Вы находитесь на странице: 1из 29

Dott.

Marco Fringuellino -

Acustica 1 - Lezione terza

Riflessione
Assorbimento
campo riverberato
Dott. Marco Fringuellino -

Ambiente disturbante Ambiente di ricezione

Energia incidente per via aerea Energia dissipata


in calore

Energia riflessa per via aerea Energia trasmessa per via aerea

Energia trasmessa
per via solida
Dott. Marco Fringuellino -

I coefficienti ISO 31-


31-7 1992
Ø Coefficiente di dissipazione (dissipation factor) δ :
Rapporto fra potenza sonora dissipata e incidente;
Ø Coefficiente di trasmissione (transmission factor)τ :
Rapporto fra potenza sonora trasmessa e incidente;
Ø Coefficiente di assorbimento (absorption factor) α :
Rapporto fra potenza sonora assorbita e incidente;
α=δ+τ
Ø Coefficiente di riflessione (reflection factor) r :
Rapporto fra potenza sonora riflessa e incidente.
r+δ+τ=r+α =1
Dott. Marco Fringuellino -

Coefficiente di riflessione r
q coefficiente di riflessione r. Rapporto tra potenza sonora riflessa e potenza
sonora incidente: r+α =1

1 - Riflessione speculare: avviene se la superficie è piana e di grandi


dimensioni (idealmente infinita) rispetto alla lunghezza d’onda λ ; è dominata
dalle leggi dell’acustica geometrica (Legge di Snell).
2 - Riflessione diffusa: avviene quando la superficie è rugosa e la lunghezza
d’onda è dell’ordine di grandezza della dimensione della rugosità; l’energia
sonora è riflessa lungo una molteplicità di direzioni, comprendente o meno
quella speculare. Per lunghezze d’onda molto piccole, rispetto alla
dimensione della rugosità, la diffusione dell’energia può essere interpretata
come riflessione speculare da ciascun elemento in cui è articolata la
superficie.

3 - Diffrazione: quando la superficie non è di estensione infinita, sono presenti


dei bordi; questi causano la diffrazione del suono incidente.
Dott. Marco Fringuellino -

Coefficiente di riflessione r
q Legge di Snell:
• angoli definiti rispetto all’asse x normale alla
superficie di separazione:
•angolo di incidenza θi,
•angolo di riflessione θr,
•angolo di trasmissione θt.
• Se l’onda incide obliquamente sulla superficie di
interfaccia tra i due fluidi, valgono le seguenti leggi:
• relazione tra angolo di riflessione e angolo di
incidenza:
sinθr = sinθi
• la legge di Snell nota in ottica geometrica
sinθt c2
⇒ =
• angolo critico θc tale per cui, se si verifica la sinθi c1
condizione c1< c2 e θi > θc, l’onda incidente viene
totalmente riflessa:
sinθc = c1 / c2
Dott. Marco Fringuellino -

Rifrazione
• Un caso interessante di rifrazione delle onde sonore si manifesta nella
propagazione in atmosfera, in presenza di un gradiente termico.

• Al variare con continuità della temperatura, per la legge di Snell, l’angolo di


rifrazione dell’onda rispetto alla normale alla superficie di separazione, varia
progressivamente da strato a strato, in funzione dell’altezza dal suolo, rendendo
deflesso il percorso del’onda, anziché rettilineo.

• Nel caso particolare di condizioni di inversione termica (la temperatura dell’aria


aumenta in funzione dell’altezza dal suolo), risulta che la velocità cresce
anch’essa da strato a strato; ipotizzando che la temperatura aumenti ad ogni
strato di una quantità ∆T, la velocità aumenta anch’essa di una quantità ∆c =
0,6∆T. Ciò fa variare l’angolo di propagazione in modo progressivo.

• Il processo si ripete regolarmente fino a quando l’angolo di rifrazione non


diventa più grande dell’angolo critico; quando questa condizione si determina
l’onda viene totalmente riflessa, e il fenomeno della rifrazione viene a ristabilirsi
in senso contrario, con l’onda che prende a propagarsi verso il suolo.
Dott. Marco Fringuellino -

Diffrazione
• E’ assai frequente avere a che fare con suoni la cui lunghezza d’onda è dello stesso
ordine di grandezza o più grande delle dimensioni delle superfici, degli oggetti, delle
strutture presenti nell’ambiente in cui i suoni si propagano.
• Quando ciò si verifica interviene il
fenomeno della diffrazione, e i metodi
puramente geometrici non costituiscono
più uno strumento sufficiente.
• Una classica esemplificazione della
diffrazione è rappresentata da un’onda
piana che attraversa un’apertura praticata
in un elemento divisorio perfettamente
riflettente. Se le dimensioni dell’apertura di
larghezza d, sono più grandi della
lunghezza d’onda λ (d>λ), al di là del
divisorio l’onda risulta confinata
spazialmente, essendosi trasmessa solo
la porzione di fronte d’onda
corrispondente all’apertura.
Dott. Marco Fringuellino -

Diffrazione
• Se si verifica la condizione per cui d≤λ,
cioè se la lunghezza d’onda è dello
stesso ordine di grandezza o più grande
delle dimensioni dell’apertura praticata
nel divisorio, l’onda si propaga anche
attorno all’apertura stessa, in una zona,
detta “zona d’ombra acustica”, in cui,
se ci si limitasse a considerazioni
puramente geometriche, non dovrebbe
propagarsi.

• La ragione sta nel fatto che i bordi


dell’apertura, interagendo con l’onda
incidente, diventano essi stessi sorgenti
elementari di onde sonore che si
irradiano in tutte le direzioni.
Dott. Marco Fringuellino -

Diffrazione
• Un processo analogo si instaura quando
l’onda sonora incontra, durante la
propagazione, ostacoli fisici di dimensioni
finite, come schematizzato in figura.
• Quando la lunghezza d’onda diventa
comparabile o più grande delle dimensioni
dell’ostacolo, si può dire che l’onda sonora
“aggiri” l’ostacolo stesso e si propaghi
anche nella sua zona d’ombra.
• Qualitativamente si può affermare che
solo attraverso aperture di grandi
dimensioni o al di là di ostacoli molto estesi
è possibile che si stabiliscano zone
d’ombra ben definite;
• i suoni a bassa frequenza, caratterizzati
da grandi lunghezze d’onda sono molto più
facilmente diffratti dei suoni ad alta
frequenza, con piccola lunghezza d’onda.
Dott. Marco Fringuellino -

D
i
f
f
r
a
z
i
o
n
e
Dott. Marco Fringuellino -

Diffrazione ripple simulation


Dott. Marco Fringuellino -

Coefficiente di assorbimento α

• è il rapporto tra la potenza assorbita W a e quella incidente sulla superficie W I:

α = W a/WI Wa
• può teoricamente variare tra 0 e 1:
WI
α = 0 ⇒ tutta l’energia incidente è riflessa

α = 1⇒ tutta l’energia incidente è assorbita

• dipende dalla frequenza e dall’angolo di incidenza

• α0 = misurato per incidenza normale (metodo delle onde stazionarie in tubo)

• αSab= misurato per incidenza diffusa (in camera riverberante)

• da esso si possono ricavare il fattore di riflessione e l’impedenza acustica del


materiale.
Dott. Marco Fringuellino -

Ipotesi di campo perfettamente diffuso


p Ambiente ideale

• Ambiente di grande volume

• Ambiente eccitato a larga banda

• le onde piane si propagano con equi-probabilità in tutte le direzioni ⇒ Intensità


sonora isotropa (uguale in tutte le direzioni)

• la densità di energia sonora media spaziale è uniforme

p Campo diretto e campo riverberante

• “campo diretto”: quello che si avrebbe se la coppia sorgente-ricevitore fosse nello


spazio libero illimitato

• “campo riverberante”: è il campo dovuto all’insieme delle interazioni dell’energia


emessa dalla sorgente con l’ambiente circostante
Dott. Marco Fringuellino -
p Ambienti reali Campo perfettamente diffuso
• non esiste il campo perfettamente diffuso
• la Camera Riverberante è l’approssimazione migliore:
• Grande volume
• Dimensioni non sproporzionate
⇒ le dimensioni sono comparabili
• irregolare: le superfici non sono parallele
⇒ no focalizzazione delle riflessioni
• pareti massimamente riflettenti ⇒ minimo assorbimento
• presenza di elementi diffusori
• Nella pratica il campo può considerarsi diffuso se:
• si è in ambienti grandi
• se l’ambiente non è troppo assorbente
• se l’ambiente è irregolare
• se l’ambiente è non sproporzionato
(no “corridoi”, bassi soffitti, ecc.)
• presenza di superfici ed oggetti diffondenti
• se si è a sufficiente distanza da sorgente o pareti
Dott. Marco Fringuellino -

Livello di pressione sonora in regime stazionario


Il campo sonoro generato da una sorgente viene valutato come somma dei contributi
del campo diretto e del campo riverberante

p Campo diretto:

• Ipotesi di campo sferico libero generato da sorgente puntiforme posta nel centro
acustico (divergenza sferica ~ 1/r2):

WQ
D0 =
4πcr2
• W = potenza sorgente (W)

• Q = fattore di direttività della sorgente lungo la direzione considerata

• r = distanza fra centro acustico e punto rilevamento (m)


Dott. Marco Fringuellino -

Livello di pressione sonora in regime stazionario


p Campo riverberante:
• Ipotesi di campo perfettamente diffuso

4W  peff
2 
DR = = 
Rc  ρ0 c 2 
 
Sαm
– R = costante dell’ambiente (m2): R=
(1 − αm )
Siαi
– αm = coefficiente di assorbimento medio: αm = ∑i
S
– S = superficie totale dell’ambiente

– αi = coefficienti di assorbimento delle superfici parziali Si

– A = S·αi = area equivalente di assorbimento S ⋅αm = ∑i Siαi


Dott. Marco Fringuellino -

Livello di pressione sonora in regime stazionario


• Valore medio quadratico efficace della pressione sonora
nell’ambiente:
 Q 4
2
peff = ρ0cW  + 
 4πr 2 R

• In termini logaritmici (tenendo conto dei valori di riferimento), si


ottiene la Relazione di Hopkins e Stryker (1948):

 Q 4
Lp ≈ LW + 10 log + 
 4πr 2 R
Dott. Marco Fringuellino -

Rappresentazione della relazione di Hopkins e Stryker

= r/ Q
Beranek (1971)
Dott. Marco Fringuellino -

Distanza critica rcrit

• Distanza critica r (m): è la distanza dalla sorgente (centro acustico), lungo una
crit
direzione data, in corrispondenza della quale la densità dell’energia del campo
diretto uguaglia quella del campo riverberante.

RQ
rcrit =
16π
• se r < r crit:
domina il campo diretto (es. a poco giova aumentare il
fonoassorbimento del locale nell’intento di ridurre il livello di pressione sonora
causato dalla sorgente).

• se r > r crit:
domina il campo riverberato. E’ possibile stimare rapidamente una
variazione del livello di pressione sonora dovuto ad azioni sull’assorbimento della
stanza come:
∆L = 10 log(Rdopo/Rprima)
Dott. Marco Fringuellino -

Riverberazione
p Tempo di riverberazione T60 (s):
• Nell’acustica tecnica è di primario interesse una misura della
rapidità con cui, disattivata la sorgente, il suono si estingue
nell’ambiente. Questa informazione è associata al tempo di
riverberazione T in s.
•Il tempo di riverberazione viene misurato, sollecitando l’ambiente
con un rumore casuale a banda larga affinché la maggioranza dei
modi risulti eccitata in risonanza.
• Il decadimento del livello della pressione sonora è registrato
filtrando il segnale di pressione sonora in bande di frequenza per
ottenere informazioni sulla durata convenzionale del decadimento
(il tempo di riverberazione), media per bande di frequenza.
Dott. Marco Fringuellino -

Riverberazione

p Tempo di riverberazione T60 (s):


• Il tempo di riverberazione T60
in s viene misurato, sollecitando
l’ambiente con un rumore
casuale a banda larga affinché
la maggioranza dei modi risulti
eccitata in risonanza. RT60 Time
Dott. Marco Fringuellino -
Dott. Marco Fringuellino -

Riverberazione

p Esperienza di Sabine (1927):


• I suoni che nella realtà interessano gli ambienti chiusi non hanno
caratteristiche tali da determinare un regime stazionario (ad es. parlato e
musica)
• Esperienza di Sabine: iperbole coda sonora-assorbimento
V
T = 0,161
• V = volume dell’ambiente (m3) ;
A
• Si = superfici presenti
• αSab,i= Coefficiente di assorbimento apparente della superficie Si
• αSab,m = ΣαSab,i Si /S = Coefficiente di assorbimento apparente medio
• A = ΣαSab,i Si = αSab,m S = Area equivalente di assorbimento (m2)
Dott. Marco Fringuellino -

Riverberazione
p La teoria classica (Jaeger, Joyce):
• Fondata sull’ipotesi di campo perfettamente diffuso anche durante il
transitorio.
• Il bilancio di energia comporta che l’aumento di energia
nell’ambiente in un piccolo intervallo di tempo uguaglia la differenza
tra l’energia iniettata dalla sorgente e quella uscente dall’ambiente
per assorbimento
• La densità dell’energia, uniforme nell’ambiente, dipende solo dal
D(t ) = Dstaze
tempo: -cAt 4V

• Il decadimento di 60 dB, corrisponde al rapporto: Dstaz D(t ) = 106


• Con la condizione t = T si ha:
4 6 V
T = ln10 ⋅
c A
Dott. Marco Fringuellino -

Riverberazione

p La teoria di Norris- Eyring (1932):


• Se si considera un ambiente perfettamente assorbente (αm = 1), la
formula di Sabine non prevede un tempo di riverberazione nullo, ma pari
a T = 0,161 V/S.
• L’idea di Norris ed Eyring è che il suono non viene assorbito con
continuità nel tempo (teoria classica), ma in modo discontinuo.
• Le onde che impattano contro i confini danno luogo ad un nuovo
insieme di onde (rinvio di energia del primo ordine).
• Per ogni impatto la densità dell'energia media dell’insieme rinviato
decresce del fattore 1−αm rispetto a quella dell’insieme incidente.

4 ⋅ ln106 V
T =−
c S ln(1 − αm )
Dott. Marco Fringuellino -

Riverberazione

p La formula empirica di Fitzroy (1959):


• utile quando in un ambiente assimilabile ad un parallelepipedo le
proprietà fonoassorbenti dei confini non sono distribuite con sufficiente
uniformità.
V V V
T = 0,161 2 S x + 0,161 2 S y + 0,161 2 Sz
S αm,x S αm, y S αm,z

• Sx, Sy e Sz (m2) = estensioni delle coppie di superfici contrapposte


ortogonali all’asse x, all’asse y e all’asse z, rispettivamente;
• S = Sx + Sy + Sz (m2) = estensione della superficie totale;
• αm,x, αm,y e αm,z = coefficienti di assorbimento medi pesati di ciascuna
coppia di superfici.
Dott. Marco Fringuellino -

Riverberazione

p Effetti dell’assorbimento dell’aria:


• L’aria sede di un campo sonoro è considerata un mezzo privo di perdite
dissipative (equazione delle onde linearizzata)
• Nella realtà, pur in assenza di divergenza geometrica, questo tipo di
onda si attenua. La causa è individuata nella diffusività termica, negli
effetti della viscosità e nel fenomeno di rilassamento molecolare
caratteristico dei gas poliatomici
• Per l’aria umida ambientale gli effetti di dissipazione dell’energia
meccanica del campo sonoro diventano importanti in ambienti chiusi,
relativamente grandi, oltre la frequenza di 1kHz.
Dott. Marco Fringuellino -

Riverberazione
p Effetti dell’assorbimento dell’aria:
• E’ possibile tenere conto di questo assorbimento aggiuntivo con una
costante di attenuazione dell’aria m (m-1), funzione della temperatura,
dell’umidità relativa e della frequenza.
• Nelle formule del tempo di riverberazione è sufficiente sommare al
denominatore il termine 4mV (m2):

V
T = 0,161
∑αSab,i Si + 4mV
• Per quanto attiene alla relazione di Hopkins e Striker, nella costante
dell’ambiente nella forma R = Sαm/(1− αm), αm è sostituito da:

αm + 4mV/S,
• oppure R = ΣαSab,i Si + 4mV,
Dott. Marco Fringuellino -

Riverberazione
p Metodi empirici per ambienti di grandi dimensioni:
• Esistono circostanze in cui la complessità della situazione impedisce
l’applicazione dei metodi dell’acustica statistica (campo perfettamente diffuso) e
dell’acustica geometrica (tracciamento dei raggi sonori e tracciamento delle
sorgenti immagine).
• Metodo empirico di Zetterling: dato il livello sonoro in dB(A) determinato da
una sorgente alla distanza di 1 m, il metodo permette, attraverso l’uso di
diagrammi, la valutazione del livello in un punto ricevente in un ambiente
industriale di forma qualsiasi.
• Formula empirica di Schultz: risultati sperimentali mostravano che,
all’aumentare della distanza del punto di osservazione dalla sorgente, il livello
della pressione sonora non tendeva a un valore quasi costante, (teoria del
campo diffuso), ma diminuiva di –3 dB al raddoppio della distanza.

Lp = LW -10log(r ) -5log(V ) -3log( f ) + 12

• LW = livello di potenza sonora della sorgente (dB)


• r = distanza sorgente-ricevitore (m)