You are on page 1of 7

Osservazioni al PGT in redazione - Aprile 2012

Oggetto: obiettivo fondante di PGT Definizioni in PGT: obiettivo fondante del PGT di Seveso: ribassamento e interramento del piano del ferro (Relazione al Documento di Piano e carta allegata 1.4.1 - VAS pagina 41). Osservazione: Si ritiene corretta lindicazione del ribassamento del piano del ferro come obiettivo fondante di PGT perch: 1. ufficialmente presente anche nel programma della IX legislatura di Regione Lombardia; 2. Ferrovienord ha gi redatto lo Studio di Fattibilit di secondo livello per lopera tanto da aver abbassato, essa stessa, il livello di incertezza (cfr. SECONDA PARTE DELLO STUDIO DI FATTIBILITA PER LA REALIZZAZIONE DEGLI INTERVENTI LUNGO LA LINEA FERROVIARIA IN CONCESSIONE A FERROVIENORD SPA IN COMUNE DI SEVESO NORD_ING 2009 - .. in considerazione degli approfondimenti effettuati si ritenuto di ridurre le somme a disposizione per imprevisti dal 15% al 10%...); 3. la validit di opere simili per la riduzione degli impatti ferroviari sulle citt attraversate dimostrata dal successo delle operazioni di interramento ferroviario in trincea che Regione Lombardia sta finanziando in provincia di Varese provincia di elezione dellAssessore Regionale alle infrastrutture Raffaele Cattaneo - in Comune di Saronno (linea SeregnoSaronno) e in Comune di Induno Olona (linea Arcisate-Stabio); 4. lAnalisi Costi Benefici redatta dalla Commissione Consiliare interramento del Comune di Seveso e depositata presso la Direzione Infrastrutture di Regione Lombardia dimostra che i benefici socio-economici provenienti dallobiettivo fondante sono largamente maggiori dei costi, ordinando pertanto, in termini di convenienza economica, al primo posto lopera di interramento indicata come obiettivo fondante di PGT e al secondo posto il mantenimento dello stato attuale; 5. lobiettivo fondante rimasto sempre presente nelle richieste di tutti i Sindaci che si sono susseguiti allAmministrazione del Comune di Seveso e risponde pertanto alle giuste esigenze della popolazione di Seveso. A fronte di tali elementi, univocamente orientati, la Giunta Regionale non ha ancora aderito alla richiesta di convocazione della conferenza dei servizi proposta dal Comune di Seveso insistendo, al contrario, con lillecito aggravamento della servit imposta con lattraversamento ferroviario delle vie di Seveso interessate da passaggi a livello della linea ferroviaria Milano-Asso mediante aumento del numero dei transiti di convogli. Richiesta: si ritiene utile che il Politecnico di Milano, redattore dei Documenti di PGT, avvalori lobiettivo fondante allegando lAnalisi Costi/Benefici per linterramento ferroviario predisposta dalla apposita Commissione Consiliare del Comune di Seveso. Si ritiene inoltre utile che il Documento di Piano evidenzi la propriet comunale del territorio su cui insistono i passaggi a livello di Seveso.

Oggetto: obiettivo fondante e linee strategiche Definizioni in PGT: linterramento dellasta ferroviaria rappresenta unopportunit per riqualificare lintero comune e, tramite il meccanismo perequativo, savvier un processo di densificazione delle aree pi centrali (Relazione al Documento di Piano e carta allegata 1.4.1 - VAS pagina 38). obiettivo fondante del PGT: ribassamento e interramento del piano del ferro, con localizzazione di modalit alternative di collegamento tra il centro di Seveso e la nuova stazione di Seveso/Meda (Relazione al Documento di Piano e carta allegata 1.4.1 - VAS pagina 41). Osservazione: Le aree pi centrali, di cui si prevede la densificazione, sono identificabili anche come quelle a minore distanza dalla attuale FNM di Seveso. Lattuabilit di questo intervento, presuppone lesistenza di un requisito primario per l'attrattivit del patrimonio immobiliare, sia per quello gi esistente, sia per quello di futura costruzione. Tale attrattivit, tra altri fattori, soprattutto connessa alla presenza dallattuale stazione di Seveso e al multiforme servizio da questa attualmente offerto, tanto che sulla linea Milano-Asso/Camnago essa ottiene maggior numero di transiti della stazione di Milano Cadorna. Lo spostamento della stazione comprometterebbe dunque il valore del patrimonio immobiliare esistente nonch di quello protagonista della densificazione programmata nel PGT proposto dall'Amministrazione, rendendo del tutto improbabile la domanda di volumetria aggiuntiva la cui edificazione porterebbe, secondo le strategie dell'Amministrazione, alla contribuzione comunale per le opere civili per l'interramento ferroviario locale. Al contrario, lo spostamento della stazione renderebbe pi attrattive l'edificazione residenziale in aree esterne al Comune di Seveso e prossime alla stazione unica, proposta in sito del comune di Meda. Pertanto, lo spostamento della stazione obiettivo ampiamente contraddittorio con l'obiettivo fondante primario dellabbassamento del piano del ferro e addirittura responsabile di una caduta di valore del patrimonio immobiliare esistente nel Comune di Seveso. Da tale spostamento deriverebbero inoltre numerosi problemi di natura ambientale e viabilistica legati alla necessit di trasferimenti non pi pedonali alla nuova stazione, per gran parte della popolazione sevesina. Richiesta: cancellazione dal PGT di qualsiasi ipotesi di spostamento della stazione di Seveso. ******************************************************************************** Oggetto: parametri provinciali per la concessione di ulteriore consumo di suolo politiche e azioni intraprese a Seveso in campo di riqualificazione urbanistica, paesistica e ambientale, utili per acquisire punteggio per laccrescimento della capacit insediativa. Definizioni in PGT: Sommando il punteggio corrispondente agli indicatori di sostenibilit (5,5) con quello assegnabile alle politiche e azioni di riqualificazione urbanistica, paesistica e ambientale (3,5), si ottiene il valore di 9 punti, pari al 2%, a cui corrisponde lacquisizione di maggiori possibilit di consumo di suolo rispetto a quanto ammette la Tabella 3 delle NdA del Ptcp per i comuni in classe E (pari al 2% ricavato dalle classi di ICS). In conclusione, lincremento di consumo di suolo applicabile a Seveso in sede di Piano di governo del territorio del 4%, pari dunque a 191.912 mq. (VAS pagina 152)

Osservazioni: si pone lattenzione sulle politiche realizzate a Seveso tra quelle previste dal Ptcp (VAS p.152), sia sulla loro qualit che sulla loro reale attuazione: ammettere maggiori possibilit di consumo di suolo a seguito di una semplice revisione del PGTU (n discussa n attuata) o dellapprovazione di una database topografico o della realizzazione di qualche intervento di ammodernamento/promozione del commercio o dellesistenza di un rapporto ambientale, non per nulla condivisibile. La semplice corrispondenza con parametri di provenienza provinciale, pur formalmente corretta fatto gi discutibile - del tutto priva di significato concreto se non indagata nelle reali qualit delle politiche realizzate. Risulta inoltre priva di alcun giudizio di merito il raggiungimento del 75% delle previsioni dello strumento comunale vigente, espresse in mq. di superficie lorda di pavimento che, pur essendo formalmente parametro richiesto dal PTCT come precondizione all ammissibilit di incrementi delle espansioni di urbanizzazione, non pu assurgere a valutazione positiva nellefficienza ed efficacia di una politica urbanistica attuata e quindi permettere nuovo consumo di suolo. Dato il gi elevatissimo grado di urbanizzazione del territorio di Seveso (69 % del totale, non tollerabile per lefficienza funzionale e la salubrit ambientale di questa citt una ulteriore urbanizzazione di territorio, includente aree verdi, senza un concreto e certo corrispettivo di compensazione ambientale rappresentato dalleliminazione dei transiti ferroviari a raso, definito quale obiettivo fondante del PGT. Richiesta: blocco di tutti gli ambiti di trasformazione o operazioni di concessione di volumetria aggiuntiva in altri ambiti fino all'approvazione regionale del progetto esecutivo e piano finanziario dell'interramento ferroviario locale. ******************************************************************************** Oggetto: scenario 1 di VAS ovvero assenza delle fonti di finanziamento individuate dal Documento di piano in relazione agli incrementi volumetrici aggiuntivi e quindi eventuale assenza di risorse locali per l'interramento locale. Definizioni in PGT: In presenza delle sole quantit di base, gli Ambiti di trasformazione potranno dare attuazione ai soli interventi pubblici interni od anche esterni ma solo nelle misure descritte dalle prescrizioni come opere di urbanizzazione connesse al contesto delle trasformazioni: questo in virt del necessario equilibrio economico tra benefici pubblici e privati perch le trasformazioni si attivino (VAS pagina 219) Osservazione: dal linguaggio tecnico, poco traspare la possibilit che gli operatori immobiliari aderiscano alla negoziazione, proposta dall'Amministrazione, per la realizzazione di volumi aggiuntivi e quindi per la piena attuazione all'obiettivo primario di piano (interramento). Questa eventualit consente comunque l'edificazione di volumi consistenti (213.460mc) pari a circa i 2/3 del totale della volumetria generabile. Richiesta: gli oneri richiesti negli ambiti di trasformazione siano calcolati sulla volumetria massima attribuibile all'ambito, anche se essa non viene realizzata.

Oggetto: gestione dei fondi finalizzati all'obiettivo fondante dellinterramento locale Definizioni in PGT: in relazione all'obiettivo strategico () [di abbassamento del piano del ferro delle infrastrutture ferroviarie] l'attuazione degli Ambiti deve comunque prevedere, anche per la realizzazione delle capacit edificatorie previste nelle schede, la corresponsione al Comune, in via aggiuntiva agli oneri di urbanizzazione ordinariamente dovuti, di importi, non suscettibili di scomputo, vincolati al finanziamento delle opere concernenti l'abbassamento del piano del ferro, secondo parametri, proporzionali alla capacit edificatoria complessiva prevista dal piano attuativo, definiti dal Comune in sede di delibera di determinazione delle tabelle per oneri di urbanizzazione, secondo le previsioni in materia contenute nelle Disposizioni attuative del Piano dei servizi.(Estratto dalle Norme del Documento di Piano - VAS pagina 208) Osservazione: dopo l'esperienza diossina, nella quale i risarcimenti Givaudan destinati al Comune sono stati utilizzati solo marginalmente per investimenti che abbiano permesso la soluzione ai problemi strategici della Citt, non vi alcun dubbio che vi un fortissimo rischio che anche i fondi in oggetto vengano svincolati dall'obiettivo fondante. Poich non vi alcuna garanzia che le Amministrazioni che si susseguiranno a Seveso non distraggano questi fondi dall'obiettivo fondante, non vi altra alternativa al blocco degli ambiti di trasformazione ed altre operazioni di concessione volumetrica aggiuntiva fino alla definizione delle modalit di finanziamento dell'obiettivo fondante. Richiesta: blocco di tutti gli ambiti di trasformazione o operazioni di concessione di volumetria aggiuntiva in altri ambiti fino all'approvazione regionale del progetto esecutivo e piano finanziario dell'interramento ferroviario locale ******************************************************************************** Oggetto: livello della domanda e dell'offerta di immobili residenziali a Seveso. Definizioni in PGT: il Documento di Piano non presenta alcuna analisi su questo tema. Osservazioni: la dinamica della domanda e dell'offerta di case non stata indagata in quanto sembra che l'oggetto sia estraneo all'interesse dell'Amministrazione. Pur tuttavia l'Amministrazione detiene uno dei principali fattori di regolazione del mercato ovvero la capacit di concedere diritti di edificare che prima non esistevano nonch di graduare il livello dei tributi per le concessioni. Se il governo delle concessioni ad edificare non basato sull'analisi della domanda e dell'offerta di case, allora su quale ragionamento basato ? In realt, il Documento di Piano dichiara di aver mosso i suoi primi passi dalle istanze dei cittadini. Tuttavia, nell'analisi della domanda, pur sezionata in molteplici profili, si trascura di indicare se i cittadini di cui sopra siano persone fisiche, interessate all'uso personale, o persone giuridiche, operanti a fine di lucro. Da unanalisi macroscopica, possibile riconoscere che il grosso degli ambiti delle Aree di Trasformazione rappresentato da una particolare accezione di domanda, quella proveniente dall'edificazione seriale-commerciale a fine di lucro, ben lontana dai fabbisogni personali dei cittadini. Posto che questo il particolare profilo della domanda da osservare (non attribuendo ad essa una valenza di giudizio etico) appare ancora pi evidente che l'assenza di una analisi macroscopica della 4

domanda e dell'offerta del bene casa appare in tutta la sua gravit. Data l'assenza di tale analisi nel Documento di piano, proponiamo due dati di semplice riflessione. I dati pi recenti rilevabili al catasto indicano a Seveso la presenza di 11.305 unit abitative residenziali. L'ufficio anagrafe comunica la presenza a Seveso di 9.425 nuclei familiari al 9.2.2012. La differenza tra i due dati indica che vi sono 1.880 unit abitative residenziali in pi rispetto ai nuclei residenti e quindi, presumibilmente, non abitate. Se a questo aggiungiamo che vi pu essere una piccola percentuale di nuclei familiari coabitanti possiamo ragionevolmente affermare che il dato stimato per difetto. Questi dati ci confermano nella intuizione popolare, maturabile girando per Seveso con l'occhio rivolto agli annunci immobiliari, che esiste una consistente offerta per la quale non vi domanda. Occorre infine notare che le istanze rappresentate nel Piano, pur se presentate oggi persone fisiche, spesso non sottendono esigenze di uso personale ma finalit di valorizzazione mediante cessione a persone giuridiche, in maggioranza operanti nel settore edilizio a fini di lucro. Non vi alcun dubbio che solo il confronto con tali operatori permetta la raccolta di super-oneri di rilevante consistenza ma altrettanto evidente che tali trattative devono essere effettuate in una condizione di assoluta trasparenza, di chiara finalizzazione delle risorse incassate dal Comune di Seveso e di certezza delle decisioni in merito allobiettivo fondante delle istituzioni sovraordinate. Richiesta: si richiede una indagine sul numero di unit abitative non ancora abitate sul territorio di Seveso e la classificazione realistica, non formale, delle istanze per necessit familiari. ******************************************************************************** PREVISIONE DEI SERVIZI ALLA POPOLAZIONE. Premessa: applicando il realistico standard regionale di 150 mc/abitante, la stima del carico insediativo generabile dalla volumetria residenziale gi esistente (secondo i documenti PGT 5.849.837 mc) lascia spazio a 38.999 abitanti potenziali. A questi potrebbero aggiungersi 5.060 abitanti insediabili a Seveso con la volumetria generabile dallaccoglimento delle istanze al PGT in corso (759.037 mc). Di fronte alla potenziale, ma drammaticamente possibile, espansione insediativa di cui sopra, in assenza di interventi regolatori, non appare lungimirante affidare la realizzazione dei servizi alla sussidiariet orizzontale verso cui il PGT sembra orientato. Oggetto: attrezzature destinate all'istruzione Definizioni in PGT: la quantit di aree e attrezzature, attualmente attive sul territorio di Seveso, soddisfacente per tutte le tipologie ad eccezione delle attrezzature destinate allistruzione, per le quali necessario individuare unadeguata risposta (Piano dei servizi p.107) Osservazione 1: Stante la gi attuale carenza di strutture destinate allistruzione e le ulteriori richieste di servizio prevedibili, connesse i carichi insediativi sopra prospettati, facilmente prevedibile che i futuri bilanci comunali debbano far fronte ad investimenti prioritari per strutture di servizio scolastico che possono configgere con lobiettivo fondante il PGT.

Osservazione 2: il deficit di attrezzature in oggetto deriva dalla insufficienza degli oneri di urbanizzazione incassati a seguito delle urbanizzazioni avvenute con il PRG e/o e dal loro uso difforme dalla destinazione originaria (ad esempio: copertura delle spese correnti). Richiesta: il deficit in oggetto non sia colmato ricorrendo ad oneri o super-oneri su volumetrie ancora da realizzare ma ricorrendo a tassazione gravante sulle volumetrie gi realizzate e, compatibilmente con le norme di legge, gravando prioritariamente sulle volumetrie di recente costruzione e non ancora in uso. ******************************************************************************** Oggetto: servizi cimiteriali Definizioni in PGT: dai documenti presentati non emergono previsioni in relazione all'oggetto Osservazioni: si lamenta un grave mancanza di spazi cimiteriali che non sembra essere preso in considerazione dal piano dei servizi. Richiesta: il deficit in oggetto non sia colmato ricorrendo ad oneri o super-oneri su volumetrie ancora da realizzare ma ricorrendo a tassazione gravante sulle volumetrie gi realizzate e, compatibilmente con le norme di legge, gravando prioritariamente su volumetrie di recente costruzione e non ancora in uso. ******************************************************************************** Oggetto: AT02 Corso Isonzo Definizioni in PGT: il piano attuativo dovr prevedere il mantenimento e la riqualificazione dellunico edificio insistente sullarea in fregio alla ferrovia Osservazioni: uno dei principali problemi analizzati nella SECONDA PARTE DELLO STUDIO DI FATTIBILITA PER LA REALIZZAZIONE DEGLI INTERVENTI LUNGO LA LINEA FERROVIARIA IN CONCESSIONE A FERROVIENORD SPA IN COMUNE DI SEVESO NORD_ING 2009, riguarda il mantenimento del servizio ferroviario durante i lavori di interramento. I dettagliati allegati progettuali a tale studio mettono in evidenza come la presenza di quelledificio, attualmente magazzino di raccolta di materiali usati, ponga dei problemi che, per quanto risolvibili, fanno crescere in modo apprezzabile costi e tempi delle opere di interramento ferroviario. Per quanto quindi ledificio possa essere oggetto di ricordi personali di infanzia di alcune persone di Seveso, il prevedere e prescrivere il suo abbattimento garantirebbe un cospicuo risparmio e semplificazione delle opere suddette. In un ulteriore studio tecnico, in corso di redazione da parte del Comitato Tecnico Sevesoviva, si dimostra ulteriormente come una particolare tecnica costruttiva permetta di mantenere integralmente attivo il servizio ferroviario su due binari anche durante i lavori di interramento e senza quindi attuare alcuna riduzione di corse . Tale possibilit, per quanto possibile anche senza labbattimento del suddetto edificio, ne sarebbe ulteriormente favorita.

Richiesta: si chiede di prescrivere labbattimento dellunico edificio insistente sullarea in fregio alla ferrovia. Estratto da R22F003AR-Scenario Interramento-Fasi Realizzative-Fase 3 Studio Fattibilit 2009