effetti ottenibili dal Detuning di due
oscillatori analogici, con crescente quantità di Detune tra i due.

SOUND INIT

La funzione SOUND INIT (SHIFT + UNISON) permette di inizializzare tutte le aree dei parametri
della sezione Synth, tranne il tipo di oscillatore e la forma d’onda selezionata.
40 | NORD STAGE
40 |  Nord Stage33MANUALE UTENTE
User Manual OS SISTEMA
v1.X OPERATIVO V1.X

ARPEGGIATOR KB HOLD
La funzione KB HOLD (Keyboard Hold), permette alle note di continuare a
suonare anche rilasciando le dita dai tasti. Questa è utile ad esempio per
mantenere l’arpeggio in esecuzione, suonando altre parti con entrambe
le mani.

Attivando l’arpeggiatore (ARPEGGIATOR), le note suonate sono eseguite


una dopo l’altra, ripetutamente. I parametri di controllo determinano VIBRATO
la direzione, l’estensione e la velocità dell’arpeggio stesso. Le direzioni
disponibili sono: UP (superiore), DOWN (inferiore), UP/DOWN (superiore/ L’opzione VIBRATO modula l’intonazione (Pitch)
inferiore), RANDOM (casuale), su diverse ottave di estensione. La dell’oscillatore producendo effetti naturali di vibrato.
velocità delle note arpeggiate è regolata dal parametro RATE, oppure
sincronizzando l’arpeggiatore al MASTER CLOCK di Nord Stage 3. Sono disponibili tre metodi di base per controllare il Vibrato
selezionabili tramite il tasto “SELECTOR” nella sezione
Vibrato:
ARP RUN E KEYBOARD SYNC (KBS)
Selezionando la modalità: Delay, DLY1, DLY2 e DLY3, dopo l’esecuzione
L’arpeggiatore viene attivato con il tasto ARP RUN di una nota, il vibrato viene attivato con un tempo di ritardo variabile (Delay)
situato nella parte inferiore sinistra della sezione Synth. in base appunto all’impostazione di: DLY1, DLY2 e DLY3.

Premendo KB SYNC (SHIFT + ARP RUN) si attiva


la sincronizzazione della tastiera (Keyboard Sync). In questa modo,
l’arpeggiatore viene resettato ogni volta che si esegue una nuova nota. La quantità di Vibrato del modo Delay è impostata nel Menu Sound, così
Con KB SYNC su Off, le nuove note suonate con l’arpeggio in esecuzione come la velocità per tutte le modalità di Vibrato. Per maggiori informazioni
sono conformi alla “griglia” impostata sul tempo corrente. consultare pagina 53.

ARPEGGIATOR - DIRECTION
Selezionando AT, Aftertouch, il vibrato viene controllato da questo
E’ possibile impostare la direzione dell’arpeggio (ARPEGGIATOR dispositivo, con una ulteriore pressione delle note già premute.
DIRECTION) con il tasto di selezione “ARPEGGIATOR”. Se tutti i LED sono
Selezionando WHL, la quantità di vibrato è controllata tramite la Modulation
spenti, la direzione di default è UP (superiore). Le altre direzioni disponibili
Wheel.
sono DN-DOWN (inferiore), U/D UP/DOWN (superiore/inferiore), RND-
RANDOM (casuale).

ARPEGGIATOR - RANGE - ESTENSIONE


DELL’ARPEGGIATORE
L’estensione dell’arpeggio viene impostata premendo il tasto SHIFT
ed il selettore dell’arpeggio. Se tutti i LED sono spenti, l‘estensione di
Default è 1 ottava. Premendo SHIFT ed il selettore è possibile aumentare
l’estensione a 2, 3 fino a 4 ottave.

ARPEGGIATOR - RATE
La manopola RATE regola la velocità che viene visualizzata sul display in
BPM.

ARPEGGIATOR - MASTER CLOCK


Premendo SHIFT e ruotando la manopola RATE, è possibile sincronizzare
l’arpeggio con il MASTER CLOCK di Nord Stage 3. Quando l’Arpeggio è
sincronizzato con il Master Clock, la manopola Rate imposta la suddivisione
del tempo dell’arpeggio, nel Master Clock. Queste suddivisioni sono
espresse in valori musicali: 1/2 minima, 1/4 semiminima, 1/8 croma ecc.
La “T” indica la suddivisione in terzine.

Maggiori informazioni sul Master Clock e su come impostare il tempo a


pagina 266.
8.8.Extern
EXTERN | 41
| 41

8 SEZIONE EXTERN

MM Nella prima pagina del Menu Extern è possibile determinare se


SEZIONE EXTERN la selezione del canale MIDI debba essere globale (GLOBAL) o
indipendente per ogni PROGRAM. Scegliendo l’opzione GLOBAL,
La sezione EXTERN di Nord Stage 3, permette di
tutti i PROGRAM con la sezione EXTERN attivata, utilizzano gli
controllare strumenti MIDI esterni, con la stessa logica
stessi canali MIDI per PANEL A e PANEL B. Con l’impostazione su
e facilità di gestione adottata per i generatori sonori
PROGRAM (Default) invece, ogni PROGRAM utilizza i canali MIDI
interni.
EXTERN impostati e memorizzati sul PROGRAM stesso.
Questa infatti può essere attivata o disattivata,
assegnata ad una zona particolare della tastiera,
proprio come le altre sezioni. Possiede un VALUE Dial
multifunzione utilizzabile per inviare messaggi MIDI USO DELLA SEZIONE EXTERN
di: VOLUME, PROGRAM CHANGE, CONTINUOS
CONTROL ecc. Per selezionare il parametro(i) da
trasmettere si utilizza il tasto PARAMETER.
ATTIVAZIONE
La sezione Extern si attiva premendo il relativo tasto ON/OFF,
Dal Menù Extern è possibile accedere alle impostazioni
esattamente come le altre sezioni di Nord Stage 3.
relative a: Canali MIDI, Program Change e Continuous
Controllers (maggiori dettagli a pagina 55). Queste
impostazioni possono essere memorizzate all’interno di ZONE DELLA TASTIERA
un Program: in questo modo cambiando PROGRAM,
Nord Stage 3 può inviare i messaggi MIDI più opportuni Sono presenti due sezioni EXTERN, una per Panel A e una per Panel
all’unità esterna collegata. B. Le zone della tastiera possono essere utilizzate per creare SPLIT e
LAYER esattamente come per i suoni interni. Ad esempio, assegnando
la sezione EXTERN alle Zone 1 e 2 lo strumento MIDI esterno risponde
solo alle note suonate all’interno di queste zone.

Maggiori informazioni sull’impostazione e l’utilizzo delle zone della


IMPOSTAZIONI tastiera si trovano nella sezione relativa della funzione SPLIT a pagina 26.
1 Collegare un cavo MIDI dall’uscita MIDI OUT di Nord Stage 3
all’ingresso “MIDI IN” del dispositivo esterno, che può essere IMPOSTAZIONI EXTERN NON-KEYBOARD
un’unità synth a rack, un computer o altro dispositivo dotato di una Oltre alle classiche zone di tastiera è disponibile una ulteriore opzione,
porta MIDI IN. che disabilita la sezione EXTERN dal controllo della tastiera interna,
2 Per accedere al Menu EXTERN, premere EXTERN tenendo premuto mentre il PITCH STICK, la manopola PARAMETER e le altre funzioni
il tasto SHIFT, (tasto PROGRAM 4). di controllo rimangono attive. Questa opzione è selezionabile in modo
analogo alle altre, e quando viene attivata, tutti i LED KB ZONE della
3 Con i tasti PAGE 3/4si seleziona la pagina “Extern Settings MIDI sezione si spengono, ed è molto utile per controllare dispositivi esterni
Chan”. Su questa compare la scritta “MIDI Chan Prog” o “MIDI Chan che non hanno bisogno dei messaggi MIDI inviati dalla tastiera.
Glob” in base alle impostazioni della prima pagina del Menu EXTERN.

OCTAVE SHIFT
Traspone le note MIDI trasmesse di un’ottava verso l’altro, premendo
OCT UP, e verso il basso premendo OCT DOWN + SHIFT. L’estensione
della trasposizione dipende dallo strumento esterno e dall’ampiezza
della zona della tastiera assegnata allo stesso.

4 È possibile selezionare il canale MIDI di trasmissione (1-16) tramite


il PROGRAM Dial. I tasti PANEL A e B si usano per accedere alle MESSAGGI PITCH STICK / SUSTAIN PEDAL
impostazioni del canale MIDI per ciascun Panel. Premere EXIT
Tenere premuto SHIFT e premere il tasto PARAMETER per determinare
(Shift) per uscire dal menù.
se l’unità debba o meno inviare messaggi di Pitch Bend e/o Sustain
5 Impostare lo strumento esterno in modo che riceva sul canale MIDI attraverso il canale MIDI Extern, come indicato dai LED SUSTPED e
selezionato al punto 4. PSTICK.
42 | NORD STAGE
42 |  Nord Stage33MANUALE UTENTE
User Manual OS SISTEMA
v1.X OPERATIVO V1.X

MIDI CC
PARAMETRI EXTERN La funzione MIDI CC permette di trasmettere messaggi MIDI Control
Change per controllare un parametro a scelta dello strumento esterno.
Il Value Dial controlla il valore del Control Change trasmesso. Dal Menu
Extern, selezionare il numero del Controller da trasmettere:

1 Tenere premuto SHIFT e premere il tasto EXTERN per accedere al


menù Extern.

2 Utilizzare i tasti PAGE 3/4 per selezionare “Ctrl/Value” nella pagina


del menù Extern Settings.

È possibile selezionare i parametri EXTERN con il tasto “PARAMETER” e


determinarne il valore con la manopola VALUE.

Il Value Dial può essere controllato attraverso la funzione Morph -


maggiori informazioni a pagina 25.

Il tasto Parameter seleziona i seguenti parametri:


3 Utilizzare il PROGRAM Dial per selezionare un MIDI CC (0-119).
VOLUME Verificare sul manuale dello strumento MIDI esterno il numero di CC
associato al parametro da gestire.
Selezionando VOLUME, il VALUE Dial trasmette messaggi MIDI di Volume
(CC7 - val. 0-127) per controllare appunto il volume di strumenti MIDI 4 Per determinare il valore iniziale del MIDI CC selezionato richiamando
esterni. Controllare sul manuale d’uso dello strumento esterno, se questo il Program, premere il Soft Button Value e selezionare un valore
necessiti di abilitazione per ricevere i messaggi MIDI di Control Change. usando il Dial. Premendo il Soft Button Ctrl si torna alle impostazioni
MIDI CC.

PROGRAM 5 Premere EXIT (Shift) per uscire dal Menu.

Anche in questa occasione, controllare se sullo strumento esterno è


L’opzione PROGRAM permette al VALUE Dial di trasmettere messaggi
necessario abilitare la ricezione dei MIDI CC.
di Program Change (0-127), per selezionare i Program sullo strumento
esterno. Questa funzione opera in modo leggermente diverso rispetto
agli altri parametri. In questa modalità, la rotazione della manopola SEND ON LOAD
PARAMETER trasmette un messaggio di Program Change, il valore del
quale viene visualizzato sul Display. Per trasmettere tutti e 127 i valori Spesso è opportuno inviare dati MIDI nello stesso momento in cui un
di questo parametro è necessario ruotare il DIAL più volte. Controllare PROGRAM viene richiamato: ciò consente ad un’unità esterna di
sul manuale d’uso dello strumento esterno, se fosse eventualmente commutare un Program o resettare un CC in modo sincrono con Nord
necessario abilitare la ricezione dei messaggi MIDI di Program Change. Stage 3. Sono disponibili impostazioni indipendenti di ON/OFF per:
Program Change (PC), Volume (Vol) e messaggi CC definiti dall’utente
EE Stage 3 può trasmettere messaggi MIDI Program Change in caso di (UsrCC) accessibili dalla pagina “Send On Load” nel Menu Extern.
selezione di un Bank, una Pagina e un Program, ma se ciò avviene
sullo stesso canale MIDI della sezione EXTERN, può provocare la
trasmissione di messaggi non desiderati allo strumento esterno. SEZIONE EXTERN E MIDI SOFT THRU
Assicurarsi che i canali MIDI di Panel A e Panel B non siano uguali a
quello assegnato alla sezione Extern. L’invio di messaggi MIDI interni Quando un dispositivo esterno trasmette note MIDI a Nord Stage 3 e la
di Stage 3 può essere disattivato dal Menu MIDI. sezione Extern è attiva, è possibile reindirizzare le note MIDI in ingresso
all’uscita MIDI di Stage 3, sul canale MIDI impostato per la sezione Extern.
È anche possibile inviare messaggi di Bank Change (cambio banco), nel
caso in cui lo strumento MIDI esterno che si sta utilizzando lo richieda. Questa funzionalità permette di controllare un dispositivo esterno da
Vedere pagina Menu Extern. un’altra unità esterna. Le note in ingresso devono essere trasmesse sugli
stessi canali MIDI impostati su Stage 3 per: il Dual Kb, Panel A/Panel B o
per le impostazioni del canale MIDI Global.

L’opzione Soft Thru del Menu Extern deve essere su “ON”.

ALTRE IMPOSTAZIONI DEL MENU EXTERN


Sono disponibili altre impostazioni per la sezione Extern che non sono
state trattate in questo capitolo. Maggiori informazioni a pagina 55 del
capitolo Menu.
9. EFFECTS| 43
9. Effects | 43

9 SEZIONE EFFECTS

EFFECT 1
SEZIONE EFFECTS
La sezione EFFECT 1 offre sei differenti tipi di effetti di modulazione. Il tasto
Gli effetti su Nord Stage 3 sono indipendenti per ogni PANEL. Ciò significa SELECTOR consente di spostarsi tra gli effetti di modulazione disponibili.
che sono presenti due diverse sezioni di effetti, ognuna programmabile
con impostazioni indipendenti per ogni PROGRAM. Fa eccezione l’effetto Ruotando MST CLK (SHIFT + RATE) è possibile sincronizzare la sezione
ROTARY, che può essere attivato su ciascun PANEL separatamente Effect 1 con il MASTER CLOCK. In modo MST CLK, il parametro RATE
e per suoni differenti, utilizzando sempre le stesse velocità e le stesse viene presentato come suddivisione del tempo MASTER CLOCK.
impostazioni del DRIVE su entrambi i PANEL.

A-PAN (AUTO PAN)


ATTIVARE UN EFFETTO
L’A-PAN è una modulazione automatica del PANNING che distribuisce
Per abilitare un effetto premere il relativo tasto ON/OFF. I LED sopra il con fluidità il segnale tra le uscite Left e Right nel panorama stereo.
tasto indicano il generatore sonoro al quale è assegnato l’effetto. Tenendo
La velocità e la quantità di PANNING sono regolabili con le manopole
premuto SHIFT e premendo SOURCE è possibile modificare il generatore
RATE e AMOUNT.
sonoro assegnato.

È possibile assegnare i vari generatori sonori facendo doppio Click sul CONTROLLO STATICO DEL PAN DI UN SUONO
tasto SOURCE, opzione molto comoda quando si ha una sola mano
L’effetto A-Pan permette di controllare manualmente il posizionamento di
libera e non si riesce a raggiungere il tasto SHIFT.
un suono nel panorama stereo:

SELEZIONARE UN EFFETTO QUANDO LA SEZIONE È SPENTA 1 Abilitare EFFECT 1 per il generatore sonoro (Organ, Piano o Synth)
desiderato e selezionare il tipo di effetto A-Pan.
E’ possibile controllare ugualmente quale tipo di effetto è selezionato
anche quando le sezioni Effect 1 e 2 sono spente. Premendo una volta il 2 Regolare la manopola RATE a zero. Scegliere dove posizionare il
selettore corrispondente, Il LED del selettore mostra brevemente il tipo di suono al’interno del panorama stereo utilizzando la manopola
effetto inserito. Premendo ripetutamente il selettore, è possibile cambiare AMOUNT - proprio come il controllo PAN su un Mixer.
il tipo di effetto senza attivarlo.

È possibile regolare le impostazioni dell’effetto anche quando questo è TREM (TREMOLO)


spento. I valori dei parametri appaiono sul display.
TREM (Tremolo) è un effetto di modulazione che varia continuamente il
44 | NORD STAGE
44 |  Nord 3 MANUALE
Stage UTENTEOS
3 User Manual SISTEMA
v1.X OPERATIVO V1.X

volume d’uscita del segnale. Il tremolo è un effetto FLANGER


utilizzato molto spesso nei piani elettrici.
Il FLANGER produce un marcato effetto di filtro a
Utilizzare le manopole RATE e AMOUNT per pettine, che conferisce al suono una risonanza e un
controllare velocità e profondità del Tremolo. timbro caratteristici.
Il massimo volume in uscita si ottiene con
l’impostazione Amount a zero.
VIBE
RM (RING MODULATION) VIBE si ispira ad un effetto classico a pedale per
chitarra che racchiude entrambe le modulazioni
RING MODULATION (RM) è un effetto di modulazione di Pitch-Bending e Phasing. L’effetto viene creato
che consiste nel moltiplicare due segnali tra loro emulando digitalmente una serie di filtri di fase sfalsati
ottenendo un suono simile a quello di una campana. tra loro, a differenza dei filtri normalmente allineati di
L’effetto RM di Nord Stage 3 moltiplica il segnale un normale effetto Phasing.
dello strumento con una forma d’onda sinusoidale.

L’intonazione dell’onda sinusoidale si regola con la CHORUS 1 & 2


manopola Rate, mentre la quantità di effetto Ring
Modulation si controlla con la manopola Amount. Il CHORUS è un effetto che dà al suono l’impressione
di “espansione” o, ad impostazioni più estreme, di
“detuning” – ottenuto miscelando un certo numero di
copie modulate del segnale audio. Sono presenti due
WA-WA tipi di CHORUS, il secondo dei quali con carattere più
marcato.
L’effetto di modulazione WA-WA (Wah-Wah)
conferisce ad ogni sorgente audio il caratteristico suono “Quack”.
L’effetto Wah-Wah è molto utile con i suoni di piani elettrici e Clavinet.
La modulazione Wah-Wah è un tipo di filtro passa-basso che può essere
spostato in tutto l’ambito di frequenza. Durante lo spostamento anche le
DELAY
caratteristiche del filtro variano.
Il DELAY produce eco e ripetizioni. l tempo di Delay si imposta con la
manopola TEMPO.
È possibile controllare la “posizione del pedale” dell’effetto Wah con la
manopola RATE e il mix Wet/Dry con la manopola AMOUNT.
Attivando MST CLK (Master Clock), il Tempo di Delay è espresso con
la suddivisione ritmica del tempo impostato sul Master Clock. (Maggiori
Collegando un pedale di espressione all’ingresso Control Pedal è possibile
informazioni più avanti).
controllare l’oscillazione del filtro attraverso il Morphing del parametro
Rate. Questa funzione permette di contollare l’effetto Wah-Wah con il
La manopola FEEDBACK controlla il
pedale, tramite il Morph - maggiori dettagli a pagina 25.
numero di ripetizioni del Delay, dette anche
“TAP”. A valori bassi è possibile sentire
A-WA 1 & 2 (AUTO-WAH) solo la ripetizione iniziale, mentre valori più
elevati producono una coda di Feedback
A-WA 1-2 (AUTO-WAH) sono variazioni dell’effetto Wah-Wah appena (retroazione), molto lunga.
descritto. A-Wa utilizza l’ampiezza del segnale (“Envelope Follower”) per
controllare l’ambito di spostamento del filtro, rendendo l’effetto “sensibile La manopola MIX regola il bilanciamento
alla velocity”. L’estensione dell’effetto Auto-Wah 1 è controllata dalla tra il segnale originale e le ripetizioni del
manopola Rate/Tempo e il mix Met/Dry dalla manopola Amount. Delay.

A-Wa 2 funziona allo stesso modo, ma produce un carattere timbrico PING PONG
differente.
Premere PING PONG (SHIFT + TAP TEMPO)
per attivare il modo PING PONG, che
permette di alternare le ripetizioni del Delay

EFFECT 2 tra i canali destro e sinistro. Impostando


tempi di Delay brevi, le ripetizioni risultano
La sezione EFFECT 2 offre una serie di effetti di modulazione, tra cui due asimmetriche e originano un effetto Delay
tipi di PHASER, un FLANGER, due tipi di CHORUS e un VIBE. La velocità più simile alle riflessioni primarie del Reverb
di ciascun effetto è controllabile con la manopola RATE, la quantità con la (Early Reflections).
manopola AMOUNT (controllabile con la funzione Morph).

PHASER 1 & 2
L’effetto PHASER produce una modulazione caratteristica utilizzata
TAP TEMPO
efficacemente con i suoni di piano elettrico. L’emulazione digitale
TAP TEMPO consente di impostare un tempo di Delay sincronizzato con
dell’effetto Phaser di Nord Stage 3 è ispirata a unità classiche Vintage
il brano ascoltato. Premere alcune volte il tasto TAP TEMPO alla velocità
come il Bi Phase e lo Small Stone.
a cui si desidera sincronizzare l’effetto Delay e il tempo di Delay viene
impostato automaticamente.

MM L’intonazione delle ripetizioni non subisce alterazioni, anche quando


è attiva la modalità Analog.
9. EFFECTS
9. Effects | 45
| 45

FILTERS
I filtri disponibili nella sezione FILTER dell’effetto Delay sono degli ottimi strumenti per modellare
il suono del Delay, soprattutto quando si fa uso di grandi quantità di Feedback. Ogni ripetizione
successiva del Delay viene alimentata attraverso il filtro, con la conseguente creazione di un suono
sempre più elaborato.

Attivando il filtro LP, tutte le ripetizioni del Delay passano attaverso un filtro passa-basso (Low Pass)
che riduce il contenuto di frequenze acute nel feedback.

L’opzione HP offre un filtro passa-alto (High Pass) che riduce il contenuto delle basse frequenze,
utile per evitare suoni “confusi” quando si programmano Delay con code molto lunghe.

L’opzione BP aggiunge un filtro passa-banda (Band Pass) al segnale con Delay. Rimuove sia le
frequenze acute sia le frequene più basse e il suono risulta più sottile e stretto.

ANALOG MODE
È possibile scegliere tra due differenti modalità di Delay: modalità normale (“non-analogica”) e
modalità analogica, che si attiva premendo ANALOG MODE (SHIFT + FILTER). In modalità ANALOG,
modificando il tempo, l’intonazione delle ripetizioni del suono viene alterata – proprio come in un
Delay analogico Vintage. Inoltre, il carattere di ogni impostazione del filtro di Feedback differisce
leggermente rispetto a quando si seleziona la modalità “non-analogica”. In modalità ANALOG,
per ogni ripetizione viene introdotta una leggera distorsione nella linea di Delay – particolarmente
evidente con maggiori quantità di Feedback.

MASTER CLOCK
Ruotando MST CLK (SHIFT + manopola TEMPO) si attiva l’opzione Master Clock per la sezione
Delay. In questo modo il Delay viene sincronizzato con il tempo impostato per il Master Clock nella
sezione Program. Per ulteriori dettagli consultare pagina 26.

Il tempo di Delay viene ora espresso in suddivisioni ritmiche del tempo Master Clock, in un ambito
da 1/2 a 1/32. Oltre alle ripetizioni dirette delle suddivisioni/delay è possibile scegliere tra le opzioni
Swing (S), Terzina (T) e Puntato (D) .

AMP SIM / EQ
L’unità effetti AMP SIM / EQ combina un equalizzatore a 3 bande con sofisticate simulazioni di
amplificatori e speaker cabinet. Sono inclusi anche filtri passa basso e passa alto a 24 dB con
parametro Resonance, utilizzabili con profitto su qualsiasi suono. Quando non sono selezionati nè
filtri, nè modelli di amplificatore, la sezione AMP SIM / EQ fornisce un’equalizzazione neutra e un
overdrive in stile valvolare.

DRIVE
Il parametro DRIVE (controllabile tramite il Morph), genera un effetto OVERDRIVE dal carattere
valvolare. Selezionando un modello di amplificatore invece, controlla la quantità di Overdrive per il
particolare modello selezionato. Il LED Drive acceso indica che l’Overdrive è attivo.

EQ SECTION
Equalizzatore a 3 bande con controlli per bassi, medi e acuti. La frequenza BASS è 100 Hz, la
frequenza TREBLE è 4 kHz e la frequenza MID, controllabile attraverso la funzione Morph, può
essere impostata tra 200 Hz e 8 kHz, utilizzando la manopola FREQ. Il Range di guadagno o taglio
delle frequenze è +/- 15 dB.

LP 24 FILTER
Il filtro LP24 è un filtro low-pass 24 dB per ottava con parametro Resonance, applicabile ad
uno qualsiasi dei tre generatori sonori: Organ, Piano o Synth. La manopola FREQ, controllabile
attraverso la funzione Morph, regola la frequenza di Cutoff del filtro, e la manopola RES imposta la
quantità di Resonance intorno alla zona di Cutoff. Il controllo DRY WET regola il bilanciamento tra
suono originale e suono filtrato.
46 | NORD STAGE
46 |  Nord 3 MANUALE
Stage UTENTEOS
3 User Manual SISTEMA
v1.X OPERATIVO V1.X

HP 24 FILTER
Il filtro HP24 è un filtro High-Pass 24 dB per ottava con parametro Resonance, applicabile ad
uno qualsiasi dei tre generatori sonori: Organ, Piano o Synth. La manopola FREQ, controllabile
attraverso la funzione Morph, regola la frequenza di Cutoff del filtro, e la manopola RES imposta
la quantità di Resonance intorno alla zona di Cutoff. Il controllo DRY WET si utilizza per regolare il
bilanciamento tra suono originale e suono filtrato.

AMP MODEL
Le tre simulazioni amplificatore/speaker sono selezionabili con il tasto SELECTOR nella sezione
AMP MODEL:

Amp Model Descrizione


Simulazione dello speaker cabinet Roland Jazz Chorus alimentato da
JC
un amplificatore a valvole.

Simulazione dello speaker interno di un Wurlitzer 200A, alimentato da


SMALL
un amplificatore a valvole.

Simulazione di un amplificatore a valvole Fender Twin e speaker


TWIN
cabinet.

COMPRESSOR
Il compressore, COMPRESSOR, riduce la gamma dinamica del suono, esaltando il suono delle
frequenze più basse e attenuando le frequenze acute. Ne risulta un suono più compatto ed incisivo
che rende il volume generale più semplice da controllare in una situazione di Mix Live. Per attivare
il Compressore premere il tasto ON. La manopola AMOUNT controlla il livello di compressione
applicato.

FAST MODE
La modalità FAST (SHIFT + ON) rende più veloce il recupero del Compressore dopo l’attivazione.
Combinata con un’elevata quantità di compressione crea un suono più “pompato” e più compresso.

REVERB
Il REVERB simula le riflessioni naturali del suono in vari ambienti acustici. Ci sono sei tipi di Reverb
di diverse lunghezze e densità, indicati dai LED dei selettori.

I riverberi HALL hanno una la risposta ed il carattere di una sala ampia, con tempi di decadimento
lunghi. I riverberi STAGE possiedono un tempo di decadimento medio, mentre i ROOM sono propri
di un ambiente piuttosto piccolo, con tempi di decadimento brevi.

Attivando l’interruttore BRIGHT nel segnale del riverbero viene mantenuto un contenuto maggiore
di alte frequenze.

Il controllo DRY/WET, (regolabile anche via Morph), regola il bilanciamento tra segnale processato
e segnale originale.

MM Durante l’utilizzo dell’effetto Rotary, una “copia” del Reverb viene inviata al Rotary Speaker
e applicata alla sorgente sonora utilizzando l’effetto Rotary. Maggiori dettagli a seguire, nella
sezione Rotary Speaker.

ROTARY SPEAKER
L’effetto Rotary Speaker riproduce accuratamente la timbrica prodotta dalla tromba rotante e dal
rotore dei bassi, unite alle caratteristiche dell’amplificatore integrato nella struttura originale.

• L’effetto Rotary viene attivato e disattivato per lo strumento selezionato esattamente come gli altri
effetti, premendo il tasto sorgente ORG PIANO SYNTH. È possibile selezionare suoni differenti
per Panel A e Panel B e attivare l’effetto indipendentemente per ciascun Panel.
• La selezione tra le velocità di rotazione Fast e Slow si effettua premendo il tasto SLOW/STOP.
9. EFFECTS
9. Effects | 47
| 47

• Per arrestare i rotori, premere il tasto STOP MODE, che attiva il modo STOP e di seguito il
tasto SLOW/STOP (che non disattiva il Rotary Speaker, ma arresta solo i rotori). Premendo
nuovamente il tasto Slow/Stop i rotori riprendono a girare in modo Fast. Questa funzione simula
il comportamento di uno tra i primi Rotary Speaker a velocità singola.
• La velocità di accelerazione del rotore, ovvero il tempo che occorre per passare dalla velocità
Slow a Fast e viceversa, è regolabile dal Menù Sound (ulteriori dettagli a pagina 53).
• Il ROTARY SPEAKER può essere controllato in modo continuo da una sorgente Morph: in questo
caso il LED MORPH si accende. Questa opzione consente di regolare il Rotary su velocità diverse
e non solo su veloce, lento o stop.

La manopola DRIVE regola la quantità di OVERDRIVE, simulando questo stadio del preamplificatore
Rotary Speaker originale.

È possibile collegare la velocità del rotore collegando un pedale Sustain o un Footswitch all’ingresso
pedale “ROTOR”. Sul modello Nord Stage 3 Compact, è possibile utilizzare il Nord Half Moon
Switch (venduto separatamente), per commutare la velocità di rotazione in modo ancora più simile
allo strumento originale. Maggiori informazioni sul controllo del rotore a pagina 53.

MM Il parametro Rotary Drive è in stretta relazione con il livello dello strumento processato. A livelli
di volume molto bassi, la quantità di drive disponibile è significativamente ridotta. Anche in
questo caso il funzionamento è simile a quello dello strumento reale - aumentando il livello di
volume dell’organo, per esempio con un pedale SWELL, aumenta la quantità di distorsione
dell’effetto Rotary.

ROTARY SPEAKER E REVERB


Con l’effetto Reverb attivato nel Panel in cui è attivo anche il Rotary Speaker, una “copia” del
riverbero viene applicata all’audio diretto al Rotary. In altre parole, il riverbero è applicato prima del
Rotary Speaker, per qualsiasi tipologia di suono assegnata.

EE Quando il Rotary Speaker è attivo per entrambi i Panel, l’effetto Reverb viene controllato da
Panel A.

IMPOSTAZIONI MENÙ ROTARY


All’interno del menù SOUND sono presenti numerosi parametri che permettono di effettuare
regolazioni dettagliate del comportamento e del suono del Rotary Speaker. Maggiori informazioni
a pagina 53.
48 | NORD STAGE
48 |  Nord 3 MANUALE
Stage UTENTE
3 User Manual OSSISTEMA
v1.X OPERATIVO V1.X

10 MIDI

UTILIZZO DEL MIDI


Nord Stage 3 è estremamente potente e versatile nel controllo MIDI. Può essere utilizzata come
Master Keyboard per pilotare unità Hardware o Software esterne, oppure può essere controllata a
sua volta da dispositivi esterni con i due Panel indipendenti. È inoltre possibile utilizzarla in entrambi
i modi simultaneamente.

Le funzioni MIDI di Nord Stage 3 riguardano tre aree principali: GLOBAL, PANEL e EXTERN. Ad
ognuna di queste è assegnabile un canale MIDI in modo indipendente. Le funzioni MIDI possono
anche essere disabilitate impostando su OFF il parametro del canale. I canali MIDI si impostano nei
menù MIDI ed EXTERN. Per maggiori informazioni consultare pagina 52.

Le impostazioni GLOBAL e EXTERN riguardano trasmissione di dati MIDI ad altre unità, mentre
quelle del PANEL invece sono solo per la ricezione. Tutte le impostazioni delle funzioni MIDI si
effettuano nel menù MIDI, ad eccezione delle impostazioni EXTERN che si effettuano appunto nel
menù EXTERN.

Nord Stage 3 MIDI IN MIDI OUT


Global a a
Panel A/B a
Extern a

GLOBAL
Il canale MIDI GLOBAL viene usato per trasmettere e ricevere informazioni MIDI
contemporaneamente. Assicura il controllo esterno su tutti gli aspetti di Nord Stage 3 e trasmette
le azioni relative a tastiera, pedali e Panel.

Tutti i dati MIDI in ingresso sul canale MIDI GLOBAL di Nord Stage 3 raggiungono i generatori
sonori attivi nel PROGRAM selezionato, anche se questo include SPLIT e LAYER.

Sul canale GLOBAL vengono trasmessi i dati MIDI generati da tutto lo strumento, ad esempio,
agendo su una manopola nella sezione Synth, o utilizzando Modulation Wheel, Aftertouch, pedali
collegati o Pitch Stick, sono generati dati MIDI che vengono appunto trasmessi sul canale GLOBAL.

MM Global MIDI può essere disabilitato (Off) nel menù MIDI, disattivando così la trasmissione e la
ricezione MIDI dal Global.

PANEL A/B
I canali MIDI PANEL possono solo ricevere dati MIDI, consentendo il controllo di tutto il PANEL con
i suoi generatori sonori attivi, da un dispositivo esterno. È possibile assegnare al Panel A e al Panel
B canali MIDI individuale dal menù MIDI di Nord Stage 3.

EXTERN
La sezione EXTERN è studiata principalmente per il controllo di unità MIDI esterne in una Live
Performance. Di seguito un esempio pratico delle impostazioni di questa sezione. Per maggiori
informazioni su EXTERN, consultare questo manuale a partire da pagina 41.
10. MIDI| 49
10. MIDI | 49

CONTROLLARE UN DISPOSITIVO ESTERNO


DALLA SEZIONE EXTERN
È utile pensare alle sezioni EXTERN presenti sui PANEL A/B come ad un’altra coppia di generatori
sonori, proprio come le sezioni Organ, Piano e Synth. L’assegnazione di ZONE e LAYER della
tastiera, l’attivazione della risposta di Pitch Stick, pedale Sustain ecc., si eseguono proprio come
per le altre sezioni.

È possibile inoltre impostare dei valori iniziali per i messaggi di: Program Change, Bank Select o
Volume per le sezioni EXTERN dei PANEL A e B. La sezione possiede un ENCODER, a cui possono
essere assegnati MIDI Control Change selezionati dall’utente. La maggior parte delle impostazioni
può essere memorizzata su GLOBAL o in modo indipendente su ogni PROGRAM.

1 Selezionare un PROGRAM di Nord Stage 3 da integrare con suoni esterni.

2 Impostare la sezione EXTERN A e il dispositivo esterno, (ad esempio un modulo Synth Rack),
sullo stesso canale MIDI. Questa impostazione su Nord Stage 3 si effettua sul menù EXTERN,
accessibile tramite EXTERN (SHIFT + PROGRAM 4).

EE Assicurarsi che il canale EXTERN non coincida con il canale GLOBAL di Nord Stage 3. In
questo caso, impostare il GLOBAL su un altro canale.

3 Attivare la sezione EXTERN e assegnarla alla zona (e) di tastiera desiderata.

4 Suonando ora nella zona definita per EXTERN A è possibile ascoltare anche il dispositivo
esterno.

MM Alcune impostazioni sull’unità MIDI esterna possono influenzarne il modo in cui questa
reagisce ai dati MIDI in ingresso. Consultare se necessario la documentazione relativa.

5 Impostare OCT UP/DOWN, SUST PED e PSTICK come desiderato.

6 Premere ripetutamente il tasto del parametro EXTERN finché il LED PROGRAM si illumina.
Ruotare l’encoder EXTERN finché il suono desiderato viene selezionato sul dispositivo
esterno. Se necessario inserire manualmente nel menù EXTERN i dati “Bank Select” per la
selezione del suono.

7 Premere ripetutamente EXTERN PARAMETER SELECT finché il LED del VOLUME si illumina.
Ruotare l’Encoder EXTERN per regolare il volume del dispositivo MIDI esterno (che si ottiene
trasmettendo un MIDI CC # 7).

8 Memorizzare il Program su Nord Stage 3.

Attivando l’opzione “SEND ON LOAD” nel menù EXTERN tutti i dati memorizzati (Program Change,
selezione del banco, MIDI CC e volume) vengono trasmessi automaticamente da Nord Stage
3 ad ogni selezione del PROGRAM. Se necessario, è possibile definire un ulteriore messaggio
di controllo continuo nel menù EXTERN, basta impostare numero e valore del Control Change
desiderato il quale viene trasmesso con il resto dei dati.

E’ possibile controllare l’Encoder EXTERN tramite il MORPH associato a: Modulation Wheel,


Aftertouch o pedale.

Come gia detto le sezioni EXTERN dei PANEL A e B sono indipendenti fra loro, e possono essere
programmate per eseguire diverse funzioni contemporaneamente.

MM Utilizzando il TRANSPOSE sul pannello, anche i dati MIDI in uscita dalla sezione EXTERN sono
opportunamente trasposti.

CONTROLLARE STAGE 3 DA UN DISPOSITIVO


ESTERNO
Per controllare Nord Stage 3 da una seconda tastiera o altro dispositivo MIDI, sono disponibili varie
opzioni: la prima è la funzione DUAL KB.

DUAL KB
Con questa funzione è possibile utilizzare una tastiera esterna per controllare esclusivamente
sezioni di PANEL B.
50 | NORD STAGE
50 |  Nord 3 MANUALE
Stage UTENTE
3 User Manual SISTEMA
OS v1.X OPERATIVO V1.X

1 Attivare il modo DUAL KB premendo DUAL KB (SHIFT + PANEL B).

2 Collegare una tastiera MIDI esterna al MIDI IN di Nord Stage 3.

3 Dal menù MIDI di Nord Stage 3, impostare DUAL KB MIDI e il dispositivo di trasmissione, sullo
stesso canale. L’impostazione predefinita di questo canale MIDI è #16.

4 Attivare uno o più generatori sonori su Panel B di Nord Stage 3.

MM L’impostazione ON/OFF del modo DUAL KB è indipendente per ogni Program.

Quando la modalità Dual KB è attiva, la tastiera di Nord Stage 3 controlla i generatori sonori attivi su
PANEL A, mentre PANEL B è controllato dal dispositivo MIDI esterno. Ogni Controller (Pitch Bend,
pedali ecc.) attivato su Nord Stage 3, non influenza i generatori sonori di PANEL B.

EE Trasponendo Stage 3 con il PANEL TRANSPOSE, sono oppurtunamente trasposti anche i


dati MIDI in ingresso sul canale DUAL KB.

CONTROLLO PANEL MIDI


La seconda opzione per controllare le parti di Stage 3 da un dispositivo esterno è il modo PANEL
MIDI, che indirizza ciascun PANEL (A e B) su canali MIDI diversi. Sebbene questa modalità è simile
a DUAL KB, in questo caso è possibile controllare entrambi i PANEL dalla tastiera di Nord Stage 3.

Per selezionare questa funzione, assegnare ai Panel A e B un canale MIDI specifico nel menù MIDI,
accessibile premendo MIDI (SHIFT + PROGRAM 3).

GLOBAL MIDI
La terza opzione per il controllo di Nord Stage 3 via MIDI è il modo GLOBAL MIDI. Quando il
dispositivo esterno trasmette sullo stesso canale del MIDI Global di Stage 3, è possibile il controllo
totale di Nord Stage 3 dall’unità esterna.

MM GLOBAL MIDI può essere disattivato nel menù MIDI che abilita o disabilita la trasmissione e
la ricezione di dati MIDI su Global.

EXTERNAL SYNC
Il MasterClock di Stage 3 può essere controllato da messaggi di MIDI CLOCK in ingresso. Questo
avviene automaticamente non appena il MIDI Clock viene ricevuto sul MIDI In, o sull’USB MIDI, il
RATE del MASTER CLOCK si sincronizza con il CLOCK esterno.

Quando il MASTER CLOCK è agganciato ad un CLOCK esterno, sulla schermata “MASTER


CLOCK “ (accessibile premendo il tasto MST CLK), viene visualizzato “EXTERNAL” ed il valore del
tempo in ingresso in BPM.

SEZIONE EXTERN E RE-INDIRIZZAMENTO DEL MIDI


Quando un dispositivo esterno trasmette note MIDI a Stage 3 e la sezione EXTERN è attiva,
le note MIDI in entrata possono essere reindirizzate all’uscita MIDI di Stage 3, sul canale MIDI
impostato per la sezione EXTERN. Ciò consente di controllare un dispositivo esterno tramite un
altro dispositivo esterno. Le note in entrata devono essere sugli stessi canali MIDI impostati per
il DUAL KB di Stage 3, l’impostazione del canale MIDI di Panel A o Panel B o l’impostazione del
canale Global MIDI. Anche l’impostazione SOFT THRU del menù EXTERN deve essere su: ON.

REGISTRARE UNA PERFORMANCE CON STAGE


3 SU UN SEQUENCER MIDI
Ecco un esempio di come registrare una performance completa di Stage 3 su un sequencer MIDI
compresi: pedale, morphing ecc. Il risultato migliore si ottiene usando il canale GLOBAL MIDI:

1 Impostare la traccia sul sequencer per indirizzare il MIDI in ingresso sul canale GLOBAL.

2 Impostare il parametro LOCAL del menù MIDI di Nord Stage 3 su “OFF”.

3 Selezionare su Nord Stage 3 il PROGRAM che si desidera utilizzare.

4 Avviare la registrazione sul sequencer.


10. 10. MIDI| 51
MIDI | 51

L’uscita MIDI sul canale GLOBAL non tiene conto di eventuali SPLIT, PROGRAM CHANGE con valore da 0 a 49 selezionano i PROGRAM del
produce eventi di note MIDI lungo tutta la tastiera di Stage 3. banco attivo, mentre i quelli da 50 a 54 selezionano le 5 memorie Live.

MM L’effetto sul MIDI di un eventuale valore di TRANSPOSE applicato BANK SELECT


con la funzione relativa sul pannello comandi, o tramite il GLOBAL
TRANSPOSE nel menu SYSTEM, dipende dall’impostazione del Gli 8 banchi PROGRAM possono essere selezionati via MIDI, con un
parametro “TRANSPOSE MIDI AT” nel menu MIDI. Maggiori dettagli messaggio BANK SELECT di questo tipo: CC 0, valore 0, CC 32 valore
a pagina 54. da 0 a 7 (che rappresentano i banchi da 1 a 8). Il messaggio di BANK
SELECT deve quindi essere seguito da un PROGRAM CHANGE, valore
MM PROGRAM CHANGE 0-49.

Impostando su Receive o Send/Receive il parametro MIDI PROG


MODE nel menù MIDI, i messaggi di PROGRAM CHANGE in arrivo sul LOCAL ON/OFF
canale MIDI GLOBAL cambiano i PROGRAM su Nord Stage 3. Questo LOCAL OFF consente di scollegare la tastiera il pannello e i controller di
parametro determina la trasmissione dei messaggi di PROGRAM Nord Stage 3 dai generatori sonori. Come visto precedentemente questa
CHANGE selezionando un PROGRAM dal Panel di Nord Stage 3. funzione è fondamentale nel collegamento dello strumento ad una DAW o
Sequencer MIDI. È possibile regolare questo paramentro del menù MIDI,
MM Per trasmettere messaggi di PROGRAM CHANGE a unità esterne come descritto a pagina 54.
usare la sezione EXTERN.

PANIC
MESSAGGI Funzione molto utile usando lo strumento come MIDI
CONTROLLER per terminare eventuali note rimaste
Nord Stage 3 può trasmettere e ricevere i seguenti messaggi MIDI: attive anche dopo il rilascio dei tasti. La funzione PANIC
(SHIFT + TRANSPOSE) invia un messaggio interno di
NOTE ON/OFF “ALL NOTES OFF” e ripristina i messaggi CC in arrivo.

• I messaggi NOTE ON e NOTE OFF sono trasmessi e ricevuti.

PITCH BEND
• I messaggi PITCH BEND sono trasmessi e ricevuti.

CONTROLLER
E’ possibile determinare se Nord Stage 3 debba trasmettere e/o ricevere i
messaggi di CONTROL CHANGE dal menù MIDI (pagina 54).

• Collegando un pedale di Controllo/Expression all’ingresso ORGAN


SWELL, questo viene trasmesso e ricevuto come Control Change #4.

• Collegando un pedale di Controllo/Expression all’ingresso CONTROL


PEDAL INPUT, questo viene trasmesso e ricevuto come Control Change
#11 (Expression).

• Collegando un pedale Sustain all’ingresso SUSTAIN PEDAL INPUT,


questo viene trasmesso e ricevuto come Control Change #64 (Sustain
Pedal).

• Quasi tutti gli altri comandi (manopole e tasti) sul pannello frontale
vengono anche trasmessi e ricevuti come messaggi di Control Change.
Questo può essere utilizzato per registrare le azioni del pannello frontale
su un sequencer MIDI. L’elenco completo dei parametri e relativo numero
di Controller è a pagina 58.

KEYBOARD VELOCITY
Nord Stage 3 può trasmettere e ricevere messaggi di VELOCITY della
tastiera. La sezione ORGAN ignora dati MIDI di Velocity in ingresso. La
velocità di rilascio viene trasmessa, ma è ignorata sul MIDI IN.

AFTERTOUCH
La tastiera Nord Stage 3 può trasmettere messaggi di AFTERTOUCH (a
volte indicati come “Channel Pressure”), applicando ulteriore pressione
su un tasto premuto, si genera un segnale utilizzabile per controllare vari
parametri.

PROGRAM CHANGE
La trasmissione e la ricezione dei messaggi di PROGRAM CHANGE
viene abilitata o disabilitata nel menu MIDI di Nord Stage 3. I messaggi di
52 | NORD STAGE
52 |  Nord Piano3 3MANUALE UTENTE
User Manual OSSISTEMA
v1.X OPERATIVO V1.X

11 SEZIONE MENÙ

Tutte le regolazioni eseguite nei menù System, Sound, MIDI o Extern


hanno effetto immediato e rimangono memorizzate fino a successive MENÙ SYSTEM
modifiche.
Per accedere alle impostazioni del menù SYSTEM tenere premuto
SHIFT e premere SYSTEM (tasto Program 1). Usare i tasti PAGE 3 e
MM Il MIDI LOCAL ON/OFF fa eccezione: ogni volta che Nord Stage 3
4 per navigare tra le varie voci all’interno del menù System. Utilizzare il
viene acceso l’impostazione torna sempre su ON.
PROGRAM Dial per modificare le impostazioni e i tasti PANEL per spostarsi
La maggior parte delle impostazioni sono GLOBAL, ovvero sono applicate tra i PANEL A e B. I SOFT BUTTONS danno accesso a impostazioni
indipendentemente dal PROGRAM richiamato. Altre come quelle del aggiuntive (come descritto in precedenza) dove previsto. Al termine delle
Routing (indirizzamento) delle uscite, possono essere a scelta impostate modifiche, premere EXIT (SHIFT) per uscire dal menù.
per essere indipendenti per ogni PROGRAM, oppure globali. Altre ancora,
come la maggior parte delle impostazioni della sezione EXTERN, sono
sempre indipendenti per ogni PROGRAM. 1 - MEMORY PROTECT
Su Nord Stage 3 la protezione di memoria è impostata su ON di default, per

I valori memorizzati sui PROGRAM per quei parametri che possono


evitare che vengano sovrascritti accidentalmente dati come PROGRAM
essere sia globali, che indipendenti per ogni PROGRAM, sono
o PRESET SYNTH. Per memorizzare le proprie impostazioni è quindi
sempre mantenuti nel passaggio da e verso il modo GLOBAL.
necessario disabilitare la protezione (OFF). Le impostazioni dei menù e
Per entrare in un menù, tenendo premuto SHIFT premere i tasti SYSTEM, dei 5 Live Program non vengono influenzati da questa impostazione.
SOUND, MIDI o EXTERN (Tasti PROGRAM da 1 a 4). È possibile navigare
Range: On (default), Off
tra i Menù con i tasti PAGE 3/4 e modificare le impostazioni con il
PROGRAM Dial.
2 - GLOBAL TRANSPOSE
Per uscire dai menù premere EXIT (SHIFT).
Questa impostazione traspone Nord Stage 3 per intervalli di semitono,
e viene aggiunta a qualsiasi valore di trasposizione eventualmente
SOFT BUTTON memorizzato in un PROGRAM.
La pagina di un menù può contenere diverse impostazioni correlate: Range: +/- 6 semitoni (il valore di default è “none”, cioè=0)
in tal caso i SOFT BUTTON visualizzati nella parte inferiore del display
sono controllati dai tasti PROGRAM 1-4. Sono usati per mettere a punto
impostazioni particolari .
3 - FINE TUNE
Il parametro FINE TUNE regola l’intonazione fine di Nord Stage 3.

Estensione: +/- 50 Cent (+/- metà semitono). Il valore di default è “0”

4 - SEAMLESS PROG CHANGE


Questo parametro definisce la modalità di gestione della transizione
fra i suoni cambiando PROGRAM. Quando è su ON, passando da un
PROGRAM ad un altro vengono sempre mantenute le code delle note
sostenute e degli effetti. Con l’impostazone su OFF, passando da un
Program ad un altro tutti i suoni vengono terminati.

Range: Off, On (Default)

5 - OUTPUT ROUTING MODE


Il ROUTING (indirizzamento), delle uscite può avere una impostazione
globale, oppure indipendente per ogni PROGRAM. In modo PROGRAM,
l’indirizzamento delle uscite può essere memorizzato in modo indipendente
I “SOFT BUTTON” dei menù corrispondono ai tasti Program 1-4. per ogni PROGRAM. In modo “GLOBAL” il Routing per le uscite è lo
Questa particolare pagina di menù ne contiene solamente tre. stesso per tutti i PROGRAM, e quelli memorizzati individualmente sono
ignorati.

Range: Global (default), Program

6 - OUTPUT PANEL A/B


Questa funzione permette di usare una coppia di uscite stereo (o l’uscita
mono) per ciascun PANEL. Quando Output Routing (vedi sopra) è è su
11. MENÙ| 53
11. Menus | 53

“PROGRAM”, queste impostazioni sono memorizzate con i PROGRAM. utile per trovare un’impostazione adatta per un pedale che non figuri
tra quelli supportati direttamente.
Range: “Stereo 1&2” (default), ”Stereo 3&4”, ”Mono 3”, ”Mono 4”
Range: Roland EV7 (Default), Yamaha FC-7, Korg, Fatar (e
Studiologic)
7 - SUSTAIN PEDAL
FUNC (FUNCTION)
TYPE
Questa impostazione determina le funzioni di un pedale collegato
Determina il tipo di pedale collegato all’ingresso SUSTAIN PEDAL, nel all’ingresso CONTROL PEDAL. È possibile scegliere tra le impostazioni
caso in cui la polarità del pedale fosse invertita (il sustain è attivo con il Control (per utilizzare il pedale con il MORPH) e CTRL + SWELL
pedale rilasciato). L’impostazione “AUTO” determina automaticamente il (combinazione del MORPH con l’ORGAN SWELL).
tipo di pedale.
Range: Control (default), Ctrl + Swell
Range: Open, Closed, Triple (Nord Triple Pedal), Auto (default)
GAIN
FUNC (FUNCTION)
Consente di aggiungere del GAIN (guadagno), all’uscita del pedale, utile
Funzione utile nel caso in cui all’ingresso SUSTAIN PEDAL sia collegato se questo non dovesse raggiungere il suo livello, o la sua impostazione
un unico pedale che debba operare sia come pedale Sustain, sia come massima.
Rotor Speed: è possibile scegliere tra 3 opzioni: solo Sustain, Sustain +
Range: 1 - 10
Rotor Hold (movimento veloce del rotore, solo quando il pedale è giù)
e Sustain + Rotor Toggle (ad ogni pressione cambia da veloce a lento).
11 - SWELL PEDAL
Range: Sustain (default), Sus + Rotor Hold, Sus + Rotor Toggle

TYPE
8 - ROTOR PEDAL
Quata impostazione configura un pedale collegato su: ORGAN SWELL.
Maggiori informazioni nel paragrafo “CTRL PEDAL TYPE” sopra.
TYPE
Range: Roland EV7 (default), Yamaha FC-7, Korg, Fatar (e
Permette di modificare la polarità di un pedale Switch collegato all’ingresso
Studiologic)
ROTOR PEDAL, nel caso in cui l’operatività del pedale collegato fosse
invertita. Sul modello Nord Stage 3 Compact può essere programmato
FUNC (FUNCTION)
per questa funzione anche il controllo opzionale Half Moon Switch.
L’impostazione AUTO rileva automaticamente il tipo di pedale. Questa opzione seleziona la destinazione del pedale SWELL. Impostata
su SWELL il pedale agisce come un pedale SWELL per l’organo,
Range: Open, Closed, Half Moon Switch (solo per il modello
impostata su VOLUME questo controlla il volume del generatore sonoro
Compact), Auto (Default)
di Nord Stage 3.

FUNC (FUNCTION) Range: Swell (default), Volume

Consente di variare le funzioni di un pedale Switch collegato all’ingresso


GAIN
ROTOR PEDAL di Nord Stage 3. ROTOR HOLD significa che la velocità
del rotore (Rotor Speed) rimane veloce (Fast), finchè il pedale è premuto Consente di aggiungere del GAIN (guadagno) all’uscita del pedale, utile
e torna su lento (Slow) rilasciando il pedale stesso. ROTOR TOGGLE se questo non dovesse raggiungere il suo livello, o la sua impostazione
significa che la velocità Fast/Slow del rotore viene commutata ad ogni massima.
pressione sul pedale (come uno switch On/Off).
Range: 1 - 10
Range: Rotor Hold (Default), Rotor Toggle

9 - PROG PEDAL MENÙ SOUND


TYPE Al menu SOUND si accede tenendo premuto SHIFT e SOUND (Program
Questa opzione imposta la polarità di un pedale doppio di tipo Momentary 2). I tasti PAGE 3/4 consentono la navigazione tra le voci del menù. Il
collegato al jack PROG PEDAL. I due pedali che lo compongono PROGRAM Dial modifica le impostazioni e i Soft Buttons danno accesso
permettono di selezionare il PROGRAM successivo o precedente a alle impostazioni aggiuntive (vedere descrizioni paragrafi precedenti) dove
quello corrente. Questa funzione è utile quando i pedali dovessere avere previste. Per uscire premere EXIT (Shift) .
l’operatività invertita: pedale “Up” seleziona il PROGRAM precedente
invece che quello successivo, e vice versa.
1 - PIANO PEDAL NOISE LEVEL
Range: Open, Closed, Auto (default)
Quando è collegato il Nord Triple Pedal imposta il livello del rumore del
pedale (Pedal Noise), attivabile per i pianoforti selezionati.
10 - CTRL PEDAL
Range: +/- 6 dB (0 dB di default)
TYPE
2 - PIANO STRING RES LEVEL
L’ingresso CONTROL PEDAL di Nord Stage 3 accetta la maggior parte
dei pedali di controllo più diffusi. Selezionare qui un’impostazione che Imposta il livello della “String Resonance” (risonanza delle corde), attivabile
corrisponda al pedale utilizzato. per i pianoforti selezionati (piani acoustici Med, Lrg e XL).

Con un pedale collegato e l’opzione attiva, viene visualizzata una Range: +/- 6 dB (0 dB di default)
percentuale da 0 a 100 per indicare il Range del pedale stesso. Ciò è
54 | NORD STAGE
54 |  Nord 33
Piano MANUALE UTENTE
User Manual OSSISTEMA
v1.X OPERATIVO V1.X

3 - B3 ORGAN TONEWHEEL MODE


Controlla il livello di Crosstalk (diafonia), delle ruote foniche (Tonewheel) e
MENÙ MIDI
il livello di dispersione dei cavi (Leackage) in un organo B3. Per accedere alle impostazioni del menù MIDI, tenere premuto SHIFT e
Range: Clean, Vintage1 (default), Vintage2 premere MIDI (Program 3). I tasti PAGE 3/4 consentono la navigazione
tra le pagine, il PROGRAM Dial modifica le impostazioni, e i tasti PANEL
la selezione tra Panel A e Panel B. I Soft Button si usano per accedere
4 - B3 ORGAN CLICK LEVEL alle impostazioni aggiuntive, dove disponibili. Al termine delle modifiche,
premere Exit (SHIFT) per uscire dal menù.
Regola il livello del KEY CLICK dell’organo B3.

Range: Low, Normal (default), High 1 - LOCAL CONTROL


Il controllo MIDI LOCAL quando su “ON”, consente alla tastiera, al panello
5 - B3 ORGAN KEYBOARD TRIGGER POINT ed ai controlli di Nord Stage 3 di pilotare i generatori sonori interni, oppure
quando “OFF” la trasmissione da parte di questi, dei soli dati MIDI.
Questa impostazione vi permette di variare il modo in cui i tasti di Nord
Normalmente è selezionata l’impostazione LOCAL ON. Il modo “LOCAL
Stage 3 triggerano il suono del B3. Selezionando “High”, il suono d’organo
OFF”, si utilizza tipicamente per collegare lo strumento ad una DAW o ad
viene triggerato prima che il tasto arrivi a fine corsa, come accade in un
un Sequencer MIDI.
B3 originale.
Range: On (default), Off
Range: High, Low (default)
MM il parametro LOCAL è impostato automaticamente su “ON” ad ogni
accensione di Stage 3.
6 - SYNTH VIBRATO

RATE
2 - CHANNEL
Determina la velocità del Vibrato del Synth. GLOBAL

Range: 4.00 - 8.00 Hz (Default 6.00 Hz) Determina il canale MIDI di trasmissione e ricezione per il canale Global.
Questo trasmette come messaggi MIDI tutte le azioni sulla tastiera,
AMNT (AMOUNT) sui pedali e sul pannello. Può anche essere utilizzato come canale di
ricezione, per il controllo completo via MIDI di Stage 3.
Determina la quantità di Vibrato del Synth durante l’utilizzo di una qualsiasi
Range: 1-16, Off (Default 1)
delle modalità di vibrato Delay.

Range: 0-50 cent (default 25 cent) PANEL A/B


Imposta il canale MIDI di ricezione per i PANEL A e B.
7 - ROTARY ROTOR Range: 1-16, Off (Default Off, Panel A e B)
SPEED
DUAL KB
Determina la velocità del rotore del Woofer del Rotary Speaker.
Imposta il canale MIDI di ricezione, per i dati provenienti da una tastiera
Range: Low, Normal (default), High esterna, quando è attivo il modo Dual KB - maggiori dettagli a pagina 29.

Range: 1-16, Off (Default 16)


ACCEL (ACCELERATION)
Determina il tempo di accelerazione e rallentamento del rotore del Woofer 3 - CONTROL/PROGRAM CHANGE MODE
del Rotary Speaker.
CC (CONTROL CHANGE)

Range: Low, Normal (default), HigH Determina se Nord Stage 3 trasmetta/riceva o meno i messaggi di MIDI
Control Change sul canale GLOBAL.

Range: Off, Send, Receive, Send & Receive (default)


8 - ROTARY HORN
SPEED PC (PROGRAM CHANGE)
Determina se Nord Stage 3 trasmetta/riceva o meno i messaggi di MIDI
Determina la velocità della tromba del Rotary Speaker.
Program Change sul canale Global.
Range: Low, Normal (default), High
MM Questa impostazione si applica ai Program interni di Nord Stage 3,
ACCEL (ACCELERATION) non ai messaggi di Program Change eventualmente trasmessi dalla
sezione EXTERN.
Determina il tempo di accelerazione e rallentamento della tromba del
Range: Off, Send, Receive, Send & Receive (default)
Rotary Speaker.

Range: Low, Normal (default), High 4 - TRANSPOSE MIDI AT


Impostando questo parametro su IN, ogni valore di trasposizione attivo
(GLOBAL e/o per PROGRAM) non viene applicato al flusso MIDI in uscita,
ma solo ai dati MIDI in ingresso. Impostandolo su OUT, ogni valore di
trasposizione attivo riguarda le note MIDI inviate, ma non quelle in entrata.

Range: In (default), Out


11. MENÙ| 55
11. Menus | 55

BANK MSB
MENÙ EXTERN Il messaggio MIDI di Control Change: Bank Select MSB (“Most Significant
Byte”) può servire per selezionare i suoni in una unità esterna con un
Il menù EXTERN contiene tutte le impostazioni e le funzioni della sezione numero elevato di suoni. Secondo lo standard MIDI è definito come CC#
EXTERN, per accedere, tenere premuto SHIFT e premere EXTERN 0, e utilizza un Byte di dati per un totale di 128 valori indirizzabili.
(Program 4). I tasti PAGE 3/4 consentono la navigazione tra le pagine
del menù, mentre i Soft Button sullo schermo impostano eventuali Range: 0-127, Off (Default Off)
funzioni aggiuntive in ogni pagina. Il PROGRAM Dial varia le impostazioni.
Per uscire dal menù premere EXIT (Shift). BANK LSB
Il messaggio MIDI di Control Change: Bank Select LSB (“Least Significant
MM Molte funzioni del menù EXTERN hanno impostazioni separate per
Byte”) - definito come CC# 32 - utilizza un Byte di dati per un totale di
i PANEL A e B.
128 valori indirizzabili.
MM La maggior parte delle impostazioni del menù EXTERN è memorizzata Range: 0-127, Off (Default Off)
nel PROGRAM. Unica eccezione, l’opzione: “EXTERN MIDI A/B
CHANNEL”, quando il modo EXTERN MIDI CHANNEL è impostato PROGRAM NUMBER
su GLOBAL.
Il messaggio di Program Change effettivo consiste in un Byte di dati per
un totale di 128 valori indirizzabili.
1 - MIDI CHANNEL MODE
Range: 0-127, Off (Default Off)
I canali MIDI della sezione EXTERN possono essere impostati sia in
modo GLOBAL, sia in modo indipendente per ogni PROGRAM. In
7 - CONTROL CHANGE SETTINGS A/B
modo GLOBAL i canali MIDI: EXTERN A & B sono gli stessi per tutti i
PROGRAM. Selezionando il modo PROGRAM, le impostazioni dei canali
MIDI EXTERN A & B possono essere memorizzate in ogni PROGRAM. CTRL (CONTROL)

Range: Global, Program (default) Il numero di Control Change deve essere specificato in base al
parametro sull’unità esterna a cui deve essere indirizzato. Consultare la
documentazione dell’unità esterna i numeri di CC corrispondenti ai vari
2 - MIDI PANEL A/B CHANNEL (PROG O GLOB) parametri.

Imposta i canali MIDI di trasmissione della sezione EXTERN. Range: 0-119, Off (Default Off)
L’impostazione visualizza: Prog (PROGRAM) o Glob (GLOBAL) in base
alla selezione effettuata sulla pagina 1 del menù EXTERN. VALUE

Range: 1-16 (14 di default per Panel A, 15 di default per Panel B) Questo parametro determina il valore iniziale da inviare tramite la funzione
“CC Send On Load”.

3 - KEYB VELOCITY PANEL A/B Range: 0-127, Off (Default Off)

Determina per ciascun Panel, la curva di sensibilità alla Velocity della


tastiera durante la trasmissione di dati sui canali MIDI EXTERN.
8 - VOLUME VALUE A/B
L’impostazione SOFT facilita la generazione di valori elevati di Velocity,
La sezione EXTERN può trasmettere messaggi MIDI di Volume (CC#7),
mentre l’impostazione HARD rende questo più difficile.
per controllare il livello di un dispositivo esterno. Questa impostazione
Range: Soft, Mid (default), Hard determina il valore iniziale inviato dalla funzione: Volume Send On Load.

Range: 0-127 (Default 0)


4 - DEVICE MIDI PANEL A/B
Determina per ciascun PANEL la possibilità di trasmettere o meno, i dati
9 - GLOBAL SOFT THRU
generati dalla Modulation Wheel, dal pedale (Expression), dall’Aftertouch
Il MIDI in ingresso corrispondente ai canali GLOBAL o PANEL A/B può
e dal pedale Swell. Impostare su “OFF” se nessuno di questi controlli
essere reindirizzato sul canale EXTERN, quando la sezione EXTERN è
deve generare e trasmettere dati MIDI.
attiva sul PROGRAM corrente. Questa opzione determina o meno questo
Range per Wheel, A.T, Expr e Swell: On (default), Off reindirizzamento.

Range: Off (default), On


5 - SEND ON LOAD
Consente selezionando un PROGRAM di inviare automaticamente o
meno, i messaggi di MIDI Program Change (PC), Volume (Vol) o Control
Change definiti dall’utente (UsrCC) della sezione EXTERN.

Range per PC, Vol e UsrCC: Off (default), On

6 - PROGRAM CHANGE SETTINGS PANEL A/B


Un messaggio Program Change completo è costituito da tre parti: Bank
Select MSB, Bank Select LSB e Program Change.

MM Nord Stage 3 può inviare automaticamente un messaggio di


Program Change quando viene selezionato un Program, purchè
l’opzione PC “SEND ON LOAD” sia su “ON”.
56 | NORD STAGE
56 |  Nord Stage33
MANUALE UTENTE
User Manual OSSISTEMA
v1.X OPERATIVO V1.X

12 NORD SOUND MANAGER

IL NORD SOUND MANAGER REQUISITI DI SISTEMA


Nord Sound Manager è un’applicazione essenziale che consente Mac OS X 10.6 o più recenti
l’accesso, la modifica e il back up dei contenuti all’interno delle diverse Windows XP, Windows Vista, Windows 7, Windows 8 e Windows 10.
aree di memoria di Nord Stage 3. Di seguito sono elencate alcune delle
procedure comuni eseguite tramite il software Nord Sound Manager: Nord USB Driver versione v3.0 o più recenti richiesti per Windows.

• Organizzare e nominare Program, Preset Synth e Song


• Scaricare nuovi suoni di Piano nella partizione Piano
• Scaricare nuovi Sample nella partizione Sample
• Caricare Program da Nord Stage 3 ad un computer
• Caricare bundle contenenti Program e i loro file associati di piano e
sample
• Effettuare il backup dell’intero strumento
• Ripristinare l’intero strumento ad uno stato precedente

Nord Sound Manager e il manuale di utilizzo per l’applicazione sono


disponibili nell’area Software del sito web www.nordkeyboards.com.
APPENDICE| 57
Appendix | 57

I APPENDICE: COLLEGAMENTI

COLLEGAMENTI AUDIO CONNESSIONE USB


Guida generale ai collegamenti audio: effettuate tutti i collegamenti audio La porta USB si utilizza per collegare Nord Stage 3 ad un computer.
prima di accendere il sistema d’ascolto. Accendete questo sempre per La connessione è utilizzabile per il trasferimento di dati MIDI, per
ultimo, e spegnetelo per primo. l’aggiornamento OS e per il collegamento ad applicazioni come il Nord
Sound Manager o il Nord Sample Editor. Queste applicazioni unitamente
EE L’uso di Nord Stage 3 a volume elevato può danneggiare l’udito. alla versione OS più recente sono sempre disponibili sul sito www.
nordkeyboards.com.

HEADPHONES (CUFFIE) MM I collegamenti MIDI via USB e MIDI standard a 5 pin sono attivi
Presa stereo da 1/4“ per cuffie. L’audio viene sempre inviato attraverso entrambi, contemporaneamente. Non è necessario selezionare una
questa uscita, indipendentemente dalle impostazioni di Routing Output. di queste opzioni.

USCITE CH 1&2, CH 3&4 OUT


Uscite Linea (LINE) sbilanciate da 1/4” per apparecchiature di COLLEGAMENTO PEDALI
amplificazione o di registrazione. Nord Stage 3 è uno strumento stereo
con percorsi di segnale separati per i canali audio sinistro e destro.
SUSTAIN PEDAL
Per impostazione di fabbrica, Nord Stage 3 è configurato per produrre Ingresso con connettore da 1/4” per un pedale Sustain di tipo comune,
audio attraverso le uscite Ch 1 e 2. Per informazioni su come utilizzare le compreso il Nord Triple Pedal. La polarità del pedale Sustain può
uscite Ch 3 & 4, nelle configurazioni stereo o mono, fate riferimento alla essere rilevata automaticamente, oppure impostata manualmente come
sezione MENU SYSTEM a pagina 52. indicato nella sezione MENU SYSTEM a pagina 1.

MONITOR IN

Per ulteriori informazioni relative alle funzioni del Nord Triple Pedal,
Presa jack da 1/8” per collegare a Nord Stage 3 dispositivi come consultate pagina 23.
smartphone, tablet o computer. È utile per la riproduzione di musica
pre-registrata, di un metronomo o per una sorgente audio aggiuntiva sul
CONTROL PEDAL
palco. Il segnale Monitor In viene inviato alle uscite Headphone, Ch 1 e 2.
Ingresso con connettore da 1/4” per un pedale d’espressione di
EE Il controllo del livello Master di Nord Stage 3 non influisce sul livello tipo continuo, utilizzato per il controllo del Morphing e o del Volume.
del segnale Monitor In. Compatibile con i più comuni modelli di pedali di espressione, selezionabili
nella sezione MENU SYSTEM.

ORGAN SWELL
COLLEGAMENTI MIDI Ingresso con connettore da 1/4” per un pedale di espressione di tipo
continuo, utilizzato come pedale Swell per la sezione Organ. Compatibile
con i più comuni modelli di pedali di espressione, selezionabili nella
MIDI IN
sezione MENU SYSTEM.
Il collegamento MIDI IN 5 Pin, viene utilizzato per ricevere dati MIDI inviati
da dispositivi esterni come: tastiere, sequencer o computer. PROGRAM UP/DN PEDAL
Ingresso con connettore da 1/4” per un doppio pedale, utilizzabile per
MIDI OUT
la selezione dei Program (Up e Down) o delle parti di una Song (in Modo
La connessione MIDI OUT a 5 Pin, invia dati MIDI a dispositivi come Song). È possibile impostare la polarità del pedale nella sezione MENU
generatori sonori esterni o computer. SYSTEM.
58 | NORD STAGE
58 |  Nord 3 MANUALE
Stage UTENTE OS
3 User Manual SISTEMA
v1.X OPERATIVO V1.X

II APPENDICE: ELENCO CONTROLLI MIDI

Parametro Nord Stage 3 MIDI CC # Parametro Nord Stage 3 MIDI CC # Parametro Nord Stage 3 MIDI CC #
Bank Select MSB 0 Piano Model 37 Synth LFO Wave 80
Bank Select LSB 32 Piano Variation 38
Piano Layer Detune 39 Effect 1 Enable 82
Sustain 64 Piano EQ 40 Effect 1 Type 83
Sostenuto 66 Effect 1 Source 84
Soft Pedal 67 Synth Enable 42 Effect 1 Amount 85
Ctrl Pedal (Expression) 11 Synth Level 43 Effect 1 Rate 86
Synth Octave Shift 44 Effect 2 Type 87
Live Mode 2 Synth Osc Config 45 Effect 2 Source 88
Song Mode 3 Synth Osc Bank 46 Effect 2 Amount 89
Song Part 5 Synth OscWave 47 Effect 2 Rate 90
Panel Enable 6 Synth Glide Rate 48 Effect 2 Enable 91
Panel Focus 8 Synth Voice Mode 49 Delay Source 92
Synth Unison 50 Delay Amount 93
Organ Enable 9 Synth Vibrato Mode 51 Delay Rate 94
Organ Octave Shift 12 Synth Mod Envelope Attack 52 Delay Feedback 95
Organ Level 13 Synth Mod Envelope Decay 53 Delay Mode 96
Organ Model 14 Synth Mod Envelope Velocity 54 Delay Enable 97
Organ Preset 15 Synth Osc Pitch 55 Delay Ping-pong 98
Organ Drawbar 1 16 Synth Osc Ctrl 56 Delay Filter Type 99
Organ Drawbar 2 17 Synth Mod Envelope Release 57 Amp/EQ Type 100
Organ Drawbar 3 18 Synth Osc Modulation 58 Amp/EQ Drive 101
Organ Drawbar 4 19 Synth Filter Freq 59 Amp/EQ Bass 102
Organ Drawbar 5 20 Synth Filter Resonance 60 Amp/EQ Mid 103
Organ Drawbar 6 21 Synth Filter Drive 61 Amp/EQ Treble 104
Organ Drawbar 7 22 Synth Filter LFO Amount 62 Amp/EQ Enable 105
Organ Drawbar 8 23 Synth Filter KBD Track 63 Amp/EQ Source 106
Organ Drawbar 9 24 Synth Filter Type 65 Amp/EQ Mid Frequency 107
Organ Percussion Enable 25 Synth Amp Envelope Attack 68 Rotary Speed 108
Organ Vibrato Type 26 Synth Amp Envelope Decay 69 Rotary Source 109
Organ Vibrato Enable 27 Synth Amp Envelope Release 71 Rotary Drive 110
Organ Percussion Harmonic 28 Synth Amp Envelope Velocity 72 Rotary Enable 111
Organ Percussion Speed 29 Synth Filter Modulation 73 Reverb Bright 112
Organ Percussion Level 30 Synth Arpeggiator Rate 74 Reverb Amount 113
Synth Arpeggiator Pattern 75 Reverb Type 115
Piano Enable 33 Synth Arpeggiator Range 76 Reverb Enable 116
Piano Level 34 Synth Arpeggiator Run 77 Compressor Amount 117
Piano Octave Shift 35 Synth Keyboard Hold 78 Compressor Enable 118
Piano Type 36 Synth LFO Rate 79 Compressor Mode 119
APPENDICE | 59
APPENDICE
Appendix | 59

III INDICE

Dual FM (Osc Config) 34


A ,
Dual KB 29 49 J
Dual KB (MIDI Channel) 54
Acc (Rotary Horn) 54 JC (Amp Model) 46
Acc (Rotary Rotor) 54
Amnt (Synth Vibrato) 54
Amp Sim / EQ 45
Analog Mode (Delay) 45 E K
A-Pan (Auto Pan) 43 Effect 1 43
KBD Touch 22
Arpeggiatore 40 Effect 2 44
KB Hold 40
Arp Run 40 Effects Section 43
KBS (Keyboard Sync) 40
A Touch (Aftertouch) 25 Electric (Piano) 22
KB Track 36
Audio - Collegamenti 57 Envelopes (Synth) 37
KB Zones 27
A-Wa 1 & 2 (Auto-Wah) 44 EQ (Effect) 45
Keyboard Split 27
ESaw 32
Keyboard track (Synth) 36
ESquare 33
Keyboard Zones editor 27
Exit (button) 29
B Extern 48
Keyboard Zones (Extern) 41
Keyb Velocity A/B (Extern) 55
B3 18
,
External Sync (Master Clock) 26 50
Key click (B3) 18
Extern Menu 55
B3 Organ Key Click Level 54
Extern section 41
B3 Organ Tonewheel Mode 54
Bank LSB (Extern) 55
Bank MSB (Extern) 55 L
Bank Select 51
Bass (EQ) 45 F Layer Detune 24
Layer (Piano) 22
Bell (Osc Config) 34 Farf 19
LFO (Synth) 38
BP (Band Pass - Filtro Passa Banda) 36 Fast Atk 33
List view (Piano) 22
Fast (Compressor) 46
Live Mode 29
Filters (Delay) 45
,
Local (MIDI) 51 54
Filter section 35
C Filter selector button 35
LP 12 35
LP 24 Filter (Effect) 45
Fine Tune 52
CC (MIDI Menu) 54 LP 24 (Synth) 35
Flanger 44
Ch 1 and 2 Out 57 LP/HP 36
Formant 33
Ch 3 and 4 Out 57 LP M 35
Freq (Synth) 36
Chorus 1 & 2 44
Func (Ctrl Pedal) 53
Chorus (Organ) 18
Func (Rotor Pedal) 53
Classic (Synth) 32
Clav EQ 24
Func (Sustain Pedal) 53
Func (Swell Pedal) 53
M
Clav/Hps 22
F-Wave 33 Master Clock 26
Clavinet 22
Master Clock (Arpeggiatore) 40
Compressor 46
Master Clock (Delay) 45
Connections 57
Memory Protection 52
Control Change Settings A/B (Extern) 55
COntrol/Program Change Mode 54 G Menus 52
Mid (EQ) 45
Copy Panel 29 Gain (Ctrl Pedal) 53
MIDI 48
Ctrl (Extern) 55 Gain (Swell Pedal) 53
MIDI A/B Channel (Extern) 55
Ctrlped 25 Getting started 10
MIDI CC (Extern) 42
Ctrl Pedal 53 Glide 39
MIDI Channel Mode (Extern) 55
Global (MIDI) 48
MIDI Controller List 58
Global (MIDI Channel) 48 54 , MIDI (LED) 30
Global Soft Thru (Extern) 55
D Global Transpose 52
MIDI Menu 54
MIDI messages 51
Grand 22
Decay (Amp Env) 38 Model (Piano) 22
Decay (Mod Env) 37 Mod Env 37
Delay (Effect) 44 Modulation (Synth) 32
Detune (Osc Config) 34
Device Filter A/B (Extern) 55 H Monitor 29
Mono Output 29
Digital (Piano) 22 Headphones 57 Morph 25
Drawbar Live (Compact model) 20 HP 24 Filter (Effect) 45 Morph Assign 25
Drawbars 17 HP (High Pass) 36 Morph destinations 25
Drive 45 Morph indicators 26
Drive (Filter) 37 Morph LEDs 26
60 | NORD STAGE
60 |  Nord Stage33MANUALE UTENTE
User Manual OS SISTEMA
v1.X OPERATIVO V1.X

Mst Clk (Master Clock) 26 Release (Amp Env) 38


Release (Mod Env) 37
Res (Resonance) 36
U
Reverb 46 Una Corda 23
N Ring Mod (Osc Config) 34 Unison 39
RM (Ring Modulation) 44 Upright 22
Noise 2 (Osc Config) 34
Rotary Horn 54
Noise (Osc Config) 34
Rotary Rotor 54
Nord Piano Library 22
Rotary Speaker 46
Nord Sound Manager 56
Nord Triple Pedal 23
Rotor Pedal 53 V
Value (Extern) 55
Vel / Mod Env 37

O S Velocity (Amp Env) 38


Velocity (Mod Env) 37
Sample (Oscillator type) 33 Vibe 44
Octave Shift (Extern) 41 Vibrato (Organ) 18
Saw (Osc Config) 34
Organ 17 Vibrato (Synth) 40
Sawtooth 32
Organize 30 Volume A/B (Extern) 55
Send On Load (Extern) 55
Organ Keyboard Trigger Point 54 Volume (Extern) 42
Shape (Osc Config) 33
Org (Prog Init) 29 Vox 19
Shift (button) 29
OrgSp (Prog Init) 29
Sine 32
Osc Ctrl 32
Sine (Osc Config) 34
Oscillator configurations 33
Small (Amp Model) 46
, ,
Oscillators 17 21 31
Soft buttons 52 W
Output Routing 52
Soft Pedal 23
Overview 8 Wave (Oscillator type) 33
Soft Release 22
Wa-Wa (Wah-Wah) 44
Song Edit 28
Wheel 25
Song Mode 28
www.nordkeyboards.com 6
P Song Parts 30
Sostenuto 23
Page (buttons) 30 Sound Init (Synth) 39
Panel 28
Panel A/B (MIDI Channel) 54
Sound Menu 53
Speed (Rotary Horn) 54
Z
Panel A/B Output 52 Speed (Rotary Rotor) 54 Zone Select 27
Panel MIDI control 50 Split 26
,
Panic 26 51 Split Position 27
Parameters (Extern) 42 Split Width (Crossfade) 27
PC (MIDI Menu) 54 Square 32
Pedal Noise 23 Store As 28
Percussion (B3) 18 Store (Program, Song) 27
Phaser 1 & 2 44 Store (Synth Preset) 35
Piano 21 String Resonance 23
Piano/Clav (EQ) 24 Subdivision (Mst Clk) 26
Piano Info 22 Super-waves 33
Piano Pedal Noise Level 53 Sustain Pedal 53
Piano (Prog Init) 29 Sustped (Extern) 41
Piano Select 22 S-Wave 33
Piano size 22 Swell (Organ) 20
Piano String Res Level 53 Swell Pedal 53
Ping Pong 44 Sync (Osc Config) 34
Pipe1 20 Synth Presets 34
Pipe2 20 Synth (Prog Init) 29
Pitch (Osc Config) 33 Synth Section 31
Preset (Organ) 20 Synth Vibrato 54
Prog Init 29 System Menu 52
Prog Level 30
Prog Pedal 53
Program 30
Program (buttons) 30 T
Program Change 51
Tap Tempo (Delay) 44
Program Change Settings A/B (Extern) 55
Transpose 26
Program dial 30
Transpose MIDI At (MIDI Menu) 54
Program (Extern) 42
Treble (EQ) 45
Program Number (Extern) 55
Trem (Tremolo) 44
Program (Section) 25
Triangle 32
Pstick (Extern) 41
Triangle (Osc Config) 34
Pulse 10 32
Triple FM (Osc Config) 34
Pulse 33 32
Twin (Amp Model) 46
Type (Ctrl Pedal) 53
Type (Piano) 21

R Type (Prog Pedal) 53


Type (Rotor Pedal) 53
Rate (Arpeggiator) 40 Type (Sustain Pedal) 53
Rate (Synth Vibrato) 54 Type (Swell Pedal) 53
FCC Information (U.S.A.)
1. IMPORTANT NOTICE: DO NOT MODIFY THIS UNIT!
This product, when installed as indicated in the instructions contained in this manual, meets FCC requirements. Modifications
not expressly approved by Clavia may void your authority, granted by the FCC, to use the product.
2. IMPORTANT: When connecting this product to accessories and/ or another product use only high quality shielded cables.
Cable/s supplied with this product MUST be used. Follow all installation instructions. Failure to follow instructions could void
your FCC authorization to use this product in the USA.
3. Note: This equipment has been tested and found to comply with the limits for a Class B digital device, pursuant to Part 15 of
the FCC Rules. These limits are designed to provide reasonable protection against harmful interference in a residential installa-
tion. This equipment generates, uses, and can radiate radio frequency energy and, if not installed and used in accordance with
the instructions, may cause harmful interference to radio communications. However, there is no guarantee that interference will
not occur in a particular installation. If this equipment is found to be the source of interference to radio or television reception,
which can be determined by turning the equipment off and on, the user is encouraged to try to correct the interference by one or
more of the following measures:
– Reorient or relocate the receiving antenna.
– Increase the separation between the equipment and receiver.
– Connect the equipment into an outlet on a circuit different from that to which the receiver is connected.
– Consult the dealer or an experienced radio/TV technician for help.

This device complies with Part 15 of the FCC Rules. Operation is subject to the following two conditions:
(1) this device may not cause harmful interference, and
(2) this device must accept any interference received, including interference that may cause undesired operation.

Unauthorized changes or modification to this system can void the users authority to operate this equipment.
This equipment requires shielded interface cables in order to meet FCC class B Limit.

For Canada

NOTICE
This Class B - digital apparatus complies with Canadian ICES-003.

AVIS
Cet appareil numérique de la classe B - est conforme à la norme NMB-003 du Canada.

DECLARATION OF CONFORMITY
Compliance Information Statement
Model Name: Nord Stage 3 88, Nord Stage 3 HP76, Nord Stage 3 Compact
Type of Equipment: Digital Organ and piano
Responsible Party: Clavia DMI AB
Address: P.O. BOX 4214. SE-102 65 Stockholm Sweden
Telephone: +46-8-442 73 60

Оценить